Jump to content

9enrico0

Members
  • Content Count

    163
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

10 Good

About 9enrico0

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Riesci a spaccare bene un po di tutto con 10t? Anche pezzi di legno con nodi?
  2. No beh, hai ragionissima..... solo che i nuovi hanno prezzi altini, che non mi posso permettere. Era anche per fare qualcosa di "fatto da me". Immagino che un po di soddisfazione l'hai provata dopo essere riuscito a farlo. Però a sto punto provo a guardarmi intorno , vedere se trovo qualche occasione. È che quelli che vendono non mi piacciono molto. Cerco qualcosa dove lo sforzo viene fatto esattamente sotto il cilindro, non come in alcuni spaccalegna dove hai la lama che fuoriesce, e il cilindro nascosto nella struttura (tipo questo https://images.app.goo.gl/nD3MjGDM8sXhknKY9). Dovrei chiedere info su dei spaccalegna prodotti non lontano da dove abito, marca Zanon. Qui in zona sono in parecchi ad usarli, penso appunto anche per la vicinanza della fabbrica della ditta Zanon
  3. Ci sono spaccalegna validi e solidi a meno di 650€? Io da 10/14 tonnellate li trovo solo a 1000/1500€ .
  4. Non sapevo sinceramente se aprire la discussione qui o nel reparto "tecnica". In caso i moderatori spostino pure. Come da titolo vorrei cimentarmi nella costruzione di uno spaccalegna ad uso non professionale. I motivi sono 2. Uno economico, e l'altro , beh, volevo vedere se riuscivo a costrure qualcosa per il mio trattore. Girovagando per google ho visto che di spaccalegna ce ne sono di svariati tipi,forme e dimensioni. Per semplicità costruttiva opterei per un orrizzontale. 10 tonnellate dovrebbero bastarmi, ma attendo delucidazioni in merito. Per sistemi anti-infortunistici ho pensato ad un azionamento a doppia leva, ed alla lama di taglio che dista una mano dall'estremità della parte che spinge (flangia+cilindro) completamente allungata. Accetto consigli. Il mio problema è che materiale scegliere. Dimensioni del cilindro (corsa,alesaggio,stelo)? Dimensioni pompa?(categoria, rapporto moltiplicazione,portata litri/min)? E ovviamente, tubi, valvole ecc ecc. In rete trovo anche dei kit per spaccalegna, (esempio-> https://www.soltecstore.com/oleodinamica/12137-KITSPACCALEGNATONNELLATE-kit-012.html) Mi chiedevo se sono validi o meno. Per la struttura ho pensato a un profilato in ferro ad H dello spessore di 1cm o 8 millimetri (dovrebbe bastare) più pezzi metallici vari da saldare. La lunghezza la deciderò in base al cilindro che prendo. E una domanda. Come si fa a sapere quante ton di spinta può esercitare un cilindro? Verrà azionato da 2 trattori. Uno da 18cv e uno da 35cv. Io non andrei oltre le 14 tonn. Comunque attendo quanti più consigli. Sono davvero curioso di vedere se riuscirò a far qualcosa ?
  5. Ho una singola leva. Quella classica della posizione controllata. Spostata dietro e in basso invece c'è la leva selettrice sforzo controllato/posizione controllata. Se lasciata in posizione controllata, con la leva del sollevatore alzi e abbassi l'attrezzo regolando la posizione. Se invece sposto la leva selettrice in sforzo controllato ho solo 2 posizioni sulla leva del sollevatore. Alzato e abbassato. Teoricamente si abbassa l'attrezzo e si arrangia il sollevatore ad alzarlo quando sforza. Sotto il sedile invece ho una levetta per la sensibilità, ho provato a spostarla verso il + o verso il - ma non cambia un cavolo.
  6. Per la prima volta ieri ho arato con il mio fiat 350 special. Siccome so che il trattore è 2rm e non è grosso, ho voluto usare lo sforzo controllato. Ho tolto il martelletto da dietro l'attacco del terzo punto, posizionato la leva selettrice in "sforzo controllato" , mi sono assicurato che l'aratro fosse in piano, ho calato e sono partito. Dopo 3 metri mi sono piantato. Non ho visto quel tipico movimento sali/scendi dello sforzo controllato. Dovevo disinserire e sollevare a mano. C'è modo di registrarlo?
  7. si, potrei farlo. Domani ho già in mente di cambiare olio e foltro olio, usando un additivo per pulire il motore. Anche se per fare una cosa fatta bene dovrei rifare il motore. Sospetto un corposo blowby. Quando è in moto, se tolgo l'astina dell'olio, l'olio schizza fuori. Cosa mai vista (almeno da me) in nessun motore. E il tappo dell'olio sulla testa copri punterie, se lo sviti mentre è in moto e lo appoggi sopra al foro, vedi che saltella a causa di aria che fuoriesce. Vedo se con l'additivo pulisci motore riesco magari a togliere dello sporco che con gli anni magari si è formato sui raschiaolio dei pistoni. So che alcune volte il blowby è causato dalle fasce un po sporche che lavorano male.
