Jump to content

Recommended Posts

Guest albe 86

Ma a quel punto non avrebbe più senso il combinato rossetto con i dischi, così quando devi solo interrare le stoppie o gli stocchi e usarlo al posto del trinciatocchi alzi tutte le ancore e via? E poi quando devi fare profondità abbassi le ancore?

 

In effetti si, bisognerebbe che me lo porti in prova, così se la macchina va bene con un unico attrezzo faccio sia l'erpice a dischi che il lavoro del cracker quando serve...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Albe l'erpice a dischi tutto fa che meno che intasarsi.....

 

su stocchi di mais purtroppo gli intasamenti avvengono ,sicuramente dipende dal diametro dei dischi ,dall'interasse tra i dischi,dal tipo di terra,dal tipo di piantone di sostegno etc ma escludere a priori intasamenti non credo si possa

Share this post


Link to post
Share on other sites

si infatti può succedere che si intasi...ho usato una volta un viviani a V da 3mt circa per interrare le stoppie di colza(su terreno umido ed argilloso), e un paio di volte mi si è intasato...con sommo piacere dell'altro trattorista che arando di seguito con il D4 ha fatto un paio di salti sui mucchi:asd::asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco un bel Carrier da 5 metri Lemken fotografato all'azienda dell'Università di Pisa.

 

t67422_imag0259-1600x1200-.jpg t67423_imag0260-1600x1200-.jpg t67424_imag0261-1600x1200-.jpg

t67425_imag0262-1600x1200-.jpg t67426_imag0263-1600x1200-.jpg t67427_imag0264-1600x1200-.jpg

t67428_imag0265-1600x1200-.jpg t67429_imag0266-1600x1200-.jpg t67430_imag0267-1600x1200-.jpg

t67431_imag0268-1600x1200-.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sà che sia marchiato Casella... nè ho visto uno uguale proprio lunedì.....:2funny:

Share this post


Link to post
Share on other sites

il Vadestad carrier 650 è ottimale per affianamento terreno e interramento stocchi di girasole in unica passata veloce

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai avuto esperienza diretta dell'utilizzo del Carrier? Con che trattore veniva utilizzato? tipo di terreno?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il carrier 650 era trainato da un jhon deere 8320rt il terreno secco con stocchi di girasole , ed è di un contoterzista della mia zona , con una passata aveva già fatto un' ottima preparazione.

Edited by beranzoni
specificazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carrier Pottinger a lavoro su preparazione del terreno per semina autunnale... mi stupisce sempre più questo attrezzo, si può notare bene come su arato faccia un ottimo lavoro, riesca a spianare il terreno anche in condizioni difficili, come ad esempio in presenza di tracce (magari un paio di rompitraccia, in quelle condizioni non sarebbero affatto male), inoltre sembra che faccia una bella profondità, unico neo che si fa tirare a quanto pare... da notare l'elevata velocità di lavoro, quando è possibile...

Mi piacerebbe vederlo all'opera magari in presenza di pietre e qualche residuo erboso, ma secondo me se le caverebbe comunque bene anche in queste condizioni, meglio di sicuramente di un comune vibro o erpice a dischi... che ne pensate???

YouTube - New Holland T7050[/url]

Edited by RobertinoTrattorista

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me fa un ottimo lavoro perchè lavora su terreno leggero; nella mia zona nonostante non abbiamo terra difficile non sempre riesce a raffinare in modo decente, lavorano meglio attrezzi come il Cultirapid che, oltre alle dischiere (anche se di diversa concezione), hanno delle file di denti a molla.

 

In presenza di residui credo proprio che un erpice a dischi se la caverebbe meglio; ha i dischi più grossi e più distanziati e quindi andrebbe più in profondità senza rischiare di intasarsi. Tieni presente che con un carrier è già tanto riuscire a fare 15cm di profondità.

