Jump to content
DjRudy

Prezzi prodotti agricoli e strategie di mercato

Recommended Posts

14 ore fa, casemx240magnum ha scritto:

direi buono.....ma prima o dopo il ribasso dei vari listini?....

La politica prezzi qua la ha sempre fatta mister C . Non so se gli venissero le visioni o cosa si fumasse ( del resto da uno che a metà di maggio rimaneva estasiato dai grani pronti a mietere cosa ti aspetteresti ? ) , comunque usciva con un prezzo e quello teneva. Quest'anno aveva messo delle tabelle già riportate e che poi ha tolto. Le quotazioni delle borse erano più alte e ora un pò scendono ma sono comunque superiori ai suoi 26 euro più varie ed evntuali. E sto parlando della categoria più scarsa. E quello bello ? Perchè una delle sue due varietà a me e alla maggior parte delle persone che conosco è andata da schifo tanto che alla fine ha tolto la decurtazione per i ps sotto il 78. Però sempre una merda rimane. Il mucchio è unico per cui la mia patita di grano viene solo migliorata da quella parte fuori filiera che viene pagata solo 25 ma che lui poi fa passare per filiera. Casillo alla fine ha fatto solo un pelo più di lui , forse . Perchè dove raccoglie il mister C pugliese comunque il grano è bello. Altri raccglitori qua in zona pagano 26 in contanti ( che poi alla fine sempre 26 rimangono però mister C se vuoi i soldi subito è a -2€ ndr ) e quindi sempre come lui stanno. Grano qua ce ne è poco per cui tutti i piccoli mulini pagaheranno ma ovviamente noi ci guadagneemo solo sui tempi di pagamento. A questo punto quindi tutti gli "sforzi" regionali e statali sulle filiere fatte alla cdc passeranno dalle nostre mani alle loro . Altra nota stonata è questa. SE c'è meno grano in sardegna e una parte che raccoglieva il mio compaesano ( e mica poca eh ) se la porta via mister C pugliese e la molisana ( questi sono i competitor che io so per certo raccogliere nelle zone limitrofe ) nella pasta di filiera di quel disgraziato cosa ci finisce ? O cosa volete farmi credere che se lui per legge devemettere il 40% di grano filiera e ha prospettive di vendite per 100 ma ne potrebbe fare solo 40, gli altri 60 li perde o ci mette quello che gi capita ? Ma allora cosa dovrei prendere nuovamente barilla o rimaniamo su rummo-molisana-gragnano e simili ? Sto maturando la convinzione che questo qua del suo progetto industriale non ne abbia capito mai una mazza

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, Elsi ha scritto:

Cioè gli agricoltori portano il grano allo stoccatore che su pressione dei sindacati ( mica perchè grano italiano ce ne è poco eh o perchè è bello ) ha pagato il grano a 29 e anche a 30.... Però poi lo stoccatore non sta vendendo a 29. Ma a meno suppongo dato che si lamenta. Cioè gli stoccatori stanno andando in fallimento ? Ok facciamo colletta e integriamo il loro reddito allora! 🤥

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Cioè gli agricoltori portano il grano allo stoccatore che su pressione dei sindacati ( mica perchè grano italiano ce ne è poco eh o perchè è bello ) ha pagato il grano a 29 e anche a 30.... Però poi lo stoccatore non sta vendendo a 29. Ma a meno suppongo dato che si lamenta. Cioè gli stoccatori stanno andando in fallimento ? Ok facciamo colletta e integriamo il loro reddito allora! 🤥

Se fallisse il mio stoccatore io non sarei felicissimo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, pinox ha scritto:

Se fallisse il mio stoccatore io non sarei felicissimo

 

Non era per augurare il fallimento a nessuno ma che uno stoccatore paghi una certa cifra che poi non è quella di mercato reale mi suona moolto strano. Anzi non ci credo proprio. Allora le quotazioni delle borse sarebbero farlocche al contrario ? Cioè più alte del reale prezzo ? E si parlerebbe dei centri rccolta di una regione intera ? Perchè poi con la quotazione base Foggia si parte per i prezzi dei vari stoccatori in tutto il sud italia. C'è una cosa che comunque non capisco. Come fanno le associzioni sindacali a modificare il listino di una borsa che comunque fa riferimento a contrattazioni registrate e soprattutto come si fa ad obbligare uno stoccatore a prendere come riferimento quei prezzi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)
2 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Non era per augurare il fallimento a nessuno ma che uno stoccatore paghi una certa cifra che poi non è quella di mercato reale mi suona moolto strano. Anzi non ci credo proprio. Allora le quotazioni delle borse sarebbero farlocche al contrario ? Cioè più alte del reale prezzo ? E si parlerebbe dei centri rccolta di una regione intera ? Perchè poi con la quotazione base Foggia si parte per i prezzi dei vari stoccatori in tutto il sud italia. C'è una cosa che comunque non capisco. Come fanno le associzioni sindacali a modificare il listino di una borsa che comunque fa riferimento a contrattazioni registrate e soprattutto come si fa ad obbligare uno stoccatore a prendere come riferimento quei prezzi.

