Jump to content

Barnaba

Members
  • Content Count

    18
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

11 Good

About Barnaba

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday 06/10/1974

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Toscana

Converted

  • Occupazione
    Ingegnere

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Stavo meditando che, forse, la soluzione migliore sarebbe spessorare sia tra staffa e piastra che tra staffa e tirante. Perché il tirante, secondo me, contribuisce comunque alla rigidezza complessiva che, con un sistema spessorato, comunque si ridurrebbe. C'è da vedere come fare a spessorare 100 mm e oltre :). Tanti spessori!
  2. Domani mi studio un po' meglio le varie soluzioni. Ma sembra che, se anche prendo un trattore con attacchi cat 1, una soluzione per montare la vangatrice si trovi. A quel punto lo dovrei prendere cmq stretto perché tutti gli attrezzi hanno larghezza di lavoro sui 120 cm. Mi sarebbe piaciuto un Same Solaris come quello di Twin Spark, un R1 o un Mistral, per avere una macchina che tiri un po' meglio anche l'aratro (e perché quei trattorini mi piacciono, non lo nego), ma in quel caso si che c'è da cambiare tutti gli attrezzi.
  3. Grazie per i consigli. Era stata la prima cosa che anche a me era venuta in mente, ma avevo delle perplessità che vi illustro. E già avevo preso un po' di misure. 😉 Spostando le flange alle piastre più esterne, la larghezza tra i bracci da 470 mm passerebbe a 810 mm (nella foto ho misurato la distanza tra le piastre, 170mm). Direi troppi, rispetto ai 683mm teorici del cat 1. Avevo pensato, come piano B, di montare la flangia sul lato interno della piastra, per guadagnare lo spessore della piastra e passare a 780mm (vedi foto allegata, in cui ho copiato la piastra dove pensavo di spostarla
  4. Stavo valutando di sostituire un vecchio Goldoni Universal 240 con un altro isodiametrico più "fresco", visto che è un po' acciaccato. Noto però che il sollevatore del Goldoni non è un Cat 1 normale, è molto più stretto. Mentre i trattorini più recenti hanno tutti i bracci che, in estremità, si allargano e vanno immagino a raggiungere la larghezza del Cat 1. Ovviamente gli attrezzi vorrei mantenerli ma, a meno del trincia, hanno tutti attacchi stretti, probabilmente nati per quei piccoli isodiametrici. Ad esempio la vangatrice ha circa 470 mm, la fresa 400 mm. Se la seconda ha gli attacch
  5. Probabilmente, chi avrà una macchina non più usabile su strada, magari potrà comunque "stargarla" e usarla su suolo privato. Naturalmente sono ipotesi.
  6. Riapro questo vecchio thread per una domanda: volendo comprare un trattore usato (max 50cv), di che anno deve essere al massimo per non avere nessun filtro anti particolato, urea, catalizzatori o altri sistemi anti emissioni? Ad esempio Lamborghini R1, Landini Mistral come sono messi in tal senso? Il Goldoni non ne ha più e non so se vale la pena spenderci. Non prendetemi per un irresponsabile contro l'ambiente; la ragione della domanda è che, facendone uso saltuario, pensavo a una macchina semplice al livello manutentivo, col minimo di elettronica e senza cose tipo rigenerazioni o s
  7. Mi inserisco nella discussione, dal momento che anch'io sono alla ricerca di un trattore piccolo (ma io lavorerei in piano, non ho i tuoi problemi di pendenza). E mi inserisco con una riflessione sugli aspetti normativi. Acquistando un trattore molto vecchio, oltre alla necessità della messa in sicurezza della macchina (arco, protezioni...) non c'è il rischio che, quando renderanno obbligatoria la revisione (ormai sono anni che rimandano l'attuazione della legge), non si riesca a farlo passare e si debba rottamare? Secondo voi è una cosa da tenere in considerazione?
  8. Tre domande pratiche. 1.Se il nuovo distributore e quello esistente del sollevatore sono in parallelo e quello del sollevatore è in posizione centrale, l'olio va diretto a scarico nel serbatoio passando dal centro del distributore, giusto? In questo caso come fa il nuovo distributore ad avere pressione? 2. Sulla base di quanto sopra, che tipo di distributore devo comprare? Con centro chiuso o aperto? 3. Che cosa si usa per fare la derivazione dai tubi esistenti? Immagino ci siano delle T speciali per l'alta pressione. Inviato dal mio Redmi Note 8 utilizzando Tapatalk
  9. Ti dirò che l'idroguida già ora non funziona. Quel trattore purtroppo è messo male, ne ha di tutte. Sto iniziando a metterci le mani io e vorrei sistemarlo. Ma torniamo a noi. Se non erro il funzionamento dovrebbe essere quello sotto indicato con le freccine (rosso AP, blu BP). Come dice Diego, l'idroguida ha la priorità. Si, hai ragione, quella diavoleria serve per un'eventuale utenza che taglia fuori il sollevatore, tipo il cilindro di un ribaltabile o una piccola gru (in realtà c'era quella installata). A me il distributore in più servirebbe per gestire lo spostamento latera
  10. Scusa, quando parlavo di link sui distributori che sembrano non funzionare, mi riferivo ai link ad altre discussioni, non le soluzioni adottate sui trattori. 😄 Su quelle non dubito! Cmq, venendo al mio caso, volevo capire in genere dove attaccarmi con mandata e ritorno dell'olio. In pratica, dalla pompa, l'olio va a quel distributore a singolo effetto della foto sotto (che serve per il sollevatore) e all'idroguida. Secondo voi un serbatoio aggiuntivo serve effettivamente o potrei farne a meno e farmi bastare quello presente nel carter del sollevatore del trattore? Nel trattore vanno circa
  11. Ciao, l'impianto idraulico c'è di serie per il sollevatore: Pompa, un distributore e cilindri a semplice effetto. Dovrei quindi aggiungere un distributore a doppio effetto, tutta la circuiteria e a mio avviso un serbatoio, perché non so se quello del sollevatore sia sufficiente. Ma hai ragione, non ho mai messo le mani su un impianto idraulico.
  12. Stavo meditando di dotare il Goldoni Universal di un distributore idraulico per gestire lo spostamento laterale del trincia. Ho visto che c'era una discussione con diversi link sui distributori, ma sembrano non funzionare. Parto con una domanda semplice: indicativamente quanto mi potrà costare fare tale operazione, tra distributore, serbatoio, tubi ecc? E' un lavoro facile, considerando che non ho mai messo le mani su un impianto a olio?
  13. Capito. Devo cercare un po' di additivo. Cmq lavora davvero poco, serve solo per fresare l'orto, nelle zone dove non si entra col trattore. E qualche volta con un piccolo trincia. Inviato dal mio Redmi Note 8 utilizzando Tapatalk
  14. Eventualmente i problemi per l'uso delle benzine moderne, che genere di problemi sarebbero? Inviato dal mio Redmi Note 8 utilizzando Tapatalk
  15. Vi ringrazio per le dritte e scusatemi per le domande magari ovvie. Ma non sono un professionista. Oggi ho smontato il filtrino in ingresso del carburatore e ripulito. C'era un po' di sporco. Il foro sul tappo serbatoio era già libero. Ho ripassato anche il getto di max, nel dubbio. Messo in moto, tutto ok. Forse era lo sporco nel filtrino (ce n'era un po' accumulato sul fondo, era libero circa per metà. Ma se fosse cmq per sporco nel serbatoio, tra un po' si ripresenta. Vediamo. Tra l'altro non sapevo del filtro sotto al serbatoio. Ci guardo. Un'altra dom
×
×
  • Create New...