Nella mia zona chi fa minima lavorazione effettua la prima passata sui residui con un grubber o con il Cultirapid da minima lavorazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo me fa un ottimo lavoro perchè lavora su terreno leggero; nella mia zona nonostante non abbiamo terra difficile non sempre riesce a raffinare in modo decente, lavorano meglio attrezzi come il Cultirapid che, oltre alle dischiere (anche se di diversa concezione), hanno delle file di denti a molla.

 

In presenza di residui credo proprio che un erpice a dischi se la caverebbe meglio; ha i dischi più grossi e più distanziati e quindi andrebbe più in profondità senza rischiare di intasarsi. Tieni presente che con un carrier è già tanto riuscire a fare 15cm di profondità.

Nella mia zona chi fa minima lavorazione effettua la prima passata sui residui con un grubber o con il Cultirapid da minima lavorazione.

 

 

Capisco cosa dici.. be che si ingolfi anche con erba penso sia veramente dura... mi pare che sia studiato anche per lavorare su residui, quindi...

per il fatto dell'erpice a dischi, magari più le larhezze aumentano e più differenze ci sono tra le macchine, in particolare in profondità, ma penso che se non andiamo oltre i 4 mt, se consideiri presi delle macchine, siamo li...

io in effetti intendevo un uso su arato in estate, come solitamente si fa nelle mie zone.quindi nelle semine autunnali particolarmente, come si vede sul video (anche se li a quanto pare è terra arata poco tempo prima) penso che lavori ugualmente molto bene, non so se mi sono spiegato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il carrier è nato per lavorare le stoppie dei cereali a paglia, grande velocità di lavoro, limitata profondità (5-6 cm sul sodo) e quindi grande capacità di lavoro e bassi costi di lavorazione delle stoppie.

 

Infatti con un grubber si possono comunque lavorare bene le stoppie del grano appena trebbiato, ma l'elevata superficie di appoggio delle alette delle ancore fa si che a parità di profondità di lavoro e di larghezza di lavoro il grubber è più duro da tirare rispetto al carrier.

 

Detto questo un erpice a dischi tradizionale a mio parere può essere molto più versatile di un carrier, in quanto con le sezioni inclinate poco può lavorare pochi centimetri per lavorare le stoppie ad alta velocità, mentre inclinato molto può arrivare anche a oltre 15 cm di profondità (parlo di erpici a dischi seri con buon peso, almeno 7-8 q.li a metro di lavoro), e volendo può fare anche il ripasso su lavorato.

 

Mentre un carrier per quanto pesi non riesce mai a superare i 6-7 cm di profondità su terreno sodo anche in tempera, per di più robertino posso garantirti che su grandi quantità di residuo o erba molto alta (giavone o simili) il carrier si intasa molto di più di un erpice a dischi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il carrier è nato per lavorare le stoppie dei cereali a paglia, grande velocità di lavoro, limitata profondità (5-6 cm sul sodo) e quindi grande capacità di lavoro e bassi costi di lavorazione delle stoppie.

 

Infatti con un grubber si possono comunque lavorare bene le stoppie del grano appena trebbiato, ma l'elevata superficie di appoggio delle alette delle ancore fa si che a parità di profondità di lavoro e di larghezza di lavoro il grubber è più duro da tirare rispetto al carrier.

 

Detto questo un erpice a dischi tradizionale a mio parere può essere molto più versatile di un carrier, in quanto con le sezioni inclinate poco può lavorare pochi centimetri per lavorare le stoppie ad alta velocità, mentre inclinato molto può arrivare anche a oltre 15 cm di profondità (parlo di erpici a dischi seri con buon peso, almeno 7-8 q.li a metro di lavoro), e volendo può fare anche il ripasso su lavorato.

 

Mentre un carrier per quanto pesi non riesce mai a superare i 6-7 cm di profondità su terreno sodo anche in tempera, per di più robertino posso garantirti che su grandi quantità di residuo o erba molto alta (giavone o simili) il carrier si intasa molto di più di un erpice a dischi.

