Jump to content

Potatura vigna (Metodi,tecniche,soluzioni)


Recommended Posts

.....intanto provi, poi vantaggi e svantaggi faranno il resto..al massimo si torna indietro.
.3 numero perfetto, ma 5 mi piace di più
Lo scorso anno ne ho tirati 4, sono andato bene ma francamente ero al limite con la gradazione. Vediamo quest'anno come va

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Io ci metto 15 ore/ha solo per pensare a come potare.

Sulla Ribolla io non mollo. Il Prosecco ci ha fatto dimenticare tutte le vere dinamiche della viticoltura e dell'agricoltura in generale. Siamo ancora intontiti dalla sbornia. Sylvoz: il riempime

Assolutamente no. 15/20 giorni prima della vendemmia e fino al riposo la vite inizia una maratona che degrada fino al letargo. Tu durante una corsa non cambi scarpette se non proprio necessa

Posted Images

visto che sono due giorni che nessuno parla di potatura e lunedì vado al secondo livello si simonit vi allego due foto di una pianta....

optereste per tenere i tre rinnovi o lascereste il casarsa???

20210116_170239.jpg

20210116_170250.jpg

Link to post
Share on other sites
visto che sono due giorni che nessuno parla di potatura e lunedì vado al secondo livello si simonit vi allego due foto di una pianta....
optereste per tenere i tre rinnovi o lascereste il casarsa???
20210116_170239.thumb.jpg.a92c8d014d7fa29a5739012dfc1d66ae.jpg
20210116_170250.thumb.jpg.70662240af5b4dac26f313c305a80fce.jpg
Nessuno ne parla perchè si aspetta sia ul meteo che la zonizzazione per l'adenovirus. In alta collina del Po c'è neve che non aiuta. Adesso per due o 3gg la gente da precedenza ad altro, questione di 7gg si ritorna alla vigna.
Sento mercoledì se si va in vigna o si sta al domicilio. Per il.momento molti danno precedenza all'organ8co e al falò di S. Antonio. Vigna e legna sono un pochino fermi. Previsioni meteo danno ancora puoggia o situazione molto instabile.
Prima concime e merda, pulizie e manutenzioni poi vigna.
Un pò di sconforto vimario c'è in giro che tende a influire sulla voglia di tsgliare più che potare.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Taglia da basso e cicatrizza con mastice oppure rame...studia ma non troppo che le viti rimangono le tue e certe fantasticherie se le possono tenere attaccate alla barba!

  • Like 1
  • Thanks 3
Link to post
Share on other sites
Taglia da basso e cicatrizza con mastice oppure rame...studia ma non troppo che le viti rimangono le tue e certe fantasticherie se le possono tenere attaccate alla barba!
Il mastice in vite non si usa più perchè è peggio e anche il rame, Fat stai perdendo colpi.
A chi ti riferivi?
Adesso va il Tricoderma o il Basf, altro n9n c'è.
Vino ce n'è anche troppo. La voglia è di tagliare corto.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
7 ore fa, CultivarSé ha scritto:

Nessuno ne parla perchè si aspetta sia ul meteo che la zonizzazione per l'adenovirus. In alta collina del Po c'è neve che non aiuta. Adesso per due o 3gg la gente da precedenza ad altro, questione di 7gg si ritorna alla vigna.
Sento mercoledì se si va in vigna o si sta al domicilio. Per il.momento molti danno precedenza all'organ8co e al falò di S. Antonio. Vigna e legna sono un pochino fermi. Previsioni meteo danno ancora puoggia o situazione molto instabile.
Prima concime e merda, pulizie e manutenzioni poi vigna.
Un pò di sconforto vimario c'è in giro che tende a influire sulla voglia di tsgliare più che potare.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 

già sarebbe ora di concimare ma non si può...ma qualcuno ste mattine è entrato...

Edited by 5500
  • Thanks 1
  • Confused 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, 5500 ha scritto:

già sarebbe ora di concimare ma non si può...ma qualcuno ste mattine è entrato...

Buongiorno, io sto rinnovando a colpi di motosega, taglio la testa e tengo 1/2/3 cavi da sotto. Non sistematicamente ma a discrezione.

La foto 1 si presta tantissimo al rinnovo.

Non do niente, ne mastice ne rame, al massimo un po' di terra sopra al taglio .

Ho visto che rinuncio ad un po' di produzione, ma l anno dopo spingono alla grande e ridanno ciò che non ti Dan quest'anno.

