Jump to content
Tiziano

Trattori Moline Minneapolis

Recommended Posts

Apro un argomento nuovo poiché non mi sembra di trovare qualcosa di già “aperto” sui Moline Minneapolis tra le più classiche macchine USA, i primi due sono di un mio amico, uno ha la motorizzazione a petrolio (distillate come lo chiamavano negli usa) mentre l’altro è stato rimotorizzato con un diesel Bianchi ricavato dell’autocarro Miles, metto una immagine sia dell’autocarro e del motore per meglio comprendere, l’ultima foto l’ho scattata personalmente negli anni 80 presso un demolitore, si nota il marchio “Perkins” sul cofano e anche osservando le fattezze del motore, sembra corrispondere.

 

Sinceramente non so se fosse una versione approntata per il nostro continente, se qualcuno ha notizie in merito, sono ben accette.

Se ci badate, dietro si riconosce un Hanomag e a lato (presumo) un Massy Harris.

 

20130516136865590202225.jpg

 

20130516136865616124769.jpg

 

20130516136865639114725.jpg

 

20130516136865654143404.JPG

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nostro amico Franco 67 se non erro ne ha uno anche lui

Share this post


Link to post
Share on other sites

...bella discussione questa !!

...il logo Perkins è bello visibile sul cofano :) ..abbastanza strano , no ? ...

...una domanda , ma il posto guida è leggermente spostato a sinistra ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Apro un argomento nuovo poiché non mi sembra di trovare qualcosa di già “aperto” sui Moline Minneapolis tra le più classiche macchine USA, i primi due sono di un mio amico, uno ha la motorizzazione a petrolio (distillate come lo chiamavano negli usa) mentre l’altro è stato rimotorizzato con un diesel Bianchi ricavato dell’autocarro Miles, metto una immagine sia dell’autocarro e del motore per meglio comprendere, l’ultima foto l’ho scattata personalmente negli anni 80 presso un demolitore, si nota il marchio “Perkins” sul cofano e anche osservando le fattezze del motore, sembra corrispondere.

 

Sinceramente non so se fosse una versione approntata per il nostro continente, se qualcuno ha notizie in merito, sono ben accette.

Se ci badate, dietro si riconosce un Hanomag e a lato (presumo) un Massy Harris.

 

20130516136865590202225.jpg

 

20130516136865616124769.jpg

 

20130516136865639114725.jpg

 

20130516136865654143404.JPG

Come ha detto il buon San64, io ne ho uno restaurato, con motore originale a petrolio, nella mia zona c'era un concessionario, che a richiesta impiantava su questi trattori il motore perkins, e in alcuni anche l'assale anteriore largo del nuffield, ne ho visti alcuni girando per le compagne, la flangia del motore inglese si adattava perfettamente ai carro originale, questo e' un trattore molto veloce su strada, e mi raccontava mio zio, che sostituito il motore era molto valido per azionare la trebbia, mentre con il motore originale dava problemi, oltre a consumare enormemente, il mio che lo accendo una volta l'anno, consuma una latta di petrolio in un ora.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cerchiamo di risalire alla storia.....al loro ingresso in Italia e hai modelli che c'erano.....presumo che siano macchine del dopo guerra

Share this post


Link to post
Share on other sites

era il 1929 quando Minneapolis Moline viene al mondo come azienda produttrice di trattori e attrezzi. Agli inizi erano 3 aziende ben distinte: Minneapolis Machinery, Minneapolis Threshing machine e Moline Plowt, la sede centrale dell'azienda era in Minnesota, nei primi anni 60 (se non erro) viene acquistata dalla White motor company e nel 75 il marchio minneapolis-moline scompare definitivamente.

Minneapolis Moline è stata il primo marchio agricolo ad adottare la cabina chiusa su un trattore, nasce il Udlx, detto anche conforttractor (1938)....era una novità assoluta anche l'avviamento elettrico, la radio in cabina, il riscaldamento e un cruscotto degno di chiamarsi tale.

Facevano modelli a 4 e 6 cilindri, ricordo la serie G che montava un 6 cilindri da 70cv per 7000cc....di questo venivano fatte 3 versioni, a gasolio, a benzina e a gas!!!!

Per chi ha dei figli piccoli e magari una volta ha avuto occasione di vedere il cartone animato "Cars" con saetta mc queen...ricorderà una scena nella quale c'erano proprio dei Minneapolis Moline che dormivano nei campi di grano!!

 

Alcune cose le sapevo già, altre le avevo lette su un libro di mezzi agricoli che mi avevano regalato!

 

http://www.bigtractorpower.com/images/btpmm.6.jpg

http://www.strangeoldepictures.com/images/content/185899.jpg

http://www.agweb.com/assets/1/6/1973MinneapolisMolineWheatland.gif

 

ecco un video di uno all'opera!:

Edited by fabio88

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

ecco un video del trattore di franco67...................con dj rudy alla guidaO0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, da quanto ne so dopo la seconda guerra mondiale negli Stati Uniti si attuo il piano Marshall, per far rirendere l'economia dell'Italia e soprattutto l'agricoltura, gli USA inviarono via nave circa 600 Minneapolis Moline che vennero dati ai contadini italiani, devo dire che il modello che adoro in particolare è l'UTU, sarei pure interessato a restauramene uno ma purtroppo non si trovano, è davvero poco diffuso visto che non ne ho ancora mai visto uno dal vivo, in Piemonte dalle mie parti non ce ne sono!!!

