Jump to content

CultivarSé

Members
  • Content Count

    10675
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    34

CultivarSé last won the day on August 3

CultivarSé had the most liked content!

Community Reputation

1002 Excellent

2 Followers

About CultivarSé

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Piemonte/Lombardia

Converted

  • Interessi
    Pochi, maledetti, verdi ma molto buoni. senza grilli o artropodi per la testa.

Converted

  • Occupazione
    Non disprezzero l'agricoltura perchè anch'Essa è creata dall'Altissimo e mi adeguo... faccio massa.

Recent Profile Visitors

25179 profile views
  1. Su rossi o raccolte da vini lunghi non puoi devi andare di tradizionale, su precoci, spumanti o max su rosè renti la doppia via, bicarbonati e poi a ridosso raccolta zolfo e metabisolfito di k, i vecchi chiudevano con solferina e aspettavano che scottasse. Cimare sicuramente tutto indistinto sfogliare poco e soprattutto le zone Nord e Ovest dei filari, le zone basse e cenrali dei vigneti, zone di fondovalle, le zone vicine ai fossi ma interne, dalla 3 alla 4 fila di bordo, il bordo si può evitare di sfogliare. Tagliare bene erba sotto col tempo asciutto farla e triturarla che secchi bene, lavorare puliti e asciutti anche rapidi abbastanza a laser perché di pioggia non ne mancherà.... pro e contro della pioggia d'agosto che rinfresca il mosto o lo fa scoppiare..... tanto poi si taglia.
  2. Su trebbiani tardivi prima va toppata tutta pii inizi a sfoglire, due trattamenti, dopo pulizia, primo a tutta pianta, secondo a fascia grappoli con switch e altro, zolfo e zeolite se puoi sempre. A tutta pianta per cicatrizzare tagli con filper rame e zolfo anche perchè la botrite resta anche su monconi e rametti, secondo più mirato e specifico su grappolo. Rischi seriamente di perdere il 30% e girare in acido, tra pioggia, rugiada, guazzone di valle è rischio elevatissimo. A vento ci vorrebbe botte di burian, garbino a secchiate. Toppa e defoglia anche solo leggero ma picchia la jungla e tratta. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  3. Difatti da me hanno tolto l'acqua, tempo due gg è tornato il diluvio. La prima irrigazione per la soia è un trauma, quelle dopo no ma rischi temporalini ma onu oni ci sono, imbrocchi 3gg di acqua e alla soia servono le bombole anche sulle terrette. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  4. Sì ma da 21 gg sui rossi o su le tardive hai voglia quanto manca. Su precoci certe cose, compresi switch non hai tempo. Cloni cge subiscono le laccasi, enzimi della boyrite, va bene anche Scala che blocca enzimi ma dipende da quando vogliono raccogliere. Il.meteo non è favorevole quindi trattamenti e cimatora laser serve. Pulizia anche sotto filare a laser. Scottature se l'uva è fatta non hanno più senzo anzi uva cotta, passa, più zucchero e melassa. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  5. Folpete è l'ingrediente segreto dell'Agente Settete di Asterix.
  6. Ancora!!!! No Folpet sistemico sempre meglio con rame in copertura perché rame comunque cicatrizza, è multisito, indurisce tessuti e buccia e blocca non solo la pero ma altre malattie compresi batteri, zolfo conserva e asciuga, zeolite lavora un po' di suo e un po' come ciotola per gli altri tre. Carenza è giusta per cui inutile seghe mentali sulla carenz ai tempi sono giusti, tanto poi a vendemmiare arrivi sempre lungo..... qua si vede chi voleva partire presto.... è ancora in vacanza o fa il fine settimana perché ancora temporalli e perché manca manodopera. Alchimista direi di no perché è tutta roba che si usa trita e ritrita, difatti come dice il Quoeleth, figlio di Re Salomone, Ogni cosa a suo tempo e c'è un tempo per ogni cosa. Su varietà più lunghe c'è folpete e altri, su le precoci hai poca manovra va bene i bicarbonati e poi metabisolfito e zolfo, vanno bene i funghi e batteri, va bene la zeolite, va denudata poco per quel gusto vedo, non vedo perché a violentarla oltre la grandine c'è sempre il sole... del resto gli Dei si sa, Giove Pluvio o Apollo sole..... ne fanno di danni. Vendemmia come i governi italiani, tutti la declamano ma nessuno la fa seriamente, meteo e virus a parte.
  7. Malississimo irrigare, rischi tanto che si fermi e prenda il sopravvento una qualsiasi graminacea. La soia soffre così bassa e dopo pioggie ben sufficienti, non è mais, potevi aspettare benissimo che chiudesse. Rischia di cuocere e andare in anossia e ingiallire. Diversa è la pioggia e i rotoloni, bella così inutile fare altro, serve a volte lasciare andare le cose. Temperature non sono atissime o meglio costantemente alte, umidità atmosferica bassa, lasciavi andare e risparmiavi la turbina, a settembre bagnavi ed era meglio... settembre o fra 15gg, la soia fa la commedia ma non patisce. Peggio la troppa acqua e acqua nel piede. Bastano i temporali piccoli o grandi adesso in questo caso, bastavano.
  8. C'è da piangere, sì purtroppo è ferinello ed è un fiore unico, le foglie ci sono è che adesso è tutto in fioritura, fa come bietole, essendo parenti. Brutto cliente rischi si di trebbiarla ma buttar via tutto se riesce a non marcire sotto. Se non fai pre è una disgrazia assoluta, la soia vuole diserbi non troppa acqua ma terreni puliti.
  9. È splendida per terreni leggerotti, tende a fare pianta verde, sindrome dello stelo verde. Non è da paragonare a Eiko e M10 questa sì che fa pianta il problema è che continua vuole più giorni di luce rispetto a M10 e Eiko che è soia da terreni forti. 4 luglio è troppo anche per chi è ad est o sotto il Po. La soia da noi è molto variabile cime ciclo, non ha un ciclo definito come in Usa dove rispetta la classe di maturità per ogni parallelo, da noi è più un mosaico di condizioni. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  10. Sì ma senza gabina e giubbotto air bag quelli che usano in sci di velocità. Il paracadute li non serve serve una barra larga per arrivare al bordo. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  11. È assaibtardiva per il periodo, bagia viene alta, da me la usavano per il trinciato jn sostituzione alla medica trinciata, viene un bel piantone ha la tendenza a ramificare coprore ma si corica, tende ad ambarsi anche perchè carica come pianta. 4 luglio è data da foraggio. Fa tanta pianta, già così di vede che è già un bel piantone. Difficile fermarla come pianta. Due ann8 fa ho provato il moddus ma seminata il 4 giugno. Il seme di bahia è solitamente bello non ha troppi problemi in partenza se il suolo è minimamente umido. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  12. Il Chenopodium album detto farinello o chenopodio o spinacio americano di campagna, nemico n°1 dellla soia. Quasi imprendibile coi post emergenza. Produce sostanze in grado di frenare e competere con la soia spesso soffocandola. Dalla foto è in fiore, brutta cosa è pieno di fiori quindi possibile seme a iosa. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  13. Previsioni.merda da giovedì, mi sa che va un'altro bicarbonato. Temporalu ancora. Vendemmia troppo presto, dopo Ferragosto saŕà meglio. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
  14. Sì la bietola prende pero e oifio, oidio più facile in italia ma il rame serve su cercospora più che altro e per infastidire le nottue che la defogluano. Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
×
×
  • Create New...