Jump to content

Recommended Posts

quest'anno voglio mettere un pò di colza....

che dite dopo grano con paglia trinciata e rippatura profonda, potrebbe dare qualche problema?...sopratutto la paglia.....

non vorrei fare l'aratura perchè la terra non è in tempera e rischierei di fare un zollosità che manco le bombe ......

 

con il ripper e una e 2 passate di rotante invece dovrei essere a posto......

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Colza Memori oltre 1.8 metri di altezza (circa 40-50 cm più alta della Puncher) vedremo se questa super altezza avrà anche riscontro produttivo, per ora sono entrambe belle.    

Ecco una foto della ns colza px 128 Pioneer seminata a interfila 50cm..Un ringraziamento al dj Rudy per il consiglio di usare il concime nei micro alla semina.. Ottimo risultato

Piena fioritura.

Posted Images

quest'anno voglio mettere un pò di colza....

che dite dopo grano con paglia trinciata e rippatura profonda, potrebbe dare qualche problema?...sopratutto la paglia.....

non vorrei fare l'aratura perchè la terra non è in tempera e rischierei di fare un zollosità che manco le bombe ......

 

con il ripper e una e 2 passate di rotante invece dovrei essere a posto......

 

Io l anno scorso dopo grano con paglia trinciata ho passato il ripper a 15 cm a fine luglio. Poi non ho seminato colza, ma ho fatto caso che a settembre il terreno era diventato “polvere”, bastava un colpo veloce di rotante o anche solo vibro ed era perfetta per la colza.

Link to post
Share on other sites
quest'anno voglio mettere un pò di colza....

che dite dopo grano con paglia trinciata e rippatura profonda, potrebbe dare qualche problema?...sopratutto la paglia.....

non vorrei fare l'aratura perchè la terra non è in tempera e rischierei di fare un zollosità che manco le bombe ......

 

con il ripper e una e 2 passate di rotante invece dovrei essere a posto......

 

 

la paglia era meglio se non la trinciavi ma la facevi portare via, comunque ripunta a 35/40, aspetti che il terreno sia in tempera perfetta quindi dopo qualche gg passi il rotante e la tiri piana, poi a settembre semini di precisione e dopo fai diserbo e pre insieme

Link to post
Share on other sites
Morganate prima di rippare

 

esatto se non hai problemi di aderenza dopo a dare il ripper una passatina di dischi leggera leggera per rimescolare male non fa

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

DKExcalibur i primi anni che era uscita si era molto avvicinata su terreni vergini e comunque già solo esser eresistente o fortemente tollerante la Phoma ha aiutato perché sentivo un collega svizzero, loro 8 anni fa trattavano la colza con tebuconazolo e altro come strobilurineda noi invece si trattava solo sul meligete. Chi l'aveva trattata sul meligete è arrivato a 2,3 q/pm cosa che la colza da noi non ha mai fatto mentre già le varetà semi-drafw soffrivano terribilmente per la camomilla. In Italia è soprattutto il meteo che favorisce e il nostro non è stabile e non è un clima atlantico che favorisce la o il colza. Trattata su terreni calcitati e vergini di pianura sì c'è arrivata. Però poi quanto l'abbiano venduta e a chi non ho seguito. In agricoltura non esiste la continuità delle produzione può capitare l'annata buona con le varietà piuttosto nuove poi capita che i parassiti si adattino anche alle nuove e alle resistenze o si perde genetica, l'annata di merda c'è sempre basta una gelatina e la colza va a ramengo o come i tre anni precedenti un bel boom di meligete ed è finita bella ma vuota, cucca.

Link to post
Share on other sites
Ma sono davvero possibili raccolti tipo 42 q.li/ha con Puncher o DX Excalibur?

Qualcuno che ha avuto esperienze in merito?

 

Annate buone si come lo scorso anno ho fatto quei quintali con puncher, quest'anno circa la metà, in Toscana la media poliennale è sui 25-26 per la colza (in azienda facciamo questa coltura dal 1994 quindi un po di esperienza c'è), fai i conti colturali a quei quintali, per avere medie poliennali sopra i 35 q.li devi andare nel Nord Italia dove in annate buone si passano i 50 q.li/ha.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

io son partito fortissimo il primo anno con 46qli/ha poi negli ultimi 3 anni sempre calato quest'anno miseri 26qli/ha, dovuto in parte ad errori miei (bastonata da diserbo e terreno non rullato presemina) in parte a sfiga (nessuna pioggia alla semina)

Leggo che tutti consigliano di preparare il terreno con largo anticipo come fa catpower, però se io se mi metto a preparare ora il terreno mi trovo a fine agosto con un bosco visto anche l'annata piovosa, in terra leggera come fate preparate in anticipo e magnolate col round up o aspettate metà agosto?

Link to post
Share on other sites

Si sta cominciando a vedere tanta colza, specialmente verso il veronese...quanto può essere remunerativa rispetto all'orzo o al frumento? Poi si riesce bene a fare una soia di secondo raccolto (specie coi diserbi)?

