Jump to content

Recommended Posts

banner_660.jpg

 

Ormai la minima lavorazione si sta diffondendo sempre di più in tutte le parti d'Italia, uno degli attrezzi che maggiormente interpreta i bisogni della moderna agricoltura in termini di minima lavorazione è sicuramente il coltivatore combinato Grubber, tipologia di coltivatore polivente che si adatta a vari tipi di lavoro con profodità variabili da 10 a 30 cm circa.

 

Per Grubber si intende un coltivatore con 2 o 3 file di ancore, con elevata luce da terra (70-80 cm), spesso dotate di vomeri ad alette per incrementare la capacità di taglio del terreno, seguite da un rango di dischi posti inclinati uno rispetto all'altro di circa 45 ° per chiudere i solchi lasciati dalle ancore, e infine un rullo posteriore pareggiatore che può essere di varia tipologia in base al terreno che viene lavorato: paker, spuntoni, gabbia, ecc.

 

Nella nostra azienda abbiamo il Vulcano della ditta Rossetto.

 

t10264_P1010009Large.JPG

 

Nella versione da 3,80 metri: 9 ancore con molle, 10 dischi, rullo gabbia, chiudibile idraulicamente a 2,5 metri, peso circa 24 q.li,

 

Vengono prodotte anche le versioni a 7 ancore da 3 metri, da 11 ancore da 4,70 metri, e anche da 13 ancore 5,60 metri.

 

Lo scorso anno su terreno tendenzialmente sabbioso e asciutto, (coltura precedente grano) abbiamo dato una passata leggera a 10-11 km/h e seminato la colza: nata perfettamente.

 

E' un attrezzo multifunzione lo usiamo:

 

- interramento stoppie del grano,

 

- dopo girasoli o colza per la minima lavorazione per la semina del grano (prima della semina passaggio di vibrocoltivatore o erpice rotante a seconda della tessitura e umidità del terreno)

 

- minima lavorazione per la semina della colza (se il terreno viene

subito fine semina diretta senza ripasso di vibrocoltivatore),

 

- per i girasoli dopo grano: aratro talpa ad agosto, vulcano a settembre-ottobre, e a marzo prima di seminare passata di vibrocoltivatore,

 

- dopo l'aratura estiva, per dare il primo livellamento ed eliminare le infestanti nate.

 

Direi che nella nostra azienda ha praticamente sostituito l'erpice a dischi verso il quale ha vari vantaggi:

 

-migliore distruzione delle infestanti: infatti le alette delle ancore tagliano tutta la superficie del terreno (e quindi tutte le radici delle infestanti) con una miglior efficiacia rispetto all'erpice a dischi a V o a X che sia, questo sempre se l'erba non è molto alta, perchè chiaramente se vi è un tappeto di erba alta un metro, come qualsiasi estirpatore l'ingofamento è assicurato.

Per maggior capacità di espulsione dell'erba sono molto importanti le ancore con le molle, che con il loro movimento permettono di ridurre i problemi di ingolfamento.

 

Con il vulcano su un terreno con un tappeto di giavone alto circa 20 cm l'ho passato senza problemi, e dopo 3 giorni di sole l'erba era tutta secca.

 

-migliore livellamento del terreno: i solchi aperti dalle ancore, vengono chiusi dai dischi e tutto spianato dal rullo, quindi la parte cruciale dell'attrezzo è il gruppo rullo-dischi che se ben regolato fa un'ottimo lavoro.

 

In particolare il Vulcano di Rossetto ha sia la regolazione della profondità sia la regolazione dell'inclinazione dei dischi indipendenti dal rulli (pochi sono i Grubber in commercio anche di ditte produttrici più blasonate che hanno queste regolazioni), queste ultime molto importanti per avere una maggiore polivalenza dell'attrezzo.

 

Interramento stoppie:

 

t10264_P1010009Large.JPG

 

Raffinamento del terreno a settembre:

 

t10265_P10101151024x768.JPG

 

Lavorazione preparazione terreno per colza:

 

t10266_P10100171024x768.JPG

 

t10267_P10100101024x768.JPG

 

Per quanto riguarda la potenza richiesta un 4 metri si tira bene anche con un 180-200 cv, per un 300 cv come il TG sarebbe stato meglio il 5 metri, ma abbiamo preso il 4 perchè così lo possiamo attaccare anche ai trattori più piccoli che abbiamo in azienda quando il grosso è occupato in altri lavori.

