Jump to content

Credito d'imposta 2020-2023


Recommended Posts

stavo pensando una cosa, visto che a gennaio ho comprato il valtra 4.0, con autoguida Trimble che farò l'interconnessione a giugno,    

potrei anche cambiare la rotopressa feraboli 265 ( 7.000 balloni anno 2014) con la nuova Maschio 266 ISOTRONIC

Si può fare?   saranno 3 fatture distinte   : Valtra, trimble, maschio

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

No. Altrimenti i colleghi non sarebbero cosi' preoccupari a capire una cosa trita e ritrita come la compensazione per incapienza. A 20 dislike posto la circolare che tutti volete ma che nessuno v

Principalmente cambia che all'iperammortamento potevano accedere soltanto quelle aziende titolari di reddito d'impresa, cioè tutte quelle aziende che a fine anno vengono tassate sulla base della diffe

Parlate di interpretazioni di Fiscalisti.... ma non scherziamo, qui serve una bella nota del mise che specifica se si può andare dopo i 3 anni se si avanzano soldi oppure no, perchè per come è scritta

Posted Images

8 ore fa, paolocappo ha scritto:

se le banche non esagerano con la cresta da farci sopra sarebbe fantastico per le piccole aziende con poco credito

A ma sembra il solito regalino al sistema bancario!

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, monster ha scritto:

A ma sembra il solito regalino al sistema bancario!

E allora non va bene mai nulla. 

La banca è ovvio che vorrà guadagnare un 2-3% all’anno, non è mica una onlus. 

Questa è la notizia migliore che abbia mai letto sul forum. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, 1760michele ha scritto:

E allora non va bene mai nulla. 

La banca è ovvio che vorrà guadagnare un 2-3% all’anno, non è mica una onlus. 

Questa è la notizia migliore che abbia mai letto sul forum. 

Non ho detto che non va bene niente! Ma che è un regalo per le banche! Poi a me fondamentalmente può anche risultare conveniente ma, chi ne trarrà più vantaggio sarà il sistema bancario

 

Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, 1760michele ha scritto:

E allora non va bene mai nulla. 

La banca è ovvio che vorrà guadagnare un 2-3% all’anno, non è mica una onlus. 

Questa è la notizia migliore che abbia mai letto sul forum. 

Secondo me si terrà anche il 10%, visto che può scegliere chi gli da il credito al prezzo più basso

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, valeriol25 ha scritto:

Secondo me si terrà anche il 10%, visto che può scegliere chi gli da il credito al prezzo più basso

Bravo! E chi glielo darà il credito? Chi comprerà senza avere possibilità di compensare!

Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, monster ha scritto:

Non ho detto che non va bene niente! Ma che è un regalo per le banche! Poi a me fondamentalmente può anche risultare conveniente ma, chi ne trarrà più vantaggio sarà il sistema bancario

 

Hanno avuto regali ben più grandi. 

4 minuti fa, valeriol25 ha scritto:

Secondo me si terrà anche il 10%, visto che può scegliere chi gli da il credito al prezzo più basso

Circa il 10% lo stanno trattenendo dal superbonus 110% che si sconta in 10 anni, mi aspetto che su un credito che si può scontare in massimo 3 anni prendano molto meno. 
Poi la stessa cosa che dici tu vale per noi: siamo liberi di scegliere l’istituto bancario che applicherà le condizioni migliori. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, 1760michele ha scritto:

Hanno avuto regali ben più grandi.

A be, allora va bene così😂😂

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Il problema potrebbe essere la documentazione che la banca ti chiederà perché alcuni sistemi borderline potrebbe essere considerati rischiosi

Inoltre non credo sia un regalo alle banche. C'è la necessità di spendere i soldi del recovery found e cercano rimedi alternativi e rapidi slegati da vincoli burocratici. Poi è ovvio che  la banca farà il suo guadagno, come giustamente dice Michele, non è una Onlus

 

Edited by mandorleto
  • Like 2
Link to post
Share on other sites

La cessione del credito come avviene? Cioè consegnano il trattore, saldo la fattura nella totalità e poi dopo un tot la banca mi rimborsa l'eventuale credito? Dopo quanto? E la cosa è usufruibile anche nel 2022?

Inviato dal mio M2007J17G utilizzando Tapatalk

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Gianni il Folle ha scritto:

La cessione del credito come avviene? Cioè consegnano il trattore, saldo la fattura nella totalità e poi dopo un tot la banca mi rimborsa l'eventuale credito? Dopo quanto? E la cosa è usufruibile anche nel 2022?

