Vai al contenuto

CultivarSé

Members
  • Numero contenuti

    15355
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    68

CultivarSé ha vinto l'ultima volta il giorno 23 Marzo

CultivarSé ha avuto il contenuto più apprezzato!

Reputazione Forum

2660 Excellent

4 Seguaci

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Piemonte/Lombardia

Converted

  • Interessi
    Pochi, maledetti, verdi ma molto buoni. senza grilli o artropodi per la testa.

Converted

  • Occupazione
    Non disprezzero l'agricoltura perchè anch'Essa è creata dall'Altissimo e mi adeguo... faccio massa.

Visite recenti

34205 visite nel profilo
  1. Da solo mai perchè fa solo septoria e non sempre, sempre esclusivamente in miscela ma non in campi dove la septoria è vecchia. Se si semina presto la septoria è spessissimo vecchia, Lo stravento è folpet agisce su pochi funghi e la septoria per altri funghi del grano meglio sempre partner con Aviator xpro adesso e miscele ad altri prodotti come triptor. Mai un solo prodotto e pochi principi attivi. Poi in molti casi servono genetiche resistenti perchè i funghicidi non fanno miracoli soprattutto sulle nuove ruggini gialle.
  2. formulati e prodotti diversi, il Mancozeb è ancora un principio attivo poi dipende dalle formulazioni e dal partner nelle miscele. Il vecchio lasonil lo rimpiangono tutti e non era un vero farmaco... rispetto a quello attuale che non c'azzecca col vecchio lasonil che era una miscela di lanoline ed enzimi. Il lasonil attuale è un gel con antiinfiammatorio e antidolorifico di sintesi. La Novalgina era un'altro prodotto, la vecchia novalgina era un farmaco sospetto di cancerogenicità appunto tanto quanto il p.a. mancozeb. Novalgina è il nome commerciale che è una formulazione. A noi interessa anche e sopratutto il principio attivo anche se la formulazione e i conformulanti hanno comunque un grande senso e aiutano spesso l'azione. Se poi mi dite che le percentuali di principio attivo una volta erano maggiori allora posso darvi ragione su molti prodotti.
  3. No, il folpet ha un rischio resistenza ed è un sistemi non mobilissimo ma lo è. Il Propamocarb è forse l'unico carbammato ad essere sistemico che poi sia di raro utilizzo è altro paio di maniche che poi costi è altro ma è della famiglia forse l'unico ad essere di interesse Frac. Il Diathinon costa perchè molto usato in frutticoltura sulle pomacee essendo il copertura organico per eccellenza su molti funghi tipo venturia come la ticchiolatura di melo, pero, pioppo, rosa. Il Diathinon costa anche come sintesi e formulazione certo poi ha un uso molto esteso. I carbammati di copertura hanno più funzioni perchè bloccano più sistemi e proteine ma la parola carbammati si riferisce alla famiglia chimica che deriva dall'acido carbammico ossia un acido organico che fa reazione con l'urea o carbammato d'ammonio solo che la parola carbammati si riferisce solo al gruppo carbammico legato a più di un atomo di carbonio.
  4. Se tratti contro la peronospora con tutto quello che c'è non puoi pascolare per cui è tempo perso. Foglia stretta più la tagli e più fai prato. Solitamente si lascia il prato alto perchè difficilmente si riesce a galleggiare con i mezzi ma se si può si trincia e si pulisce tutto senza pietà anche perchè trattare col prato fiorito non è il massimo. A noi ci imporranno di trinciare tutto a zero per via delle condizioni della collina, anche l'erba troppo alta favorisce gli smottamenti come l'erba troppo bassa o peggio il terreno duro o fresato. Non è così facile aver sempre l'erba ad altezza giusta o a fittezza giusta ma nelle stranezze c'è anche questa..... ovvio tempo permettendo ... adesso c'è una tempesta per cui dentro lì non ci vai con niente e con la copertura alta, l'erba selvatica alta .... di certo non perdi 3gg a pulire trincia e trattore.... se asciuga bene si trincia tutto. Non so se capita solo a me ma l'erba sotto le ramaglie e i sarmenti cresce di più che non sotto un prato pulito.... Giornate lunghe erbe lunghe non c'è storia con qualunque mezzo si usa. Il tuo vicino forse si riferiva ai poloni e ai rami bassi non tanto all'erba che spesso aiuta perchè copre e degrada le foglie morte della vite dove svernano e si lanciano le spore, oospore, della peronospora. Chi ha il prato asciutto lo taglia ma mi vien da pensare che la vigna non era il massimo della calpestabilità quindi è andato di decespugliatore anche perchè a lavare il decespugliatore non ci vuole troppo tempo.... direi un atto strategico ammantato di leggenda.
