Jump to content
Hardwell

Droni in agricoltura

Recommended Posts

Salve, vi scrivo per sapere se qualcuno di voi conosce e/o impiega i droni per il controllo delle colture. Ho letto sul web che questi droni vengono usati per il controllo delle infestanti e delle malattie sui vigneti. Conoscete qualche ditta produttrice che costruisce questi droni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono un fan del club #poraccy, perciò valuto sempre 1000 volte prima di spendere un euro, ci sto provando a fare le mappe di vigore, sono ancora in fase di test e studio, io nella vita faccio l'agricoltore e non ho molto tempo da dedicare a questa "passione".

Come drone ho preso lo Xiaomi mi drone 4k, camera multispettrale mapir con filtro OCN, programma per fare ortomosaico agisoft.

In risposta a Edo: fare 5 ettari con il drone non è un problema, ne posso fare tranquillamente una ventina, il problema è finalizzare il lavoro, riuscire a trasformarlo in dati comprensibili al sistema isobus.

Logicamente ci sono ditte che lo fanno e che propongono soluzioni chiavi in mano, ma si parla di 50€/ha solo per la mappa con indice ndvi, senza mappa shapefile per isobus, poi ci sono ditte che vendono droni e software pronti all'uso e qui si va a qualche migliaio di euro.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io sono un fan del club #poraccy, perciò valuto sempre 1000 volte prima di spendere un euro, ci sto provando a fare le mappe di vigore, sono ancora in fase di test e studio, io nella vita faccio l'agricoltore e non ho molto tempo da dedicare a questa "passione".
Come drone ho preso lo Xiaomi mi drone 4k, camera multispettrale mapir con filtro OCN, programma per fare ortomosaico agisoft.
In risposta a Edo: fare 5 ettari con il drone non è un problema, ne posso fare tranquillamente una ventina, il problema è finalizzare il lavoro, riuscire a trasformarlo in dati comprensibili al sistema isobus.
Logicamente ci sono ditte che lo fanno e che propongono soluzioni chiavi in mano, ma si parla di 50€/ha solo per la mappa con indice ndvi, senza mappa shapefile per isobus, poi ci sono ditte che vendono droni e software pronti all'uso e qui si va a qualche migliaio di euro.
Ottimo, quindi ora dovresti trovare qualcuno che abbia attrezzatura a rateo variabile per provare i tuoi dati e vedere se vengono letti nel modo corretto.
Poi sarà tutto da scoprire, sicuramente qualcuno disposto a spendere qualcosa per avere le mappe del suo terreno c'è.

Il problema è che quell' agricoltore deve avere sistemi a rateo variabile altrimenti non se ne fa niente

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, Edo ha scritto:

Ottimo, quindi ora dovresti trovare qualcuno che abbia attrezzatura a rateo variabile per provare i tuoi dati e vedere se vengono letti nel modo corretto.
Poi sarà tutto da scoprire, sicuramente qualcuno disposto a spendere qualcosa per avere le mappe del suo terreno c'è.

Il problema è che quell' agricoltore deve avere sistemi a rateo variabile altrimenti non se ne fa niente

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
 

Gente che ha attrezzature a rateo variabile ne conosco, il problema vero (nel mio caso) è preparare il file da inserire nel sistema gps-isobus, la mappa di vigore con indice ndvi è solo una rappresentazione grafica.

L'attrezzatura ha bisogno di capire dove e come variare e servono le mappe georeferenziate, cosa che riesco a fare con il drone, ma queste mappe sono in formato geotiff e nei trattori invece servono in formato shapefile, è un po'come dire che il mio drone parla italiano e il trattore parla cinese.

Adesso sono in una fase di stallo non riesco a fare il passaggio da geotiff a shapefile, con tutti i lavori che stanno arrivando poi tra semine e trattamenti il tempo è sempre più raro, tra l'altro io sono socio di una cooperativa (avepo) che fa orticole e sto facendo dei video col drone sulle varie colture, mi servirebbero giornate da 48 ore 😂😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

Altra cosa molto importante è che non esiste uno storico, cioè io con il drone posso vedere dove un appezzamento ha problemi ma poi cercare di risolverli non è così semplice.

Bisogna capire perché in quel dato punto la vegetazione sta soffrendo e come porvi rimedio.

Esempio.

Se in una parte dell'appezzamento la coltura soffre devo aumentare il concime per portarla allo stesso livello oppure devo diminuirlo perché la spesa non vale la candela?

Questo è solo un esempio, ci sono mille variabili e capire come intervenire sarà quello che farà la differenza.

Edited by Prete68
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una domanda, tu riesci a fare mappe in formato .tiff simili a quelle di agrosat?



Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Edo ha scritto:

Una domanda, tu riesci a fare mappe in formato .tiff simili a quelle di agrosat?



Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
 

Quella nel messaggio precedente l'ho fatta io, ho provato a fare una mappa con agrosat, ma decisamente non c'è confronto. Molto meglio la mia.

