Jump to content

mareziano

Members
  • Content Count

    619
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

26 Excellent

About mareziano

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Converted

  • Biografia
    mi piace molto il lavoro manuale di restauro

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    maremma

Converted

  • Interessi
    colleziono e restauro trattori e vespe

Converted

  • Occupazione
    ing. meccanico

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Nessuno sa ancora se è stato risolto il problema e in tal caso capire come, visto che non ci sono state più risposte, le quali servono per cercare di far capire come operare a chi si pone lo stesso problema.
  2. Ottimo, le cose originali a me piacciono molto di più.
  3. Devi controllare che non ci sia tanto gioco quando stringi il bullone, ma vedo che hanno un lato stondato li c'è del consumo, io a questo punto le cambierei, si trovano in vendita. oppure prendi un trafilato tondo e visto che hai il tornio le fai a misura e sei a posto, i dadi se li trovi mettili autobloccanti, una sicurezza in più, a me una volta un dado mi ha sfondato il vetro della cabina se mi prendeva in testa forse non ero quì a scrivere.
  4. Beh!! , chiedere è lecito rispondere è cortesia...... I bulloni io ce li rimetterei come in origine senza dubbi.
  5. Secondo me è un problema di aria sul circuito. Prova ad allentare leggermete il filtro col trattore in moto e fai funzionare il sollevatore per vedere cosa succede, nel mio lamborghini sul filtro c'è una vite di spurgo, qualsiasi circuito chiuso che viene svuotato e poi riempito ha naturali problemi di uscita di aria.
  6. Dare rame in fase di mignolatura secondo me non è proprio il max visto che il rame tende a fermare la pianta e non favorisce lo sviluppo del frutto.
  7. Nel periodo della sfioritura come adesso, la cosa che danneggia sono le temperature, questo improvviso innalzamento non favorisce l'allegagione, sopra 25 gradi ci sono seri problemi, ecco perchè i vecchi detti avevano una ragione.
  8. Per riportarlo nel senso giusto, o si fa con l'accelleratore (vecchi modelli, super, velite) facendo quasi spegnere il motore e quando il volano bilancia dargli gas quando oscilla nel senso giusto, a volte riesce a volte bisogna insistere, ma conta molto l'esperienza, in quelli più recenti. 25 35 45 55 , che hanno il manettino alla pompa si fa con quello. Molto conta il modo con il quale si fa l'avviamento, facendolo bene sono poche le volte che partono in senso inverso. Ricordo di essere stato in un anno due volte in Sardegna, pensate mezzi nuovi non riuscivano a farli partire, al tempo non avevano molta dimestichezza con i mezzi meccanici, li ingolfavano, pienavano le calotte di nafta fino all'orlo e addio partenza. Mio padre diceva che far partire bene il testacalda era un'arte...
  9. E' vero, motore a due tempi, ma mai farlo girare in senso sbagliato per troppi giri, si fanno danni grossi.
  10. Tutto vero, è un motorino particolare che in caso di eccessivo sforzo inverte il senso di rotazione, veniva usato poco, perchè ci voleva la batteria in perfetta forma altrimenti non partiva e le vecchie dinamo di allora non caricavano molto. Il fatto di partire in senso sbagliato succede spesso anche facendo la normale pratica di avviamento a mano.
  11. La candela normale oltre ad incendiare meglio la benzina, aveva bisogno di meno corrente per il funzionamento, mentre nel caso della candeletta se la batteria non era perfettamente efficiente era difficile farlo partire, veniva montata sui 45, 55 35/8, 35/40 ecc. quando si faceva fare l'avviamento con il motorino, in quel caso quando erano a posto "partivano" a nafta anche senza scaldare la testa. La landini questi accorgimenti li fece quando si accorse che la concorrenza di allora li stava sorpassando, infatti già i primi om , i same, e molti altri erano molto più semplici nell'avviamento, loro cercarono di portare accorgimenti migliorativi, ma non sempre del tutto efficienti. Si anche il mio è una seconda serie come il tuo con la dinamo sul regolatore
  12. Tutto è bene quel che finisce bene, io di cilindri crepati con quel sistema ne ho visti e cambiati due negli anni in cui la gente voleva sfruttare l'innovazione, naturalmente non può essere questa la regola, ma parlando del 25, non va dimenticato che per muovere un pistone a freddo di quel diametro ci vuole una bella botta, se parte al primo tentativo diciamo tutto bene, ma al secondo già diventa pericoloso, per quanto riguarda il bruciatore per me il gas è molto più pericoloso, mai avuto problemi con le lampade se ben funzionanti.
  13. Non sempre gli iniettori di questi trattori sono perfetti, e per non correre rischi con questo sistema di accenzione devono esserlo altrimenti il rischio è altissimo, questo è quello che raccomandavano i tecnici della Landini nella consegna del trattore, i quali consigliavano quasi sempre l'accenzione con la lampada a petrolio, allora la fiaccola ancora non esisteva e con il petrolio i tempi di riscaldo erano più veloci. Ogni mio modello la sua lampada e la uso quasi sempre, è un operazione che ha il suo fascino.
  14. Ho visto diversi cilindri aperti, con la benzina, praticamente da buttare.
×
×
  • Create New...