Jump to content
Diego

prima agricoltore o prima il terreno???

Recommended Posts

Ciao a tutti, sono Silvia la mamma di Diego. Finalmente una decina di giorni fa è arrivato il nostro primo trattore!!!! E' un vecchio John Deer 2130. Bello e per noi è fantastico.

Ora un primo problema, ho cercato anche qui nel forum e mi pare di aver capito che per intestarmelo devo andare alla Motorizzazione a chiedere la P.I per il terreno, io al momento ne ho uno di soli 4000 mq. Spero sia ancora così perchè in effetti la discussione che ho letto era di 5 anni fa e le leggi cambiano costantemente.

Quello che più mi interessa è poter fare l'assicurazione al trattore, ma non so se per farla guardano a chi è intestato il mezzo. Con il trattore mi capiterà di fare pochissimi tratti di strada pubblica, però forse è meglio fare il passaggio di proprietà.

 

La mia domanda però in realtà è un'altra: qui vicino vendono circa 20000mq di terreno agricolo, mi piacerebbe davvero tantissimo acquistarlo e poi lavorarlo. Questo è il mio sogno e quello di Diego! Il problema però è che io sono impiegata, non coltivatrice diretta e certamente acquistare un terreno di 20000mq non mi darà da vivere. Cosa posso fare per usufruire delle agevolazioni date ai coltivatori? Userò quel terreno per coltivare e chissà, magari un domani potrei davvero passare a fare questo di mestiere, o magari lo farà Diego. Per quanto ne so per iscriversi come coltivatore bisogna avere requisiti che una persona che "inizia" non può avere.Su un terreno del genere come privato avete idea delle tasse che dovrei pagare????

 

Avete qualche consiglio da darmi? prezzo campo più tasse da privato = mi sa che devo rinunciarci!!!

E' un po' come "è nato prima l'uovo o la gallina??" Anche qui, se non hai un terreno e un'attività agricola non puoi essere coltivatore diretto, ma per poter prendere un terreno esteso a cifre ragionevoli bisogna essere coltivatori!!!

Vi ringrazio moltissimo per qualunque chiarimento consiglio che vorrete darci.

Ciao

Silvia e Diego

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuta Silvia e complimenti per la passione, molto difficilmente si trovano donne interessate all'agricoltura.

 

innanzitutto se hai comprato un trattore è fondamentale che te lo intesti con regolare passaggio di proprietà in motorizzazione, costa circa 70 euro.

te lo consiglio perchè solo allora potrai dire che il trattore è il tuo e miraccomando sempre assicurato, si fa veloci a finire nei casini e per 110 euro più o meno lo assicuri per un anno intero. L'assicurazione falla a te stessa come proprietaria del trattore ! assicurare un mezzo dalla quale non sei intestataria non è consigliabile secondo me.

Per fare il passaggio ti chiedono varie certificazioni tra le quali iscrizione come IAP o coltivatore diretto, certificazione in quale comune possiedi i terreni etcc..

 

ora il dunque, devi iscriverti e ciò non ti preclude niente, sei impiegata e continuerai a fare l'impiegata non importa.

Puoi essere coltivatrice diretta ugualmente, devi rivolgerti ad una associaizone tipo coldiretti, cia, confagricoltura etcc.. e loro ti fanno l'iscrizione e ti daranno tutti i documenti.

Ora il bello, per l'iscrizione occorre avere un tot di ULU che sarebero le giornate lavorative annue, questo è in base alle coltivazioni che si fanno e più richiedono manodopera e più ore ti assegnano, queste ore sono in base ettaro.

Ora non so nella tua regione ma basta chiedere all'imps e ti danno la tabella delle ULU.

Ad esempio da noi lo zafferano è la coltivazione che ti da più giornate !

Per avere più ULU è anche sufficiente avere terreni in affitto non solo di proprietà

Poi ci sono mille stradine per raggirare più facilmente l'ostacolo.

 

per i terreni si entra in ambito tassazione, un coltivatore diretto ha sgravi fiscali ed agevolazioni al momento di comprare un terreno non indifferenti, ciò rendono quasi impossibile acquistare terreni ad un non coltivatore:

imposta di registro 15% imposta ipotecaria 2% imposta catastale 1%, contro un totale di poche centinaia di euro per un coltivatore diretto che variano da regione a regione.

Ovviamente chi acquista terreni prima si è iscritto per poter ovviare a questo :)

 

non spaventarti, se hai passione qualche soldino qualche soddisfazione la tiri fuori !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, ora cercherò qualche associazione di zona e vedrò cosa mi consigliano. Quello che mi lascia perplessa è che il terreno che ho ora è di 4000 mq, e per il momento ci metto grosso modo ortaggi ad uso famigliare (zii e parenti vari) quindi non so quante ULU posso riuscire ad avere. QUello che non capisco molto bene è perchè per poter avere un trattore da usare nel mio "giardino" devo per forza entrare nel settore professionale del coltivatore diretto, che fa ben altro.

Questo ovviamente limitato all'acquisto del trattore ed al di là delle agevolazioni che mi possono interessare per l'acquisto di altro terreno.

Se poi mi spetta una Partita Iva che mi permetta di intestarmi il trattore, su questa PIva ci pago tasse e tributi vari?

 

Cercherò di capirci un po' di più e farò un tot di domande alla coldiretti o all'associazione dove mi recherò.

Intanto ti ringrazio molto e saluto tutti

Ciao ciao

Silvia

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti, sono Silvia la mamma di Diego. Finalmente una decina di giorni fa è arrivato il nostro primo trattore!!!! E' un vecchio John Deer 2130. Bello e per noi è fantastico.

