Jump to content

ggb58

Members
  • Content Count

    1342
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

ggb58 last won the day on May 30

ggb58 had the most liked content!

Community Reputation

116 Excellent

About ggb58

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday June 2

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Vivaro

Converted

  • Occupazione
    Costruttore Aratri

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Certo, la maggior parte dei trattori vengono venduti, non comprati che è ben diverso
  2. Ora dopo anni che cerco di spiegare che, un trattore per poter rendere deve "caricare" le motrici e, come si può purtroppo notare ciò non avviene, si sta cercando, con soluzioni varie (cingolature di varie tipologie) di ovviare la carenza dell'attrezzatura. Mi spiego se non riesco a fare un foro perchè la punta non taglia, invece di affilarla o trovare la punta più adatta al mio impiego, cambio trapano! Certo che di questo passo, considerato che gli states, oltre ad innondarci tra cereali e altri prodotti agricoli, ci vendono anche i trattori che vogliono loro, non che ci servono realmente, a già agricoltura 4.0. Sì ma chi paga, buona cambiale a tutti. P.S. tra un 8R ed un 8RX oltre 100.000 € di differenza i sbaglio, se sento uno che dice che non guadagnate gli saldo le dita assieme alle orecchie.
  3. Penso che lo scopo o meglio l'impiego, sia proprio quello, perché si deve per forza cercare il limite, sono scelte di lavorazione e terreni che lo consentono.
  4. Certo, lo stesso problema che avevano questi, ora con quello in foto 60 cm 10 km ora. Se avessi incassato 10 cent ogni volta che ho sentito un agricoltore che dice duro come il cemento, non avrei bisogno di lavorare, ma si lavora anche il cemento, non con la punta da legno però, saluti Gabriele
  5. Ovvio che se uno compra un attrezzo del genere non ha un 30 CV, comunque la modifica è stata fatta anche su un preparatore di cui non faccio il nome, poi visti i risultati e le differenze se lo sono riportati in ditta, chissà come mai😁😁
  6. La geometria del tiro è la prima cosa su un attrezzo portato, se si fabbricano attrezzature. Secondo me nelle attrezzature non viene considerata l'importanza della geometria del traino, non vengono rispettate nemmeno le larghezze, che sono ben specificate, da cat.2 a cat. 4, su macchine di potenza elevata poi, specialmente JD, la larghezza è fondamentale se sprovviste di tenditori esterni. Basterebbe per determinare la corretta altezza del traino, vedere dove il sollevatore blocca e dove rimane libero trasversalmente, con JD dotato di pattini interni è immediata. La problematica che si verifica con un traino adeguato come altezza, è la resistenza strutturale dell'attrezzo, se la trattrice scivola, non trasferisce carico, se non scivola, ma usa la geometria di traino per caricare le motrici, il tutto deve tenere, perché il carico si decuplica per l'attrezzo. Ma bisogna scegliere tra, scivolare o lavorare, saluti Gabriele
  7. Se fai attenzione, dove ci sono le rotole in basso, è l'attacco originale, 25 cm più in alto quello con le rotole fissate cat. 4. Per il terzo punto stessa cosa, la prima vite in basso è dove vi era l'attacco originale, abbiamo previsto più fori per trovare la triangolazione migliore in funzione della profondità. Le rotole preferiamo fissarle, oltre alla sicurezza conferiscono una resistenza non paragonabile della struttura, penso che converrai, buon lavoro P.S. la vite più bassa sul terzo punto, non dove c'è la rotola cat. 3. Pensa la differenza di triangolazione, del resto sul sito Waltersheid, ci sono le misure, con relativi schemi, tra l'altro questo attrezzo non rispettava nemmeno le larghezze di tiro, alla faccia della teologia applicata😂
  8. Signori, seguo con interesse la discussione, ma se permettete, non capisco, ci sono le leggi della fisica, ed evidentemente il covid non colpisce solo i polmoni, dato che non sono abituato a parlare senza cognizione di causa, posto alcune foto di un lavoro,fatto per un cliente(come piacere personale) che lamentava una totale assenza di trazione su un 8345R, ora nelle foto si possono vedere gli attacchi originali e quelli che vengono utilizzati adesso, la domanda resta sempre la stessa, parliamo di agricoltura 4.0, si parliamo, poi chi progetta dovrebbe spiegarmi che criterio o programma usa. Scusatemi ma non tollero che veniate presi per il culo, da pseudo tecnici, se non è così chiedete lumi sul perché fanno gli attacchi in quella maniera! Non serve che vi dica che il miglioramento è impressionante, prima il 7810, "tirava" più del 8345R, a voi la riflessione
  9. Non fare con la smerigliatrice, ameno che non usi carta abrasiva fine altrimenti lo graffi, sì ma dove è posizionato sul terzo punto, o sotto sul sollevatore?
  10. Il problema principale è che il versoio è arrugginito, se non lo pulisci non funzionerà MAI! Il resto non serve, fai una foto per capire tipologia di sforzo controllato, dovrebbe essere al terzo punto se non sbaglio. Ma ripeto il guaio è la ruggine del versoio, la mia paura è che con il tuo volume di lavoro non lo pulirai mai! Saluti Gabriele
  11. La cosa che non è così evidente, è la ricerca continua del minor assorbimento di potenza assorbita, un' evoluzione dei vari sistemi e caratteristiche che ci permettono di ridurre la potenza necessaria, riusciamo a lavorare con 30/40 bar di pressione sul sollevatore, ne consegue un minor carico sul motore( la pressione è esponenziale per la potenza assorbita) ed un minor carico sulle trasmissioni, senza creare pattinamento o carico superfluo.
  12. Aratro trivomere soprasolco su Fendt 714, larghezza di lavoro 190, profondità 40. 9 km / h terreno medio impasto VID-20200216-WA0002.mp4
  13. Il manometro va messo sul sollevatore, non sui distributori, quindi va spezzato il circuito, e montato un innesto rapido, noi li facciamo per il tallone, tramite questo si rileva pressione di lavoro e picchi di pressione, la cosa che appare principalmente è la funzione sforzo, se non vi è pressione evidentemente manca analisi e risposta, in relazione alle pressioni riesco a valutare altri parametri, tipo penetrazione e/o costanza del carico, triangolazione dei tre punti più efficace, ecc ecc, per questo posso affermare tranquillamente che lo sforzo controllato funziona più o meno in modo analogo su tutti i marchi, che poi vi siano diversi accorgimenti per ottenerlo è un altro discorso...
  14. Per capire raccordo sul sollevatore e manometro, ma questo in assistenza non sanno cosa sia, la pressione ti dà la soluzione, o perlomeno un parametro su cui lavorare
  15. La cosa interessante sarebbe capire il perché, ora capisco il fuori tema, ma a mio modesto parere, non è così. Ci sono delle cose, tipo il terzo punto e relativi attacchi sia lato attrezzo che lato trattore, che fanno la differenza, resta da provare con pazienza e non perdersi d'animo
×
×
  • Create New...