Jump to content

Recommended Posts

comunque in Francia, nord europa si punta sempre più sui carrier (vedi seminatrici con carrier), forse perchè hanno terreni più leggeri? stanno più avanti di noi facendo solo minima lavorazione e poi semina? lascio la parola ai più esperti:asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
comunque in Francia, nord europa si punta sempre più sui carrier (vedi seminatrici con carrier), forse perchè hanno terreni più leggeri? stanno più avanti di noi facendo solo minima lavorazione e poi semina? lascio la parola ai più esperti:asd:

non sono di certo un esperto ma non credo che siano tanto piu avanti di noi(forse si....)..il fatto è che con quelle terrette che si ritrovano basterebbe anche un erpice a maglie per affinare il terreno:2funny:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Condivido pienamente i carrier qui da noi tolto in ristrette e deteminate zone del nord per me nn fanno molto.......in francia (e parlo per esperienza diretta,dopo la trebbiatura lo passano ma la loro terra e moooolto sciolta:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

11 anni il successo della società svedese, e dopo 11.000 modelli venduti in tutto il mondo, Väderstad ha svelato la scorsa settimana in anteprima, alla presenza di clienti, di rete e premere una nuova versione del suo coltivatore Disco indipendente, X. Carrier .

Questa è una versione limitata 4,25-5,25 e 6,25 metri sul lavoro, da 2,25 tonnellate a un massimo di 3,85 tonnellate, a seconda della scelta del rotolo, è acciaio, gomma o gabbia. I dischi conici da 450 mm di diametro in acciaio duro V55 sono le stesse di quelle dei modelli di treni, e hanno una pressione al suolo di 77-84 kg per ogni disco. Hanno la caratteristica di essere diretto, come un erpice a dischi per una relazione in X 2 / 3 1 / 3, con conseguente maggiore stabilità, neutralizzando le diverse forze laterali a causa dell'inclinazione dei dischi. Questo è quello che Väderstad nominare una disposizione di "X-forma."

Poco "assetati" di potenza, il Carrier X richiede solo 100-160 cavalli sotto la sua larghezza e pieghe idraulico per il trasporto di 2m40.

 

Foto:

 

t96710_1-5.jpgt96711_1-55.jpg

 

 

 

t96712_1-555.jpgt96713_1-5555.jpg

 

 

 

t96714_1-55555.jpgt96715_1-555555.jpg

 

 

 

t96716_1-5555555555.jpgt96717_1-555555555555555555555555.jpg

 

 

 

 

t96718_1-555555555555555555555555555555555555.jpg

 

Video:

 

[/url] Edited by acallioni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carrier Vaderstad presente ad Agricoltura Blu.

(pessima figura fece...)

 

t102454_p1030124.jpg t102455_p1030125.jpg t102456_p1030126.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

nella torba però funziona........sul duro Italiano a cosa serve?

Share this post


Link to post
Share on other sites

affina il terreno sminuzza gli stocchi eventualmente presenti, io ho visto lavorare il trainato il carrier 650 su stocchi di girasole, devo dire che ha sminuzzato e affinato discretamente, malgrado fosse terreno secco

Edited by beranzoni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chiaramente regolato malissimo a Gazzo di Bigarello, comunque il carrier ha la funzione di rompere le stoppie e rimescolare il terreno nei primi 5-7 cm, garantendo bassa potenza per metro di lavoro ed elevate velocità di lavoro garantendo un terreno perfettamente pareggiato.

 

 

E' molto utilizzato nel nord Europa, dove si fa soprattutto minima lavorazione, spesso subito dopo la trebbiatura si passa il carrier, poi prima della semina o altro passaggio di carrier oppure se si vuole fare maggiore profondità un grubber.

 

 

In Italia effettivamente non ha molto senso se non per la rottura estiva delle stoppie che comunque si può fare tranquillamente un erpice a dischi tradizionale ben regolato.

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

l' erpice a dischi lascia il terreno zolloso, mentre il carrier ha i rulli finali che "sfarinano il terreno" ovviamente è indicato su terreni secchi e per fare minima lavorazione, lavora molto meglio alle grandi velocità e fa un lavoro differente dall' erpice a dischi che è molto più utile su terreni con erba alta e terreni in tempera, o per sostituire l 'aratura

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sogno di puntoluce....carrier dopo colza....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sogno di tanti... me compreso!!!