Un 3 metri con 130-140 cv si tira senza problemi.

 

Video del Vulcano impegnato in vari lavori: interramento stoppie grano, lavoro su stoppie di mais, ripasso su terreno arato:

 

 

Video del Grubber Goizin:

 

 

Video del Grubber Amazone Pegasus:

 

AMAZONE Info-Portal Video Pegasus

 

I grubber sono prodotti da molte altre ditte produttrici e ogni ditta propone le proprie soluzioni rispetto alla tipologia di ancore (con o senza molla), rulli, ecc.

 

Amazone: AMAZONE - Pegasus

 

Poettinger che produce anche le versioni a 3 file e addirittura le versioni trainate: PÖTTINGER Tecnologia per l´agricoltura - Prodotti - Coltivatori con vomeri ad alette

 

Quivogne: Quivogne : materiel agricole

 

Mainardi: Mainardi Macchine Agricole

 

Ma-Ag: ma/ag - Macchine Agricole

 

Lemken:LEMKEN - Der Spezialist für den professionellen Pflanzenbau:*Products*-*Stubble process.

 

Kuhn: KUHN.it - Attrezzature a denti

 

Gaspardo: MASCHIO Group

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites
  • Replies 831
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Salve  a tutti.. Dopo essermi iscritto al Forum e aver letto queste pagine dedicate ai Grubber ho pensato di fare una piccola recensione sul mio acquisto..sperando di poter essere d'aiuto per qua

Inviato dal mio RMX1971 utilizzando Tapatalk

Mainardi ME 207-30. 7 ancore sagomate su 3 m di lavoro con esplosori, fila di dischi livellatori e rullo ad anelli con inserti taglienti regolabili bel affinare il letto di semina.   Arrivato da un

Posted Images

Guest albe 86

Io possiedo un Pottinger Synkro 3800, cioè da 3,8 metri, con 9 ancore e altezza da terra di circa 90 cm. Il mio vecchio terzista ne ha visti lavorare diversi ed, alla fine, la scelta è ricaduta anche per lui su un Synkro, ma il 3000, da 3 metri. Inizialmente io lo utilizzavo per fare la minima lavorazione su mais. In pratica la tecnica consisteva in un passaggio primaverile di Synkro, una passaggio di rotante e semina con seminatrice di precisione a dischi. A profondità di lavoro di circa 30 cm devo dire che mandava in crisi anche dei 200 cv. In quel frangente la macchina era allestita con rullo posteriore kutter, sostanzialmente quello che sta costruendo giovanni v. da attaccare anteriormente al trattore.

Il lavoro svolto era ottimale, non restavano zolle grosse, il risparmio di tempo e gasolio notevole, l'interramento degli stocchi (trinciati preventivamente) molto buono e mai un ingolfamento. Come risultati ci siamo trovati molto bene su terreni sciolti e leggeri. Il terreno, rispetto all'aratura tradizionale, in quel caso restava più umido ed era un bel vantaggio. Su terreni tendenzialmente più forti non siamo stati molto contenti proprio per questo motivo, rimanevano un po' troppo umidi.

In seguito sono passato da mais su terreni grosso modo leggeri a fare riso su terreni pesanti. La profondità di lavoro è scesa a 20 cm circa, mentre il lavoro svolto è sempre stato ottimo, con buon interramento dei residui, limitati ingolfamenti dovuti al sollevamento di grosse lastre di terra umida in alcuni frangenti e la terra viene lasciata già abbastanza affinata. I risultati produttivi sono analoghi a quelli di un'aratura. Di contro il rullo kutter, con terra molto bagnata, tende a riempirsi di fango, pertanto è stato eliminato e tra non molto mi dovrebbero montare un rullo semi-packer leggero da risaia.

Link to post
Share on other sites

ottima descrizione!!

Dato che nella mia zona questi attrezzi non esistono volevo avere maggiori informazioni per esempio: mi è sembrato di capire, dai video, che bisogna tenere una buona velocità....tipo? perchè.....per i residui? per livellare meglio il terreno?

Sarebbe da consigliare come alternativa all'acquisto di un aratro per esempio?

grazie

Link to post
Share on other sites

Allora fabio per interrare il letame lo interra senza problemi il fatto è che lo interra (parzialmente diciamo al 70-80 %) ma tutto a 20-25 cm quindi è probabile che con le successive lavorazioni te lo ritrovi tra le scatole, ergo per il letame la soluzione migliore è ancora il buon vecchio aratro.