Inviato dal mio M2007J17G utilizzando Tapatalk
 

bisogna attendere il doppio passaggio camerale ed i decreti attuativi correlati.
Si dice che sarà gestito come Superbonus 110%

https://terraevita.edagricole.it/featured/dl-sostegni-dagli-emendamenti-buone-notizie-per-il-mondo-agricolo/?utm_term=552400+-+https%3A%2F%2Fterraevita.edagricole.it%2Ffeatured%2Fdl-sostegni-dagli-emendamenti-buone-notizie-per-il-mondo-agricolo%2F&utm_campaign=Campagne+B-NBM+Terra+e+Vita+(TV)+-+TV_daily_20210505&utm_medium=email&utm_source=MagNews&utm_content=113003+-+55225+(2021-05-05)

Link to post
Share on other sites

Mi è venuto un dubbio.
Ma uno può beneficiare di tutti gli incentivi già attivi presenti su trattori ed attrezzi anche per auto furgoni ecc. da intestare all'azienda agraria?

Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
Il 5/5/2021 Alle 11:10, coals ha scritto:

@Primo ok fattura del mezzo con dicitura "bene agevolabile bla bla bla"

Ma poi se ad esempio dopo tot mesi metto l'apparecchio c'è da fare qualcosa dal punto di vista burocratico per "collegare " le due cose?

Non trovo nulla.

Grazie 

in teoria se metti "commi da 1054 a 1059" dovresti essere in regola, perchè questi comprendono tutte le fattispecie

 

Link to post
Share on other sites
Il 5/5/2021 Alle 12:32, Romagna-doc ha scritto:

Il no plus ultra, anche come memo per eventuali controlli, riporti i 5+2 punti e come questi siano soddisfatti dal complesso.

Quello non è il "non plus ultra, ma è proprio la modalità secodo la quale va redatta l'autocertificazione e relativa analisi tecnica di corredo; tutto il resto è carta straccia.
Dal mio punto di vista per la redazione dei documenti (autocertificazione o perizia che sia) bisogna attenersi unicamente alla Circolare 547750 del 15/12/2017 del Ministero dello Sviluppo Economico.

Link to post
Share on other sites
Il 8/5/2021 Alle 15:49, Ninjarosso ha scritto:

Ma uno può beneficiare di tutti gli incentivi già attivi presenti su trattori ed attrezzi anche per auto furgoni ecc. da intestare all'azienda agraria?

Da qualche parte avevo letto di no, ma non ritrovo i riferimenti normativi

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

"Bene agevolabile ai sensi dell'articolo 1 della Legge 178/2020, commi da 1054 a 1058"

Questa è la dicitura da inserire nelle fatture per identificare che il bene rientra tra quelli agevolabili dal Credito d'imposta per beni strumentali e che ognuno di noi deve inserire in fattura per godere dei benefici che ormai ben conosciamo: ma è corretta ?
Mi spiego meglio...

Ognuno dei 5 commi della Legge 178/2020 sopra riportati, dal 1054 al 1059, fa espresso riferimento ad una fattispecie specifica:

-1054: beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 nonchè beni strumentali immateriali diversi da quelli indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2021, ovvero entro il 30/06/2022 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2021; (tutti i beni strumentali materiali ed immateriali "generici" acquistati entro le date di cui sopra)

-1055: beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 nonchè beni strumentali immateriali diversi da quelli indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 01/01/2022 al 31/12/2022, ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali materiali ed immateriali "generici" acquistati entro le date di cui sopra)

-1056: beni strumentali materiali indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 , acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2021, ovvero entro il 30/06/2022 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2021; (tutti i beni strumentali materiali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra)

-1057: beni strumentali materiali indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 , acquistati dal 01/01/2022 al 31/12/2022, ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali materiali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra)

-1058: beni strumentali immateriali indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2022,  ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali immateriali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra).

 

Siamo sicuri che in fattura vada riportato il riferimento indistinto a tutti i commi, e non soltanto a quello specifico relativo alla fattispecie dell'investimento di cui in fattura?

Ad esempio, se acquisto entro il 31/12/2021 una mietitrebbia 4.0, non dovrò mica scrivere "Bene agevolabile ai sensi dell'articolo 1 della Legge 178/2020 comma 1056" indicando così in fattura in modo univoco se si tratta di un bene materiale, immateriale, generico o 4.0, andando così ad identificare in modo specifico la percentuale del credito d'imposta (10% - 10% - 50% - 40% - 20%)? Nel caso appresso si identificherebbe un bene materiale 4.0 acquistato entro il 31/12/2021, quindi beneficiario di un credito d'imposta al 50%.

Purtroppo solo questi giorni mi è venuto questo dubbio, ma credo che farò inserire d'ora in poi in fattura il riferimento specifico al comma cui l'acquisto riguarda.

Non venitemi a dire "Eh ma hanno scritto tutti "da comma 1054 a comma 1059..." "... perchè il comma 1062 della L.178/2020 riporta che "A tal fine, le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 1054 a 1058.".

Naturalmente, la stessa considerazione è valida per il riferimento ai commi da 188 a 190 della "vecchia" Legge 160/2019, dove:

- 188: beni strumentali "generici" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 6%;

- 189: beni strumentali materiali "4.0" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 40%;

-190: beni strumentali immateriali "4.0" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 15%;

 

Meditateci su e confrontiamoci.

