Jump to content
Nicola77

Palle quasi credibili!...

Recommended Posts

Buonasera| Dopo l'ennesimo incidente mortale (in FVG) che ha coinvolto trattore e uomo la Coldiretti FVG (ormai specializzata più che altro in sondaggi:asd:) se ne esce con dei dati riguardanti gli infortuni in agricoltura... mettendo a confronto Germania e Italia... risultato?! 7 infortuni mortali in Germania e ben 24 in Italia... impressionante differenza..in un anno s'intende. Le cause secondo i sondaggisti sono unicamente da ricercarsi in: anzianità dei conducenti, obsolescenza del parco macchine (prive dei requisiti minimi di sicurezza..), poca sensibilità degli addetti al problema sicurezza sul lavoro...e via dicendo. Insomma sembriamo gli ultimi della classe:cheazz:... Dimenticano lor signori la morfologia del territorio??!... piatta pianura in Germania contro territorio per la maggior parte collinoso-montuoso dell' Italia ( con rischi ben più elevati?)... Dato che le statistiche solitamente parlano di percentuali.... Qual è la percentuale di credibilità di queste notizie?!... p.s. se c'è qualche seguace coldiretti in ascolto spero non si offenda..:blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungerei una cosa. In Germania e Francia quando gli automobilisti vedono una macchina agricola, quindi con misure importanti, rallentano o si fermano per non intralciarla.

In Italia, l'italiano medio che guida tenendo il cellulare sul volante per massaggiare con whatsapp se vede un trattore manco rallenta, e se lo fa si infastidisce pure.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo un recentissimo sondaggio 2 Tractorumisti su 3 concordano con Nicola:asd:

Scherzi a parte, credo anch'io che son dati che non possono essere confrontati senza le dovute premesse. Fossi in loro mi sarei focalizzato sulle statistiche annue del nostro paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Iniziamo col dire qualcosina di diverso da quelle statistiche: l'agricoltura, in Italia, fa un po' più di 24 morti l'anno! Solo di ribaltamento trattori, si parla di cifre tra i 120 e i 140 morti l'anno! Un numero impressionante! (Dati da: http://www.aiia2011.unimi.it/chiave/memorie/144.pdf e da http://sicurezzasullavoro.inail.it/CanaleSicurezza/DettaglioNews/UCM_184691.html ). A questi si aggiungono altre tipologie di incidenti, per arrivare ad un totale (per il 2014) di ben 189 morti sul lavoro in agricoltura.

Perchè questa elevata mortalità? Principalmente per una carenza di formazione in tema di sicurezza e per un'età media del parco macchine troppo elevata. Guardiamoci attorno: quanti trattori hanno tutti i dispositivi di sicurezza? E di questi dispositivi, quanti vengono usati correttamente? Personalmente vedo ancora troppi trattori con il rollbar anteriore abbassato...

 

Mi dispiace contraddire sul fatto della morfologia del territorio: una ricerca che stiamo conducendo, e che ha correlato i morti con la morfologia media, non ha evidenziato particolari differenze tra le regioni "collinose/montagnose" e regioni prevalentemente pianeggianti.

Edited by Giordy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non amo i battibecchi.... ma vorrei dire qualche altra cosa: primo....i dati si riferivano solo al puro e semplice ribaltamento trattore (scusate se non avevo precisato!) Secondo: i numeri li hanno sparati loro... Terzo : io abitualmente opero in bassa pianura...e non sento parlare nella mia zona di ribaltamenti da anni (nonostante c siano di bei fossi!), cosa che invece si verifica di frequente in zone declivi (vedasi Collio). Non è un caso se l'ultimo è capitato proprio in pendenza... Sul fatto poi che gli operatori abbiano eccessiva confidenza con le macchine e quindi prendano sottogamba la propria incolumità posso essere d'accordo:blink:.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non amo i battibecchi.... ma vorrei dire qualche altra cosa: primo....i dati si riferivano solo al puro e semplice ribaltamento trattore (scusate se non avevo precisato!) Secondo: i numeri li hanno sparati loro... Terzo : io abitualmente opero in bassa pianura...e non sento parlare nella mia zona di ribaltamenti da anni (nonostante c siano di bei fossi!), cosa che invece si verifica di frequente in zone declivi (vedasi Collio). Non è un caso se l'ultimo è capitato proprio in pendenza... Sul fatto poi che gli operatori abbiano eccessiva confidenza con le macchine e quindi prendano sottogamba la propria incolumità posso essere d'accordo:blink:.....

 

Nemmeno io Nicola volevo aprire un battibecco...è solo che con questi numeri ci lavoro, so bene qual'è la portata reale del problema, e mi sembra riduttivo incolpare del tutto solo la morfologia.

