Jump to content

Dinosaurer

Members
  • Content Count

    522
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

10 Good

About Dinosaurer

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday 11/05/1980

Converted

  • Biografia
    Vado pazzo per la meccanica e le cose d'epoca a cui dedico molto del mio tempo

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Latina

Converted

  • Interessi
    I trattori d'epoca, La storia della bonifica della mia terra e dei veneti emigrati in agro Pontino

Converted

  • Occupazione
    La mattina lavoro in ditta per hobby la sera mi dedico alla meccanica per mestiere :)
  1. Se il sollevatore funzionava ed ora non va più dopo un periodo di fermo, è probabile che si sia inceppata qualche valvola tuttavia così è difficile poterti dare un consiglio, bisognerebbe vedere a che pressione effettivamente arriva l'olio dalla pompa, e se la pompa magari aspira aria da qualche parte. Il filtro è ben pulito? il sollevatore è un Fiat originale o qualche altra marca?
  2. No non con il motore acceso altrimenti non senti nulla, una volta alzate le ruote e staccato tutti i vari bloccaggi, gira le ruote una alla volta con le mani, se c'è un cuscinetto malandato te ne accorgi subito dal rumore anomalo.
  3. Se il pistone "molleggia" quando è sottocarico è probabile che al suo interno vi sia aria che comprimendosi causa l'abbassamento del pistone. Logicamente questo discorso vale per il cilindri idraulici a semplice effetto perchè i doppio effetto si spurgano praticamente da soli col normale uso, ora nn so il trattore in questione che tipo di cilindri ha, però io in primis verificherei l'eventuale presenza di aria.
  4. Mi associo anche io ai complimenti per il restauro del 50 R dell'amico Franco, e con l'occasione auguro una buona pasqua a tutti!
  5. :clapclap: Complimenti per il lavoro del termostato, lavoro pulito pratico ed essenziale!
  6. Certo che è più sicuro avviare dalla pedana, tuttavia se facciamo sto ragionamento allora potrei pensare che comunque il trattore è un mezzo pericoloso e quindi per precauzione potrei restare più al sicuro sul divano di casa, il rischio è sempre relativo. Sono il primo a predicare la sicurezza ma penso ci voglia anche un pò di realismo, vista la scomodità di salire in pedana soprattutto quando si fanno manutenzioni o riparazioni sul motore (mai visto meccanici avviare dalla pedana se non a causa del tasto di avviamento troppo lontano tipo nei cabinati). Tieni presente inoltre che sui veicoli industriali è previsto un tasto per avviare il motore situato sul motore stesso in modo che il meccanico possa avviare stando letteralmente "appollaiato" sul motore con tutte le cinghie che girano e la cabina che potrebbe cadergli in testa da un momento all'altro, questo per dire che i rischi ci sono, ma che lavorando con metodo si ottengono buoni margini di sicurezza. I terzisti danno sempre buoni consigli, tuttavia alcuni di loro quando cavalcano i loro bolidi non sempre rispettano alla lettera quello che predicano, (lasciamo perdere poi quello che combinano alle feste dell'aratura coi trattori vecchi) io penso ci voglia buon senso, scaltrezza ed occhi aperti per non lasciare spazio proprio alle disattenzioni che possono risultare letali e poter lavorare sempre con un giusto margine di sicurezza. Il trattorista ha nelle sue corde soprattutto il metodo, quindi prima regola cambio in folle, poi se arriva a dimeticarselo vorrà dire che è giunto il momento di appendere i cingoli al chiodo.
  7. Alfre ma come sei taccagno! Stiamo parlando di un pezzo di ANTIQUARIATO!!!! mica bau bau micio micio!
  8. E' vero è un pò pericoloso, ma se noti il video Apozzo controlla per ben 2 o 3 volte che il trattore sia in folle prima di mettere in moto, che secondo me è la prima è più efficace regola di sicurezza quando si ha a che fare con trattori o robe simili.
  9. Eh eh parole sante! Io spero di non vincere mai al superenalotto altrimenti faccio una strage! Riempio la casa di ferro!!!!
  10. Dinosaurer

