Jump to content
matteodc

Concimazione vigneto (piccolo conto economico)

Recommended Posts

8 ore fa, alefriuli ha scritto:

Quanto ti è costato ad ettaro e quanto hai prodotto (e ricavato) in più? Per che 50 euro/q.le possono essere troppi o pochissimi, dipende da che differenza producono.

quantificare il costo ettaro è un casino , nelle piante più gravi 1 kg circa con paletta . a spaglio raggio 50 cm. , poi con spandiconcime tutte le fila a dose 4\5 quintali ettaro 

sono rimaste pochissime piante con ancora sintomi gravi  ,si contano in una mano ....produzione ottima in generale grappoli dimensioni super 

di sicuro la cifra spesa è stata recuperata ! altrochè le cazzate usate gli anni scorsi 2 di fila non han contato meno d'un fico secco ,e dire che erano anzi sono ditte quotate ,ma solo nei prezzi

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 25/3/2020 Alle 18:57, CBO ha scritto:

Spandiconc. gentilmente prestato da un collega. Uno l'ho a Padova. E l'altro era impegnato nel primo cantiere.

20200325_153719.jpg

Valutazione spandiconcime Amazone?

Edited by cuntadein

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finita la raccolta 2020 una settimana fa,sono in programma di fare una concimazione invernale,premetto che è noi La terra è molto bagnata e sono giorni che c’è la nebbia, aldilà di questo che tipo di concime si potrebbe usare? Io ho terreni argillosi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 26/9/2020 Alle 08:58, cuntadein ha scritto:

Valutazione spandiconcime Amazone?

Scusa ma vedo solo adesso.

Non e' mio come avevo scritto. Era un cantiere da fare di corsa in appoggio ad un collega ed e' suo. 

Non mi sembra di ricordare che i ragazzi si siano lamentati. Da dire pero' che quel concime e' il top di gamma in quelle condizioni ambientali. Una volta trovata la misura devi solo distribuire.

Io ho 2 Eurospand uno idraulico e uno elettroidraulico. Per l'uso che ne faccio (io preferisco la fertirrigazione) sono anche troppi ora come ora. E' sufficientemente preciso e cambiando la maglie di ingresso si presta molto bene anche alla distribuzione del pelettato cosa che con altri non e' cosi' scontata. 

E' un buon investimento in termini di rapporto qualita'/prezzo per aziende che seguono una concimazione standard.

Come avevo scritto in altra discussione oggi come oggi il top per il granulare e' il Kuhn ma si parla di una macchina di costo ben diverso indicata per i pignoli del kg/ha.

Negli ultimi 2 anni da me e' stata venduta bene la linea vigneto di Dal Cero. Simile per struttura al Khun ma a prezzi un piu' potabili. 

Il mio compare ne ha uno che utilizza soprattutto per il pelettato ed e' super contento. Distribuisce anche altro ovviamente ma il valore di un spandiconcime da vigneto a mio modesto parere si vede con il pelettato. 

Su granulare piu' o meno van tutti. Sul pelettato ci sono sorprese spiacevoli a volte.

E in un vigneto il pelettato almeno ogni 2/3 anni andrebbe usato per chi non distribuisce letame. 

1 ora fa, Toso ha scritto:

Finita la raccolta 2020 una settimana fa,sono in programma di fare una concimazione invernale,premetto che è noi La terra è molto bagnata e sono giorni che c’è la nebbia, aldilà di questo che tipo di concime si potrebbe usare? Io ho terreni argillosi

Ho gia' risposto in altra discussione.

A me piace la Scam perche' so come lavora, ci vado dentro una volta all'anno a febbraio/marzo (2020 escluso) da anni. In questo periodo se non hai da recuperare carenze particolare puoi scegliere il Belfrutto (piu' scarico di N che in questa fase non e' l'elemento principe) o il Vignafrut (piu' carico di N). 

