Jump to content

Recommended Posts

il mio vicino quet' anno ha seminato per la prima volta la colza, cira 10ha con la seguente modalita

erpice a dischi su stoppie di grano poi chisel nardi fresatura e semina con accord+concimazione liquida

La semina fatta a fine settembre su terreno tenace collinare è stata seguita da giorni di piaggia che nelle zone più ripide, non avendo eseguito la rullatura hanno "lavato" il terreno

In risultato è stata un'emergenza lenta e non regolare con molte zone completamente spoglie. A meta marzo ha dato il nitrato con il tk con cingoli in gomma e da quel momento le piate hanno iniziato a crescere molto velocemente

In questi giorni è iniziata la fioritura

Se riesco mettero delle foto

ciao

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Colza Memori oltre 1.8 metri di altezza (circa 40-50 cm più alta della Puncher) vedremo se questa super altezza avrà anche riscontro produttivo, per ora sono entrambe belle.    

Ecco una foto della ns colza px 128 Pioneer seminata a interfila 50cm..Un ringraziamento al dj Rudy per il consiglio di usare il concime nei micro alla semina.. Ottimo risultato

Piena fioritura.

Posted Images

Grazie toso!

 

Diserbo: 1,5 kg/ha di Butisan S in pre-emergenza

Concimazioni: 2 q.li di 18/46 alla semina, e 2 q.li di nitrato ammonico a fine febbraio, 1 mese fa volevo dare 1,5 q.li/ha di urea, ma era già bella e l'ho lasciata stare altrimenti ero a rischio allettamento, visto anche che non è rada.

Link to post
Share on other sites

Dopo la colza (trebbiatura verso il 15 giugno), se hai terreni fertili e freschi, puoi trinciare gli stocchi, e seminare la soia volendo anche su sodo.

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

che tu sappia quale è il punto di pareggio della coltura ?

 

cioè facciamo due conti con persone che hanno già coltivato..

cioè considerando i costi di ripuntatura, semina con combinata, trattamenti, concimi, semente trebbiatura... a quanto arriviamo di spese ?

 

grazie ragazzi, volevo riprovare questo anno..

 

cosa mi consigliate terreno più sabbioso, argilloso ? perchè in quello sabbioso porteremo liquame, in quello argilloso credo che non ce la faremo..

Link to post
Share on other sites

Se hai un buon frangizzolle (che faccia almeno 15 cm di profondità) puoi anche evitare la ripuntatura così fai prima.

 

I costi delle lavorazioni non posso certo dirteli io, ogni azienda sa quanto gli costa la ripuntatura, la semina ecc in base ai trattori e ai terreni che ha.

 

Posso farti un calcolo veloce dei mezzi tecnici che occorrono:

 

Seme: circa 80 €/ha per seminare ibridi Pioneer.

 

Diserbo: se fatto bene il pre-emergenza a base di Metazaclor tiene pulita la coltura fino in fondo, purtroppo il trifluralin è fuori commercio, quindi occorre usare il Metazaclor, (es. BUTISAN S) costo circa 30-35 €/litro e ne occorrono da 1,5 a 2 litri/ha, distribuiti subito dopo la semina, quindi circa 60 €/ha per il diserbo.

 

Concimi: 2 q.li di 18/46 in presemina, e 2 q.li di urea verso fine febbraio. Quindi in tutto circa 120-140 €/ha di concimi.

 

Insetticida: va da dato in fioritura contro il meligete, ma costa poco diciamo 15 €/ha, ma non tutti gli anni il meligete attacca, quindi si distribuisce solo quando si trovano 2-3 adulti di meligete per fiore (soglia di intervento).

 

Il totale dei mezzi tecnici varia quindi da 270 a 300 €, a cui aggiungere: erpicatura a dischi, la semina, le due concimazioni, il diserbo, e la trebbiatura. Diciamo che si arriva a circa 500-600 €/ha, in poche parole costa più o meno come fare il girasole, o poco di più

 

Per cui a 30 €/q.le occorre fare almeno 18-20 q.li/ha per pareggiare.

 

Fare il grano costa almeno 7-800 €/ha se uno lo fa per bene, ai prezzi di quest'anno il punto di pareggio è molto critico, infatti spesso non bastano nemmeno i 50 q.li/ha, per cui meglio fare rotazione introducendo anche la Colza, ed evitare di fare il ringrano (che costringe all'aratura e a costi ancora maggiori), anche perchè dopo la colza il grano ci viene molto bene e sicuramente meglio di quanto possa venire su un ristoppio anche arato.

