Jump to content

Recommended Posts

Nelle nostre zona una volta era molto diffusa, con la diminuzione degli allevamenti è quasi sparita, comunque grazie a qualche nostalgico agricoltore non è ancora del tutto sparita :asd:

Anche qui mi chiedo nelle vostre zone se è diffusa e che tecniche culturali vengono applicate...

 

P.s.

Io quest'anno ho provato a seminarne un paio di ettari, minima lavorazione (rippatura a 25-30 cm poi erpice a disco), 1,5 q.li/ha di nitrato 36%, semina a spaglio, passaggio di erpice rotante per coprire il seme. Non ho ancora diserbato e non so ancora come comportarmi.... vedremo i risultati.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Interessante confronto Varietale

 

Confronto Varietale Arsia

 

prova varietali regione Marche

 

275803.md.jpg

 

Prove varietali Nord-Centro-Sud

 

276338.th.jpg 276337.th.jpg 276339.th.jpg 276340.th.jpg

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Con il terzista dove aiuto nella scorsa stagione ne abbiamo trebbiato qualche ettaro di proprieta di un pastore...oltre alla granella si produce tanta paglia che di questi tempi per chi alleva è un tema sentito....la tecnica usata nel nostro caso è stata aratura 30-35 cm,concimazione di base,erpicatura e semina a macchina....è stata concimata in copertura con nitrato d ammonio,non è stato fatto diserbo per scelta del padrone in quanto su quei terreni in rotazione precedentemente c era erba medica (oltre che per un fatto di risparmio) e difatti i campi erano abbastanza puliti ...unico neo essendo un cereale di stazza alta si alletta facilmente percio occhio alle concimazioni e spera nel tempo buono!!!!generalmente ha buona resa su tutti i terreni a quanto ne so io...tu che uso ne faresti???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Con il terzista dove aiuto nella scorsa stagione ne abbiamo trebbiato qualche ettaro di proprieta di un pastore...oltre alla granella si produce tanta paglia che di questi tempi per chi alleva è un tema sentito....la tecnica usata nel nostro caso è stata aratura 30-35 cm,concimazione di base,erpicatura e semina a macchina....è stata concimata in copertura con nitrato d ammonio,non è stato fatto diserbo per scelta del padrone in quanto su quei terreni in rotazione precedentemente c era erba medica (oltre che per un fatto di risparmio) e difatti i campi erano abbastanza puliti ...unico neo essendo un cereale di stazza alta si alletta facilmente percio occhio alle concimazioni e spera nel tempo buono!!!!generalmente ha buona resa su tutti i terreni a quanto ne so io...tu che uso ne faresti???

 

Venderei la granella... per il diserbo farò un post emergenza per foglie larghe, mi han detto che disserbi per le graminacee che non attaccano l'avena attualmente non ce ne siano (ma devo ancora verificare ....)

P.s.

Oltretutto è nata discretamente....

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ne ho fatta gli anni passati diversi ettari anche in pianure ... a parte il fatto caro Stemanto che la tua è tutto meno che una minima lavorazione per l'avena... magari volevi dire lavorazione senza inversione degli strati!!

cmq seme dose 150 kg ha

concimazione 2 q di nitrato mai urea diserbo esclusivamente mcpa quello della bayer è fenoomenale

lavorazione erpice a dischi ... lasciare riposare il terreno 3 settimane poi glifosate e semina a ottobre con conbinata vibro e seminatrice ..la kultidora per capirci

produsziuone 40 q ettaro circa abbastanza in scioltezza la migliore era quella in collina la vendevo a quelli dei cavalli da corsa quella di pianura al consorzio che l'esporta in sardegna in collina però eravamo sui 30 35...q ha

il problema era se a giugno pioveva .-..si sdraiava tutta ed erano azzi!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sinceramente leggo con attenzione solo ora questa discussione.

Nella mia zona è una coltura ancora piuttosto usata, l'unica differenza è che non viene usata come granella, ma bensi come foragggio. Per spiegarmi:

In montagna o collina, spesso seminare cereali, è meno conveniente che in pianura, perchè oltre a rese piu basse, si ha il problema che la trebbiatura costa molto di più, quindi, i terreni vengono utilizzati principalmente per la produzione di foraggio e quando la medica o la lupinella che sono le colture piu praticate, devosno essere rinnovate, per "pulire" si semina avena più comunemente chiamata "biada".

La particolarità e che lo stelo ha un apparato radicale molto ampio e quindi, rallenta la crescita di infestanti quindi il diserbo non viene praticato.

Poi nei primi giorni del mese di giugno, quando la granella è formata, prima che inizi ad imbiondire, si sfalcia e si imballa a foraggio.

Io ne faccio un buon uso per ingrasso, poichè, permette di integrare a buon mercato la dose gironaliera di granaglia/mangime e i vitelli ne vanno ghiotti.