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
E  comunque volevo far sapere che l'autunno scorso , dove avevo problemi di giallume , ho steso il Ferro Umato della SCAM...risultati favolosi..peccato per la cifra che me l'han fatto pagare , 50 euri a quintale
 
Pensavo di più, se ha decenni come prodotto vuol dire che ne vale e resiste, certo è lento come effetto ma alla prova del tempo ne vale, non è caro per essere organ8co.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 25/9/2020 Alle 22:23, martinaz ha scritto:

quantificare il costo ettaro è un casino , nelle piante più gravi 1 kg circa con paletta . a spaglio raggio 50 cm. , poi con spandiconcime tutte le fila a dose 4\5 quintali ettaro 

sono rimaste pochissime piante con ancora sintomi gravi  ,si contano in una mano ....produzione ottima in generale grappoli dimensioni super 

di sicuro la cifra spesa è stata recuperata ! altrochè le cazzate usate gli anni scorsi 2 di fila non han contato meno d'un fico secco ,e dire che erano anzi sono ditte quotate ,ma solo nei prezzi

 

 

250 euro/ha è una cifra che purtroppo ci può stare su gravi clorosi. 

Sicuramente il ferro si tira dalle radici, il resto son cazzate. Se qualcuno ti dice che ha risolto con i fogliari, non aveva clorosi e, se c'era, spariva da sola senza arrecare danni.

Adesso posso solo consigliarti di continuare, provando a diminuire la dose e controllando fino a che punto puoi scendere.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
250 euro/ha è una cifra che purtroppo ci può stare su gravi clorosi. 
Sicuramente il ferro si tira dalle radici, il resto son cazzate. Se qualcuno ti dice che ha risolto con i fogliari, non aveva clorosi e, se c'era, spariva da sola senza arrecare danni.
Adesso posso solo consigliarti di continuare, provando a diminuire la dose e controllando fino a che punto puoi scendere.
Sicuro ma la clorosi vera è data da tante, tante cose, pH anomali, calcare, lavorazioni del terreno allegre di stampo antico... già con interfila inerbito certe visioni non si vedono più troppo marcate. V
Certo se il terreno è povero, quello è ma in Italia è dato da calcare, pH e sempre più ridotta So, letame organci compost ecc.... danno una bella manica, se si tenta ad inacidificare, fertirrigazione acoda, solfato e solfato ammonoco ecc... la condizione si cura e si allevia. Sparire no perchè per l'appunto, si apre il discorso portainnesti... e tutto torna a incrociatso, sovrapporsi, incavallarsi ma va da se che a coltivare non ti serve una cosa sola.


Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, alefriuli ha scritto:

250 euro/ha è una cifra che purtroppo ci può stare su gravi clorosi. 

Sicuramente il ferro si tira dalle radici, il resto son cazzate. Se qualcuno ti dice che ha risolto con i fogliari, non aveva clorosi e, se c'era, spariva da sola senza arrecare danni.

Adesso posso solo consigliarti di continuare, provando a diminuire la dose e controllando fino a che punto puoi scendere.

Più di 250 euri ettaro ,metti che nelle piante  gravi ho dato in più a spaglio un kiletto nel raggio di 50 cm.

pure io con fogliari ,anche timac più costosi, ho sprecato tempo e soldi....non dico di certe presunte cazzate consigliatemi per ferti che dovevano acidificare il terreno ,10\15 litri ripetuti in 2 volte distanziati 15 giorni ...cazzate cazzate e cazzate ,ma sempre di marche rinomate

devo ammettere che un aiutino con ferro chelato sotto ai gocciolatori c'è stato in primavera ,,un cucchiao quasi, dove il giallume era ancora visibile, ma robetta a differenza degli anni scorsi ..

e infatti continuo anche quest'anno , esattamente come scrivi tu , riducendo le dosi (mi sa che ne provo su una parte di peri) 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Più di 250 euri ettaro ,metti che nelle piante  gravi ho dato in più a spaglio un kiletto nel raggio di 50 cm.

pure io con fogliari ,anche timac più costosi, ho sprecato tempo e soldi....non dico di certe presunte cazzate consigliatemi per ferti che dovevano acidificare il terreno ,10\15 litri ripetuti in 2 volte distanziati 15 giorni ...cazzate cazzate e cazzate ,ma sempre di marche rinomate

devo ammettere che un aiutino con ferro chelato sotto ai gocciolatori c'è stato in primavera ,,un cucchiao quasi, dove il giallume era ancora visibile, ma robetta a differenza degli anni scorsi ..

e infatti continuo anche quest'anno , esattamente come scrivi tu , riducendo le dosi (mi sa che ne provo su una parte di peri) 