Capita che ad inizio stagione di trebbiatura ci si accorga che la produzione è scarsa, il prezzo comincia a salire e gli stoccatori comprano a prezzi alti. Nel frattempo i mulini fanno "melina", nel senso che non comprano un chicco di grano, come sta succedendo ancora oggi, gli stoccatori non pagano piú. In commissione prezzi due o tre grossi trasformatori a caso fanno sapere che non sono disposti a comprare finché il prezzo non raggiunge i 29 euro et voilà il gioco è fatto. In sintesi il mercato del grano non esiste. Ps: dalle mie parti erano arrivati a pagare anche 33-34 euro, non 29

Edited by pinox

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, pinox ha scritto:

Capita che ad inizio stagione di trebbiatura ci si accorga che la produzione è scarsa, il prezzo comincia a salire e gli stoccatori comprano a prezzi alti. Nel frattempo i mulini fanno "melina", nel senso che non comprano un chicco di grano, come sta succedendo ancora oggi, gli stoccatori non pagano piú. In commissione prezzi due o tre grossi trasformatori a caso fanno sapere che non sono disposti a comprare finché il prezzo non raggiunge i 29 euro et voilà il gioco è fatto. In sintesi il mercato del grano non esiste. Ps: dalle mie parti erano arrivati a pagare anche 33-34 euro, non 29

Non lo sapevo . Dalle mie parti il prezzo lo fa , o meglio lo faceva mister C ora c'è anche un altro mister C pugliese che mi dicono paghi meglio però va detto che nelle zone dove raccoglie lui , il grano è migliore di quello delle mie zone, almeno quest'anno. In effetti un anno quel giochino lo fece anche il mio compaesano. Quando gli stoccatori dovettero vendere il loro invenduto ( a causa di un'inondazione di sue semole a prezzi improponibili per i molini locali ) , lo andarono a vendere ai prezzi di inizio campagna suoi quindi più bassi e con in più le spese di stoccaggio di diversi mesi. Finirono con il culo in terra diversi molini ( poi rilevati da lui ) e gli stoccatori a loro collegati. E serve pure messa....

Share this post


Link to post
Share on other sites

C'è da dire una cosa, se non sbaglio da noi Cellino controlla una buona parte della filiera del grano, compra grano, macina e fa pasta...mulini oramai, credo ne siano rimasti pochissimi

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Elsi ha scritto:

C'è da dire una cosa, se non sbaglio da noi Cellino controlla una buona parte della filiera del grano, compra grano, macina e fa pasta...mulini oramai, credo ne siano rimasti pochissimi

Certo Brundu lo ha ridotto ai minimi termini e molti altri li ha fatti sparire proprio. Il punto è che la sua non è filiera. E' un contratto di produzione che di fatto a noi non conviene e alla fine a lui conviene sempre perchè il grano lo mette tutto insieme ( e diventerà tutto filiera con annessi contributi anche per lui ) e se gli manca se lo compra , sia che costi di più o di meno del nostro , ia che sia meglio o peggio del nostro. Una cosa che non so è se anche nelle altre nazioni ci sono diverse varietà o si seminano solo 2-3 varietà . Alla fine se anche le quotazioni delle borse valgono solo per il ribasso , di fatto i contributi dati per de minimis e contratti di filiera regionale sempre a lui finiscono.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Certo Brundu lo ha ridotto ai minimi termini e molti altri li ha fatti sparire proprio. Il punto è che la sua non è filiera. E' un contratto di produzione che di fatto a noi non conviene e alla fine a lui conviene sempre perchè il grano lo mette tutto insieme ( e diventerà tutto filiera con annessi contributi anche per lui ) e se gli manca se lo compra , sia che costi di più o di meno del nostro , ia che sia meglio o peggio del nostro. Una cosa che non so è se anche nelle altre nazioni ci sono diverse varietà o si seminano solo 2-3 varietà . Alla fine se anche le quotazioni delle borse valgono solo per il ribasso , di fatto i contributi dati per de minimis e contratti di filiera regionale sempre a lui finiscono.

Concordo, ma sino a che non riusciamo a trovare alternativa migliore....non abbiamo tante altre scelte che se: non seminare o ......le altre, ne discutiamo tante volte, ma di concreto non riusciamo a fare più di tanto, per non scrivere NIENTE😊

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Per il grano duro....spero che gli indicatori italiani si muovano in direzione diversa da quella usa ! 

CI troviamo nell'indice cbot future durum wheath  a 597 bush, con la media mobile che ha tagliato al ribasso il 29/6 , ps:!volumi in calo dal 16/7 ,(=interesse per il grano in calo),

solo un ritorno sopra 606  per il breve periodo potrebbe scongiurare l'eventuale  trend al lateral /ribasso

Bologna non abbiamo possibilita' di vedere nulla in quanto l'agrex non quota e non abbiamo grafici....(matif parigi non tratta)ma stando cosi' le cose possiamo fare 2 rif.pratici :

quotazione reale bologna 14/5/20 prezzo min.eu  28.6    cbot chicago bush 587 

                      reale bologna 16/7/20                      eu 29.9    cbot chicago bush 597, 

 attendiamo di vedere gli sviluppi ,sperando di avere una tenuta dei prezzi ! e magari una  controtendenza al mercato cbot.

prezzi bologna rif.produzione centro

 (Queste sono pure visioni personali  non soggette ad incitare vendite o acquisti sul future-o sul fisico e qualsivoglia mercato)

 

Edited by pachito
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, enri94 ha scritto:

Prezzo del cece frumento duro  paglia foraggio lo sapete 

Mi sa che dalle mie pati c'è poca roba in giro. Cece per alimentazione umana pronto all'uso 2,5 €/kg . Paglia non ne vedo più in giro però prezzo non ne so perchè la ho venduta in campo a due prezzi diciamo. 40€/ha oppure 5 € a pressa prismatica . Grano duro non ne tiene più nessuno in casa. Io purtroppo ho una decina di quintali di grigliatura perchè mi hanno mietuto da cani il grano che mi sono lasciato per seme quindi prevedo polli a ciclo continuo per questo inverno e primavera prossima ;D. So che la si vende all'incirca come il grano da ammasso e quindi 25-30 €/q.le. Foraggio si va da 2-3 €/q.le per prato naturale a 8€/q.le e c'è nuovamente ricerca . Con la medica siamo intorno ai 15€/q.le per quel che sento io almeno.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...