Jump to content

daniel5720

Members
  • Content Count

    876
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

13 Good

About daniel5720

  • Rank
    Utente Tractorum.it
  • Birthday 05/07/1994

Converted

  • Paese o zona di provenienza
    Chioggia (VE)

Recent Profile Visitors

8510 profile views
  1. Costano un sacco i calibri piccoli, per di più quelle da hobbista calibro 25-30. L'importante è tenerle in un luogo buio e non freddo. Ora sentiranno la stagione e dopo non le ferma più nessuno. Se non fosse per la distanza, ti venderei io del seme avanzato 😀 Quest'anno in rapporto al prezzo, si sono ottenute molte più patate..fattore difficile da prevedere all'acquisto
  2. Non vedo niente di particolare, si tratta di una cessione di beni, quindi servirebbe solo una fattura. Assieme allo stallatico puoi dare del nitrato ammonico 250 kg/ha Se la terra spinge tanto bisogna buttare meno roba possibile
  3. In zona anni fa qualcuno ha provato ma erano altre varietà. Da quel che ricordo non erano per niente adatte alla nostra zona, stadio vegetativo niente da dire ma tuberizzazione quasi assente. Generalmente parlando, esistono patate che vengono bellissime su sabbia e altre che pare impossibile ma vero, se non sono su terra rossa o argilla vengono brutte rugose come scorfani. Se il prodotto viene bello ed è poco reperibile, te le pagano. Vengono messe praticamente a livello hobbistico. Bisogna proprio che ti fai strada, sai che servono effettivamente a determinati clienti e allora vendi. Anche le cose più bizzarre hanno un mercato
  4. In pieno marzo vai tranquillo, diciamo che prima si piantano meglio è, in modo che concludano il ciclo prima del caldo e si limitano conseguenti disagi, malattie ecc
  5. Interessante, comunque il Treviso con il ciclo più lungo che ho visto era di circa 130 giorni. Da mettere in "parallelo" al Rubro non ce ne sono. Ormai la genetica fa miracoli, fibre vegetali più consistenti e con cicli più brevi si ottiene un prodotto stoccabile a lungo termine.
  6. Sabbia su per le orecchie, il naso e il c..verso le 16:00 ci siamo imbattuti in una tromba d'aria. Diverse serre e colture sotto polietilene scoperchiate. Poteva anche andare peggio
  7. innanzi tutto di che zona sei?
  8. Può essere la tenuta dentro il pistone, a me è capitato sullo sterzo dell'Explorer. Perdeva sempre
  9. Con la ruota panoramica di traverso non ne avevo mai viste
  10. Anche le mie 100,08 al quintale. Per la tignola c'è chi ha provato anche con calciocianamide ma non so come è finita. Bisogna saperla usare con cautela specialmente se è stata sparsa sostanza organica
  11. Vengono col culo là..e bianche poi..già le immagino. Per fare più di 400 q bisogna spendere parecchio in trattamenti, bagnare e alla fine non è detto che i risultati ci siano. I conti è bene farli ma prendere i valori con le pinze. 4 nebbie e muoiono rabbiose
  12. Le varietà richieste dall'industria sono disponibili in lotti ridotti quest'anno a quanto pare, per certi versi riescono a trovare alternative multiuso fresco/industria. Qualcosa dovrebbe incidere sul mercato, mi è arrivato l'altro ieri del seme ordinato a inizio dicembre. Questo per dire che anche la i crucchi sono incasinati con le spedizioni. Le avresti raccolte con quella a scasso?
  13. Si fanno quasi solo così. Un amico a Rosolina ha provato anni fa seminate d'estate, la motta troppo alta influisce molto sulla lunghezza però. Come risultato vengono pali e con foglia sanissima anche su terre basse sotto l'Adige. Forse aumentando ulteriormente la densità cambia qualcosa o con colmo piu basso
  14. Certi, le primissime semine le hanno fatte sui colmi...come difendersi dai danni da piogge pericolose. Un equivalente delle 2 file che facciamo qua
  15. Non so, di sicuro la roba buona è stata raccolta quasi tutta..manca poco per le Ispica igp
×
×
  • Create New...