  8. Quindi l'unico modo che ho per aumentare un po le prestazioni è dare più carburante insomma. Io ho la pompa della bosch sul mio motore. Ma nel mio caso non ha la farfalla vero? Mi piacerebbe arrivare a 40 cavalli tondi tondi, ma volevo tentare di arrivarci senza toccare il gasolio. Volevo dare 5/6 cavalli in più (su quel tipo di motore aiutano) ma senza ritrovarmi ad avere più fumo di quello che già fa normalmente.
  9. Nei moderni motori ci pensano debimetro e centralina a controllare l'afflusso d'aria nel motore, e nelle auto si usa mettere filtri più traspiranti. Ma nei vecchi motori fiat come il bicilindrico del mio 350 special come funziona? Aspira aria a caso? Ed è possibile far entrare più aria nel motore? Tante volte ho visto girare la vite miracolosa per dare più gasolio(io non devo farlo), ma così la miscela aria carburante va a farsi benedire. Io posso in qualche modo far arrivare più aria fresca nel motore senza un turbocompressore? Mi piacerebbe ottimizzare le prestazioni del mio trattore senza pomparlo.
  10. L'ho controllato oggi, dopo 2 giorni di trattore spento, e aveva la schiumetta. Io ho alzato l'astina che c'è vicino alla marcia, e c'era l'olio emulsionato in pratica.
  11. si la leva selettrice è nella posizione di "posizione controllata". Se fosse in sforzo controllato è come se avessi 2 posizioni, una alta e una giù. Nonostante ciò il sollevatore non si muove ad ogni minimo spostamento della leva, ma uno mi pare anche qui sul forum mi diceva che sono proprio i sollevatori fiat a non essere precisissimi. Quello che mi preoccupa invece è quella specie di schiuma sull'olio. Non vorrei che fosse la pompa che pesca aria, anche se non dovrei alzare tutto il peso che riesco ad alzare con problemi alla pompa
  12. Per quanto mi piacciano le macchine agricole, non lavorandoci a contatto , non sono molto informato sul funzionamento di certe parti, come ad esempio l'impianto di sollevamento. So cos'è , so come e perché si usa, ma non so nozioni più tecniche diciamo. Vengo al dunque. Fiat 350 special 2rm. Il sollevatore funziona, non cala col peso, non fa strani rumori, è solo un po impreciso; se voglio una posizione, devo lavorare abbastanza con la leva del sollevatore, cioè che se la sposto di un cm il sollevatore non si muove, se supero quel centimetro il sollevatore si muove ma alza o abbassa più di quello che volevo, pur avendo la levetta della sensibilità al massimo. Ma credo che sia una caratteristica del sollevatore. C'ha pure 75 anni poveretto. Ho preso ,per provare delle forche autocostruite ,un cassone edile pieno di coppi (tegole, quelle sul tetto); saranno stati 6/7 quintali. Il sollevatore non ha fatto una piega. ha alzato e basta senza rumori strani o fatica o altro. Ho per curiosità controllato dall'astina il livello dell'olio cambio/sollevamento. E li mi è venuto il dubbio. Praticamente (da trattore fermo e mai acceso per più di 2 giorni) l'olio invece di presentarsi liscio come l'olio motore, sembrava essere emulsionato. Aveva tipo della schiuma (io l'ho visto sull'astina, non so come sia tutto l'olio dentro). E' un problema? o si emulsiona normalmente a causa degli ingranaggi del cambio? (se non erro nel mio trattore, l'olio del sollevatore viene pescato dalla scatola del cambio, infatto sull'astina ho 2 livelli, normale e sollevatore posto più in alto)
  13. Qualcuno da dov'è situata la famosa vite sulla pompa del 350 special? Ovviamente visto il motore non voglio dargli 10/15 cavalli, ma giusto un massimo di 3/5 cavalli per rimpiazzare quelli inevitabilmente persi in 40 anni.
  14. Il trattore va in moto subito. D'inverno no, ci mette tempo anche scaldando le candelette. Fuma blu al minimo e quando si accelera. C'è qualche prova che posso fare? Domani potrei attaccarlo al trincia e farlo lavorare un po in modo che si scaldi bene. E ho guardato per il discorso dei vapori. Il mio 350 ha il recupero vapori sulla testa che va direttamente nel collettore di aspirazione.
×
×
  • Create New...