E' doveroso precisare, che è comunque un fieno molto adatto per cavalli e pecore.

 

Come tecniche di produzione:

 

Aratura in estate 30 cm;

Passaggio di preparazione con erpice rotante o tiller o altro;

concimazione di fondo (comunque non abbondante)

semina 150-200 Kg/ha a seconda se si adotta la semina a spaglio o con seminatrice da cereali.

la concimazione primaverile, normalemente si efffettua con nitrato ammonico solo se se ne vede la necessità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche da noi l'avena viena utilizzata per farne fieno insieme alla veccia, sono appena stato nel campo e ho visto ch il seme sta riempendo e penso, come dice il marronaro, che i primi del mese la sfalcio, sperando che il tempo tenga in quanto l'acqua è micidiale per quasta coltura, diventa tutta muffa se viene imballata umida.

Come preparazione letame in quantità aratura semina con lo spandiconcime e una o più passate veloci con erpice a denti fissi, alla fine una rullatina giusto per appianare qualche zolla troppo grossa che darebbe fastidio alla condizionatrice.

La semina avviene in ottobre dopo aver tolto l'insilato.

La concimazione con nitrato ammonico se non si alletta viene un buon prodotto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

miritocci ha scritto sopra che non và mai data urea, anche io seguoquesta regola, perchè sembra che un apporto elevato di azoto, indurisca molto il fusto, la domanda è se ci sono altre motivazioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah...in linea di massima è provato che l'eccesso di azoto NON porti ad indurimento del fusto. Anzi...

Questo perchè si ha uno sviluppo dei tessuti troppo veloce che porta nei tessuti un rapporto C/N troppo basso, con conseguente scarsa matrice strutturale e quindi allettamento.

 

A mio avviso, l'errore più comune sull'avena è la troppa concimazione azotata, che a prescindere dal tipo di concime usato, porta appunto all'allettamento. Fenomeno a cui questa specie è particolarmente sensibile.

In terreni fertili 40-50 unità sono già più che sufficienti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Evidentemente la mia ignoranza unita ai detti popolari, hanno prodotto la mia affermazione.

 

Visto che allora siamo in tema, anzi secondi il titolo fuori tema:

 

Secondo le tecniche agronomiche piu comuni, come si dovrebbe procedere per le concimanzioni?

 

Inserico qualche link comunque attendendo le tue precisazioni grazie!

 

Avena Avena sativa L. - Cereali - Coltivazioni erbacee

Avena altissima Arrhenatherum elatius (L.) Beauv. - Foraggere - Coltivazioni erbacee

 

La seconda non la conosco, non sarà mica quella che cresce in maniera naturale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come puoi ben vedere dai link che hai segnalato, anche li sono consigliati 50-60 unità ad ettaro su terreni medio dotati. Ancora meno se terreno fertile.

Per quanto riguarda frazionamenti e dosi, direi di rifarsi alle stesse indicazioni utilizzate per il frumento, magari anticipando un po' gli interventi.

 

Sempre a mio avviso, se noti rese basse, per quanto riguarda l'avena, non sono di certo da imputare alla concimazione, bensì a scarse precipitazioni o temperature alte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma l'avena inanzitutto risenti delle temperature elevate ma non certo della mancanza di precipitazioni... per quanto concerne le concimazioni un triplo alla semina 20 10 10 in dose di 2 q e poi una nitratura un quintale nitrato 34 oppure entec 26 2 q a fine febbraio sono il top.... riordarsi poi che predilige terreni acidi investire abbonatntemente in seme al momento della semina..diserbo mcpa il top.... risente magari di venti al momento della raccolta... importante per le rese usare una buona varietà inerente al territorio io semino la prevision bianca...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti dei preziosi consigli e per lo scambio di vedute. E' per questo che il forum mi piace!

 

Per gli amministratori, visto che comunque l'avena può avere un doppio scopo di coltivazione cioè sfalcio o granella, per chè non rinominare la discussione per una migliore futura ricerca?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per ora l'ho modificato così, se ci sono suggerimenti, modificherò ulteriormente.

Se poi ci sarà materiale a sufficienza, non ci saranno problemi a dividere in 2 o più discussioni.

 

Ok ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Preciso e veloce!!!

A presto le rese dopo lo sfalcio di 1,5 ha

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi di nuovo quà, a ottobre per vari motivi, non ho seminato il solito ettaro di avena, ora, avevo rimandato a questo periodo, tempo permettendo, vorrei seminare nei prossimi giorni, siccome spesso, con la semina in questo periodo, non si hanno buone rese, secondo voi, potrei fare una concimazione un poco più incisiva?, Se si con cosa?