Edited by Primo
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Primo ha scritto:

Da qualche parte avevo letto di no, ma non ritrovo i riferimenti normativi

Tutti i veicoli non possono beneficiare perché non rientrano nelle categorie previste nell'allegato A della normativa dove sono descritte tutte le categorie previste. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Tutti i veicoli non possono beneficiare perché non rientrano nelle categorie previste nell'allegato A della normativa dove sono descritte tutte le categorie previste. 
Ce l'hai un link per leggere l'allegato A?

Inviato dal mio SM-G970F utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
10 ore fa, Primo ha scritto:

"Bene agevolabile ai sensi dell'articolo 1 della Legge 178/2020, commi da 1054 a 1058"

Questa è la dicitura da inserire nelle fatture per identificare che il bene rientra tra quelli agevolabili dal Credito d'imposta per beni strumentali e che ognuno di noi deve inserire in fattura per godere dei benefici che ormai ben conosciamo: ma è corretta ?
Mi spiego meglio...

Ognuno dei 5 commi della Legge 178/2020 sopra riportati, dal 1054 al 1059, fa espresso riferimento ad una fattispecie specifica:

-1054: beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 nonchè beni strumentali immateriali diversi da quelli indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2021, ovvero entro il 30/06/2022 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2021; (tutti i beni strumentali materiali ed immateriali "generici" acquistati entro le date di cui sopra)

-1055: beni strumentali materiali diversi da quelli indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 nonchè beni strumentali immateriali diversi da quelli indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 01/01/2022 al 31/12/2022, ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali materiali ed immateriali "generici" acquistati entro le date di cui sopra)

-1056: beni strumentali materiali indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 , acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2021, ovvero entro il 30/06/2022 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2021; (tutti i beni strumentali materiali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra)

-1057: beni strumentali materiali indicati nell'allegato A della Legge 232/2016 , acquistati dal 01/01/2022 al 31/12/2022, ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali materiali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra)

-1058: beni strumentali immateriali indicati nell'allegato B della Legge 232/2016, acquistati dal 16/11/2020 al 31/12/2022,  ovvero entro il 30/06/2023 versando un acconto pari almeno al 20% entro il 31/12/2022; (tutti i beni strumentali immateriali "4.0" acquistati entro le date di cui sopra).

 

Siamo sicuri che in fattura vada riportato il riferimento indistinto a tutti i commi, e non soltanto a quello specifico relativo alla fattispecie dell'investimento di cui in fattura?

Ad esempio, se acquisto entro il 31/12/2021 una mietitrebbia 4.0, non dovrò mica scrivere "Bene agevolabile ai sensi dell'articolo 1 della Legge 178/2020 comma 1056" indicando così in fattura in modo univoco se si tratta di un bene materiale, immateriale, generico o 4.0, andando così ad identificare in modo specifico la percentuale del credito d'imposta (10% - 10% - 50% - 40% - 20%)? Nel caso appresso si identificherebbe un bene materiale 4.0 acquistato entro il 31/12/2021, quindi beneficiario di un credito d'imposta al 50%.

Purtroppo solo questi giorni mi è venuto questo dubbio, ma credo che farò inserire d'ora in poi in fattura il riferimento specifico al comma cui l'acquisto riguarda.

Non venitemi a dire "Eh ma hanno scritto tutti "da comma 1054 a comma 1059..." "... perchè il comma 1062 della L.178/2020 riporta che "A tal fine, le fatture e gli altri documenti relativi all’acquisizione dei beni agevolati devono contenere l’espresso riferimento alle disposizioni dei commi da 1054 a 1058.".

Naturalmente, la stessa considerazione è valida per il riferimento ai commi da 188 a 190 della "vecchia" Legge 160/2019, dove:

- 188: beni strumentali "generici" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 6%;

- 189: beni strumentali materiali "4.0" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 40%;

-190: beni strumentali immateriali "4.0" acquistati dal 01/01/2020 al 15/11/2020; aliquota 15%;

 

Meditateci su e confrontiamoci.

Riflettendoci la tua osservazione è corretta, soprattutto per i beni che nascono in una "categoria" (leggesi comma) e non la varieranno nel tempo.

Però esiste la casistica in cui un bene, nel progetto imprenditoriale, dovrà fare parte di un "complesso" che gli consentirà di divenire 4.0 , ma al momento dell'acquisto, da solo, non può esprimere le caratteristiche per essere 4.0, bensì essere classificato come bene strumentale generico.

Il fatto che sarà il "complesso", descritto al meglio nelle sue funzionalità dei 5+2 requisiti, ad avere le caratteristiche 4.0, rende necessario lasciare la dicitura con il maggior grado di libertà, così che si possa comporre il complesso al meglio e slegato da vincoli di note più restrittive poste sui documenti contabili.
All'opposto, potrebbe essere anche che si parta con un investimento di complesso 4.0 , ma poi, in corso d'opera, per svariate ragioni, l'imprenditore debba cambiare e magari troncare l'investimento e quindi "declassarlo" in itinere a "bene strumentale generico". Anche in questo caso la dicitura più generica sui documenti contabili sarà la soluzione.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...