Jump to content

landini 13500 C

Members
  • Content Count

    4518
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

12 Good

About landini 13500 C

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday 01/16/1980

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Pesaro

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Lo immaginavo non era una critica. Tranquillo che ci passiamo tutti e si sbaglia anche 😅
  2. Anche un occhio alla scelta delle varietà meglio quelle fogliose e in più alte che coprono il terreno. Aumentare la fittezza della coltura aiuta e arare ognitanto che a forza di minima e sodo si rischia di fare danni.
  3. Perché tutta questa bagarre…semplice, come al solito si parte con l'idea che quello che va bene a casa propria sia universale e mai ci si immedesima o si cerca di comprendere le realtà altrui . Ci sarebbe da tirare le orecchie a tanti…sul raffronto quadtrack vs track vs gommati over 300cv (nella fattispecie fendt 1000) si fatica a credere a chi dice che un gommato come il 1000 fendt non calpesti di più di quadtrack o un track classico. Avrà dei vantaggi nei trasferimenti, su strada avrà di certo un'usura inferiore ai cingolati ma nei lavori pesanti e preparatori è nettamente deficitario. Farei fatica a credere che un STX tiri in salita un aratro a 10 vomeri se considerassi i terreni marchigiani. Se però i terreni sono leggeri, pendenze non eccessive e profondità di lavoro ridotte è plausibile. Invece, a chi dice che un track classico sia da usare con attrezzi portati lavorando sempre di traverso gli vorrei fare notare che questo sistema di lavoro va bene in terreni non soggetti a frane e con pendenze non eccessive. Dove per trebbiare si va con una semi livellante si può arare anche su e giù e di traverso senza problemi , ma con pendenze del 35/40% meglio un corpo in più e lavorare ad una mano. Questa filosofia è vincente anche nei passaggi con ripuntatore e attrezzi combinati pesanti =più larghi e ritorni a vuoto->i cingoli e i rulli ringraziano… Ribadisco forti pendenze, perciò cercate di fare meno i partigiani perché se si vuole i discorsi si fanno con civiltà basta usare i toni giusti!!!!
  4. In realtà un po' tutti avete ragione e un po' tutti avete torto. In prezzi non sono calati se consideriamo l'inflazione. In passato il mercato europeo era protetto e i prodotti fortemente sovvezionati, si ritiravano gli eccessi per esempio. I mezzi tecnici anche lì dipende. Il gasolio non costava nulla, sul seme dipende... Ho fatture del 97/98 beh era attorno le 90.000 lire non poco... i concimi,negli ultimi15 anni, con alti e bassi hanno avuto aumenti in linea con l'inflazione. Invece i prodotti fitosanitari sono aumentati molto, ma sopratutto sono i trattori e le attrezzature meccaniche che incidono molto di più !!! Pensate al fieno... Fino a 30 anni fa si facevano le balline, si caricavano spesso a mano, oppure si seminava con la meccanica da 2 metri con omino dietro...trattore con aria condizionata...freddo in inverno e caldo in estate il comfort c'è ma si paga. Comunque quello che manca è un idea d'azione condivisa, siamo disuniti. A tutti capita di parlare con i colleghi, quello che sopporto di meno (lo ribadisco:D) sono le lamentele sterili... E dobbiamo smettere, tanto tocca chiudere, il grano dovrebbe essere pagato 35 euro ecc... Ok ma se non arriviamo nemmeno a prendere il prezzo medio degli ultimi 10 anni!!! Il fatto che così si chiacchera e non cambia nulla!!!
  5. Ma il costo di produzione cambia da azienda ad azienda !!! Per ogni azienda è diverso! E poi io non ho messo i prezzi degli anni '80 ma di pochi anni fa. Altra cosa dovremmo pensare al nostro prodotto a difendere i nostri interessi fissando alcuni punti da raggiungere soprattutto sul prezzo!!! Troppe chiacchiere, troppi discorsi diventano vuoti e non portano a nulla.
  6. prezzi medi grano duro anno di riferimento 47.24 2008 27.58 2008 22.5 2009 20.65 2009 16.29 2010 22.4 2010 28.87 2011 30.01 2011 28.62 2012 28.56 2012 29.62 2013 27.97 2013 28.63 2014 34.13 2014 33.82 2015 29.76 2015 25 2016 20.4 2016 27.89166667 media totale 29.999 media 2011-2015 27.4 media tolti gli estremi Tempo fa usando exel avevo calcolato le medie semestrali dal 2008 al al 2016, mercato di Bologna centro italia. A memoria anche il periodo 2000-2008 ha seguito questo andamento. Ci sono periodi con prezzi bassi e altri con prezzi più alti. Quello che é cambiato dal passato che le spese sono aumentate soprattutto inps, trattori e manutenzione dei mezzi, la pac è calata non più legata alla coltura... Il grano duro prendeva altre 700.000 lite negli anni novanta e questo portava non guardava ai prezzi più di tanto. Non si é fatto nulla per cambiare il mercato ed ecco che vengono i nodi al pettine...sul fatto che il grano non possa aumentare o addirittura schizzare non ci giurerei...guardate il prezzo nel 2010 e nel 2011... Il problema é che non é prevedibile e per questo che ci vorrebbe una maggiore stabilità non si può rischiare di chiudere l'azienda perché i prezzi vanno a 15 euro...e sperare di recuperare le perdite quando arriva a 38... E poi c'è un problema gli agricolturi, non tutti, si lamentano ma non fanno nulla e gli stessi che si lamentano lavorano in perdita aumentano i prezzi degli affitti...si mettono a coltivare anche i peggiori greppi dove rischiano di ribaltarsi i coltivano anche i canali...