Comunque, ti confermo che in Italia la media dei morti per puro e semplice ribaltamento è tra i 120 e i 140 morti all'anno.

Giusto per confermarti i dati, ecco una tabella con gli incidenti mortali per ribaltamento, divisi per mese o per giorno di accadimento (mi scuso per la tabella in inglese, ma è per una pubblicazione internazionale).

 

[TABLE=width: 512]

[TR]

[TD][/TD]

[TD]2008

[/TD]

[TD]2009

[/TD]

[TD]2010

[/TD]

[TD]2011

[/TD]

[TD]2012

[/TD]

[TD]2013

[/TD]

[TD]2014

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Jan

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]1

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]5

[/TD]

[TD]4

[/TD]

[TD]5

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Feb

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]6

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]1

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Mar

[/TD]

[TD]6

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Apr

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]May

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[TD]20

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Jun

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]25

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Jul

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]9

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Aug

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[TD]9

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]18

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Sep

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Oct

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]9

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]9

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Nov

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[TD]6

[/TD]

[TD]5

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Dec

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]8

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[TD]2

[/TD]

[TD]3

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Tot.

[/TD]

[TD]108

[/TD]

[TD]129

[/TD]

[TD]110

[/TD]

[TD]146

[/TD]

[TD]121

[/TD]

[TD]133

[/TD]

[TD]126

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[TD]

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]

[/TD]

[TD]2008

[/TD]

[TD]2009

[/TD]

[TD]2010

[/TD]

[TD]2011

[/TD]

[TD]2012

[/TD]

[TD]2013

[/TD]

[TD]2014

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Mon

[/TD]

[TD]18

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]20

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]26

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Tue

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[TD]24

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]23

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Wed

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]23

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Thu

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[TD]18

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]27

[/TD]

[TD]25

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Fri

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]17

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]19

[/TD]

[TD]18

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]14

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Sat

[/TD]

[TD]10

[/TD]

[TD]25

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[TD]22

[/TD]

[TD]24

[/TD]

[TD]18

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Sun

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[TD]20

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]21

[/TD]

[TD]12

[/TD]

[TD]9

[/TD]

[TD]11

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Tot.

[/TD]

[TD]108

[/TD]

[TD]129

[/TD]

[TD]110

[/TD]

[TD]146

[/TD]

[TD]121

[/TD]

[TD]133

[/TD]

[TD]126

[/TD]

[/TR]

[/TABLE]

 

Ed invece qua una tabella riassuntiva dei 7 anni oggetto dell'indagine divisa per età.

 

[TABLE=width: 512]

[TR]

[TD]

Età

[/TD]

[TD]Numero

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]0-15

[/TD]

[TD]7

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]16-20

[/TD]

[TD]13

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]21-25

[/TD]

[TD]15

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]26-30

[/TD]

[TD]24

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]31-35

[/TD]

[TD]23

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]36-40

[/TD]

[TD]27

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]41-45

[/TD]

[TD]49

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]46-50

[/TD]

[TD]44

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]51-55

[/TD]

[TD]63

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]56-60

[/TD]

[TD]84

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]61-65

[/TD]

[TD]96

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]66-70

[/TD]

[TD]105

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]71-75

[/TD]

[TD]121

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]>75

[/TD]

[TD]186

[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]N.D.

[/TD]

[TD]16

[/TD]

[/TR]

[/TABLE]

Share this post


Link to post
Share on other sites

[TABLE=width: 559]

[TR]

[TD] [/TD]

[TD]N° incidenti[/TD]

[TD]SAU collina/montagne[/TD]

[TD] [/TD]

[TD]SAU totale[/TD]

[TD]Incidenti ogni 100.000 ettari[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Veneto[/TD]

[TD=align: right]72[/TD]

[TD=align: right]180377[/TD]

[TD=align: right]22%[/TD]

[TD=align: right]811440[/TD]

[TD=align: right]8,9[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Lombardia[/TD]

[TD=align: right]47[/TD]

[TD=align: right]265539[/TD]

[TD=align: right]27%[/TD]

[TD=align: right]986825[/TD]

[TD=align: right]4,8[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Friuli[/TD]

[TD=align: right]9[/TD]

[TD=align: right]58818[/TD]

[TD=align: right]27%[/TD]

[TD=align: right]218443[/TD]

[TD=align: right]4,1[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Emilia[/TD]

[TD=align: right]82[/TD]

[TD=align: right]351793[/TD]

[TD=align: right]33%[/TD]

[TD=align: right]1064214[/TD]

[TD=align: right]7,7[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Puglia[/TD]

[TD=align: right]36[/TD]