Speriamo che il caldo è l acqua di questo anno non anticipi troppo la ripartenza.

Beato il nord ovest di Cultivarse' che ha visto un po' di freddo....quan siamo arrivati 2 volte a -5....inverno non pervenuto per adesso....dicembre poi primi 20 giorni caldissimi.

Pericolo gelate tardive ovviamente alto.

PS ieri mattina fuori tutti nel grano

Edited by ALAN.F
Link to post
Share on other sites
visto che sono due giorni che nessuno parla di potatura e lunedì vado al secondo livello si simonit vi allego due foto di una pianta....
optereste per tenere i tre rinnovi o lascereste il casarsa???
20210116_170239.thumb.jpg.a92c8d014d7fa29a5739012dfc1d66ae.jpg
20210116_170250.thumb.jpg.70662240af5b4dac26f313c305a80fce.jpg
Assolutamente tirarli da sotto.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
3 ore fa, ALAN.F ha scritto:

Buongiorno, io sto rinnovando a colpi di motosega, taglio la testa e tengo 1/2/3 cavi da sotto. Non sistematicamente ma a discrezione.

La foto 1 si presta tantissimo al rinnovo.

Non do niente, ne mastice ne rame, al massimo un po' di terra sopra al taglio .

Ho visto che rinuncio ad un po' di produzione, ma l anno dopo spingono alla grande e ridanno ciò che non ti Dan quest'anno.

Speriamo che il caldo è l acqua di questo anno non anticipi troppo la ripartenza.

Beato il nord ovest di Cultivarse' che ha visto un po' di freddo....quan siamo arrivati 2 volte a -5....inverno non pervenuto per adesso....dicembre poi primi 20 giorni caldissimi.

Pericolo gelate tardive ovviamente alto.

PS ieri mattina fuori tutti nel grano

Bravo Alan, mi raccomando taglia un po’ inclinato se riesci, che non muoia acqua sul taglio...io quel lavoro lì l’ho fatto in alcuni filari anni fa, quando avevo solo due ha di vigneto è un po’ più di tempo da perdere...a sera passavo con cuprocaffaro reso spennellabile con un po’ di acqua, non se se c’entri qualcosa ma mde a distanza di anni non se vede li. Adesso che sui vigneti anziani lo faccio sporadicamente metto anche io solo un po’ di terra ma credo serva più a mettersi a posto la coscienza che altro 🤣

@CultivarSé tricoderma qua lo usiamo solo come trattamento, sicuramente funziona meglio anche come dici tu

Edited by fatmike
  • Thanks 1
  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
3 ore fa, ALAN.F ha scritto:

Buongiorno, io sto rinnovando a colpi di motosega, taglio la testa e tengo 1/2/3 cavi da sotto. Non sistematicamente ma a discrezione.

La foto 1 si presta tantissimo al rinnovo.

Non do niente, ne mastice ne rame, al massimo un po' di terra sopra al taglio .

Ho visto che rinuncio ad un po' di produzione, ma l anno dopo spingono alla grande e ridanno ciò che non ti Dan quest'anno.

Speriamo che il caldo è l acqua di questo anno non anticipi troppo la ripartenza.

Beato il nord ovest di Cultivarse' che ha visto un po' di freddo....quan siamo arrivati 2 volte a -5....inverno non pervenuto per adesso....dicembre poi primi 20 giorni caldissimi.

Pericolo gelate tardive ovviamente alto.

PS ieri mattina fuori tutti nel grano

la seconda foto è  la stessa vite! che comunque è ben messa anche sopra....

Davide simonit dice di tagliare in piano cosi c'è meno "esposizione" non si sono mai viste le pozzanghere sulle viti....mi ha fatto riflettere anch'io ho sempre fatto tagli un po' inclinati 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
26 minuti fa, 5500 ha scritto:

la seconda foto è  la stessa vite! che comunque è ben messa anche sopra....

Davide simonit dice di tagliare in piano cosi c'è meno "esposizione" non si sono mai viste le pozzanghere sulle viti....mi ha fatto riflettere anch'io ho sempre fatto tagli un po' inclinati 

Beh In Simonit......meglio non essere troppo insimunit🤣 ,  io taglio come.dice Fatmike con motosega.....avevano 49 anni, quest' anno quelle segate fanno 51 ed hanno dei cavi meravigliosi.

