Jump to content
Lanzaluca

Aiuto FIAT 455 CF/1

Recommended Posts

Buonasera a tutti, mi presento, sono un giovane studente Catanese, mio nonno possedeva un agrumeto nel siracusano che manuteneva col trattore in questione. Oggigiorno intendo invece utilizzarlo per curare un uliveto in collina presso l'isola di Vulcano.

Il trattore sembrerebbe essere in ottimo stato, nonostante nel passato ladri abbiano portato via numerosi attrezzi dal magazzino dov'era conservato. Ho cercato su internet dei consigli su come utilizzarlo, nonostante ciò non ho trovato mai un riferimento allo specifico modello, sopratutto non ho trovato alcuna istruzione relativa al funzionamento di due "collegamenti idraulici" presenti sul parafango di DX, potreste aiutarmi?

Come dovrebbero esser messi in funzione? non sembrerebbero provvisti di nessuna manettina/leva.

In più ho visto che (muovendo i miei primi passi su di esso) sembrerebbe sobbalzare un tantino quando do gas ed i giri salgono a circa 1000 al min..

Intanto vi allego qualche foto

Grazie per l'attenzione :)

Edited by Lanzaluca

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non conosco la macchina in questione e quindi per il funzionamento a sobbalzi non saprei aiutarti, magari sono solo le frizioni da registrare, per i due innesti che si vedono in foto la leva c' e' ma si vede chiaramente che e rotta sulla foto 2,lleva il nastro isolante e vedi meglio se si può riparare o sostituire, aspettiamo consigli da chi più esperto.

Edited by ursusc328

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per me il nonno lo usava così ed è per questo che è ricorso allo scotch

 

Inviato dal mio SM-G388F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie mille per i consigli, ho fatto i miei primi esperimenti col trattore ed adesso sono davanti ad un grande interrogativo, ve lo espongo:

Il mio uliveto si trova sull'isola di Vulcano (terreno molto molto molto sabbioso) ed è abbastanza in pendenza(direi fino a 45-50°) , vi posto qualche foto scattate in precedenza(quindi non proprio rappresentative) per darvi un'idea

[ATTACH]31054[/ATTACH]

[ATTACH]31055[/ATTACH]

Ragion per cui penso sia conveniente se non quasi obbligatorio montare un sistema di protezione dal ribaltamento, sull'isola mi è stato detto che "noo tanto non ce n'è bisogno se fai attenzione" poi su mia specifica richiesta mi hanno proposto di realizzare una gabbia saldando due tubolari piegati ad arco sul telaio del parafango.

Su internet ho invece trovato due soluzioni differenti : arco anteriore abbattibile ed arco posteriore abbattibile. Voi quale soluzione mi consigliereste?

Inoltre devo anche procedere all'acquisto di una trincia per pulire il terreno per scongiurare il rischio d'incendi nel periodo estivo, voi mi consigliereste di acquistare una trincia leggera e abbastanza larga (tipo 1,6m) oppure una più pesante ma più corta?

 

Grazie di nuovo in anticipo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra le altre cose mi sono accorto di una perdita della pompa del sollevatore idraulico(che si vede nella prima fotografia che ho postato) e facendo qualche ricerca mi è sembrato di capire che la pompa visibile sia quella montata sui 355 invece che sui 455, potete darmene conferma?

In effetti anche tutto il sollevatore sembra essere quello del 355 (con due pistoni idraulici a semplice azione posteriori invece che con i due perni che lavorano in doppia azione come quello nella fotografia che ho trovato su internet che posto qui)59ec88b8f455208743d07f80754795d6_orig.jpg

Edited by Lanzaluca

Share this post


Link to post
Share on other sites

la vita e' la tua e non ha prezzo :nonno:

chi ti dice che l'arco non serve e' un ignorante ( non trovo altra definizione piu' esaustiva)

le morti in agricoltura sono per lo piu' causate da schiacciamento per ribaltamento

importantissimo le cinture di sicurezza, mettile e USALE USALE USALE USALEO0

Da noi due persone sono morte causa ribaltamento in due incidenti distinti , sono morte perche' non avendo le cinture sono state sbalzate fuori dalla cabina e sono state schiacciate ugualmente.:impiccato2:

solo archi omologati lascia stare il fai da te !la sicurezza e la vita non hanno prezzo

un funerale costa di piu' di un arco:AAAAH:

Share this post


Link to post
Share on other sites
la vita e' la tua e non ha prezzo :nonno:

chi ti dice che l'arco non serve e' un ignorante ( non trovo altra definizione piu' esaustiva)

le morti in agricoltura sono per lo piu' causate da schiacciamento per ribaltamento

importantissimo le cinture di sicurezza, mettile e USALE USALE USALE USALEO0

Da noi due persone sono morte causa ribaltamento in due incidenti distinti , sono morte perche' non avendo le cinture sono state sbalzate fuori dalla cabina e sono state schiacciate ugualmente.:impiccato2:

solo archi omologati lascia stare il fai da te !la sicurezza e la vita non hanno prezzo

un funerale costa di piu' di un arco:AAAAH:

 

 

Son d'accordo con te, ma secondo te sarebbe meglio installarne uno anteriore od uno posteriore?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sotto uliveto suggerirei quello anteriore, visto che il posteriore generalmente quando è abbassato comunque sporge lo stesso ....

Share this post


Link to post
Share on other sites
Son d'accordo con te, ma secondo te sarebbe meglio installarne uno anteriore od uno posteriore?

 

non conosco il tipo di macchina , in quanto bisogna vedere dove sono gli eventuali attacchi o se non presenti in origine dove staffare il tuttoin modo sicuro, se sbagli e se dovessi capovolgerti non avrai una seconda possibilita' se il lavoro non e' fatto bene.

lo so porto sfiga :sgrat:, ma ho perso un fratello in un incidente e so cosa vuol dire.

tieni presente che se lo metti anteriore, necessita d'obbligo uno piccolo posteriore dietro il sedile, allego immagine........ se ci riesco:asd:

[ATTACH]31064[/ATTACH]

Edited by diego f

Share this post


Link to post
Share on other sites

come arco prendi l`anteriore abbattibile e come detto da diego f ha necessità anche dell`archetto posteriore. Se sai saldare e vuoi tenre i costi il più bassi possibile puoi fartelo da solo ma devi saper SALDARE BENE altrimenti se sai solo attaccare il ferro lascia stare e prendine uno da un venditore con certificato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

behh allora benvenuto, hai una bella macchina, falle un bel tagliando e le regolazioni del caso da un bravo meccanico, installa un arco a norma, in futuro è sempre un plus nella vendita e soprattutto per la tua sicurezza visto che operi in collina, per la leva del distibutore, togli il nastro adesivo li sotto c'e un buco filettato togli il restao della vecchia leva e ne metti una nuova.. il sollevatore a quanto pare sembra solo ''sudore'' usalo e vedi se e da dove perde

Edited by mitomane

Share this post


Link to post
Share on other sites

per finire e' bene sapere che anche il fratello di francesco moser (il famoso ciclista ) mentre dava i trattamenti alle vigne con il trattore avendo l'arco abbattibile facendo una manovra ( e purtroppo l'arco era giu' ) il trattore si e' capovolto e lui e' morto.

scusa se insisto , ma mi pare di capire che sei giovane e purtroppo a volte a certe cose non si guardano con sufficiente attenzione.

sono ventanni che faccio corsi sulla sicurezza, e sebbene sia stanco a volte di aggiornamenti continui, quando a volte mi capitano imprevisti ,uno giusto ieri sul mio lavoro ,( faccio il collaudatore) ringrazio i dispositivi di sicurezza .

e adesso buon lavoro. e dacci dentro con la belva:perfido:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 9/10/2016 Alle 23:18, Lanzaluca ha scritto:

Tra le altre cose mi sono accorto di una perdita della pompa del sollevatore idraulico(che si vede nella prima fotografia che ho postato) e facendo qualche ricerca mi è sembrato di capire che la pompa visibile sia quella montata sui 355 invece che sui 455, potete darmene conferma?

In effetti anche tutto il sollevatore sembra essere quello del 355 (con due pistoni idraulici a semplice azione posteriori invece che con i due perni che lavorano in doppia azione come quello nella fotografia che ho trovato su internet che posto qui)59ec88b8f455208743d07f80754795d6_orig.jpg

Se interpreto correttamente, il trattore è un modello frutteto (CF/1) e quindi dovrebbe essere un 355 C (seconda serie) con il motore 3 cilindri. Il sedile è stato istallato nella pozione più alta ma può essere posizionato più in basso(ecco il motivo di quel tipo di sollevatore a pistoni esteri) in modo rendere la sagoma del trattore molto adatto a colture con chioma bassa. Quello che chiami "pompa" è un cilindro oleodinamico, a patto che non vi siano problemi di usura o corrosione, è sufficiente sostituire le tenute interne per risolvere i problemi di perdite.

è uguale a questo?

08a119b7-6d6f-4436-b650-143b4d9b02ab.jpg

Edited by Albe605C

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...