Jump to content

franz

Members
  • Content Count

    5
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

10 Good

About franz

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  1. Ciao a tutti, sprero la notizia non fosse in altre discussioni.. In ogni caso.. Cosa ne pensate? La notizia viene dal giornale di Vicenza Il Giornale di Vicenza.it - Economia La Agco si prende tutta la Laverda È il polo europeo IMPRESE VICENTINE. Il gruppo leader nel settore macchine agricole La società americana investe molto su Breganze Il dg Scapin: «Per noi è uno sviluppo positivo» 04/11/2010 e-mail print A Uno scorcio dell'ingresso dello stabilimento Laverda di Breganze Marino Smiderle BREGANZE Agco non lascia, anzi raddoppia. La multinazionale americana di Duluth (Georgia), leader nella produzione e distribuzione di macchine e attrezzature per la meccanizzazione agricola, ha annunciato di avere acquisito per 65 milioni di euro il rimanente 50 per cento della Laverda di Breganze dalla Argo, la società che fa capo alla famiglia Morra. «In base all'accordo con Argo - si legge nella nota diffusa ieri - Agco assumerà il controllo del 100% di Laverda, che include anche Fella-Werke, produttore tedesco di macchine per la fienagione. Questo accordo sarà costruito sulle basi dell'esistente joint venture costituita con Argo nel 2007 e attraverso la quale Agco aveva acquisito una quota del 50% di Laverda». La decisione di Agco di rilevare l'intero capitale di Laverda è l'ulteriore testimonianza di quanto la società americana tenga a questo sito produttivo, scelto come unico centro europeo del gruppo. Una scelta in linea con la decisione di trasferire a Breganze i macchinari e la tecnologia che fino a pochi mesi fa erano dislocati a Randers, in Danimarca. «Questo nuovo passaggio - afferma Martin Richenhagen, presidente e amministratore delegato di Agco - sottolinea la strategia a lungo termine di Agco rivolta ad accelerare lo sviluppo delle proprie attività nel settore della raccolta e a rafforzare la propria gamma di mietitrebbie in Europa. È un altro chiaro segnale del nostro impegno volto al dispiegamento di tutte le risorse necessarie a sostegno dei nostri ambiziosi piani nel settore della raccolta, con investimenti nei processi produttivi e in nuovi prodotti». «La nostra partnership con l'azienda di Breganze - prosegue Richenhagen - si è consolidata attraverso numerosi anni di collaborazione e questo passaggio rappresenta un'evoluzione naturale e complementare dei rapporti tra Laverda e Agco. Laverda è un marchio leader nel settore delle macchine agricole, con una riconosciuta reputazione sul mercato, e i nostri principali piani prevedono la crescita e lo sviluppo ulteriore del suo potenziale». Per i 450 dipendenti dello stabilimento di Breganze, dunque, questa è una notizia positiva. Le intenzioni di Agco sono chiare: investire e potenziare. Qui si producono mietitrebbie da oltre 50 anni e anche nell'anno orribile, il 2009, il fatturato è stato di 93 milioni di euro. Che, aggiunti ai 44 milioni della controllata tedesca Fella-Werke, fanno 137, con un 2010 che dovrebbe chiudersi in ulteriore crescita. Ed è stato proprio grazie alla iniziale collaborazione con Agco che la produzione di mietitrebbie è quasi raddoppiata. «Con la recente aggiunta di nuovi modelli - si legge nella nota diffusa dalla società - l'impianto è pronto ad ulteriori significativi progressi. I recenti investimenti hanno portato a una totale riorganizzazione della "supply chain" e del processo produttivo, compresa l'installazione di nuovi impianti robotizzati per la saldatura ed una nuova ed avanzata linea di montaggio per le barre». «La joint venture originaria tra Agco e Laverda annunciata nel giugno 2007 - dice Mario Scapin, direttore generale di Laverda - è stata un grande successo. L'acquisizione completa da parte di Agco è stata accolta molto positivamente dal team Laverda, lieto di rientrare negli ambiziosi piani per lo sviluppo del settore in Europa. È significativo che tale annuncio coincida con l'avvio della produzione delle mietitrebbie a otto scuotipaglia nella fabbrica di Breganze laddove il primo esemplare è uscito a ottobre. Siamo inoltre orgogliosi di comunicare che, entro novembre, uscirà dai nostri stabilimenti la prima mietitrebbia ibrida Agco».
  2. si, la lanciano a Wandenbrunn, la giornata in campo "Fendt" che Fendt organizza ogni anno in Germania. su you tube, ho una volta ho trovato anche un paio di video che la inquadravano, ma adesso non riesco piu' a ritrovarli per postarli. In ogni caso, verra' lanciata sul mercato tedesco.. passera' un po' di tempo prima di vederla in Italia..
  3. Buondi a tutti, qualcuno ha visto la nuova gamma lanciata da Claas a partire dal 14 agosto? Io ho controllato sul sito (claas.com) e mi sembra che non sia cambiato piu' di tanto. I nomi sono cambiati.. Ora le ibride sono la serie Lexion 700 (la 600 e' diventata la 770) e le convenzionali a squotipaglia sono diventate la serie 600. Qualche commento a riguardo..?
  4. A mio parere, le assiali (in particolare la ML800 ARS), sono generalmente più difficili per situazioni limite/difficili.. e inoltre consumano più delle ibride e delle tradizionali...
  5. Tutte le trebbie dell'AGCO vengono commerciate in 3 marchi MF, Fendt e Challenger, inoltre, avendo anche il 50 % di Laverda, condividono molto (se non tutto) col marchio italiano, che è ancora al 50 % del gruppo ARGO (da quando l'AGCO ha iniziato a investire soldoni nelle trebbie, i Morra stanno ben attenti a non vendere l'altro 50%, adesso per loro la Laverda è una gallina dalle uova d'oro..). In ogni caso, la MF Delta 9280 non si vedraà mai in Italia col marchio MF, ma verrà lanciata nei prossimi 2 anni con marchio Laverda. Se siete stati ultimanete a Breganze, in seguito alla chiusura di Randers in Danimarca, hanno spostato la produzione della Centora (8 squotipaglia) e dell'ibrida a Breganze. Da fine 2010 tutte le trebbie AGCO saranno made in Italy.
×
×
  • Create New...