Se posso taglio a bietta, così acqua scivola...la terra penso sia come dice Fatmike per la coscienza.🤣, Mi dà coraggio 

Edited by ALAN.F
  • Like 3
  • Haha 1
Link to post
Share on other sites
li tiro su tutti e tre??
Non sono uno specialista di casarsa, ma credo che un vigneto di quella età sia molto portato a dare qualcosa in più con un guyot o meglio ancora con un doppio capovolto. Quindi almeno due li farei, ma anche tre non avrei assolutamente il rimorso. Poi bisogna vedere se sono viti che spingono bene, dove devo chiudere qualche buco ne metto anche 4 senza problemi, ovvio che se sono viti magre e ne tiri 4 rischi di imballarla e hai un effetto controproducente, ma con 2 o anche 3 non rischi nulla.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  • Thanks 2
Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Gianni il Folle ha scritto:

Non sono uno specialista di casarsa, ma credo che un vigneto di quella età sia molto portato a dare qualcosa in più con un guyot o meglio ancora con un doppio capovolto. Quindi almeno due li farei, ma anche tre non avrei assolutamente il rimorso. Poi bisogna vedere se sono viti che spingono bene, dove devo chiudere qualche buco ne metto anche 4 senza problemi, ovvio che se sono viti magre e ne tiri 4 rischi di imballarla e hai un effetto controproducente, ma con 2 o anche 3 non rischi nulla.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

Gianni Vangelo👏

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Ecco il mio.... solo critiche... impianto del 2019 seconda potatura metodo sylvoz... chardonnay zone asolo...

Le prime 2 foto 2019 le seconde impianto 2020 al primo anno... queste ultime saranno rifinite nelle legature

20210117_101537.jpg

20210117_101542.jpg

20210117_121035.jpg

20210117_121141.jpg

20210117_121158.jpg

  • Thanks 2
Link to post
Share on other sites
Ecco il mio.... solo critiche... impianto del 2019 seconda potatura metodo sylvoz... chardonnay zone asolo...

Le prime 2 foto 2019 le seconde impianto 2020 al primo anno... queste ultime saranno rifinite nelle legature

20210117_101537.thumb.jpg.37c2142be3b468f3e865b236eacb9e62.jpg

20210117_101542.thumb.jpg.440a2db21b97b98bcb4a66bec85b7533.jpg

20210117_121035.thumb.jpg.1e9f27203f56b952e0b70fffe3ed12de.jpg

20210117_121141.thumb.jpg.1c26b661e744ce571ce6050d5ce2f902.jpg

20210117_121158.thumb.jpg.f92edf77c119026b5754c3738d0635f2.jpg

Da completo ignorante del sylvoz, vedendo le ultime foto deduco che il cordone debba fermarsi molto prima della pianta successiva. C'è una regola di base per quantificare questo spazio? Con viti a 1,20 quanto devo lasciare dall'altra vite? Mi interessa xké vorrei provare a farne una fila modalità sperimentale, non credo si trovino vigneti a sylvoz in Romagna.

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, 5500 ha scritto:

la seconda foto è  la stessa vite! che comunque è ben messa anche sopra....

Davide simonit dice di tagliare in piano cosi c'è meno "esposizione" non si sono mai viste le pozzanghere sulle viti....mi ha fatto riflettere anch'io ho sempre fatto tagli un po' inclinati 

Metodo insimunit , avrà le sue ragioni ma tutte non le capisco , almeno nei trebbiani romagnoli ...cmq il discorso casarsa nel treb. più di tanto non ha funzionato nemmeno a casa mia ,me l'avevano sentenziato già 20 anni fa non nvolevo credere ma alla fine è risultato vero ....produzione che si ""scagarella"" e grappoli sempre più striminziti , quindi anch'io ti consiglio Taglia via la carnàza vecchia e vai di capovolto ...nà macchina da quintali se non manca il mangiare e il bere 

  • Like 1
  • Thanks 2
Link to post
Share on other sites
già sarebbe ora di concimare ma non si può...ma qualcuno ste mattine è entrato...

Difatti entrano con letame compost e liquame perchè sono pieni e col gelo vai. I terzisti con arnesi da taglio sono impwgnati a far altro. Aprono gli spandimenti e di certo non vanno a far vigna. Stanno fermando un pò di giannizzeri per via delle zone rosse e arancioni e del meteo di mercoledi per cui la collina adesso è un pò ferma. Le cantine sono ingolfate e arriveranno impianti nuovi quest'anno per cui forse vedo più attenzione al nuovo che non al vecchio, prima 8 nuovo e poi vecchio e massima repressione a Mde e sempre l'imperversare dei MLo che qua son di casa.