Noi facciamo solo l'abate con ferro chelato in fertirrigazione, quando non l'avevamo, usavamo due molle da erpice collegate con un tubo all'atomizzatore in modo da iniettare il ferro sotto terra. Non c'era una clorosi grave, noi facciamo una passata tutti gli anni e vedo che giallumi non ce ne sono più

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho gia' risposto in altra discussione.
A me piace la Scam perche' so come lavora, ci vado dentro una volta all'anno a febbraio/marzo (2020 escluso) da anni. In questo periodo se non hai da recuperare carenze particolare puoi scegliere il Belfrutto (piu' scarico di N che in questa fase non e' l'elemento principe) o il Vignafrut (piu' carico di N). 
Il pelletato lo si stende in tutta l'interfila o solamente nel sottofila?

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il pelletato lo si stende in tutta l'interfila o solamente nel sottofila?

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Dipende come sei messo in fertilita e cosa vuoi fare, se continuare o dare una botta e via. Dare botta anche adesso sull'interfila. Se in maniera continuariva e di arricchimento, dato spesso a tutto spaglio fuevi tre volte all'anno prima o dopo la trinciatura dellerba. Prima della lavorazione dell'interfila e della rippatura o sollevazione del cotico interfila.
Se vuoi dare una botta di azoto, adesso tutto sulla fila e fa a mò di ostacolo anche all'rrba se alto di azoto... non dico da paccuamatura.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dipende come sei messo in fertilita e cosa vuoi fare, se continuare o dare una botta e via. Dare botta anche adesso sull'interfila. Se in maniera continuariva e di arricchimento, dato spesso a tutto spaglio fuevi tre volte all'anno prima o dopo la trinciatura dellerba. Prima della lavorazione dell'interfila e della rippatura o sollevazione del cotico interfila.
Se vuoi dare una botta di azoto, adesso tutto sulla fila e fa a mò di ostacolo anche all'rrba se alto di azoto... non dico da paccuamatura.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Ho dato azoto in fertirrigazione con magnesio e ferro. Poi tutti gli anni do un saccone per ettaro di pellettato organico misto, ma l'ho sempre dato a spaglio non localizzato. Volevo sapere voi se lo date localizzato o meno.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho dato azoto in fertirrigazione con magnesio e ferro. Poi tutti gli anni do un saccone per ettaro di pellettato organico misto, ma l'ho sempre dato a spaglio non localizzato. Volevo sapere voi se lo date localizzato o meno.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Dipende dalla dose, un saccone è 400 non credo 500kg quindi a tutto campo lo sente meno, localizzato seppur su interfila largo, 1 o 0,80 m, lo sente di più l'effetto dell'azoto.


Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dipende dalla dose, un saccone è 400 non credo 500kg quindi a tutto campo lo sente meno, localizzato seppur su interfila largo, 1 o 0,80 m, lo sente di più l'effetto dell'azoto.


Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Sono sacchi da 500kg. Dandolo tutti gli anni vorrei mantenere un po' la sostanza organica, effetto azoto non mi interessa anzi ho problemi di vigoria quindi meglio non esagerare. Non do letame xke in zona è merce rara, faccio solo il passaggio con 500/600 quintali in pre trapianto poi solo pellettato.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sono sacchi da 500kg. Dandolo tutti gli anni vorrei mantenere un po' la sostanza organica, effetto azoto non mi interessa anzi ho problemi di vigoria quindi meglio non esagerare. Non do letame xke in zona è merce rara, faccio solo il passaggio con 500/600 quintali in pre trapianto poi solo pellettato.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Pellettato dovresti, per tenere la so, raddoppiare dose e fare arricchimento dell'interfila e dimenticare la lavorazione.
Trinciatura di tutto e poi n9n basterebbe per tenere e alzate so.
Vigoria è portainnesto e vitigno.
Quest'anno do viti esuberanti non ne ho viste, non hanno spinto come gli anni scorsi. Pinot neri nolto rimessi e barbera assai contenuti.
Forse trebbiani sono stati più favoriti nelle vostre zone.
In collina, parlo sempre delle mie realtà, vite dimessa ridpetto anni scorsi.
Nuovi impianti con M con chione assai trasparenti.
In viticoltura serve piantare oer credere, terroir davvero mutevoli.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 18/10/2020 Alle 09:27, CBO ha scritto:

 

A me piace la Scam perche' so come lavora, ci vado dentro una volta all'anno a febbraio/marzo (2020 escluso) da anni. In questo periodo se non hai da recuperare carenze particolare puoi scegliere il Belfrutto (piu' scarico di N che in questa fase non e' l'elemento principe) o il Vignafrut (piu' carico di N). 