Ora un primo problema, ho cercato anche qui nel forum e mi pare di aver capito che per intestarmelo devo andare alla Motorizzazione a chiedere la P.I per il terreno, io al momento ne ho uno di soli 4000 mq. Spero sia ancora così perchè in effetti la discussione che ho letto era di 5 anni fa e le leggi cambiano costantemente.

Quello che più mi interessa è poter fare l'assicurazione al trattore, ma non so se per farla guardano a chi è intestato il mezzo. Con il trattore mi capiterà di fare pochissimi tratti di strada pubblica, però forse è meglio fare il passaggio di proprietà.

 

La mia domanda però in realtà è un'altra: qui vicino vendono circa 20000mq di terreno agricolo, mi piacerebbe davvero tantissimo acquistarlo e poi lavorarlo. Questo è il mio sogno e quello di Diego! Il problema però è che io sono impiegata, non coltivatrice diretta e certamente acquistare un terreno di 20000mq non mi darà da vivere. Cosa posso fare per usufruire delle agevolazioni date ai coltivatori? Userò quel terreno per coltivare e chissà, magari un domani potrei davvero passare a fare questo di mestiere, o magari lo farà Diego. Per quanto ne so per iscriversi come coltivatore bisogna avere requisiti che una persona che "inizia" non può avere.Su un terreno del genere come privato avete idea delle tasse che dovrei pagare????

 

Avete qualche consiglio da darmi? prezzo campo più tasse da privato = mi sa che devo rinunciarci!!!

E' un po' come "è nato prima l'uovo o la gallina??" Anche qui, se non hai un terreno e un'attività agricola non puoi essere coltivatore diretto, ma per poter prendere un terreno esteso a cifre ragionevoli bisogna essere coltivatori!!!

Vi ringrazio moltissimo per qualunque chiarimento consiglio che vorrete darci.

Ciao

Silvia e Diego

 

chiedere alle associazioni è sempre meglio , ma per quello che ne so occorrono 10000mq per chiedere la titolarità di coltivatore diretto (in pianura , in montagna 1/3 - ma questo nelle mie zone -non tutte le regioni utilizzano gli stessi parametri) . se non ricordo male , nel tuo caso dovresti comprare il terreno con l'iva normale poi chiedere la titolarità di coltivatore D. e chiedere poi il rimborso della differenza dell'IVA fra normale e ridotta per agricoltura, mi sembrava che ci fosse anche un tempo di attesa per il versamento dell'iva in attesa della titolarità , ma non ne sono sicuro. Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con 4000 m2 puoi diventare coltivatore diretto o imprenditore agricolo professionale solo se fai coltivazioni specializzate sotto serra o tunnel, in tutti gli altri casi non raggiungi le 104 giornate lavorative avendo poca superficie.

E poi per essere iscritta come CD devi pagare i contributi all'INPS e sono minimo 2600 €, inoltre devi lavorare per almeno il 50 % del tempo in azienda e ricavarci almeno il 50% del reddito.

Quindi la vedo dura farlo se si ha già un altro lavoro a tempo pieno.

 

Per intestarsi il trattore basta una semplice partita iva in regime d'esonero, la apri senza problemi e non comporta nessun costo successivo.

Per il passaggio vero e proprio vai in motorizzazione, spendi 38,24 € e sei a posto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate, vorrei chiedere un consiglio, vorrei comprare tre ettari di terreno e ho compiuto da 4 mesi 18 anni, ho gia il diploma e sono segnato come coltivatore diretto dovrei prendere un mutuo o prestito di 50000 k per 10 anni e possiedo due immobili segnati a me secondo voi mi danno il prestito o mutuo o non melo danno perché sono troppo giovane?

Share this post


Link to post
Share on other sites

I tuoi immobili valgono almeno 100k€,ma soprattutto hai un reddito congruo a sostenere il reintegro del mutuo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

i miei immobili valgono piu di 10000k però dovendo iniziare l'azienda ancora non ho un reddito congruo

Share this post


Link to post
Share on other sites

e se ne prendessi 20000 invece di 50000 e lo facessi prendere a mio padre che ha un reddito si potrebbe fare?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno

 

Sono comproprietario con altri fratelli di alcuni terreni (oliveti) per circa 1,5 ettari.

Dal prossimo anno vorrei gestirli direttamente con tutte le lavorazione del caso.

 

Ho 57 anni e attualmente sono dipendente di un'azienda privata che opera in un ambito diverso dell'agricoltura.

 

Domande:

1 - E' sufficiente aprire una partita iva agricola, in considerazione del fatto che saro' sotto la soglia dei 7.000 euro e che non ho bisogno di copertura INPS in quanto gia' dipendente. ?? Quale puo’ essere un’ipotesi di costi annuali ??

2 - Nel caso decidessi di non essere piu' dipendente, e quindi dedicarmi solo a questa attivita, mi potreste confermare quanto segue ??

- a. aprire partita iva agricola

- b. procedere con iscrizione a camera di commercio

- c. aprire una posizione INPS, che dovrebbe aggiungersi come versamenti a quelli gia maturati come dipendente, per una pensione futura.

In questo caso, quale puo’ essere un’ipotesi di costi annuali ??

Grazie a tutti per ogni indicazione utile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

fila tutto ma un dubbio : è per tè possibile aprire una partita Iva agricola senza essere coltivatore diretto?

Puoi avere un azienda agricola senza essere coltivatore diretto e pagare i contributi inps?

 

Inviato dal mio SM-G388F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...