Sentivo colleghi modenesi che volevano inizuare pesante da lunedì.

Parma sono dentro ma hanno poca roba nulla a che fare con ovest o reggiano.

Chi può concima e ingrassa prima di potare e la cosa adesso ci può anche stare na resta il timore che quest'anno partano tutte prima per via del veddo e della neve che le ha soddisfatte. Vedo le piante messe bene e non solo vite. Ho paure di ritorn8 di freddo o meglio, di piante più a ticipate del solito.cocciniglie scortecciato qualcosa prima di Natale, tanta roba di cocc. del corniolo e pulvinaroa qualcosa di flocculosa italiana e giapponese c'è nelle zone calde ma sono più tardive.

Comunque cocciniglie sono ferme che mi preoccuoa sono i tagli troppo scoperti e sempre più grossi per i risanamenti.

Lasciate stare rame e mettete pouttosto Enovit col mastice, tricoderma ma non solo. Se potete meglio il Vimavil puro se non avete mastice, Vinavil con Enovit e quel che recuperatw di ditiocarbammati. Lasciate starw rame, zinco o minio speciamente adesso col freddo.

 

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

 

 

 

Link to post
Share on other sites
Difatti entrano con letame compost e liquame perchè sono pieni e col gelo vai. I terzisti con arnesi da taglio sono impwgnati a far altro. Aprono gli spandimenti e di certo non vanno a far vigna. Stanno fermando un pò di giannizzeri per via delle zone rosse e arancioni e del meteo di mercoledi per cui la collina adesso è un pò ferma. Le cantine sono ingolfate e arriveranno impianti nuovi quest'anno per cui forse vedo più attenzione al nuovo che non al vecchio, prima 8 nuovo e poi vecchio e massima repressione a Mde e sempre l'imperversare dei MLo che qua son di casa.Sentivo colleghi modenesi che volevano inizuare pesante da lunedì.
Parma sono dentro ma hanno poca roba nulla a che fare con ovest o reggiano.
Chi può concima e ingrassa prima di potare e la cosa adesso ci può anche stare na resta il timore che quest'anno partano tutte prima per via del veddo e della neve che le ha soddisfatte. Vedo le piante messe bene e non solo vite. Ho paure di ritorn8 di freddo o meglio, di piante più a ticipate del solito.cocciniglie scortecciato qualcosa prima di Natale, tanta roba di cocc. del corniolo e pulvinaroa qualcosa di flocculosa italiana e giapponese c'è nelle zone calde ma sono più tardive.
Comunque cocciniglie sono ferme che mi preoccuoa sono i tagli troppo scoperti e sempre più grossi per i risanamenti.
Lasciate stare rame e mettete pouttosto Enovit col mastice, tricoderma ma non solo. Se potete meglio il Vimavil puro se non avete mastice, Vinavil con Enovit e quel che recuperatw di ditiocarbammati. Lasciate starw rame, zinco o minio speciamente adesso col freddo.
 
Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 
 
 
Nulla vieta di usare Tessior per chi è di manica larga.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Gianni il Folle ha scritto:

Da completo ignorante del sylvoz, vedendo le ultime foto deduco che il cordone debba fermarsi molto prima della pianta successiva. C'è una regola di base per quantificare questo spazio? Con viti a 1,20 quanto devo lasciare dall'altra vite? Mi interessa xké vorrei provare a farne una fila modalità sperimentale, non credo si trovino vigneti a sylvoz in Romagna.

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Non sono un esperto ma ho la mia teoria, mi fermo in modo che il tralcio piegato non vada ad occupare il fusto successivo..  

Considera che lo faccio su di un sesto di 90cm tra la vite e per starci faccio cascare la 1 gemma piu vicino possibile al tondino in maniera da ottimizzare lo spazio non è bella la curva che ne esce mah... col bello non mangi

Edited by mitomane
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Esatto, il capo a frutto della vite precedente si deve arrestare prima che vada a disturbare la successiva, anche per quando lavori in verde non trovi problemi di sovrapposizione, quindi più chiudi più avrai problemi anche di malattie. 

 

Lasciando la giusta distanza lavori meglio ed eviti dunque intralci per ammasso 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Esatto, il capo a frutto della vite precedente si deve arrestare prima che vada a disturbare la successiva, anche per quando lavori in verde non trovi problemi di sovrapposizione, quindi più chiudi più avrai problemi anche di malattie. 
 