Poi darei del liquame prima di preparare il terreno...si adatta bene alla minima lavorazione? Volendo potrei farla dopo mais da trinciato così a metà agosto preparo il terreno.

Link to post
Share on other sites
Si sta cominciando a vedere tanta colza, specialmente verso il veronese...quanto può essere remunerativa rispetto all'orzo o al frumento? Poi si riesce bene a fare una soia di secondo raccolto (specie coi diserbi)?

Poi darei del liquame prima di preparare il terreno...si adatta bene alla minima lavorazione? Volendo potrei farla dopo mais da trinciato così a metà agosto preparo il terreno.

 

Secondo me il problema di questa coltura rispetto ai cereali cone grano e orzo, e’ che le rese risentono molto di piu dell andamento climatico e delle malattie. Se con l orzo fai 60 di media, l annata sfortunata fai 50 e comunque ci guadagni qualcosina. Invece con la colza se nella stagione sfortunata passi da 35 a 25 quintali ad ettaro ci hai rimesso! Per non rimetterci bisogna stare sopra i 28-30, e non sempre ci si riesce neanche facendo tutto bene.

Pero del resto bisogna anche avere il coraggio di rischiare, magari anche solo per fare rotazione ogni 4-5 anni.

Link to post
Share on other sites
Secondo me il problema di questa coltura rispetto ai cereali cone grano e orzo, e’ che le rese risentono molto di piu dell andamento climatico e delle malattie. Se con l orzo fai 60 di media, l annata sfortunata fai 50 e comunque ci guadagni qualcosina. Invece con la colza se nella stagione sfortunata passi da 35 a 25 quintali ad ettaro ci hai rimesso! Per non rimetterci bisogna stare sopra i 28-30, e non sempre ci si riesce neanche facendo tutto bene.

Pero del resto bisogna anche avere il coraggio di rischiare, magari anche solo per fare rotazione ogni 4-5 anni.

Quindi dici sia ancora più vulnerabile al clima rispetto ai cereali vernini...

 

Peró c'è da dire che colza non é alternativa ad orzo perchè quest ultimo é un cereale...colza é alternativa ad una coltura come pisello ,girasole ,cece,favino,trifoglio,ecc

Sisi lo so, però da me come colture vernine c'è solo orzo/frumento/pisello proteico (quest'ultimo solo per il greening), tutti gli altri sono primaverili.

Link to post
Share on other sites
Peró c'è da dire che colza non é alternativa ad orzo perchè quest ultimo é un cereale...colza é alternativa ad una coltura come pisello ,girasole ,cece,favino,trifoglio,ecc

 

Noi la consideriamo cosi, ma al nord dove le prime due colture sono mais e soia, la colza credo sia al terzo posto con i cereali vernini.

Link to post
Share on other sites
Noi la consideriamo cosi, ma al nord dove le prime due colture sono mais e soia, la colza credo sia al terzo posto con i cereali vernini.

Anche meno del terzo posto anche oltre il sesto. Mais e riso sicuramente, prati, soia, cereali a paglia, legumi vernini, girasole, colza ecc....

Link to post
Share on other sites

Seminare troppo presto come consigliano è da nord europa, buono è seminare insieme al loietto ossia dai primi di settembre fino a i primi di ottobre.

Su terre leggere non si può lavorare il terreno troppo presto troppe infestanti che anche il glyph fa fatica, c'è il problema camomilla e altiche o cavolaie. La colza ha troppi nemici. Si tende a minimizzare ma la colza come tutti i cavoli odia l'acidità e i terreni poveri di calcio, seve uno starter.

Nelle Marche nel 2012 si sono superati i 54 q /ha di punta tenendo 44 q di media con le nuove varietà, meno con le vecchie e meno con gli ibridi, per farla si può ma bisogna parare le troppe criticità. La colza non ama la doppietta e tantomeno la rotazione stretta, abbastanza un casino metterla con soia e girasole. Su terreni storici a bietola è una roulette perché terreni a nematodi è un de profundis. Insomma è una verza meno mediterranea delle verze... difatti si vede che dove fai colture da seme brassicaceee e verze comprese fai più colza c'è poco da fare Marche e alcune zone della Toscana... non è un caso. Il terroir e le zone vocate.

Link to post
Share on other sites
Seminare troppo presto come consigliano è da nord europa, buono è seminare insieme al loietto ossia dai primi di settembre fino a i primi di ottobre.

Su terre leggere non si può lavorare il terreno troppo presto troppe infestanti che anche il glyph fa fatica, c'è il problema camomilla e altiche o cavolaie. La colza ha troppi nemici. Si tende a minimizzare ma la colza come tutti i cavoli odia l'acidità e i terreni poveri di calcio, seve uno starter.