 

Ma voi che praticate sodo e minima lavorazione, non sarebbe adatto un carrier anche se meno "famoso"??? Costa meno il diserbo???

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il Gliphosate a 3 €/litro è dura per il carrier essere più competitivo, mentre nel nord Europa e ancora più nell'Est, con le grandi estensioni spesso è più conveniente passare un carrier presemina che fare un diserbo di presemina solamente per il fatto che quando hai da diserbare 5-10 mila ettari spesso uno dei problemi è avere comodo un approvigionamento di acqua comodo e vicino, mentre con il carrier vai e non ti fermi mai, lasciando il diserbo solo nell'inevitabile post-emergenza.

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites
Con il Gliphosate a 3 €/litro è dura per il carrier essere più competitivo, mentre nel nord Europa e ancora più nell'Est, con le grandi estensioni spesso è più conveniente passare un carrier presemina che fare un diserbo di presemina solamente per il fatto che quando hai da diserbare 5-10 mila ettari spesso uno dei problemi è avere comodo un approvigionamento di acqua comodo e vicino, mentre con il carrier vai e non ti fermi mai, lasciando il diserbo solo nell'inevitabile post-emergenza.

 

 

Come immaginavo... il top DJ!!!O0

Share this post


Link to post
Share on other sites

poi mi fanno capire dove la terra è argilla appena nasce il grano e ci piove per una settimana di fila senza 10cm di terra smossa se non marcisce subito.

 

dove l'acqua drena anche il righello va bene,ma non credo sia il caso del l'italia .

Share this post


Link to post
Share on other sites
poi mi fanno capire dove la terra è argilla appena nasce il grano e ci piove per una settimana di fila senza 10cm di terra smossa se non marcisce subito.

 

dove l'acqua drena anche il righello va bene,ma non credo sia il caso del l'italia .

 

E' veramente dura che nei periodi di fine luglio, agosto, metà settemebre piova 10 giorni di fila, anche in nord europa...

 

Amazone Catros... e non solo...:fiufiu:

 

PS. Nel video di DJ, ma dove li trovano gli autisti???

Edited by RobertinoTrattorista

Share this post


Link to post
Share on other sites

questi attrezzi non son fatti secondo me per l'italia dove i terreni son per il 50% se non piu composti di argilla.

 

cosi fa bella figura

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il nuovo modello trasportato Carrier Xè disponibile in tre larghezze di lavoro 4.25, 5.25 e 6.25 m, che lo rende una soluzione adatta ad ogni agricoltore che sia alla ricerca di una macchina ad alta produttività e facile da utilizzare.

Ideale per la lavorazione su stoppie dopo la raccolta, o per seconde lavorazioni.

La caratteristica principale del carrier X è la disposizione degli elementi, che eliminano l'effetto delle forze laterali e consegue stabilità anche al trattore.

Questa stabilità eccellente facilita l'uso di sistemi in agricoltura di precisione utilizzando il GPS.

Carrier X può essere dotato di una gabbia d'acciaio o di un rullo.

Egli è sempre superiore alla larghezza di lavoro, sovrapponendosi assicura una maggiore qualità del lavoro.

Struttura in acciao progettata per operare in condizioni difficili manetenendo comunque sempre un ottima versatilità.

Il collegamento all'attacco a tre punti della trattrice è agevole e facile da trasportare.

Design compatto, permette di avere larghezze di lavoro di 6,25 m e di soli 2,4 m in trasporto.

Parallelismo regolabile attraverso il terzo punto, la profondità di lavoro è impostabile con regolatori e poi direttamente dalla cabina.

 

t114717_carrier-x.jpg

 

Fonte: agromachinery.cz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il primo carrier prodotto da CMA in collaborazione con Home - Rinieri s.r.l ovvero il telaio e la struttura è by CMA, mentre l'elemento elastico del carrier è by Rinieri.

 

t116173_dsc00340-1600x1200-.jpg t116174_dsc00341-1600x1200-.jpg t116175_dsc00342-1600x1200-.jpg

t116176_dsc00343-1600x1200-.jpg

 

Qui si vede come è fatto l'elemento elastico che può portare ad una pressione fino a 90 kg a disco

 

t116178_rinieri.jpg

 

Questo è un carrier unico nel suo genere, in quanto su ogni elemento elastico chiamato "Stone-Jumper” sono montati 2 dischi uno da 61 cm di diametro e uno da 51 cm di diametro.

Prossimamente altre foto della macchina a lavoro e video.

