Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'vigneto'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Tractorum.it
    • Articoli dal Portale
    • News
    • Comunicazioni con lo Staff
    • Presentazione nuovi utenti
    • Manifestazione agricole
    • Iniziativa del mese
  • Macchine agricole
    • Trattori da campo aperto
    • Cingolati
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
    • Macchine Agricole Varie e Componentistica
  • Trattori Specializzati e Macchine Semoventi
    • Specializzati
    • Macchine da raccolta
  • Agrotecnica
    • Attrezzature Agricole
    • Coltivazioni erbacee
    • Coltivazioni arboree
    • Zootecnica
    • Opifici e Macchine per la Trasformazione dei Prodotti Agricoli
    • Bosco e colture boschive
    • Bioenergie
    • Normative agricole
    • Mondo Agricolo
  • Meccanica
    • Tecnica
    • Officina
  • Storia
    • Storia macchine agricole
    • Trattori d'epoca
  • Altro
    • Modellismo
    • Tractor Pulling

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Biografia


Paese o zona di provenienza


Interessi


Occupazione


Ricevi Newsletter


Homepage


Icq


Aim


Yahoo


Msn


Skype

Found 10 results

  1. Salve a tutti, vorrei chiedervi come gestite la manutenzione dei vigneti. Spiego il mio metodo e avrei bisogno di un suggerimento. Utilizzo l'app della https://play.google.com/store/apps/details?id=lt.noframe.fieldsareameasure Decido di inserire un punto di interesse (POI) e lo classifico come passone, testata, filo rotto ecc.. così quando sono in vigna per fare manutenzione apro la mappa e trovo subito i punti (prima utilizzavo un foglio excel con i numeri dei filari ma così è decisamente meglio). Ovviamente tutto questo lo faccio sul mio smartphone ma c'è qualche applicativo che permette di gestire i punti di interesse e lavorarci da più smartphone? Così i dipendenti lo vedono subito Grazie
  2. Salve a tutti vi scrivo per chiederVi un parare riguardo un acquisto che dovró fare a breve. Ho un azienda Agricola di circa 9 ettari situata in pianura in prov. Di Brindisi, di cui 5 Ha a vigneto con impianto a spalliera 2.20x1.10 e 4 Ha di ulivi secolari (Xylella permettendo). Visto il budget limitato ho pensato di acquistare un Landini serie 2 da 50 cv ma non so se puó andar bene per tutte le lavorazioni anche in prospettiva dell'acquisto di un coltivatore Ciancaglini per le operazioni di interfila che comunque ha un peso tra i 5 e i 6 q. li. Sarebbe meglio un isodiametrico? Accetto tutti i vostri consigli. Saluti
  3. Salve a tutti Mi stavo chiedendo se qualcuno ha mai provato a contenere la crescita delle malerbe in un vigneto o un frutteto utilizzando un rullo crimper di quelli normalmente usati per il sovescio. Ovviamente la grossa differenza è che in questo caso il rullo viene fatto lavorare su un terreno ben compattato Grazie per eventuali risposte e/o considerazioni Un saluto
  4. Salve volevo aprire questa nuova discussione per parlare un po' del vigneto; Bè comincio io, ho circa un ettaro di vigna nelle colline bertinoresi, provincia di forlì-cesena, in due campi separati; un mezzo ettaro da una parte, e l'altro mezzo dall'altra:2funny: una vigna è di sangiovese allevato a guyot, e albana a doppio guyot, con qualche filare corto di trebbiano e pagadebit ( sempre a doppio guyot); l'altro vigneto è quasi tutto sangiovese allevato a cordone speronato (era a doppio capovolto, ma io l'ho modificato a cordone speronato ) con due filari lunghi di trebbiano allevato a doppio capovolto (per mantenere le tradizioni locali ) Lunedì ho già cominciato la potatura del sangiovese... Forse è un po' presto, ma dato che va bel tempo meglio approfittarne:asd: Voi che ne pensate? CiaoCiao:briai:
  5. La FerramentaBrico è in grado di fornire tutti i prodotti necessari per la realizzazione del tuo vigneto. Abbiamo tecnici Agrari pronti a fornire la miglior consulenza tecnica utile per la posa in opera del tuo vigneto. I pali di sostegno per il vigneto sono personalizzabili in base alle esigenze del cliente, (misure personalizzabili), in quanto la Ferramenta Brico vanta una collaborazione consolidata per la Mettallurgica Irpina, azienda Leader nella produzione di Paletti per vigneto, e Rete metalliche. Pertanto possiamo fornire ogni tipo prodotto, con esigenze diverse, per far si che il suo vigneto sia un vigneto di qualità. A partire dalle soluzioni anticorrusione come i paletti prezincati i in Corten, passando per il filo Bekeat, fino ad arrivare a tutti gli accessori necessari come ancoraggi, giuntafilo ecc. Scoprite i nostri consigli e i nostri prodotti visitando http://www.palipervigneto.it/.