A questo punto la domanda sorge spontanea, chi di voi sa di un UTU nella su zona, sul web in Italia so di Piacentini che grazie al suo stupendo sito ha un UTU, ma altri non ne conosco possibile che non siano sopravvissuti fino i giorni nostri esemplari di questo trattore, facciamo un mini-censimento.

Se non è chiedere troppo i possessori di tale modello come si trovano...richiede molta manutenzione,è facile avviarlo (a manovella essendo a petrolio), consuma molto, da soddisfazioni, ha difetti congeniti, è comodo da guidare o si sente troppo lo stampo americano, è apprezzato durante i raduni....insomma dite la vostra, recensite il Minneapolis Moline UTU, in modo che anche chi non l'ha mai visto si posa fare un idea di tale trattore!!!

Intanto vi allego una foto de trattore del film Cars dove anche io penso si sa preso spunto dal Minneapolis UTU...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uno stupido vicino a me ha un Minneapolis modello U di sicuro con motore OM mi sembra, in più ha sostituito l' avantreno e adesso lo lascia marcire nelle erbacce e rottami ma non lo vende

Share this post


Link to post
Share on other sites

:AAAAH: NOO!!!! :AAAAH:

Premetto che mi rattristano tutti i trattori abbandonati che hanno lavorato valorosamente nelle nostre campagne e vederli nell'erba alta a marcire mi fa una rabbia...è un crimine!!!:muro:

E anche il Minneapolis da te citato sta facendo la stessa fine...peccato che non lo abbiano mantenuto originale se no se fosse stato per lo meno integro e completo sarei arrivato di corsa...che :( peccato :cry:....se riesci a fargli una foto pubblicala cosi vediamo in che stato è

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma una domanda, come mai all'anteriore hanno quelle ruote vicine e strette?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche alcuni trattori FIat erano configurati con questa soluzione (25R e 411R) sostanzialmente per i lavori interfilari con l'attrezzo sottopancia, quasi sempre una sarchiatrice, e per il fatto che ottenevano una svolta molto stretta, con la ruota interna posteriore alla curva a fare da perno.

Una tendenza sostanzialmente statunitense.

Anche gli OTO Melara avevan oquesta configurazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche mese fa ho portato a casa un altro Minneapolis UTU, questo e' stato modificato, monta l'assale anteriore allargato, e nel 1960 gli e' stato montato il motore perkins L 4 da 70 cavalli, il trattore va in moto, ma passa acqua nel'olio, mi sono andato a documentare, e ho trovato un dépliant del motore L4 in questione, veniva fornito dalla perkins gia pronto con campana da montare sui Minneapolis, sul mio, e' stato anche aggiornato il libretto, ora ho trovato un motore usato uguale da poter montare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande Franco, sempre all'opera!! Quindi qualche ricambio si riesce a trovare ancora? Ma ce ne sono stati tanti in Italia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche alcuni trattori FIat erano configurati con questa soluzione (25R e 411R) sostanzialmente per i lavori interfilari con l'attrezzo sottopancia, quasi sempre una sarchiatrice, e per il fatto che ottenevano una svolta molto stretta, con la ruota interna posteriore alla curva a fare da perno.

Una tendenza sostanzialmente statunitense.

Anche gli OTO Melara avevan oquesta configurazione.

 

Grazie per la spiegazione Tiziano, molto gentile :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grande Franco, sempre all'opera!! Quindi qualche ricambio si riesce a trovare ancora? Ma ce ne sono stati tanti in Italia?

 

da quello che e' scritto ne dovrebbero aver importati 600 appena dopo la guerra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riapro la discussione dopo un po di tempo...la mia lunga ricerca mi ha fatto trovare quasi per caso il museo dei trattori d'epoca di Bosconero in pemonte...e mentre sfogliavo la loro galleria ecco spuntare un utu conservato con puleggia molto bello....appena possibile lo vado a vedere, anche se non è in vendita non vedo l'ora di rifarmi gli occhi, nessuno sa se c'è qualche utu in vendita o conosce qualche possessore di Minneapolis moline che voglia vendere in italia al momento io sono sempre alla ricerca:asd:...vi terrò aggiornati, a presto

Edited by luca80r-argo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi ringrazio per aver buttato un occhio su internet ma purtroppo gli unici modelli che mi attirano sono l'UTU e l'UTR cambia principalmente la mascherina e altre piccole cose, tutti e due a triciclo...un aspetto a ci tengo molto è il valore storico italiano, su siti americani si trovano modelli in uno stato discreto a 3,000 $ neanche un esagerazione ma ciò che mette in difficolta sono il trasporto e le tasse di importazione....per non parlare dell'aspetto più importante, non hanno lavorato nelle nostre campagne per tutta la loro vita come quelli del piano Marshall.:cry::smitten:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...