 

Per la velocità di lavorazione dai 7 km/h fino ai 10-12 per massimizzare sia l'interramento che il livellamento, più forte vai più le ancore alzano il terreno e lo rivoltano.

 

Per i prezzi dipende dalla marca e da come è allestita la macchina, ad esempio se prendi una macchina base: con ancore senza molle, dischi non registrabili ecc, avrà un prezzo diverso da una full optional con molle con ancore (che consiglio vivamente perchè migliorano molto la qualità del lavoro) e dischi regolabili in profondità e in inclinazione.

 

Diciamo che un 3 metri va dai 6-7 mila € in su, un 4 metri dai 10 mila in su, un 5 metri dai 13-14 mila in su.

Link to post
Share on other sites
Allora fabio per interrare il letame lo interra senza problemi il fatto è che lo interra (parzialmente diciamo al 70-80 %) ma tutto a 20-25 cm quindi è probabile che con le successive lavorazioni te lo ritrovi tra le scatole, ergo per il letame la soluzione migliore è ancora il buon vecchio aratro.

 

Per la velocità di lavorazione dai 7 km/h fino ai 10-12 per massimizzare sia l'interramento che il livellamento, più forte vai più le ancore alzano il terreno e lo rivoltano.

 

Per i prezzi dipende dalla marca e da come è allestita la macchina, ad esempio se prendi una macchina base: con ancore senza molle, dischi non registrabili ecc, avrà un prezzo diverso da una full optional con molle con ancore (che consiglio vivamente perchè migliorano molto la qualità del lavoro) e dischi regolabili in profondità e in inclinazione.

 

Diciamo che un 3 metri va dai 6-7 mila € in su, un 4 metri dai 10 mila in su, un 5 metri dai 13-14 mila in su.

capisco.....ma il letame se viene interrato dovrebbe consumarsi no?

un'altra cosa, per esempio, vedendo i video vedo che con gli stocchi di mais un buona percentuale viene interrata però una parte rimane lì tra la terra....dopo che passi con l'erpice rotante scompaiono? non è che creano problemi alla seminatrice?

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86
capisco.....ma il letame se viene interrato dovrebbe consumarsi no?

un'altra cosa, per esempio, vedendo i video vedo che con gli stocchi di mais un buona percentuale viene interrata però una parte rimane lì tra la terra....dopo che passi con l'erpice rotante scompaiono? non è che creano problemi alla seminatrice?

 

Io il grubber lo passo anche dove distribuisco il liquame sopra le paglie trinciate, non è come un vero e proprio letame ma è simile, e l'interramento e il rivoltamento è molto buono, quindi a mio avviso, in certi casi, può sostituire l'aratro. In casa comunque è utile averne uno, ad esempio io aro ogni 3-4 anni per laserare i terreni, oppure, come dice il buon Dj, l'aratura è ancora la migliore tecnica sui ringrani per limitare le malattie fungine.

Il letame interrato magari in autunno non dovrebbe dare grossi problemi (secondo me non ne dovrebbe dare grossi nemmeno in primavera), comunque non credo che venga mineralizzato così velocemente da non trovarlo più nel terreno alla semina, magari le parti facilmente mineralizzabili vengono attaccate, ma altre restano anche ad un anno di distanza.

L'erpice rotante secondo me, insieme forse alla zappatrice, è la macchina migliore per passare dopo questi attrezzi perchè sminuzza ulteriormente i residui e tende ad interrarli, un erpice tipo il vibro invece tende a tirare fuori la paglia che è stata interrata, o almeno io ho notato questo. Una volta passato il rotante se hai una seminatrice a dischi vai proprio tranquillo, se ce l'hai a faclioni forse la cosa è più difficoltosa, ma non ho esperienza diretta in merito.

Link to post
Share on other sites
Io il grubber lo passo anche dove distribuisco il liquame sopra le paglie trinciate, non è come un vero e proprio letame ma è simile, e l'interramento e il rivoltamento è molto buono, quindi a mio avviso, in certi casi, può sostituire l'aratro. In casa comunque è utile averne uno, ad esempio io aro ogni 3-4 anni per laserare i terreni, oppure, come dice il buon Dj, l'aratura è ancora la migliore tecnica sui ringrani per limitare le malattie fungine.