  5. Febbraio marzo su terrette in semina classica ma dopo estati orrende abbiamo deciso di anticipare. Il cece come tutti i legumi è pianta fotoperiodica per cui non è tanto o solo anticipare la fioritura che si è anticipata ma di 20gg se fa caldo, si tende ad anticipare la struttura della pianta per non avere piantina e radichetta a maggio-giugno che deve reggere la fioritura e maturazione in luglio che attualmente diventa un mese molto pesante. Ultimamente più pesante al nord che al sud. Ad agosto fai conto che da me è sempre più presente la nottua della medica e del trifoglio cosa che non si è mai vista a nord degli appennini, in pianura certi insetti non c'erano. Sul discorso rabbia, noi avevamo l'antracnosi e la rabbia del pisello, fino ai primi anni 2000 faceva danno poi con le nuove varietà di pisello non si è vista più, sui ceci qualcosa c'è e sfato il mito che in semina primaverile ce ne sia meno. Il discorso è che se hai seme bello e ben conciato e anche tanto , la rabbia ce l'hia meno ma se la pianta è stressata dal caldo umido arriva comunque. La semina tardo autunnale e invernale ha incontrato un inverno stile fine anni 80 non proprio freddo ma molto pazzo, ha resistito fino adesso per via che sbagliando con ripuntatore e aratro abbiamo fin troppo sfondato e drenato. Il terreno è rimasto più drenante ma paghiamo lo scotto che non si entra più con i mezzi perchè affondi. A breve dobbiamo fare qualcosa come tutti i funghicidi, tanto che tratti il resto delle autunnali si tratta anche il cece. Sta solo al cielo terso e al caldo mandare in fioritura il cece, tanto i primi fiori è come non contarli, se inizia a facondarsi lo fa solo d afine maggio in là.... in semina marzolina iniziava a giugno comunque.... maturando ad agosto inoltrato ... non so se in questi anni sia ancora possibile. Ad agosto si raccoglie altro e difficilmente trovi un trebbiatore da me se non qualcuno che ha ancora la macchina impostata per pisello o cereali estivi. Ad agosto tagliavamo i ceci mentre la gente faceva il silomais. Questione di tempistiche. Non escludo che in pazzia capiteranno anni che a caldo e sole anticiperà qualche settimana ma non un mese pieno.... sarebbe a dire che l'asse terrestre si è inclinato e ciò è malissimo. In semina primaverile mi è capitato che prendesse le gelate del fatastico 2020-21 a piantina ancora quasi un germoglio cresciute a sbalzi. Quest'anno ha preso dei bei brevi geloni e ha comunque impiegato 21gg a nascere senza patire danni se non quelli della germinazione al freddo ma più che altro l'eccesso di pioggie. Però mi dico che in India è normale ma perchè noi non abbiamo un rinnovo varietale o varietà come quelle indiane che resistono agli estremi e loro fanno ricerca ossessiva sulla rabbia.... schemi noi o schemi gli indiani? Il pisello da me non lo vuole più nessuno e poi attualmente te lo pagano anche meno e anche le stalle non lo utilizzano più come una volta.
  6. Da me essendo dalla parte opposta i piccioni fanno meno danni al cece rispetto al pisello, molti meno. Seminati in autunno in pratica quando per avversi eventi tutti seminavano cereali a paglia. Quest'anno particolarmente instabile ha graziato come temperature, come pioggie no. A semina autunnale sono molto lenti alla partenza cosa che in semina primaverile non è ma concordo che poi su terreni leggeri soffrono l'estate ma poi non più di tanto. Tre anni fa li abbiamo anche irrigati non dico il contrario ma irrigati 1 volta contro i numeri della soia e l'impossibilità di irrigare il pisello cresciuto troppo.
  7. A parte che è erba vecchia, loietto di stagione quindi volendo fra 15gg lo tagliavi .... Altorex non fa nulla al loietto specie poi vecchio così. Devi aspettare la foglia trifogliata se no soffre troppo. Su graminacee dovresti solo andare di graminicidi tipo strato, targa, agil e via così a 2 litri ettaro e forse risolvi qualcosa ma la medica è troppo piccola, il loietto è in levata. Direi di teneremelo e tempo 100 gg dalla semina fare lo sfalcio di pulizia. Dispiace ma serve sfalciare un pelino prima. Il loietto poi in piena estate dovrebbe sparire se poi fa secco sparisce normalmente.
  8. Su internet forse, in nostro commerciante non è sempre economico ma forse è un'altra marca o appunto ha dosato di più con altri conformulati la miscela. Quando è in vena di trattare solitamente manda lo zio ...
  9. Vediamo la buriana ma appunto settimana prossima si fa un altro Polisolfuro di calcio per non sprecare niente per l'appunto e il pericolo resta il calo termico che per questi prodotti di copertura non è l'ideale. Vediamo quanto regge questa copertura totale ma fino al limite del necessario vorrei andare di sola copertura evitando le uscite dell'anno scorso.
  10. CultivarSé