  7. In parole povere nel 2019 in Nord-America aumenterà la superficie a grano tenero e calerà quella a grano duro. Gli sviluppi sono imprevedibili
  8. Non sono resistenti, semplicemente ci vuole una dise più alta anche 8 litri/ettaro per alcune dicotiledoni. Le composite cone il Cardo Mariano col il 2,4D muoiono solo a vederlo, ma dosi di glyphosate da 2litri sono acqua fresca.
  9. Concordo appieno! Sarebbero da migliorare i contratti avere più potere contrattuale che è quello che manca, battere sui tavoli, partire da una richiesta e avanzarla... Invece siamo in ordine sparso... Leomessi il tuo discorso ha molte crepe. La prima, non fate i cobtratti perché così gli date un vantaggio alle aziende. In un passato non molto lontano non c'erano i contratti e i prezzi sono arrivati anche a 11 euro /q. Le...quello è il minomo che si rischia se vi sta bene:) Il mercato è in mano a pochi sia che ci siano i contratti che non ci siano cambia poco!!! Vi chiedo ma se nei tavoli non si fa nulla e si accetta supinamente quello che propongono i pastai senza contrattare cosa può cambiare? Intanto il minimo è di 18/20 euro nel mercato cosiddetto 'libero' mentre i contratti sono a 24-27 euro a sexobda delle caratteristiche qualitative. Facendo i conti abche cob una resa non stratosferica c'è una differenza di 240 euro minima poi ognuno in base alla terra in coltivazione sa quant'è la differenza. Aggiungo che se avessi dato retta a certe sirene che da 3 anni promettono cambiamenti ma non hanno fatto ancora nulla avrei perso parecchie migliaia di euro... La matematica non è un opinione è bisogna guardare la sostanza e non le chiacchere da bar...molto sterili utili solo a qualcuno per entrare in politica... Spiace veramente dire queste cose ma i fatti purtroppo lo dimostrano
  10. Contratto si, contratto no. Dipende da quanto grano si produce. Certo se l'azienda é piccola e produce non più 500 q. Li non ha senso pensare ai contratti. Invece da questa cifra in su penserei a fare parte in conto deposito e parte a contratto. Certo tutto dipende dai contratti. Per esperienza personale ho fatto contratti per il cece, per il triticale, per il trifoglio, orzo da birra e grano duro. Alla fine quelli in conto deposito non sono mai stati superiori. Negli ultimi due anni, per esempio nel grano con i contratti ho preso 26 e 26,5 mentre con il mercato di Bologna 19 e 21...perché sono stato fortunato a vendere nel momento giusto visto che i prezzi sono arrivati a 17 euro... Certo i contratti devono essere migliorati e quello che manca è il nostro potere contrattuale ma il cosiddetto mercato libero è mano di pochi...poi se i contratti parto da 24/26 vuol dire che al massimo il grano potrà arrivare 28... 24 Euro con la formula minimo garantito o prezzo fisso? Come prezzo fisso è allettante. Formula del minimo garantito e con acconto e visione dei mercati per il saldo cambia molto. Nb:sarebbe giusto ed equo un prezzo di almeno 30 euro ma bisogna fare i conti con la realtà che non vuol dire accontentarsi ma fate i conti bene
  11. Scusa non sò qyanta terra hai e che trattore, ma non sarebbe meglio che passi ad un vibro trainato? Per la durezza io uso lo svitol così migliora molto
  12. Messo lo scorso anno. Superficie poco significativa, circa 1 ettaro partendo dal fatto di tenermi quello che serviva per gli animali e se fosse stato presente del prodotto in più da vendere come orzo da birra. Purtroppo una frana a ridotto la superficie ma posso stimare una resa equivalente 50 q.li/ha che per le nostre colline rimane buona . Nell'ultima campagna è stato liquidato a 19 euro +iva
  13. Se non trovi proprio nulla, unica possibilità è comprare quello zootecnico. Per poca superficie tal quale se no pulirlo e conciarlo sentendo qualche ditta che lo fa per terzi.
  14. Dipende da che attrezzature hai, se hai tutti attrezzi da 2/2,50m è dura. Per 60 ettari da solo si possono fare ma tocca attrezzarsi mettere più colture oer organizzare meglio il lavoro. Sul piano economico visti i tempi non è che sia un buon affare se sulla bilancia metti altri motivi allora è un discorso diverso.
×
×
  • Create New...