Il letame interrato magari in autunno non dovrebbe dare grossi problemi (secondo me non ne dovrebbe dare grossi nemmeno in primavera), comunque non credo che venga mineralizzato così velocemente da non trovarlo più nel terreno alla semina, magari le parti facilmente mineralizzabili vengono attaccate, ma altre restano anche ad un anno di distanza.

L'erpice rotante secondo me, insieme forse alla zappatrice, è la macchina migliore per passare dopo questi attrezzi perchè sminuzza ulteriormente i residui e tende ad interrarli, un erpice tipo il vibro invece tende a tirare fuori la paglia che è stata interrata, o almeno io ho notato questo. Una volta passato il rotante se hai una seminatrice a dischi vai proprio tranquillo, se ce l'hai a faclioni forse la cosa è più difficoltosa, ma non ho esperienza diretta in merito.

Nella mia zona, per esempio, si semina mais e pochi cereali vernini quindi parecchi terreni hanno i residui del mais e, dato che è una zona dove le produzioni sono molto elevate, ci sono anche parecchi residui culturali.

Ovviamente si trinciano gli stocchi e in primavera molti sono ben degradati quindi, da come mi dici, ci vorrebbe un cantiere di lavoro appropriato, nel senso Grubber-erpice rotante e seminatrice a dischi giusto?

 

Mi sembra controproducente dopo il grubber passare erpice rotante+zappatrice no:cheazz: da quanto ho capito questo tipo di attrezzatura(Grubber) serve per abbattere i costi quindi....

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86
Nella mia zona, per esempio, si semina mais e pochi cereali vernini quindi parecchi terreni hanno i residui del mais e, dato che è una zona dove le produzioni sono molto elevate, ci sono anche parecchi residui culturali.

Ovviamente si trinciano gli stocchi e in primavera molti sono ben degradati quindi, da come mi dici, ci vorrebbe un cantiere di lavoro appropriato, nel senso Grubber-erpice rotante e seminatrice a dischi giusto?

 

Come cantiere esatto, come dici va bene. Però sono del parere che per il mais, per terreni medio impasto-leggeri, dove in genere si ara a 30-35 cm, il grubber va benissimo, se invece sei in una zona di terreni più forti, in cui in genere si ara intorno ai 40-45 cm, allora credo che sia meglio un ripper più profondo tipo il Crakker, sempre seguito da rotante e seminatrice a dischi. Per grano e colture a cui serve poca profondità il grubber va bene in ogni tipo di terreno a mio avviso, indipendentemente dai residui colturali presenti.

 

Mi sembra controproducente dopo il grubber passare erpice rotante+zappatrice, no? da quanto ho capito questo tipo di attrezzatura(Grubber) serve per abbattere i costi quindi....

 

Nel mio post non intendevo rotante+zappatrice, ma rotante O zappatrice. Entrambi svolgono un buon lavoro, puoi scegliere l'uno o l'altra. In questo modo il grubber ti costa molto meno che un'aratura, poi fai una sola passata di erpice rotante (o zappatrice), però, siccome il terreno viene lavorato in tempera, ad una profondità non elevata e su un terreno già poco zolloso dalla passata del grubber, puoi permetterti di viaggiare anche a 6-7 km orari con un consumo relativamente basso ed un'alta velocità di esecuzione.

Link to post
Share on other sites
Come cantiere esatto, come dici va bene. Però sono del parere che per il mais, per terreni medio impasto-leggeri, dove in genere si ara a 30-35 cm, il grubber va benissimo, se invece sei in una zona di terreni più forti, in cui in genere si ara intorno ai 40-45 cm, allora credo che sia meglio un ripper più profondo tipo il Crakker, sempre seguito da rotante e seminatrice a dischi. Per grano e colture a cui serve poca profondità il grubber va bene in ogni tipo di terreno a mio avviso, indipendentemente dai residui colturali presenti.

 

 

 

Nel mio post non intendevo rotante+zappatrice, ma rotante O zappatrice. Entrambi svolgono un buon lavoro, puoi scegliere l'uno o l'altra. In questo modo il grubber ti costa molto meno che un'aratura, poi fai una sola passata di erpice rotante (o zappatrice), però, siccome il terreno viene lavorato in tempera, ad una profondità non elevata e su un terreno già poco zolloso dalla passata del grubber, puoi permetterti di viaggiare anche a 6-7 km orari con un consumo relativamente basso ed un'alta velocità di esecuzione.

