Jump to content

mecfer

Members
  • Content Count

    32
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

13 Good

About mecfer

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday 07/22/1989

Converted

  • Biografia
    perito in elettronica e telecom.

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    modena

Converted

  • Interessi
    elettronica/meccanica/oleodinamica/informatica

Converted

  • Occupazione
    impianti di sollavamento/agricoltore nei giorni festivi

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Nella parte destra della fusione che c'é tra il cambio(che crea uno scalino di 3-4cm) e la frizione, guardando sotto c'è una lamierina tonda con un dado; smontandola si accede ad un tappo di scarico olio del sincropower, che altrimenti non si svuoterebbe del tutto, lasciando residui ferrosi. Il riempimento sarà da fare come consigliato avendo la pazienza di aspettare il giusto livello, accensione, messa in servizio giretto breve e controllo livello. Oltre ai filtri idraulici controllare anche il filtro della cassa del cambio, posto sul piano sopra al cappuccio del consenso avviamento; con la p
  2. Infatti non costano niente ed è un lavoro da niente da riparare, ma non ho visto differenze significative neanche con roba nuova e albero fatto girare al tornio per valutare la centratura. Quindi tenute sempre in un cassetto pronte per un pit-stop😁.
  3. La sostituzione dei paraolii su sollevatori del genere è una prassi, e le considerazioni di Tiziano sono giuste. Io utilizzo un T4050 retroverso con la falciacondizionatrice, quindi il sollevatore lavora continuamente e in 3500 ore sono già sostituite 2 serie di tenute in ambo i lati. Nel rimontaggio ti consiglio di "impaccare" di grasso non lavabile e stabile nel tempo(da settore marino) davanti al paraolio; perché tra la flangia e il paraolio c'è un piccolo spazio in cui si infila lo sporco e l'acqua di lavaggio, che fanno ossidare l'albero rovinandolo.
  4. Tra i leveraggi del cambio e l'assale in base ai modelli (vicino al blocco elettrovalvole,pto,4wd,bloccaggio,syncropower)verso l'alto, ci saranno dei fili che entrano in un soffietto gommato o plastico con sotto un simil bulbo.
  5. mecfer

    Olio motore

    La gradazione 15w40 è la sua consigliata quindi non mi farei paranoie.Andare al 10w40 vuol dire più fluidità a basse temperature ambientali (molto sotto 0) ed all'avvio. Una cosa da guardare con molta attenzione sono le sigle successive soprattutto Acea E2,4,6,7,9( norma europea). La lettera E indica motori per veicoli pesanti( industria,agricoltura) E2 per motori vecchi e cambi olio più frequenti, E4 indicano olii per motori da euro0 a euro 4 con intervalli di sostituzione più lunghi. E6 come E4 ma con motori dotati di filtri anti particolato e diesel a basso contenuto di zolfo( lo zolfo imb
  6. I valori che avevi inizialmente non mi sembrano brutti dipende sempre dallo strumento che usi nel misurare. Quando si lavora a pressioni basse l'accuratezza è necessaria. Il tuo motore non lo conosco, ma come ordine di grandezza per darti un'idea, per un motore same 1000.4at a 700rpm 0.5-1.5bar, a 2400 3.5-4.5bar.
  7. Di solito nelle pompe dell'olio la valvola ha degli spessori per definire la pressione. Più la molla è compressa e più pressione ha. Non hai specificato il modello del motore in questione. La pompa è a posto con tutti i suoi o-ring di tenuta non troppo deformi in aspirazione dal tromboncino, ed in scarico sul basamento?
  8. Agriqo ha un catalogo completo di Hi-FI per filtri di ogni tipo di settore agricolo o industriale. Prezzi giusti e spedizione entro la settimana dalla Francia. Adddirittura sul sito hifi_filter trovi anche i filtri di ogni modello anche in base al numero di serie del trattore (visto che alle volte su serie molto longeve si vedono cambi di motorizzazioni e aggiornamenti idraulici).
  9. I sassi ci sono in tutti i casi e si riescono a superare con entrambe, ovviamente sporgenze arrotondate e che sai dove sono in modo da chiudere il terzo punto e calare la velocità. Le frontali come le laterali con le molle o con gli accumulatori possono essere alleggerite in quei campi ricchi di ostacoli.Con la frontale hai molta visibilità e larghezza di lavoro anche importanti, ma se non hai campi con contorni belli e lavorati ci vuole anke una laterale per finitura. Se si ha un trattore stazzato si possono avere entrambe applicate. Sulle frontali i telai possono essere fissi o parallelogram
  10. I miei casi sono sporadici e spesso se il grumo non è gigantesco anch'io sentendo un inizio di vibrazione dai rulli alzo e do giù tutto sulla pto e spesso risolvo. Pottinger mi piace ma non ho presente i particolari, da foto il rullo inferiore ha qualcosa sotto tipo una lamiera o è a sbalzo verso il trattore di qualche centrimetro sul piano falciante? Perché sembra molto libero verso terra e non vorrei che se un mucchio tende a rimanere nell'angolino tra tra le tavole andanatrici i rulli e il terreno, il rullo inferiore lo riprende su e da li a 1000 giri pto si fa presto a fare il guaio. La r
  11. Succede qualche volta anche a me con primi tagli molto complicati, lunghi ed alettati. Io lavoro in collina con una bcs rotex 7 dischi in retroversa di generazione precedente, i rulli sono entrambi in trazione, e ti dirò di più il condizionatore non è centrato rispetto ai dischi, tanto che sul lato dx ci sono 2 dischi convogliatori, quindi un po' limitante rispetto alle rotex attuali che hanno un condizionatore molto più largo e simmetrico. La velocità è indifferente anche se preferisco non andare troppo veloce (oltre i 10km/h) per non far lavorare il condizionatore con volume eccessivi ma a
  12. Si questo è il sistema proposto sull'originale Same che però richiede di non collegare nessun attrezzo alle prese posteriori nel caso in cui si comandi il sollevatore anteriore, a meno che non si isolino i due circuiti.
  13. Ma se derivi una linea con due rubinetti o elettrovalvole senza chiudere le mandate che vanno all'attrezzo attaccato al posteriore ti vanno in pressione anche loro con conseguenti movimenti indesiderati. Sul distributore andrebbero messi dei deviatori 3 vie (a leva o a elettrovalvola) di difficile collocazione per via dello spazio (se si rimane su roba commerciale). Oppure derivi P e T dal distributore, e ti fai un distributore ventrale con comando a cavo in cabina.
  14. Adesso non si pone più il problema se sono belli o brutti. Adesso sono caz.. per gli operai..... https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2020/02/18/news/goldoni-arbos-chiede-il-concordato-lavoratori-di-carpi-subito-in-sciopero-e-presidio-1.38481274/amp/&ved=2ahUKEwjppZngttvnAhXHbsAKHTR7DSsQiJQBMAB6BAgEEAQ&usg=AOvVaw3NmJwfrPtblSzDBWXOKU8z&ampcf=1
  15. Ma se mandi in pressione il distributore ci va?(sarebbe utile un attacco rapido con un manometro, dubito che si siano mangiate le pompe) L'olio è nebbioso e pieno di aria? Con un tubo sul distributore, libero di scaricare hai portata d'olio a bassi giri? Olio caldo olio freddo differenze? Sembra un problema di pescaggio olio che tira aria che viene mandata in giro a meno di non avere le 2 aspirazioni o filtri semi chiusi.... Se è tutto materiale same giusto e con olio giusto guarda che il filtrino di entrata e uscita aria dalla cassa del cambio non stia facendo l'effetto vuoto (ank
×
×
  • Create New...