[TD=align: right]603874[/TD]

[TD=align: right]47%[/TD]

[TD=align: right]1285290[/TD]

[TD=align: right]2,8[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Piemonte[/TD]

[TD=align: right]59[/TD]

[TD=align: right]503634[/TD]

[TD=align: right]50%[/TD]

[TD=align: right]1010779[/TD]

[TD=align: right]5,8[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Lazio[/TD]

[TD=align: right]55[/TD]

[TD=align: right]498035[/TD]

[TD=align: right]78%[/TD]

[TD=align: right]638602[/TD]

[TD=align: right]8,6[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Sardegna[/TD]

[TD=align: right]30[/TD]

[TD=align: right]918238[/TD]

[TD=align: right]80%[/TD]

[TD=align: right]1153691[/TD]

[TD=align: right]2,6[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Campania[/TD]

[TD=align: right]70[/TD]

[TD=align: right]464210[/TD]

[TD=align: right]84%[/TD]

[TD=align: right]549533[/TD]

[TD=align: right]12,7[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Calabria[/TD]

[TD=align: right]56[/TD]

[TD=align: right]465957[/TD]

[TD=align: right]85%[/TD]

[TD=align: right]549254[/TD]

[TD=align: right]10,2[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Sicilia[/TD]

[TD=align: right]49[/TD]

[TD=align: right]1207356[/TD]

[TD=align: right]87%[/TD]

[TD=align: right]1387521[/TD]

[TD=align: right]3,5[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Toscana[/TD]

[TD=align: right]76[/TD]

[TD=align: right]682423[/TD]

[TD=align: right]90%[/TD]

[TD=align: right]754345[/TD]

[TD=align: right]10,1[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Basilicata[/TD]

[TD=align: right]20[/TD]

[TD=align: right]472165[/TD]

[TD=align: right]91%[/TD]

[TD=align: right]519127[/TD]

[TD=align: right]3,9[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Abruzzo[/TD]

[TD=align: right]74[/TD]

[TD=align: right]453629[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]453629[/TD]

[TD=align: right]16,3[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Liguria[/TD]

[TD=align: right]12[/TD]

[TD=align: right]43784[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]43784[/TD]

[TD=align: right]27,4[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Marche[/TD]

[TD=align: right]32[/TD]

[TD=align: right]471828[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]471828[/TD]

[TD=align: right]6,8[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Molise[/TD]

[TD=align: right]17[/TD]

[TD=align: right]197516[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]197516[/TD]

[TD=align: right]8,6[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Trentino[/TD]

[TD=align: right]48[/TD]

[TD=align: right]377754[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]377754[/TD]

[TD=align: right]12,7[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Umbria[/TD]

[TD=align: right]24[/TD]

[TD=align: right]326877[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]326877[/TD]

[TD=align: right]7,3[/TD]

[/TR]

[TR]

[TD]Valle d'aosta[/TD]

[TD=align: right]5[/TD]

[TD=align: right]55595[/TD]

[TD=align: right]100%[/TD]

[TD=align: right]55595[/TD]

[TD=align: right]9,0[/TD]

[/TR]

[/TABLE]

 

Questa tabella calcola invece il numero di incidenti ogni 100.000 ettari di SAU, regione per regione. Come si può vedere, gli incidenti accadono con frequenze molto variabili sia nelle regioni più "pianeggianti" che in quelle completamente montagnose (si passa dai 6,8 incidenti ogni 100.000 ettari delle Marche ai 27,4 della Liguria, entrambe 100% montagna e collina, così come si passa dai 2,8 della Puglia ai 12,7 della Campania nelle regioni più pianeggianti. E' molto più significativo correlare l'incidentalità con la quantità di ore lavorate, desumibile anch'essa dagli ultimi censimenti...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quanto sopra giusto per inquadrare il problema...purtroppo in questi giorni sono un po' preso, e non riesco a descrivere meglio il tutto. Appena posso vedo di mettere giù qualcosa di più "organico" su questo problema.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io credo che uno dei problemi principali è la mancata consapevolezza di far parte di un mondo civile e sociale, troppo spesso vi sono leggi, giuste, ma che da noi non vengono prese in considerazione perchè le viviamo come dell'obblighi e delle rotture di scatole, vedi cinture di sicurezza e uso del telefono in auto, per noi sono fastidi e non aiuti, oramai quasi tutte le auto moderne hanno il vivavoce di serie, ma si continuano a vedere persone al telefono, vedi gente che legge il giornale in auto e altre cose, lo stesso lo si può vedere in campagna, quanta gente usa il cellulare mentre lavora? una marea, poi ci si lamenta se ci si fa male, basterebbe usare quelle cuffiette che nel 99% dei cellulari è presente nella scatola, forse già con una cosa cosi banale qualche vita si salverebbe.

