Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'campo'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Tractorum.it
    • Articoli dal Portale
    • News
    • Comunicazioni con lo Staff
    • Presentazione nuovi utenti
    • Manifestazione agricole
    • Iniziativa del mese
  • Macchine agricole
    • Trattori da campo aperto
    • Cingolati
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
    • Macchine Agricole Varie e Componentistica
  • Trattori Specializzati e Macchine Semoventi
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
  • Agrotecnica
    • Attrezzature Agricole
    • Coltivazioni erbacee
    • Coltivazioni arboree
    • Zootecnica
    • Opifici e Macchine per la Trasformazione dei Prodotti Agricoli
    • Bosco e colture boschive
    • Bioenergie
    • Normative agricole
    • Mondo Agricolo
  • Meccanica
    • Tecnica
    • Officina
  • Storia
    • Storia macchine agricole
    • Trattori d'epoca
  • Altro
    • Modellismo
    • Tractor Pulling

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Biografia


Paese o zona di provenienza


Interessi


Occupazione


Ricevi Newsletter


Homepage


Icq


Aim


Yahoo


Msn


Skype

Found 2 results

  1. Probabilmente a qualcuno sarà capitato di sentir stimare appezzamenti di terreno non in ettaro o sue frazioni espresse in migliaia di mq. Ma, soprattutto dalla voce dei più anziani, ed a seconda dei luoghi di appartenenza, avrà potuto intendere strane parole……tornature, campi, biolche, salme, giornate, piò….. E forse anche in discussioni su prodotti agricoli potrà aver inteso invece di quintali, sentir stimare in sacchi, some, barili, rubbi, corbe, migliari .. Da dove discendono questi nomi? Semplicemente dalle vecchie misure degli Stati Italiani preunitari. Ante che il neo costituito Regno d’Italia decretasse che le misure ufficiali dello Stato fossero le metrico decimali, consolidate da scienziati Francesi alla fine del XVIII secolo e già fatte adottare da Napoleone nei suoi stati, ogni precedente dominio aveva le sue. E non sarebbe stato poi un grossissimo problema l’unificazione di 6 o 7 sistemi di misurazione; il problema era che non solo ogni precedente Governo aveva le sue, il problema era che spesso non solo ogni vecchio stato ma ogni città, circondario fino al più piccolo paese facente parte di questa dominazione aveva le proprie. Pur se di computo “ufficiale” in tutto il mandamento erano quelle della Capitale si arrivava a casi limite nei quali paesi che giungevano a stento ad aver qualche centinaio di abitanti ne avevano specifiche. Ed a complicare il tutto, mai ve ne fosse stato il bisogno, tra i piccoli paesi pure ve ne erano di quelli che non avendo proprie misure non adottavano esclusivamente le conformi di una comunità vicina; di questa magari seguivan le misure di superficie, di un'altra circonvicina quelle di peso e di un'altra ancora quelle di volume. Discendenti dalle antiche del dominio di Roma, modificate alcune dai Longobardi, addottate da Signorie poi decadute, alterate per l’uso od incuria i campioni, ma comunque in seguito pienamente consolidate e riportate…si immagini che babele e nelle misurazioni e nel commercio. Dall’avvento della stampa in poi è un continuo susseguirsi di testi direttamente specifici dai titoli.. “ ragguaglio tra i pesi e le misure..” “ le misure delle piazze xy” ed altri titoli inerenti. Ancora non vi è manuale, edito anche nella prima metà del secolo scorso, per gli addetti ai lavori (agricoli, edili od altro) che non ha il suo capitolo od appendice inerenti ad esse. E le Camere di Commercio provinciali tuttora hanno in archivio i valori delle vecchie misure qualora, nonostante negli anni 30 vi fu il riordino degli “ usi civici “, vi fosse la necessità di interpretare, magari in caso di contenziosi, antiche consolidate misure comparandole al legale odierno sistema di misurazione. Non che nel resto d’Europa comunque le cose stessero diversamente; misure “ufficiali “sì per i vari Regni ma miriadi di valori diversi anche da loro a seconda delle varie “ piazze” ( termine con i quali venivano indicati i fori di mercatura). C’è pur d’aggiungere che sia il Granducato di Toscana nel 1782 che il Reame delle Due Sicilie nel 1840 avevano decretato le unificazioni dei pesi e misure nei loro domini ma sempre si trattava di sistemi non metrico decimali come quello adottato nel 1877 definitivamente con Decreto dal Regno d’Italia nel 1877 ( precedenti decreti erano stati emessi anche mano a mano che le regioni venivano accorpate al costituendo stato unitario come ad es. quello relativo all’introduzione del metrico decimale nelle Romagne nel 1859). Tanto per dare idea dei molteplici valori, in inerenza alla Romagna vista come identità propria , configurandola quindi idealmente da sotto il Bolognese al mare Ravennate sino a giungere ai paesi ai confini delle Marche e con lo spartiacque appenninico come ultimo lato , il Rossetti nella sua Monografia del 1894 , volume di buona mole, deve occupare più di 20 pagine della sua opera per elencare i valori correnti nelle singole realtà.
  2. Bene facciamo un bel sondaggio pre stabilire quale è il marchio peferito dai tractorumisti per quanto riguarda i trattori. Badate bene che dovete solo votare il marchio, il primo che dice perchè cancello subito se no viene fuori un putiferio se ognuno interviene. Grazie a buon intenditor...... Il sondaggio non ha scadenza e la preferenza non si può cambiare. Volevo dire che il sondaggio è pubblico, quindi basta che ognuno di vi faccia clic su uno dei numeri qualsiasi e si rende conto chi a votato cosa (e chi di dovere prenderà le opportune misure.....) per trasparenza.
×
×
  • Create New...