 

Su questo non si discute...

però ti dico siceramente, in confronto al mio erpice a dischi da 2,50, sezione a V, mi piacerebbe provare un grubber della stessa misura o anche 3 metri se ne avessi la possibilità, per l'uso che ne facciamo noi, come dissi in precedenza su sodo preferiamo attrezzi specie ripuntatori o chisel o grubber, erpice a dischi solo prima dela semina autunnale in zone difficili, o come leggera pulizia prima dell'aratura...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Filippo....

 

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

questo carrier però non mi sembra che serva per minima lavorazione, da profano mi sembrano dischi per lavorazioni sui 15,20 cm :cheazz:inoltre il carrier può sostituire il classico erpice a dischi ? oppure su terreno umido si può ingolfare più facilmente, presumo che il carrier lavori meglio ad alte velocità e su terreno secco, chiedo a voi spiegazioni in merito grazieO0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certamente quell'attrezzo con dischi da 82 più che un carrier è un erpice a dischi pesante con la sola differenza che invece di avere i dischi montati su sezioni a X o a V li ha montati come se fosse un carrier.

 

In generale i carrier sono nati per la lavorazione superficiale 5-7 cm delle stoppie e su questo lavoro sono insuperabili, grande velocità di lavoro, basso sforzo di trazione ecc, mentre l'erpice a dischi ha un utilizzo più ampio, quindi un carrier non sostituisce l'erpice a dischi e viceversa, sono due attrezzi diversi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie per l'esauriente spiegazione, finalmente un forum che illustra a 360' il mondo dell' agricoltura con competenza e passione, bravi

Share this post


Link to post
Share on other sites

nel sito della gregoire besson questo tipo di dischi vengono descritti per uso estremi , nei paesi tropicali, per interrre arbusti legnosi tipo canne da zucchero, sarebbe eccessivo utilizarli da noi magari eliminando l' aratro?, devo dire che a me piacciono molto questi disconi:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche se a me non sembrano uguali come attrezzi, il gregoire besson non ha le ancore, quindi penso che sia un' erpice stile carrier con dischi per interramento stocchi legnosi, mentre il rossetto è un coltivatore combinato con dischi pesanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chicca per Filippo B che è amante dei carrier...

 

L'ennesima evoluzione...

 

 

Fino ad oggi i carrier avevano la prima fila di dischi inclinata in un verso, e la seconda nel senso opposto, invece in questa versione, la configurazione dei dischi è a X pur mantenendo la caratteristica del carrier e cioè la non inclinazione delle sezioni.

 

Con questa nuova configurazione, la sezione davanti è divisa a metà, e i dischi della metà destra lanciano verso destra, e quelli della metà sinistra lanciano verso sinistra, quelli posteriori al contrario (esattamente come avviene in un erpice a dischi tradizionale a X).

 

A onor del vero comunque c'è da dire che questa configurazione del carrier l'avevo già vista sulla Combinata Alpego Maratona:

 

t78927_sany1743-1024x768-.jpg t78928_sany1744-1024x768-.jpg

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest albe 86

 

L'ennesima evoluzione...

 

Fino ad oggi i carrier avevano la prima fila di dischi inclinata in un verso, e la seconda nel senso opposto, invece in questa versione, la configurazione dei dischi è a X pur mantenendo la caratteristica del carrier e cioè la non inclinazione delle sezioni.

 

Con questa nuova configurazione, la sezione davanti è divisa a metà, e i dischi della metà destra lanciano verso destra, e quelli della metà sinistra lanciano verso sinistra, quelli posteriori al contrario (esattamente come avviene in un erpice a dischi tradizionale a X).

 

 

Ma a questo punto che differenze ci sono rispetto ad un erpice a dischi??

Il fatto di avere i dischi presi singolarmente penso sia un bene per il deflusso dei residui soprattutto ad alta velocità, però un disco vero e proprio a quel punto forse sarebbe più versatile...sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti fin dalla nascita dei carrier sono sempre stato convinto che siano si bei attrezzi, ma un buon erpice a dischi con tutte le varie regolazioni del caso, può tranquillamente fare il lavoro del carrier, e poi fare anche lavoro più pesante arrivando anche a 15-20 cm, profondità che il carrier può tranquillamente scordarsi di poter fare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...