Normalmente, in ottobre, distribuisco circa 1,5 q.li a ettaro di 18-46, successivamente in primavera un po' di nitrato se necessario.

Grazie a chi mi saprà consigliare anche una eventuale alternativa, considerando che sono a circa 800 mt s.l.m.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho tagliato corto ed ho distribuito 12-12-12. Vediamo come và. Tanto è circa 1 ha.

Share this post


Link to post
Share on other sites

questa è la nostra avena seminata ai primi di novembre, concimata con urea amminica e diserbata. aspetto le vostre opinioni. :) era quella di cui ti parlavo in mp DjRudy

 

t90411_090420111118.jpg

 

t90412_090420111120.jpg

 

t90413_090420111121.jpg

Edited by federico 89

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche mese fa avevo messo le foto del campo seminato ad avena, adesso mi è venuto in mente che non era giusto lasciare il lavoro a metà :asd: e allora ecco qua un pò il resoconto:

 

gli ettari di terreno seminati sono stati 3, coltura precedente fave, con le lavorazioni appresso riportate:

 

- aratura a 30cm con aratro nardi 2 vomeri e 80C

- ripasso 20-25cm con coltivatore a molle sider.man

- ripasso con vibro so.ge.ma per affinamento

- semina a spaglio con spandiconcime amazzone, se non ricordo male la dose è stata di 150Kg/ha

- passaggio di vibro e rullo per la copertura

- concimazione con urea ammonica 110Kg/ha

- diserbo per infestanti quali aneto e senape

 

conclusioni:

un raccolto a mio avviso eccezzionale, 170 quintali. Anche se credo che molti di voi saranno abituati a certe rese, vi assicuro che qui da noi non è da tutti arrivare a 45 quintali ad ettaro :leggi:

 

( quasi quasi mi pento di non averlo seminato a grano....... secondo voi conviene seminare grano dopo avena? secondo me non sarebbe tanto salutare per il grano. Voi che dite? )

Edited by federico 89

Share this post


Link to post
Share on other sites

un consiglio devo seminare vena , meglio vernina o marzola ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avena by Puntoluce seminata il 10 ottobre a 150 kg/ha con Amazone ADP, all'inizio si era dimenticato la seminatrice in impostazione da colza con una fila si e una no (interfila 25 cm) poi dopo ha rimesso tutte le file.

 

25 cm di interfila

 

20121231_132401_1600x1200_.jpg

 

12,5 cm di interfila

 

20121231_132431_1600x1200_.jpg

 

a parità di investimento ad ettaro dove è a 25 cm sembra che abbia accestito di più, è più alta e più verde.

 

La maggiore altezza non è un vantaggio per una coltura dal facile allettamento come l'avena, ma gli altri 2 punti sono a favore, il prossimo anno voglio provare a fare qualche ettaro a 25 e confrontarlo a 12,5.

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve a tutti ragazzi ! io ne coltivo 50 ha l anno di avena, ho praticamente sostituito il grano duro con l avena... coltura estremamente facile da coltivare e con prezzi di coltivazioni molto contenuti... resa media 40ql/ ha..... se volete posso darvi altre informazioni..

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma l'avena inanzitutto risenti delle temperature elevate ma non certo della mancanza di precipitazioni... per quanto concerne le concimazioni un triplo alla semina 20 10 10 in dose di 2 q e poi una nitratura un quintale nitrato 34 oppure entec 26 2 q a fine febbraio sono il top.... riordarsi poi che predilige terreni acidi investire abbonatntemente in seme al momento della semina..diserbo mcpa il top.... risente magari di venti al momento della raccolta... importante per le rese usare una buona varietà inerente al territorio io semino la prevision bianca...

la prevision è rossa..... sn 5 anni che la riproduco da seme.....allora di sicuro hai seminato il seme che riproduco io... comunque ho scoperto la fulvia... leggermente piu bassa e cn un pizzico di produzione in piu..

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma da voi la paglia di avena è apprezzata? qui non la vuole nessuno, perché assorbe poco e non é apprezzata dagli animali che ne mangiano poco o niente

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma da voi la paglia di avena è apprezzata? qui non la vuole nessuno, perché assorbe poco e non é apprezzata dagli animali che ne mangiano poco o niente

 

no collega.. purtroppo la devo trinciare proprio per gli stessi motivi che dici tu.... sono riuscito a darne via qualche ettaro per impagliare esternamente con gli impagliatori.... ma poche decine di ql.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

in questo caso sarebbe opportuno utilizzare il nanizzante he tanto usano in inghilterra per poter accorciare la pianta e far sì che tutto l'azoto si concentri nella produzionedi granella...

come ti comporti con le concimazioni? io dovrei intervenire presto perchè stà iniziando ad arrossare, non sò se entrare con l'urea o con il nitrato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...