    Favino

    Solitamente la fumaria selvatica resta bassa non fa danno fa solo scena, da me resta molto bassa piccola ormai tende ad essere sovrastata dal favino. Motivo per cui io se posso faccio un bel pre emergenza completo. Da me iniziano a vedersi cirsyum e cardi e tanta artemisia come d'estate col caldo. Il favino in effetti si è fermato di crescere. Attualmente in zona ci sono solo miscugli col favino e sta perdendo colpi a favore di pisello e veccia. La veccia fa pausa mai vista così tanta e forte ad aprile. In effetti il favino è restato ovunque molto basso.
  11. Da me non te la facevano diserbare, fosse per me la terrei così come se fosse una trasemina anche perchè le graminacee sono vecchie e a fine accestimento quindi ha pochissimo senso diserbarle. In ultimo la medica non è neppure a foglia a cuore quindi è troppo piccola per ogni trattamento post emergenza che sia con qualunque prodotto. Tienila come prato polifita traseminato. Sembra loietto e ormai è troppo adulto, il loietto è molto competittivo ma anche molto tollerante o resistente ai graminicidi imi. Poi sembra un mix di grano, avena comunque non perenni. Tra 110 gg tanto tagli tutto e basta direi di mandarlo a fieno perchè le graminacee saranno dure o vecchie.
  12. 160 euro ettaro tutto a livello di prodotti, certo non credo al grammo preciso.
  13. Mi sembra di sì, non ho io le fatture ma mi sembra che la cifra sia quella, solo prodotto chiaramente dato sulla pianta praticamente abbozzata. Una volta parlo di 10 anni fa il remedier era 90 e/Kg. Andando a trattare sul bruno mi sembra che 1Kg basti per bagnare un legnetto poi più ci aggiungi più varia, il socio vorrebbe fare poi il secondo passaggio. Su piante nuove insomma mi sembra che si fa di tutto per tenersele almeno da noi che non amiamo gli impianti nuovi come mentalità non amiamo lo spianto-reimpianto. Chiaro che è l'inizio e parliamo di funghi che non hanno un prodotto per la lotta similare nel chimico.
  14. Sicuramente da me è India ma a nord della tua grama postazione ha piovuto, sei proprio sopravento.... come la Polo, il buco con la caramella intorno.
  15. Ehhh bè, a voi non vi fanno storie per le carabine, noi non possiamo, solo in collina si può ma se hai l'ambito sbagliato non puoi. Dietro casa girano ma il pericolo sono gli zannuti suinidi in collina.
×
×
  • Crea Nuovo...