    Batterie

    Anche io ho avuto delle cattive esperienze con batterie marchiate, delusione Bosch, delusione Fiaam (però c'è da dire una su due comprate lo stesso giorno) e ultima delusione con la Midac. Attualmente utilizzo Varta e nonostante mia stia antipatica perchè tedesca devo ammettere che è un'ottima batteria, rimasta scarica per molto tempo è tornata subito ed efficentemente in servizio, ho provato anche qualche batteria sottomarca, ultimamente ho comprato una batteria marchiata Tornado per la 300 e pare che va, mentre una che mi ha veramente impressionato è stata la URSUS che poi ho scoperto essere la marca scadende della fiaam.
  11. Ottimi i consigli di Giampi per motore e cambio, soprattutto ottimo consiglio sull'evitare oli sintetici o semisintetici, per il sollevatore se il trattore ha l'apposito serbatoio per l'olio idraulico (ovvero non utilizza l'olio del cambio differenziale) puoi mettere un'olio idraulico ISO 46 che è il più diffuso in commercio o meglio ancora un ISO 68.
  12. Parole Sante! Io per pulire il serbatio usavo l'infallibile metodo le brecciolino, ovvero smontavo il serbatorio tiravo via un pò di breccia dalla corte e la mettevo nel serbatoio, e poi via a "sburattare" il serbatoio con un pò di acqua dentro, alla fine sciacquavo tutto e il serbatoio era tornato lucido senza un filo di ruggine, ma durava poco e la ruggine dopo qualche settimana tornava come prima, il problema grosso era il rubinetto che aveva dei passaggi piccolissimi ed era praticamente impossibile pulirlo senza smontarlo, alla fine quella motozappa e finita al mucchio del ferro ed il motore lo tengo conservato come "pezzo d'epoca"
  13. Aspettate ragazzi si è creata un pò di confusione quando parliamo di olio 68 non stiamo parlando di gradazione Sae ma di gradazione Iso, mi spiego meglio. Le gradazioni ISO identificano gli olii idraulici che hanno quindi la loro specifica applicazione appunto in impianti idraulici di sollevamento quindi se ne esclude a priori l'utilizzo per il gruppo cambio e differenziale se come in questo caso il trattore utilizza per il gruppo sollevatore lo stesso olio cambio e differenziale. Per quanto riguarda l'olio del cambio differenziale sollevatore, ema ci dice che sul manuale d'officina per l'applicazione cambio differenziale e sollevatore possono essere usati indipendentemente due tipi di olio ovvero l' AGIP ROTRA MP/S SAE 80 W (API GL-5) oppure AGIP ROTRA THT (API GL-3). Procediamo per gradi, allora se sul manuale d'officina ci sono scritti questi due tipi di olio differenziati dalla dicitura "oppure" significa che possono essere usati indifferentemente per la stessa applicazione, tuttavia c'è una discriminante rappresentata dalle specifice dell'olio. Un'olio con specifiche GL5 è un'olio con specifiche "estreme pressioni" ed è indicato per gruppi cambi differenziali dove c'è la coppia ipoide ovvero ingranaggi con gli ingranaggi della coppia conica con profilo spiroidale, mentre un'olio con specifiche GL3 è un'olio per cambi e differenziali non estreme pressioni e quindi indicato in assenza di coppia ipoide. Siccome è abbastanza importante per la durata della coppia ipoide utilizzare il lubrificante giusto, bisognerebbe capire perchè same non fa questa importante distinzione sui propri libretti di uso e manutenzione, comunque è indiscutibile che per il sollevatore devi assolutamente usare un'olio 80w90, a questo punto se non sei sicuro che sul tuo trattore si trovi coppia ipoide o no, io opterei per l'olio 80w90 con specifiche API GL5 che è qualitativamente nettamente superiore ad un API GL3.
  14. Giuste osservazioni Renato, tuttavia anche se l'amico Bose aveva diagnosticato un'affogamento da troppa benzina, i sintomi che manifestava il motore erano chiaramente causati da deficienza per l'appunto di benzina, tant'è che gli è stato consigliato da più parti di controllare pulizia dei getti, del filtro benzina e di tutta la linea di alimentazione, ora se cambiando il rubinetto il motore gira liscio, penso che il problema possa dirsi proprio risolto. Ricordo che quando il mio Lombardini LA 65/58 era ancora in servizio il serbatorio in ferro si era vistosamente arruginito internamente e praticamente ogni quarto d'ora di funzionamento si intoppava proprio il rubinetto.
×
×
  • Create New...