Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Mostra risultati per tag 'biologico'.

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Tractorum.it
    • Articoli dal Portale
    • News
    • Comunicazioni con lo Staff
    • Presentazione nuovi utenti
    • Manifestazione agricole
    • Iniziativa del mese
  • Macchine agricole
    • Trattori da campo aperto
    • Cingolati
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
    • Macchine Agricole Varie e Componentistica
  • Trattori Specializzati e Macchine Semoventi
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
  • Agrotecnica
    • Attrezzature Agricole
    • Coltivazioni erbacee
    • Coltivazioni arboree
    • Zootecnica
    • Opifici e Macchine per la Trasformazione dei Prodotti Agricoli
    • Bosco e colture boschive
    • Bioenergie
    • Normative agricole
    • Mondo Agricolo
  • Meccanica
    • Tecnica
    • Officina
  • Storia
    • Storia macchine agricole
    • Trattori d'epoca
  • Altro
    • Modellismo
    • Tractor Pulling

Cerca risultati in...

Trova risultati che contengono...


Data di creazione

  • Inizio

    Fine


Ultimo Aggiornamento

  • Inizio

    Fine


Filtra per numero di...

Iscritto

  • Inizio

    Fine


Gruppo


Biografia


Paese o zona di provenienza


Interessi


Occupazione


Ricevi Newsletter


Homepage


Icq


Aim


Yahoo


Msn


Skype

Trovato 2 risultati

  1. MatteEyes

    Pisello proteico

    Ciao a tutti, sono nuovo qui dentro e non conosco bene come funziona ma spero possiate aiutarmi. Abbiamo una piccola azienda agricola BIO in collina-montagna e solitamente coltiviamo, oltre che fieno di erba medica e altro, frumento duro e tenero e un po' di farro. Ultimamente ho iniziato a pensare di inserire nelle rotazioni anche il pisello proteico,ma qui in zona nessuno lo coltiva da granella. Secondo voi può avere senso o è solo una perdita di tempo e soldi? Più che altro I miei dubbi erano legati alla semina e alla trebbiatura. È sufficiente una seminatrice normale da frumento anche se abbastanza datata o potrei avere problemi? Per la trebbiatura invece va bene qualsiasi macchina o le più vecchie fanno fatica a trebbiarlo? Perché qui in zona le macchine più moderne arrivano sempre troppo tardi dopo che hanno finito più giù, altrimenti ci sono solo macchine un po' più datate. Esempio Laverda 3300 AL. È sufficiente una mietitrebbia del genere? E in che modo andrebbe regolata? Grazie a tutti
  2. Apro questa discussione per far girare alcune informazioni importanti che potrebbero mettere in ginocchio la viticoltura biologica italiana. Siamo tutti (o quasi) a conoscenza della confusione che regna nel campo dei residui dell'acido fosfonico/fosforoso (i due termini indicano due molecole tautomere) ed etil-fosforoso. intere partite di vino anche imbottigliato sono ferme in USA e Germania per tali residui non giustificati. Il Crea ha fatto un primo studio "Biofosf" su come nasce e modifica questo metabolita nella pianta. Sulla base di questo studio, il ministero, con una nota ha normato il quadro esistente. (vedi allegato) Ma non si è fermato: adesso c'è allo studio la proposta di legge di declassare tutte le partite di UVA con valore superiore a 0,1 mg/kg di ac. fosforoso/fosfonico. Cosa succederebbe? semplicemente che il 95% delle uve italiane biologiche sarebbero declassate a convenzionale. Questo perchè in via naturale, la pianta produce questo metabolita quando posta in situazione di dover "reagire" contro la fitopatie, in quantità più o meno elevate rispetto a questa soglia. (quindi non mi sto riferendo a chi fa il furbetto usando prodotti non ammessi) Perchè il ministero da questo: per farsi "bello", perchè in Europa l'italia è sempre considerata "l'ultima" in tutto; con questo giochino, l'Italia sarebbe la prima a normare la materia, e quindi diventa un esempio e diventa, improvvisamente, un Modello per tutti. Capiamo come i giochi politici per la ricerca del prestigio diventino a questo punto non solo deleteri, ma assolutamente in disastro per tutti i coltivatori biologici. cosa fare adesso? Sembra che le associazioni sindacali siano contrarie, a parte coldiretti (che a mio modo di vedere...sta sempre col potere...), gli ODC sono contrari, per cui c'è bisogno che da più parti ci si muova e si faccia pressione nelle nostre regioni e presso gli assessori all'agricoltura e tutti coloro. Facciamo sentire la nostra voce! Nota Ministero Fosfiti.pdf
×
×
  • Crea Nuovo...