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites
poi mi fanno capire dove la terra è argilla appena nasce il grano e ci piove per una settimana di fila senza 10cm di terra smossa se non marcisce subito.

 

dove l'acqua drena anche il righello va bene,ma non credo sia il caso del l'italia .

 

 

Quoto il conte...Questi carrier non servono a molto, da noi il grano marcisce anche dopo rippatura e aratura, immaginati smuovndo 5 cm di terra.

 

L'unico che salvo è il carrier della Pietro Moro "UNIKO" , per un ripasso dopo l'aratura credo sia ottimo, anche per i terreni più ostici.

 

http://www.moropietro.it/images%5Cclea4.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quoto il conte...Questi carrier non servono a molto, da noi il grano marcisce anche dopo rippatura e aratura, immaginati smuovndo 5 cm di terra.

 

L'unico che salvo è il carrier della Pietro Moro "UNIKO" , per un ripasso dopo l'aratura credo sia ottimo, anche per i terreni più ostici.

 

http://www.moropietro.it/images%5Cclea4.jpg

 

ciao ,io infatti ho l'uniko della pietro moro, portato da 4,5m :pesa 27q e lo uso con un jd 7810 autopowr

 

è ottimo per:

-preparare il terreno arato. specialmente dopo un inverno piovoso come l'anno scorso.

-preparare il terreno sodo alla semina anche con erba molto alta

-interrare stoppie e stocchi

-preparare il terreno per la soia di secondo dopo colza o grano

 

io lo uso con questo metodo:

faccio 2 o più passaggi (dipende da come viene il terreno)

-il primo a 8/9kmh e faccio lavorare ancore e dischi mentre i rulli sfiorano il terreno.

-il secondo e i successivi passaggi faccio lavorare i rulli con un effetto vibro

 

allego i video

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella colonna sonora.................avevo scritto una cattiveria sull'uniko di pietro moro e me la autocensuro............................per rispetto a te che lo usi per lavorare........

 

Comunque in quella terra li lavora qualsiasi attrezzo anche il meo patacca scusami ma non oppone resistenza..........

 

P.s. bella la colonna sonora del video sia quella a 6 cilindri che no.

Edited by Johndin

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bella colonna sonora.................avevo scritto una cattiveria sull'uniko di pietro moro e me la autocensuro............................per rispetto a te che lo usi per lavorare........

 

Comunque in quella terra li lavora qualsiasi attrezzo anche il meo patacca scusami ma non oppone resistenza..........

 

P.s. bella la colonna sonora del video sia quella a 6 cilindri che no.

 

grazie , se ti interessano altri video visita il mio canale:

 

Il canale di past936 - YouTube

 

mi sono dimenticato di dire che il secondo passaggio è a velocità elevate: 18/20kmh

e che nel video quando è stato girato , stavamo provando se si avavano risultati migliori con l'uniko o con l'erpice rotante.

 

anche a parità di produzioni vince l'uniko, perchè ha un costo orario minore del'erpice, inoltre ha una produttività più alta

 

alla fine abbiamo avuto un risultato buono sul terreno lavorato dall'erpice e ottimo in quello lavorato dall'uniko.

se trovo le bollettine pubblico anche le produzioni.

 

allego anche un'altro video in cui sta preparando il terreno dopo che è venuto tutto l'inverno piovoso dell'anno scorso e poi i l mese di secco che hanno trasformato la terra in cemento:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
grazie , se ti interessano altri video visita il mio canale:

 

Il canale di past936 - YouTube

 

mi sono dimenticato di dire che il secondo passaggio è a velocità elevate: 18/20kmh

e che nel video quando è stato girato , stavamo provando se si avavano risultati migliori con l'uniko o con l'erpice rotante.

 

anche a parità di produzioni vince l'uniko, perchè ha un costo orario minore del'erpice, inoltre ha una produttività più alta

 

alla fine abbiamo avuto un risultato buono sul terreno lavorato dall'erpice e ottimo in quello lavorato dall'uniko.

se trovo le bollettine pubblico anche le produzioni.

 

allego anche un'altro video in cui sta preparando il terreno dopo che è venuto tutto l'inverno piovoso dell'anno scorso e poi i l mese di secco che hanno trasformato la terra in cemento:

 

 

 

 

 

E' proprio un bell'attacco...bella macchina e bell'attrezzo...

 

è possibile sapere il prezzo?anche per mess privato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...