Ho capito grazie AlbeO0

Link to post
Share on other sites
Io abito nella stessa zona di Fabio,se dopo il grubber si dovesse passare con un coltivatore a dischi (come ad esempio il Rabe Field Bird) dici che si potrebe sostituire l'erpice rotante o la zappatrice?

 

Ma guarda Gian io a casa mia ho provato un Mainardi 3 metri su mais per seminare Loiessa...e devo dire che con un bel passaggio (e secondo mè in questo tipo di lavorazione influisce molto anche la velocità) si ottengono buoni risultati, cioè terreno ottimo per una semina in combinata anche con seminatrice a falcioni.

Ovvio si deve avere un terreno molto in tempera per mescolare bene i residui, ma diciamo ce anche dopo un temporale estivo (almeno nella mia zona) si lavora molto bene.

Per quanto riguarda le rese non ho notato molti cambiamenti...(lavorazione tradizionale 112.50 qli di fieno secco all'HA...e con la lavorazione a Grubber uguale)...anzi nella semina a mio modesto parere la germinazione ha uno spunto in più....O0O0O0

Infatti stiamo vagliando l'acquisto....

Link to post
Share on other sites
Io abito nella stessa zona di Fabio,se dopo il grubber si dovesse passare con un coltivatore a dischi (come ad esempio il Rabe Field Bird) dici che si potrebe sostituire l'erpice rotante o la zappatrice?

ciao Gian questo attrezzo lo fa solo la Rabe?

Vicino a casa verso la bassa c'è un'azienda che dopo l'aratura passa con un'attrezzo simile a dischi (da lontano non ho visto se trainato o portato) e poi semina...

A differenza dei terreni confinanti che utilizzano erpice rotante il mais nel terreno lavorato con i dischi ho notato che nasce meglio ma soprattutto è più vigoroso...

Ma guarda Gian io a casa mia ho provato un Mainardi 3 metri su mais per seminare Loiessa...e devo dire che con un bel passaggio (e secondo mè in questo tipo di lavorazione influisce molto anche la velocità) si ottengono buoni risultati, cioè terreno ottimo per una semina in combinata anche con seminatrice a falcioni.

Ovvio si deve avere un terreno molto in tempera per mescolare bene i residui, ma diciamo ce anche dopo un temporale estivo (almeno nella mia zona) si lavora molto bene.

Per quanto riguarda le rese non ho notato molti cambiamenti...(lavorazione tradizionale 112.50 qli di fieno secco all'HA...e con la lavorazione a Grubber uguale)...anzi nella semina a mio modesto parere la germinazione ha uno spunto in più....O0O0O0

Infatti stiamo vagliando l'acquisto....

ciao BASA

Se doveste acquistare il grubber lo utilizzereste solo per la semina di loietto o cereali vernini oppure provereste anche sul mais?:)

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86
Io abito nella stessa zona di Fabio,se dopo il grubber si dovesse passare con un coltivatore a dischi (come ad esempio il Rabe Field Bird) dici che si potrebe sostituire l'erpice rotante o la zappatrice?

 

Forse potrebbe andare ugualmente bene, però non ho mai provato. Quest'anno vorrei magari vedere come lavora, dopo il grubber, una passata di erpice finlandese (stellare).

 

http://www.fontanasrl.com/ita/erp_pk.htm

 

Il mio è come quello nella foto, ma senza la fila di denti davanti, che serve per lavorare su terreno compatto e non smosso.

Link to post
Share on other sites

in realta l'erpice finnico è utilizzato per le stoppie in scandinavia e molto invoga adesso in usa...... per passarlo dopo il grubber non fa un bel lavoro tende a ingolfarsi e non livella... dopo il grubber la buona tecnica agricola fa passare un erpice a dischi corto...... oppure un erpice rotativo...

cmq per la cronaca il grubber è una cosa il coltivatore un'altra..... il grubber ha le ancore con supporto a molla e utilizza la molla per creare dei micromovimenti quando funziona e passa la terra molla a balesta comeil kneverland o a tazza come il gaspardo .. il coltivatore è piu vicino ad un classico sterpatore o chisel con il rullo e o i dischi rincalzatori....

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86
in realta l'erpice finnico è utilizzato per le stoppie in scandinavia e molto invoga adesso in usa...... per passarlo dopo il grubber non fa un bel lavoro tende a ingolfarsi e non livella... dopo il grubber la buona tecnica agricola fa passare un erpice a dischi corto...... oppure un erpice rotativo...