Il parco macchine obsoleto, o non in regola, è a mio avviso un grosso problema, ma purtroppo da italiani abbiamo la presunzione che a noi non possa capitare nulla, quindi ce ne sbattiamo di mettere in regola i mezzi, oppure non alziamo il roll bar perchè rovina l'estetica del trattore, alla fine ci scappa il morto e vogliamo pure avere ragione noi.

In Germania e altri paesi, rispettare le regole è una questione civica e morale, viaggio spesso per lavoro e vi assicuro che in quei paesi non trovi nessuno senza cintura, vuoi guidare un trattore, nessun problema, fai il corso e ti prendi l'abilitazione, tutti lo fanno perchè è una cosa da fare..... lo dice la legge, punto, e pagano per fare i corsi, da noi se ti obbligano a fare un corso, ci arrabbiamo perchè è inutile e ci fanno spendere soldi, sui soldi abbiamo forse ragione, purtroppo una nostra caratteristica è quella di cercare di guadagnarci il più possibile nel minor tempo possibile, quindi chi ha in mano queste cose, ne approfitta in larga scala, cosi nessuno poi va a fare i corsi, ci vorrebbe più controllo da parte di chi lo dovrebbe fare, lo stato dovrebbe mettere l'obbligatorietà del patentino per i mezzi agricoli, ma dovrebbe anche definire il costo di tale documento tra una quota minima e massima, in Germania i corsi vengono fatti dal TUV e in ogni parte della nazione, il costo è il medesimo, da noi è improponibile, altro grosso problema italiano, è quello dei controlli, sono pochi e fatti male, questo poi spinge la gente non non mettersi in regola.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente d'accordo con Mikyxt. Ultimamente ho fatto sia il corso per il patentino agrofarmaci sia il CQC per la guida dei camion, stessa identica situazione per entrambi i corso: salvo rare eccezioni una accozzaglia di caproni disinteressati a qualsiasi questione e convinti di sapere tutto per insegnamento divino. E poi su strada e nelle campagne si vedono i risultati, un paese modernamente sottosviluppato:muro:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quoto anch'io mikyxt e aggiungerei tra i fattori di rischio l'alta percentuale di morti tra gli agricoltori non professionali, che sono molti, che non hanno mezzi adeguati come nel caso èvidenziato da Nicola77 dove il conducente era in discesa con un carro senza freni in sovraccarico con uno escavatore sopra...i morti comunque c'erano anche prima dei trattori in agricoltura quando rimorchi ben carichi erano trainati dai cavalli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardando le tabelle di Giordy, mi salta all’occhio che quasi la metà delle vittime era over 66.

E circa il 20% con oltre 75 anni …

 

Per il discorso dei corsi e patentini …

Pur avendone circa 10, tra trattore, muletto, cestelli elevatori, antincendio e similari, non solo trovo tra gli utenti, scarsa partecipazione, ma tra gli “istruttori”, una ancora più scarsa conoscenza della materia, nella sua pratica.

Veri e propri “patentatori”.

Ancora più ridicoli, sia come orari che contenuti, gli aggiornamenti.

Salvo fuori quello da primo soccorso, e pochi altri per fortuna.

Dopo la solita tirata di un’ora circa sulla “sicurezza sul lavoro” la famosa legge 81/2008 (per ogni corso), fondamentalmente si vengono a “scoprire” metodi di lavoro … Spiegati tranquillamente sul manuale di uso e manutenzione dell’attrezzatura.

E come fare per non avere grane “legali” e/o “penali” non se, ma quando capiterà qualcosa.

Infatti nelle aule, la frase classica che si sente è “E questo ci dovrebbe insegnare qualcosa ?”

Non è supponenza.

È una constatazione. Un buon Maestro si riconosce.

Immagino che chi su questi corsi, ci viva, e fatturi, può non piacere. E mi auguro che se c’è qualcuno sul forum, che lo faccia di mestiere, non sia come la maggior parte di quelli che ho conosciuto.

Ma sia davvero un Maestro.

 

Per l’obbligatorietà del “patentino” sui mezzi agricoli, c’è già.

Rammento però che anche per la patente della macchina c’è l’obbligo, eppure gli incidenti accadono ugualmente, e non solo in Italia.

Credo, almeno per il fattore umano, che gli incidenti accadono, principalmente per fretta, abitudine, e stanchezza.

Edited by TomCat

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo!!

Pure a me , fanno corsi sulla sicurezza e tante altre cose e nel discorso di TomCat mi ci ritrovo in toto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...