Lasciando la giusta distanza lavori meglio ed eviti dunque intralci per ammasso 
Se non hai viti rigorose, qua meglio lasciar perdere, su bar bera non sai cosa fare 1m. Molti sovrappongono per fare gemme e co tenere vigoria anche su SO4. Speriamo in portsannesti M-Mi. Tra breve toccherà fare per peimi i barberoni e poi altri boschi come lambeuschi e sangiovesi. Sicuramente se si hanno i b8anchi precoci certe cacciate n9n le vedi. A zona permettwndo si inizia martedì, mercoledì mettono misto...
Ho paura che sarà una potatura continua fino a semina del mais.
Cantine piene e fazenderi, vignerole, belli incaxxx.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites
10 ore fa, mitomane ha scritto:

Ecco il mio.... solo critiche... impianto del 2019 seconda potatura metodo sylvoz... chardonnay zone asolo...

Le prime 2 foto 2019 le seconde impianto 2020 al primo anno... queste ultime saranno rifinite nelle legature

20210117_101537.jpg

20210117_101542.jpg

20210117_121035.jpg

20210117_121141.jpg

20210117_121158.jpg

Dico la mia: 

Foto 1: il cavo sulla curva è inguardabile. Tirare via prima di subito altrimenti il prossimo anno te lo ritrovi più grosso del cordone. Sulla curva e 5 cm. dopo (almeno) non dev'esserci nulla. 

Foto 3: idem. Lo sperone sulla curva me lo sogno stanotte. 

Più in generale: cordoni tagliati troppo corti, bisogna arrivare alla vite successiva o quasi. Fatto ciò, potrai permetterti di star lontano dalla curva con tralci e speroni e piuttosto posizionarli più avanti senza rinunciare ai punti vegetativi del cordone. Altra cosa: non legatele strette quelle povere bestie, non è un rapporto sadomaso. Altra cosa: io i gancetti non li sopporto. Quando stralci sono una rottura di palle enorme e pure quando pieghi hanno i loro bei fastidi. Per me, bocciati.

L'ho buttata un po' sul ridere, non ti offendere. In generale mi pare un bell'impianto.

Edited by alefriuli
  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

M

6 ore fa, alefriuli ha scritto:

Dico la mia: 

Foto 1: il cavo sulla curva è inguardabile. Tirare via prima di subito altrimenti il prossimo anno te lo ritrovi più grosso del cordone. Sulla curva e 5 cm. dopo (almeno) non dev'esserci nulla. 

Foto 3: idem. Lo sperone sulla curva me lo sogno stanotte. 

Più in generale: cordoni tagliati troppo corti, bisogna arrivare alla vite successiva o quasi. Fatto ciò, potrai permetterti di star lontano dalla curva con tralci e speroni e piuttosto posizionarli più avanti senza rinunciare ai punti vegetativi del cordone. Altra cosa: non legatele strette quelle povere bestie, non è un rapporto sadomaso. Altra cosa: io i gancetti non li sopporto. Quando stralci sono una rottura di palle enorme e pure quando pieghi hanno i loro bei fastidi. Per me, bocciati.

L'ho buttata un po' sul ridere, non ti offendere. In generale mi pare un bell'impianto.

Macché chi se la prende, quelle piccole son da ripassare con le legature e così le ri-controllo 

Grazie per il tuo consiglio piuttosto, le legature strette non mi piacciono molto nemmeno a me ma per fare un impostazione del cordone non ho alternative senno scappa l'autunno prossimo le slego e le sistemo più morbide

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Dico la mia: 
Foto 1: il cavo sulla curva è inguardabile. Tirare via prima di subito altrimenti il prossimo anno te lo ritrovi più grosso del cordone. Sulla curva e 5 cm. dopo (almeno) non dev'esserci nulla. 
Foto 3: idem. Lo sperone sulla curva me lo sogno stanotte. 
Più in generale: cordoni tagliati troppo corti, bisogna arrivare alla vite successiva o quasi. Fatto ciò, potrai permetterti di star lontano dalla curva con tralci e speroni e piuttosto posizionarli più avanti senza rinunciare ai punti vegetativi del cordone. Altra cosa: non legatele strette quelle povere bestie, non è un rapporto sadomaso. Altra cosa: io i gancetti non li sopporto. Quando stralci sono una rottura di palle enorme e pure quando pieghi hanno i loro bei fastidi. Per me, bocciati.
L'ho buttata un po' sul ridere, non ti offendere. In generale mi pare un bell'impianto.
Ah beh ecco, allora il cordone deve arrivare fino alla pianta successiva! E la curva bella spoglia.

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...