 

In generale viene utilizzato per le stoppie, ma ad esempio funziona bene anche dopo aratura. Di sicuro non spianerà bene come il rotante, però sei veloce e servono pochi cv. Se riesco sta primavera lo provo dopo il grubber. Secondo me non dovrebbe fare un lavoro molto diverso da quello di un erpice a dischi che, tra l'altro, non spiana poi tanto bene nemmeno lui.

Link to post
Share on other sites
ciao Gian questo attrezzo lo fa solo la Rabe?

 

No, molte delle case costruttrici di attrezzi per la lavorazione del terreno hanno a listino attrezzature del genere,come ad esempio Pottinger, Lemken ,Kuhn, Amazone, Rossetto, Gaspardo, ecc...

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

ieri mi hanno consegnato il grubber pottinger 2600 s con rullo semi paker uguale a quello di albe86 (anche perchè molto probabilmente acquistato dallo stesso rivenditore) non ho resistito dall'effettuare subito una prova su socchi di mais non trinciati .profondità di lavorocirca 25 cm velocità 9,5km nessun ingolfamento terreno perfettamente livellato adesso deciderò che altre lavorazioni complementari effettuare o no prima di seminare il mais

Link to post
Share on other sites
ieri mi hanno consegnato il grubber pottinger 2600 s con rullo semi paker uguale a quello di albe86 (anche perchè molto probabilmente acquistato dallo stesso rivenditore) non ho resistito dall'effettuare subito una prova su socchi di mais non trinciati .profondità di lavorocirca 25 cm velocità 9,5km nessun ingolfamento terreno perfettamente livellato adesso deciderò che altre lavorazioni complementari effettuare o no prima di seminare il mais

molto interessante il fatto che non ci siano stati ingolfamenti, e il risultato dell'interramento dei residui colturali come è?

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86

@ Crc: si, i tubi servono per spargere il liquame ed interrarlo direttamente.

@ Valtra: il mio synkro l'avevo preso da Bregalanti srl di Lodivecchio, mentre i rulli, sia quello kutter che avevo prima, sia quello attuale, li costruisce Rosso di Caresanablot (Vc), tu l'hai preso lì? Con che trattore lo utilizzi?

@ Fabio: quando ho utilizzato il synkro su mais la prfondità era circa 30 cm, la velocità di lavoro intorno agli 8 km orari e faceva sforzare il trattore, però il lavoro svolto era ottimo, mai un ingolfamento e paglia interata bene, naturalmente non come un'aratura ma ci si avvicinava anche grazie alla successiva passata di rotante.

Link to post
Share on other sites
@ Crc: si, i tubi servono per spargere il liquame ed interrarlo direttamente.

@ Valtra: il mio synkro l'avevo preso da Bregalanti srl di Lodivecchio, mentre i rulli, sia quello kutter che avevo prima, sia quello attuale, li costruisce Rosso di Caresanablot (Vc), tu l'hai preso lì? Con che trattore lo utilizzi?

@ Fabio: quando ho utilizzato il synkro su mais la prfondità era circa 30 cm, la velocità di lavoro intorno agli 8 km orari e faceva sforzare il trattore, però il lavoro svolto era ottimo, mai un ingolfamento e paglia interata bene, naturalmente non come un'aratura ma ci si avvicinava anche grazie alla successiva passata di rotante.

capisco, purtroppo non ho mai visto , nella mia zona, tale lavorazione ma l'ho vista solamente sui video e quando lavora su residui di mais non ho visto un ottimo interramento......comunque è solo una mia curiosità, sarebbe bello vedere delle foto di lavorazioni fatte da altri....

Link to post
Share on other sites

io il syncro l'ho preso da rosso il rullo l'ha costruito lui non è originale pottinger l'ho voluto io in quanto ho già un epice a molle co quel rullo e ritengo che sia quello che piu si adatta a situazioni diverse ,terreni pietrosi o sabbiosi o argillosi presenza di residui terreni umidi.io ho un valtra 6550 100hp.ho preso il pottinger perchè è una delle poche ditte che costruisce il 2,60 mt misura ideale per un 100 hp.altri venditori amazzone vogel rabe volevano darmi il 3mt,dopo averlo usato devo dire che avevo ragione io 2,60 bastano soprattutto se vuoi approfondire un po il lavoro o se le condizioni del terreno non sono idealiper quanto riguarda l'interramento degli stocchi quest'attrezzo non li interra piu di tanto ma questo è uno dei principi dell'agricoltura conservativa

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...