Jump to content

Albe605C

Members
  • Content Count

    559
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

11 Good

About Albe605C

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Colli d'Imola(BO)

Converted

  • Interessi
    Trattori, elettronica µC, pc, server, reti lan, oledinamica ...

Converted

  • Homepage
    http://www.albewebsite.altervista.org

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Grazie per le risposte. Proverò a fare un lavaggio ma penso sia qualcosa di più serio.
  2. Il cuscinetto reggispinta è stato ingrassato come da tuo consiglio. Anche secondo me è il cuscinetto reggispinta, guardando la sezione penso proprio che non riesca a compiere tutta la sua corsa. Altrimenti potrebbe anche essere causato le colonnette usurate della frizione? Ma rimango perplesso per il rumore.
  3. La camma sembra funzionare bene. Però è la prima cosa da verificare. Inoltre, quando si "tira" la leva a metà corsa(poco dopo i 30 cm di corso a vuoto) per regolare la sterzata, si avverte una vibrazione e un rumore difficile da descrivere ma simile a qualcosa che "gratta". Questo avviene solo solo sotto sforzo.
  4. Non avendo trovato una discussione a specifica per i fiat nastro d'oro ho pensato di creane una dedicata. Ho un problema da molti anni alle frizioni di sterzo del mio 455 C. La corsa a vuota, se non ricordo male è di circa 300mm corto l'ottimale di 80mm. Se le registro correttamente avvitando o svitando le flange esterne la leva incontra molta difficoltà a muoversi e non ritorna a riposo. Praticamente ho dovuto ripristinare la corsa a 300 mm altrimenti è inutilizzabile. Io penso di conoscere il colpevole ma vorrei la conferma da chi ha già avuto e risolto tale problema.
  5. Il sollevatore originale è il medesimo di quello del 605, tranne per i due bracci esterni più lunghi. Personalmente non tornerei alla configurazione originale ma proverei di migliorare quello modificato. Per toglierci ogni dubbio abbandonerei l'idea di collegarsi alle stesse viti del ROPS. Se sei un abile saldatore io rifarei completamente l'attacco che piastre laterali più spesse e una buona traversa inferiore che colleghi le due. Se voi replicare le dimensioni del Fiat, posso prenderti qualche misura del mio.
  6. Se esegui una ricerca su Google immagini ci sono alcune foto dell'attacco originale. Per esempio questa, me se ne trovano altre: Si può vedere come l'attacco fosse in origine. Nelle due scatole dei riduttori finali si vedono i due occhielli dove fissare le catene. Vedo inoltre che non c'è molto spazio tra la barra di traino e la scatola centrale del cambio, quindi non è facilissimo far passare una piastra sotto. Potresti sfruttare i tre bulloni che fissano , da quello che posso intuire, il ROPS. Si può notare inoltre, come abbiano tagliato la piastra da modificare, per inserire la piastra del ROPS.
  7. Grazie per la risposta, non saranno un po' troppo sovradimensionati per il 455 C i cat. 2?
  8. Vorrei acquistare degli attacchi rapidi inferiori per velocizzare le operazioni di cambio attrezzi. Mi chiedevo per chi gli avesse provati entrambi, se fossero meglio un Walterscheid cat2 o un C.B.M. cat 2s? Il costo è pressoché il medesimo a favore del CBM.
  9. Se non ricordo male, l'attacco originale è formato da una semplice piastra con un perno posizionato al centro delle quattro viti che si vedono in foto, i bracci originali sono curvi e più lunghi. Il sistema originale dovrebbe essere derivato da una versione a ruote. Già in origine il trattore ha problemi con i tiranti di limitazione dell'escursione trasversale. Il fulcro di attacco del tirante deve essere il medesimo di quello di rotazione delle rotule, altrimenti, non si riuscirà mai ad ottenere un buon risultato di regolazione. Nel tuo trattore è stato tentato di riprodurre un sistema simile a quello impiegato in quasi tutti i trattori cingolati. A parer mio la soluzione concettuale è buona ma bisogna cercare si riprogettarla in modo che questa possa sopportare le sollecitazioni. Inoltre vedo una forcella laterale, forse si potrebbe sfruttare quest'ultima per creare un sistema di attacco efficacie.
  10. A catalogo era disponibili come optional per 455 C. Io ho un 25 C con le suole asimmetriche e in effetti per le catenarie non solo il massimo. La stabilità è molto migliore, l'usura maggiore della catene è il prezzo da pagare.
  11. Potresti acquistare suole da 300mm o 310mm e realizzare i fori nella posizione adeguata.
  12. Ti posso riportare che l'ommas super professional(macchina trainata), ha una ghiera(ghiera e controghiera) per registrare il precarico ma non ho mai avuto l'occasione di smontare i cuscinetti. Inoltre aveva abbastanza gioco ma non penso che fosse mai stata registrata.
  13. Se interpreto correttamente, il trattore è un modello frutteto (CF/1) e quindi dovrebbe essere un 355 C (seconda serie) con il motore 3 cilindri. Il sedile è stato istallato nella pozione più alta ma può essere posizionato più in basso(ecco il motivo di quel tipo di sollevatore a pistoni esteri) in modo rendere la sagoma del trattore molto adatto a colture con chioma bassa. Quello che chiami "pompa" è un cilindro oleodinamico, a patto che non vi siano problemi di usura o corrosione, è sufficiente sostituire le tenute interne per risolvere i problemi di perdite. è uguale a questo?
  14. Devo sostituire gli OR dei bracci di sollevamento del sollevatore del mio 455 C, in pratica quello montato su tutta la serie nastro d'oro in versione senza sforzo controllato. C'è un trucco per rimuovere, in modo agevole, prima il distanziale in acciaio e successivamente gli OR senza smontare tutto l'albero interno? Grazie
×
×
  • Create New...