Nelle Marche nel 2012 si sono superati i 54 q /ha di punta tenendo 44 q di media con le nuove varietà, meno con le vecchie e meno con gli ibridi, per farla si può ma bisogna parare le troppe criticità. La colza non ama la doppietta e tantomeno la rotazione stretta, abbastanza un casino metterla con soia e girasole. Su terreni storici a bietola è una roulette perché terreni a nematodi è un de profundis. Insomma è una verza meno mediterranea delle verze... difatti si vede che dove fai colture da seme brassicaceee e verze comprese fai più colza c'è poco da fare Marche e alcune zone della Toscana... non è un caso. Il terroir e le zone vocate.

 

Quindi dici di lasciar perdere? Terreni acidi e poco calcarei non ne ho dato che di pH sono sempre sopra il 7.5 con punte superiori a 8...bietole ormai non ci vanno dal 2005, l'ultimo vero anno di bietole in Italia...quindi non penso ci siano problemi di nematodi però mai dire mai.

Perché è un casino fare soia dopo? Per via che ne germina tanta e non è facilmente controllabile. Dopo colza farei seguire subito la soia di secondo raccolto.

Link to post
Share on other sites
Quindi dici di lasciar perdere? Terreni acidi e poco calcarei non ne ho dato che di pH sono sempre sopra il 7.5 con punte superiori a 8...bietole ormai non ci vanno dal 2005, l'ultimo vero anno di bietole in Italia...quindi non penso ci siano problemi di nematodi però mai dire mai.

Perché è un casino fare soia dopo? Per via che ne germina tanta e non è facilmente controllabile. Dopo colza farei seguire subito la soia di secondo raccolto.

Heterodera schacthii dura anche 12 anni come ciste per cui, però è vero che la soia frequente distrugge la sola schacthii ma gli altri nematodi... stanno diventando un problema. La questione soia è legata ai funghi del terreno ne ha troppi comuni come rizoctonia e sclerotinia.

La colza mangia è al pari se non anche peggio dei cereali a paglia. Fa un sacco di selvatico che da diserbare non è bello e seminarci dentro la soia in conservativa non è cosa bellissima anche se è diserbabile i prodotti ci sono ma ho un dubbio sul glyoh e su eventuali intrusi tipo rafano, rapanello selvatico e cugini simili alla colza anche la camelina. Meglio dopo colza fare o sorgo qualsiasi o mais.

La colza al nord la fai dove non riesci ad irrigare proprio pe rniente o quasi però deve essere fertile e liquami-letami pochi e dati presto con una buona e santa aratura. Se hai tanata camomilla e vittucchio sei finito, veronica e stellaria non sono comunque uno scherzo perché la soffocano di brutto amenochè non si fa una bella miscela in pre emergenza con più prodotti, la miscela standard è perlopiù penosa sui terreni leggeri e lascia le barrate di attacco cosa che su terreni un po' più argillosi non lascia magari anche perché sono terreni più basici e un po' bloccano un po' assorbono i pre e lo rilasciano lentamente ma terrette e organico no non lo fanno.

I liquami e letami portano semi che per la colza è tutto di male, uno dovrebbe dare l'organico ben stagionato e ben fermo però..... la botta di vita che da da aprile maggio non fa rimpiangere l'orzo, la colza allettata est est est.... a livello lenticchie.

Link to post
Share on other sites
Heterodera schacthii dura anche 12 anni come ciste per cui, però è vero che la soia frequente distrugge la sola schacthii ma gli altri nematodi... stanno diventando un problema. La questione soia è legata ai funghi del terreno ne ha troppi comuni come rizoctonia e sclerotinia.

La colza mangia è al pari se non anche peggio dei cereali a paglia. Fa un sacco di selvatico che da diserbare non è bello e seminarci dentro la soia in conservativa non è cosa bellissima anche se è diserbabile i prodotti ci sono ma ho un dubbio sul glyoh e su eventuali intrusi tipo rafano, rapanello selvatico e cugini simili alla colza anche la camelina. Meglio dopo colza fare o sorgo qualsiasi o mais.

La colza al nord la fai dove non riesci ad irrigare proprio pe rniente o quasi però deve essere fertile e liquami-letami pochi e dati presto con una buona e santa aratura. Se hai tanata camomilla e vittucchio sei finito, veronica e stellaria non sono comunque uno scherzo perché la soffocano di brutto amenochè non si fa una bella miscela in pre emergenza con più prodotti, la miscela standard è perlopiù penosa sui terreni leggeri e lascia le barrate di attacco cosa che su terreni un po' più argillosi non lascia magari anche perché sono terreni più basici e un po' bloccano un po' assorbono i pre e lo rilasciano lentamente ma terrette e organico no non lo fanno.

I liquami e letami portano semi che per la colza è tutto di male, uno dovrebbe dare l'organico ben stagionato e ben fermo però..... la botta di vita che da da aprile maggio non fa rimpiangere l'orzo, la colza allettata est est est.... a livello lenticchie.

Era una mia idea fare questa coltura...infatti come giustamente dici, non è che sia tutta sta semplicità che credevo. L'avevo presa in considerazione anche da un punto di vista della rotazione, dato che ormai faccio solamente cereali alternati a soia di secondo raccolto.

Valuterò bene...

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...