Anche dove prendo i prodotti io hanno concimi scam oltre ad altre Marche. Tra l'altro la scam è pure qui vicino.. Però il tecnico del consorzio consiglia il superalba sia x vigneti che seminati... 

Edited by davide87
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, davide87 ha scritto:

Anche dove prendo i prodotti io hanno concimi scam oltre ad altre Marche. Tra l'altro la scam è pure qui vicino.. Però il tecnico del consorzio consiglia il superalba sia x vigneti che seminati... 

Il superalba ha il potassio da cloruro e da solfato. Penso più da cloruro che non da solfato , per la vite avete mai visto sorgere qualche problema ? Per le orticole il potassio da cloruro si assimila meno però per la vite magari è diverso

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il superalba ha il potassio da cloruro e da solfato. Penso più da cloruro che non da solfato , per la vite avete mai visto sorgere qualche problema ? Per le orticole il potassio da cloruro si assimila meno però per la vite magari è diverso
Non è così, s3mplicemente dipende da che terreno hai, il potassio lo assorbono tutto il problema è il cloro, la quantità di cloro. Gli ortaggi non tutti amano il cloro. Il solfato nei terreni acidi va si e no. Il cloro su terreni salini e ricchi di calcio non va per niente seppure il cloro è un mesoelemento.
La vite se ne fotte, non ama tantissimo cloro ma per la dose che si da gli va bene tutto. La vite è un pò di ampi gusti, una volta che è stata piantata e curata bene ha solo problema di terreni non tanto di concime, se si sbaglia portainnesto, in questo caso c'è da piangere. Certo non si deve richiedere alla vote i 500q ad ettaro, 400 vanno più che bene ma poi sono i parametri qualitativi... specie se uno fa o si fa il vino. La vite è coltivata si terreni talmente divetsi che genetalizzare è da stupidi. Per forza di cose si deve parlare di zone a zone se non di vene e pezzettini diversi.
La vite ad oggi la tratti come un'orticola, ci puoi far di tutto chiaro se si hanno pochi ettari, seguire tanti ettari a vite è tanta tanta roba.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Gianni il Folle ha scritto:

Ho dato azoto in fertirrigazione con magnesio e ferro. Poi tutti gli anni do un saccone per ettaro di pellettato organico misto, ma l'ho sempre dato a spaglio non localizzato. Volevo sapere voi se lo date localizzato o meno.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

Da parte mia sempre localizzato , tutti e su tutto 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Da parte mia sempre localizzato , tutti e su tutto 
L'organico dipende dalla dose, col pellettato a quella dose lo puoi anche fare ma letame e compost c'è gente chevda 1000 o 800q ad anni alterni e n9n puoi fare altro che darlo a tutto campo. Il compost più leggero in nutrienti lo si da in banda ma per sfruttarlo come effetto pacciamante.
Io conoscevo uno sul Monferrato che trattava la vigna come un campo di mais, aveva un barbera fra i più belli mai visti ma la vigna era alla stregua di un cestino di vimini e la teneva lunga a 9 gemme, se scendeva poteva fare biomassa. Eppure produceva e faceva grado seppir in potatura aveva sarmenti che tritati coprivano la collina... so non mancava. Molto al limite ma di roba ne aveva al pari di un trebbiano. Non so vhe portainnesto avesse ma le ultime viti sostituite erano SO4, il che conferma quello che dico sempre. Se seghi il portainnesto è come sedersi sulla sedia monca, puoi fare il giocoliere ma sei sempre fuori appoggio.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, davide87 ha scritto:

Anche dove prendo i prodotti io hanno concimi scam oltre ad altre Marche. Tra l'altro la scam è pure qui vicino.. Però il tecnico del consorzio consiglia il superalba sia x vigneti che seminati... 

Io ho usato sia Vigortop Scam sia SuperAlba sia Npk Milà Yara...

