Jump to content

bu$ine$$

Members
  • Content Count

    557
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

12 Good

About bu$ine$$

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Piemonte/Lombardia

Converted

  • Occupazione
    Stampa

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. bu$ine$$

    Biogas

    Lidl, in arrivo 5 camion Iveco alimentati a biometano Taglio delle emissioni e focus sull’economia circolare: realizzati grazie alla collaborazione con Iveco, Lc3 Trasporti ed Edison, i 5 nuovi mezzi alimentati a biometano saranno impiegati da Lidl per per il rifornimento dei punti vendita nel Nord Italia Di Foto: Martina Nolte, Lizenz: Creative Commons by-sa-3.0 de, CC BY-SA 3.0 de, Collegamento Ottenibile da fonti rinnovabili, il biometano rappresenta un utile alleato verso la transizione energetica e l’economia circolare (Rinnovabili.it) – Lidl allarga la sua flotta con cinque nuovi camion alimentati a biometano. Prodotti da Iveco insieme a Lc3 Trasporti ed Edison, i nuovi tir Stralis Np 460Cv Cng sono stati svelati ieri presso il centro logistico Lidl di Somaglia (Lodi) e verranno impiegati per il rifornimento dei punti vendita nel Nord Italia. “Siamo molto orgogliosi di essere la prima azienda retail italiana a impiegare i nuovissimi mezzi alimentati a biometano, un combustibile che promuove un modello economico fondato su sostenibilità e circolarità delle risorse – ha dichiarato Pietro Rocchi, amministratore delegato Vendite e Logistica Lidl Italia – Come obiettivo di lungo periodo, vogliamo gradualmente passare da un trasporto principalmente basato su combustibili fossili, a combustibili alternativi ad emissioni ridotte di CO2, come il biometano e il gas naturale liquido (Lng), che già impieghiamo con una nutrita flotta di mezzi”. Questo carburante è ottenuto dal biogas a seguito di un processo di raffinazione e purificazione. La possibilità di usare scarti agricoli, reflui zootecnici, rifiuti agroindustriali e fanghi come materie prime rendono il biofuel finale una perfetta risorsa dell’economia circolare. Secondo le stime di Enea, solamente la frazione organica dei rifiuti solidi urbani permetterebbe di produrre entro il 2030, da 430 a 860 milioni di metri cubi di biometano, pari allo 0,6%-1,1% dell’attuale consumo di gas fossile. Ancora meglio se si guarda al settore agricolo: biomasse di scarto di origine agricola e zootecnica o biomasse vegetali e sottoprodotti potrebbero fornire, secondo il Consorzio Italiano Biogas e Crpa, fino a 8,5 miliardi di metri cubi di biometano al 2030.
  2. bu$ine$$