Comunque il file tiff non serve a niente è solo da guardare e basta, se vuoi qualche foto/video - indice ndvi, posso farlo, tempo permettendo.

Di dove sei? vuoi fare una prova?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@prete68
No beh non voglio farti perdere tempo perché per ora non me ne farei niente delle mappe.
Più che altro volevo vedere se trovavo un modo Per convertire le mappe in shape come stai provando a fare te
Zona di ostiglia comunque.
Confine tra Mantova e Verona

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

vorrei una informazione...

secondo i più esperti è possibile utilizzare un drone x spaventare i piccioni???

cioè..fagli fare un percorso obbligato con voli quasi radenti al suolo per poi ritornare alla base a ricaricarsi e ripartire dopo aver fatto il pieno......

è fantascenza?.......o in un futuro breve potrebbe essere fattibile?......

del resto credo non sia imossibile programmare un drone a percorre uno stesso tragitto in x minuti in x giorni alla x velocità.......

sti piccionacci me li sogno pure di notte,,,,,,,,

Share this post


Link to post
Share on other sites
vorrei una informazione...
secondo i più esperti è possibile utilizzare un drone x spaventare i piccioni???
cioè..fagli fare un percorso obbligato con voli quasi radenti al suolo per poi ritornare alla base a ricaricarsi e ripartire dopo aver fatto il pieno......
è fantascenza?.......o in un futuro breve potrebbe essere fattibile?......
del resto credo non sia imossibile programmare un drone a percorre uno stesso tragitto in x minuti in x giorni alla x velocità.......
sti piccionacci me li sogno pure di notte,,,,,,,,
Per me te lo fregano in 20 minuti

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Edo ha scritto:

@prete68
No beh non voglio farti perdere tempo perché per ora non me ne farei niente delle mappe.
Più che altro volevo vedere se trovavo un modo Per convertire le mappe in shape come stai provando a fare te
Zona di ostiglia comunque.
Confine tra Mantova e Verona

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
 

Io Bagnolo San Vito - Governolo, neanche tanto lontano.

Il mese scorso sono venuto a Pieve a fare foto ad un pioppeto appena fatto perché il proprietario non aveva voglia di andare a contare le pioppelle nel campo

😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
26 minuti fa, casemx240magnum ha scritto:

ok....quello è un altro discorso......

ma è fattibile secondo voi

 

Si è fattibile però c'è il rischio che i piccioni attacchino il drone (i gabbiani lo fanno), oppure rischio collisione

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, casemx240magnum ha scritto:

azz.......attaccano il drone?.....ma non si spaventano?.....................

I gabbiani no

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci vuole un drone nucleare che li attira e poi esplode insieme ai verdi...


Inviato dal mio iPad

  • Like 1
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ci vuole un drone nucleare che li attira e poi esplode insieme ai verdi...


Inviato dal mio iPad
Il birdstrik famoso, i gwbbiani almeno mangiano brutte bestie, i piccioni e i verdi possono esplodere insieme al drone. Ci vorrebbe un bel pó di mappe a cui nessuno ha mai pensato. Sí conosco chi ha il rateo variabile ma non ha la tecnologia pwr completare le mappe anche perché le mappe fatte dalle mietitrebbie con flussimetri.... io non ci credo. Ndvr sí funzipna ma va testato su tutte le varietá. Ho provato su riso ma é un lavoro immane e alcune varietá sono meglio e piú affidabili di altre.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho provato ad elaborare alcune mappe con cropsat, ma non abendo il topcon sbloccato per il vr alla fine non me le leggeva nemmeno, pur avendo estensione .shp.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io Bagnolo San Vito - Governolo, neanche tanto lontano.
Il mese scorso sono venuto a Pieve a fare foto ad un pioppeto appena fatto perché il proprietario non aveva voglia di andare a contare le pioppelle nel campo

Praticamente attaccati , quando fai qualche rilievo chiamami

Come hai fatto a contare le pioppelle col drone? Mi capita di lavorare in alcuni pioppeti anche a Bagnolo ogni tanto

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Edo ha scritto:

Praticamente attaccati , quando fai qualche rilievo chiamamiemoji23.png

Come hai fatto a contare le pioppelle col drone? Mi capita di lavorare in alcuni pioppeti anche a Bagnolo ogni tanto

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
 

Difficilmente faccio rilievi con il drone, non è il mio lavoro è solo un hobby (per il momento, spero in futuro di poter fare di più).

Contare le pioppelle col drone è relativamente semplice, ho fatto delle foto e poi ci siamo messi a contarle sullo schermo del computer, poi per scrupolo abbiamo stampato qualche foto in A3 e le abbiamo ricontate.

Alla fine noi ne abbiamo contate 1102, il terzista che le ha piantate 1133, direi che come prova non è andata male, e il proprietario del terreno ha speso un gelato e una pizza 😂😂😂😂😂

È un mio amico.😁

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...