Se devo dire non ho tutto questo riscontro, magari l urea compre tutto...

Ogni 2/3anni do un po' di npk . 

Quest' anno niente npk e vigna nera come la pece , nessun giallume, ma penso che le insperate piogge di luglio abbiano tolto il periodo più pericoloso per il mo vigneto privo di irrigazione, poi agosto(ultima 3 agosto)  e settembre nessuna pioggia ma oramai aveva passato il periodo più difficile.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, davide87 ha scritto:

Anche dove prendo i prodotti io hanno concimi scam oltre ad altre Marche. Tra l'altro la scam è pure qui vicino.. Però il tecnico del consorzio consiglia il superalba sia x vigneti che seminati... 

Se guardi la composizione (sto guardando adesso il Superalba) noterai che e' molto simile con i prodotti che indicavo in termini di unita' npk.

Il Super pero' manca dei micro e quindi e' meno completo. 

Non conosco i tuoi terreni ma se il tuo tecnico consiglia il Super ci deve essere un motivo. O il terreno o una strategia di recupero per via fogliare o con concimazione primaverile.

13 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Il superalba ha il potassio da cloruro e da solfato. Penso più da cloruro che non da solfato , per la vite avete mai visto sorgere qualche problema ? Per le orticole il potassio da cloruro si assimila meno però per la vite magari è diverso

Non solo nelle orticole ma in tutti i radicali se non con certi ph basici di terreno. 

 

16 ore fa, Gianni il Folle ha scritto:

Ho dato azoto in fertirrigazione con magnesio e ferro. Poi tutti gli anni do un saccone per ettaro di pellettato organico misto, ma l'ho sempre dato a spaglio non localizzato. Volevo sapere voi se lo date localizzato o meno.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

Io lo consiglio nel sottofila e per una questione di conto economico e perche' il pelettato ha una funzione piu' di struttura che di reintegra al pari del letame. Il digestato vero e' gia' diverso pur avendo spesso la stessa origine.

3 ore fa, ALAN.F ha scritto:

Io ho usato sia Vigortop Scam sia SuperAlba sia Npk Milà Yara...

Se devo dire non ho tutto questo riscontro, magari l urea compre tutto...

Ogni 2/3anni do un po' di npk . 

Quest' anno niente npk e vigna nera come la pece , nessun giallume, ma penso che le insperate piogge di luglio abbiano tolto il periodo più pericoloso per il mo vigneto privo di irrigazione, poi agosto(ultima 3 agosto)  e settembre nessuna pioggia ma oramai aveva passato il periodo più difficile.

Ma tu vai di urea per 3 mesi. 

Hai un terreno da orto. 

Il tuo temo sia un problema contrario. Dovresti capire semmai se non puoi risparmiare piu' che spendere.

  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

chiedo una cosa che forse ho già chiesto ma onestamente non mi ricordo la risposta: qui qualcuno per la vite usa cenere di legna per arricchire il terreno ?

grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, siesa ha scritto:

chiedo una cosa che forse ho già chiesto ma onestamente non mi ricordo la risposta: qui qualcuno per la vite usa cenere di legna per arricchire il terreno ?

grazie.

Cenere non fa mai male

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, ALAN.F ha scritto:

Cenere non fa mai male

se permetti finisco la frase "... mai male se abbiamo terreni acidi". La mia povera nonna buttava la cenere nell'orto. Non so perche' ma era fissata su un punto in particolare. Il nonno andava in bestia e la nonna faceva spallucce. Curioso ho chiesto alla nonna perche' continuasse a buttare li' la cenare: per comodita' (la nonna era veneziana e parlava perfettamente l'italiano e il francese, famiglia di commercianti e bottegai 😁)Logico. Allora ho chiesto al nonno perche' si arrabbiava: "bauco, la rovina l'ort, quea bruta ..." Il nonno ha come madrelingua il veneto, estrazione contadina 😁 Che tempi meravigliosi. Quando l'uomo poteva esprimersi liberamente senza essere rincorso da una scopa o da misteriosi oggetti volanti 😂 

La cenere alza il ph. I cugini francesi ne sanno qualcosa ma anche chi ha ulivi non dovrebbe esserne profano.

  • Like 2
  • Haha 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...