    Biogas

    COSA NE PENSATE? Legge di bilancio 2020: nuove misure e incentivi per il biogas La manovra prevede un nuovo sistema incentivante collegato all’utilizzo di almeno il 40% in peso di effluenti zootecnici e alla riconversione della produzione giornaliera secondo un nuovo regime programmabile Foto di Gerald Krieseler da Pixabay CIB: “L’approvazione delle norme nella legge di bilancio 2020 è un segnale politico forte e di indirizzo per il settore del biogas agricolo” (Rinnovabili.it) – Con il voto di fiducia in Senato sul maxi-emendamento, si è concluso il 16 dicembre il primo passaggio parlamentare della legge di Bilancio 2020. La manovra è passata così alla Camera dove però, per mancanza di tempi, è improbabile vengano apportate modifiche. In altre parole, il testo uscito da Palazzo Madama può considerarsi quello definitivo, così come definitive sono tutte le novità inserite in tema energia. Tra queste un capitolo a sé lo occupa il biogas, inserito tra le “Misure per favorire l’economia circolare del territorio”. L’articolo 60 della legge introduce un nuovo sistema incentivante per il comparto, legato all’utilizzo di rifiuti e deiezioni prodotti dagli allevamenti. Nel dettaglio la norma prevede che gli impianti di produzione di elettrica esistenti alimentati a biogas ed en­trati in esercizio entro il 31 dicembre 2007, “con l’obbligo di utilizzo di almeno il 40% in peso di effluenti zootecnici, e che riconvertano la loro pro­duzione giornaliera secondo un nuovo regime programmabile”, possano godere di nuovi sussidi. Ovviamente l’erogazione dell’incentivo è subordinata al via libera della Commissione europea in base alle norme sugli aiuti di Stato. Il testo spiega anche che toccherà ad ARERA definire le modalità con cui le risorse per tale regime troveranno copertura, tramite le componenti tariffarie dell’energia elettrica. >>leggi anche Biogas, il modello italiano aiuta l’agricoltura sostenibile<< Nell’articolo successivo vengono invece definite nome e condizioni per l’Utilizzazione agronomica del “digestato equiparato”, ossia di quel prodotto ottenuto dalla digestione anaerobica la cui azione sul suolo può essere equiparata a quella di elementi di origine chimica. La legge di bilancio 2020 dà a tutte le aziende la possibilità di valorizzare il digestato equiparato in funzione dalla possibilità, grazie al riconosciuto potere fertilizzante e ai suoi nutrienti, di ridurre il ricorso ai concimi di sintesi. “L’approvazione di queste norme è per noi un segnale politico forte e di indirizzo per il settore del biogas agricolo – ha commento Piero Gattoni, Presidente del CIB – Consorzio Italiano Bioga – Si premiano gli sforzi compiuti negli ultimi quindici anni, durante i quali sono stati investiti oltre 4 miliardi e generati oltre 12 mila posti di lavori stabili. Si tratta di un primo importantissimo passo per dare continuità al patrimonio infrastrutturale strategico realizzato dalle aziende agricole che, investendo in tecnologia e sostenibilità, hanno implementato negli anni, un modello di economia circolare in agricoltura, divenuto un’eccellenza del nostro ‘made in Italy’. A ciò si aggiunge il riconoscimento di uno dei principi fondanti del Biogasfattobene […] L’impiego del digestato, unito a tecnologie e pratiche agronomiche innovative, può favorire la ricarbonizzazione dei suoli contribuendo al contrasto dei cambiamenti climatici”. LINK :http://www.rinnovabili.it/energia/legge-bilancio-2020-incentivi-biogas/
  3. ma pregi/difetti dei cantieri con barra a dischi sulla trincia rispetto a trattore con falciatrice e trincia/pick up? qua in zona all'inizio giravano i Nota e facevano come nel primo video, jd con frontale e due laterali krone (mi pare) e poi trincia e pick up... ora il giro se lo sono spartiti altri terzisti e tutti con direct disc...ovviamente c'è il trattore in più e non con poca cavalleria per falciare prima...però con la direct fai più fatica/manovre ad aprire e devi staccare per muoverti (o almeno dovresti)
  4. Rubato nel mio paese Lamborghini 110/120 CV, una decina di anni di vita con su tipo 3000 ore...con attaccato aratro...rubato di domenica mattina, cascina al limite del paese ma i vicini nn han sentito nulla... Che tristezza... Prima avevano provato in altre due cascine molto più fuori ma han rubato solo motoseghe e decespugliatori....
  5. Altro video, questa volta sulla sesa https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/inchiesta-fanpage-sesa-societa-rifiuti-alla-lega/ACWYcDQ
  6. https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/inchiesta-fanpage-sesa-societa-rifiuti-alla-lega/ACWYcDQ Intendevi questo?! Quanto mi fanno schifo
  7. Ma tuo marito come sta?! Il concessionario ora che è successo incidente ha contattato jd Italia!? Cmq roba da denuncia...si è sfiorata la tragedia, su un mezzo nuovo tra l'altro...
  8. Complimenti Vara!!! Ho visto le foto(e il video) su fb e quando ho letto un commento son venuto subito qui per il riscontro... Subito in pista, e ora sotto a macinare ore! Cmq nel video in tutte le curve segue da paura, ci aspettiamo il tuo solito preciso resoconto
  9. Andato anche io venerdì pomeriggio, avevo un appuntamento di lavoro lì vicino e ho colto l'occasione di andarci. Sempre top questa fiera, in più con il bel tempo come quest'anno è una bomba, poi l'STX... MONDIALE???
  10. Ocio raga che qua non si scherza eh... Al di là dei problemi legali si è complici di inquinamenti seri.. http://m.bresciaoggi.it/territori/bassa/fanghi-sparsi-nei-terreni-vogliamo-la-verità-dopo-il-servizio-schock-di-rai-3-1.6814074 Non me lo ricordavo.... Mi fa sempre più schifo questo modo di fare... persone che devono fare il lavaggio del sangue... Per sperare in una vita normale... Ora con l'innalzamento di 20 volte son tutti "legali" grazie agli amici dell'ambiente
  11. Trovo l'articolo scritto più per politica che altro, andando a toccare argomenti che non gli competono. Innanzitutto c'è da dire che la situazione ha preso un'altra piega con il suicidio di uno dei due azionisti fondatori, nonché principale sostenitore del progetto. La crisi mondiale, che ha messo in ginocchio un gruppo del genere, ha poi portato alla presentazione del concordato preventivo, il passaggio prima del fallimento. Andare a girare il dito nella piaga in una situazione del genere, per spillare tre cazzutissimi voti fa davvero vergogna. Ma noi si sa, siamo italiani, siamo solo capaci di godere del fallimento altrui, e mai di fare squadra...
  12. Eh ma è il governo degli ambientalisti, meglio che stia zitto va... Dipende da cosa contengono i fanghi, più ti offrono più devi evitarli...possono essere fanghi da depuratori cittadini (quindi banalmente m.erda umana) o i ben più pericolosi fanghi industriali... Avevo visto su report o un altra trasmissione simile, oltre che non poter più coltivare e dover bonificare (a tue spese più sicuro processo penale, dove sarà molto dura dimostrare la tua buona fede) c'erano stati casi di vicini che si erano sentiti male, soprattutto nausee e problemi respiratori
  13. indovina come mai?! Ocio raga che questo non è digestato o letame...qua rischiate il terreno!
×
×
  • Create New...