 

Quindi i vantaggi della coltivazione delle brassicacee vanno visti nella globalità della rotazione e non solo nella PLV della coltura in se per se.

 

Inoltre più di una volta se fatti i lavori per bene si possono passare i 30 q.li/ha di Colza, e in quel caso ci rimane anche qualcosa oltre alla PAC.

 

Riguardo al terreno, meglio quello sabbioso (è più facile da far nascere sul sabbioso), ma è meglio se eviti il liquame (almeno dove semini la Brassicacea), in quanto non arando non vorrei che si bruciasse la colza.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

sei stato davvero completo e chiaro..

per i prezzi che si spendono con tersisti potrei trovare un listino prezzi ?

 

cioè io sono abituato a fare ic onti nel senso "se faccio fare tutto ad un tersista quanto mi ci rimane ?

Link to post
Share on other sites

Nella mia zona i prezzi più o meno sono questi:

 

Erpicatura a dischi: 60-70 €/ha o in alternativa, ripuntatura a 40 cm: 100 €/ha

Semina in combinata: 80-90 €/ha

Concimazione: 15-20 €/ha

Diserbo: 20-25 €/ha

Trebbiatura: 80-110 €/ha

 

Per quanto riguarda le tariffe c'è il http://www.aema.it/sito%20aema/pagine/FRIMAT-08.pdf

 

In alcuni casi qualche tariffa è un po' alta e va ridotta di un 15-20 %.

 

Chiaramente però molti di questi lavori se te li fai in casa spendi un po' meno.

Link to post
Share on other sites

[quote=DjRudy;102469........ per cui meglio fare rotazione introducendo anche la Colza, ed evitare di fare il ringrano (che costringe all'aratura e a costi ancora maggiori), anche perchè dopo la colza il grano ci viene molto bene e sicuramente meglio di quanto possa venire su un ristoppio anche arato. .....

.

 

 

 

 

questa settimana trebbierò la colza seminata a settembre su minima lavorazione (doppio passaggio di grubber) alla colza seguiràil frumento tenero chiedo se secondo te meglio seminarlo sul sodo (semeato ) o continuare con la minima lavorazione (grubber),ad oggi l'aratura la escluderei

Link to post
Share on other sites

Se quando trebbi la colza il terreno è in tempera e la trebbia non fa grosse carreggiate direi di provare a fare il sodo, se invece la trebbia fa carreggiate profonde (+ di 15 cm) in questo caso è meglio passare il grubber e fare grano su minima lavorazione.

Link to post
Share on other sites

dopo colza io la vedo dura la minima lavorazione, con la mia combinata a falcioni non scorrerebbe o sbaglio ? occorre passare il trincia 2 o 3 volte per rendere tutto accettabile no ?

Link to post
Share on other sites

La mia risposta era relativa alla domanda che mi ha fatto valtra.

 

Nel tuo caso basta che la trinciatura degli stocchi (un solo passaggio, non ha senso farne 2 o 3) e la ripuntatura, le fai subito dopo la trebbiatura della colza, in questo modo dai più tempo agli stocchi di iniziare a degradarsi, in questo modo per novembre quando vai a seminare il grano, con la tua dama con falcioni disposti su 3 file non dovresti aver nessun problema.

 

Ad esempio nella nostra azienda dopo colza (quando non facevamo il sodo), trinciavo gli stocchi, e ripuntavo subito dietro la trebbia, poi a ottobre, concimavo, rotante e ho sempre seminato il grano con una Accord a falcioni disposti su 2 file senza alcun problema, per cui non vedo perchè non ce la possa fare la Dama.

 

Se non vuoi trinciare gli stocchi, e hai un buon erpice a dischi, passi 2 volte l'erpice a dischi e poi combinata.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

Beh si c'è sempre stata sta storia di usare il maschile per il Colza, ma a mio parere è sempre stata una cavolata, (all'Università di Pisa ormai tutti i prof. usano il femminile) e per quanto mi riguarda continuo a chiamarla la colza, altrimenti cosa si dovrebbe dire: il barbabietola, il patata ecc?

Link to post
Share on other sites

trebbiato il colza 22quintali ad ettaro considerando che non l'ho concimata ne diserbata ed era su terreni di bassa fertilità (pietraie) non è andata male

i bassi imput di coltivazione sono dovuti al fatto di spendere poco in quanto tutti ne parlavano male di questa coltura e invece credo che possa essere una buona coltura per fare rotazione e la condizione essenziale per ottenere buone rese è la semina precoce entro settembre infatti il mio colza seminato presto anche se non concimato era molto bello un vero e proprio muro di silique a differenza di altri colza di vicini seminati a ottobre inoltrato

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...