  6. Salve a tutti, cercavo informazioni su come regolare la velocità di rotazione delle margherite di una prepotatrice Pellenc in base alla velocità di avanzamento del trattore. grazie
  7. Con http://www.macgest.com e http://www.agronotizie.it io parteciperò. La manifestazione si svolge alla Cattolica Agricola (Tenuta Ca' Tron) a Roncade, Treviso. Ci sarà anche il Vota il trattore che stiamo organizzando con Unione Italiana Vini. Quest'anno sarà la prima volta in cui Fieragricola è partner dell'organizzazione dato l'accordo con gli organizzatori (UIV appunto).
  8. Ciao a tutti! Sono in procinto di acquistare un cingolo e la scelta si è ristretta tra un Fiat 465 e un Fiat 455. (di 455 ne ho visti un po' e alla fine ho ristretto a uno) Il 455 è dell'80 e ha qualche lavoro da fare ad un freno, nonchè da mettere un paio di distribuzioni idrauliche. Ha qualche piccola perdita d'olio da una ruota posteriore. Il motore è ok, anche se ho notato del bianco nel tappo del radiatore, non vorrei fosse qualche tipo di turafalle. Il 465 che ho visto è una macchina decisamente in ordine, poco più di 2000 ore, anno 1985, motore gira molto bene, caterarie e ruote in buono stato. Avrei a riguardo due domande: - Il 465 è un modello vigneto, ossia largo 116, mentre il 455 è largo 126/128. Il 465 vigneto ha anche il baricentro più basso per bilanciare una base d'appoggio più stretta? Ho diversi terreni parecchio in pendenza.. Si trova da qualche parte documentazione sulle pendenze percorribili con "ragionevole sicurezza" e dati sull'altezza del baricentro in queste macchine? - Il 465 è un modello abbastanza raro: ho sempre visto tanti 455, ma quasi nessun 465. Ho contattato diverse officine per un consiglio, e la risposta unanime è stata: il 455 è una macchina affidabile, il 465 ha deluso le aspettative. Ma nessuno è sceso nei particolari e mi ha detto in cosa il 465 non sia valido. Qualcuno sa darmi delucidazioni in merito? Come mai ha venduto poco? Ha dei difetti? Il 465 mi costerebbe circa 1000 euro in più, ma mi sembra decisamente messo meglio, non dico come modello in generale, ma nello specifico dei mezzi che ho visto e provato. Grazie !! Ciao Juri
  9. Salve a tutti, vorrei sottoporre alla vostra attenzione un problema. Posseggo un piccolo vigneto di 700 ceppi impiantato a cordone speronato su 5 filari, di otto anni. Il problema è che ogni volta che piove in modo un po' abbondante tutta l'area al centro del vigneto si allaga, tanto da sembrare una palude (impossibile il passaggio, si affonda al ginocchio!). Morale della favola, nonostante effettui in modo regolare e attento tutti i trattamenti possibili (cure invernali, antioidici e antiperonosporici di contatto e sistemici, antibotritici ecc.), a fine giugno trovo immancabilmente la sorpresa che tutti i ceppi della zona centrale della vigna si infestano gravemente di oidio, tanto che la scorsa vendemmia ho fatto solo 150 litri di vino. Come poter fare a risolvere la faccenda?? Qualcuno mi ha parlato di inerbimento, data la difficoltà di rilivellare il terreno..... Accetto consigli! Grazie. Ps. Dei 5 filari tre sono di San Giovese, uno metà Alicante e metà Cagnolare, uno Vermentino.
  10. Salve ho scoperto il forum navigando. Ho un Lamborghini DT660 e fino ad oggi ho usato trincia Sovema FV (mi sembra) 150, sono soddisfatto ma adesso ho deciso di prendere un trincia a giraffa. Sono indeciso tra l'Ubaldi PLV M 160 ed il Berti TA/MI 160. Io sul mio trincia ho sempre usato i coltelli e mi sono sempre trovato bene anche se con cose un po grosse rinuncio a tagliairle. Ora pensavo di prendere il nuovo con le mazze (zappe) per poter macinare i residiu di potatura dell'oliveto, della mia piccola vigna, la macchia mediterranea e le bordure. La mia paura è che nell'uso prevalente che faccio del trincia, tagliare l'erba nell'oliveto, le mazze non vadano bene, siano lente. Per questo pensavo di prendere oltre alle mazze i coltelli per cambiarli. Il Berti mi andrebbe bene però se prendo quello con le mazze deve rimanere cosi, non si possono cambiare con i contelli. Inoltre il Berti ha 16 mazze contro i 20 dell'Ubaldi. Il venditore di Berti mi ha detto che con le mazze taglia benissimo l'erba e che il loro rotore e migliore e taglia megli degli altri. Siccome è un acquisto impegnativo che deve durare, non vorrei sbalgiare. Dimenticavo ho trovato una Sovema leggera da 160 con braccio omocinetico, poco usata, a 3400 euro. Aspetto consigli
×
×
  • Create New...