Jump to content
CBO

Vendemmia 2018

Recommended Posts

42 minuti fa, carvigna dice:

Da me le trinciamo quasi  tutti....... ma dice che  i vari problemi che abbiamo  nei vigneti  gran parte son dovuti  dal fatto  che  trinciamo i saramenti......

Mmmsi se avevi legni malati però. Da me si sono sempre raccolti ma perchè sono in minore quntità e la legna è comoda. Però ora che la gente è poltrona molti trinciano oppure portano fuori nella testata e bruciano però è sempre una rottura perchè se hai filari molto lunghi è difficile riuscire a fare tutto in un unico passaggio con il trattore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mmmsi se avevi legni malati però. Da me si sono sempre raccolti ma perchè sono in minore quntità e la legna è comoda. Però ora che la gente è poltrona molti trinciano oppure portano fuori nella testata e bruciano però è sempre una rottura perchè se hai filari molto lunghi è difficile riuscire a fare tutto in un unico passaggio con il trattore
Credo che se si ha la possibilità di bruciare sia sempre la cosa migliore. Xò capisco anche chi decide di trinciare per comodità o impossibilità (esempio vicino a case ecc).

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Gianni il Folle dice:

Credo che se si ha la possibilità di bruciare sia sempre la cosa migliore. Xò capisco anche chi decide di trinciare per comodità o impossibilità (esempio vicino a case ecc).

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

Il problema grosso è tirarla fuori con mezzi meccanici ovviamente. Da me chi trincia o fresa , in genere mette i sarmenti nell'interfile alternativamente in modo da riuscire a degradare completamente in un periodo di tempo maggiore però ovviamente doppio materiale. Anche bruciare non è semplice perchè ti vengono dei bei mucchi e se hai colture vicine anche in inverno le secchi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

AN che oggi giornata  primaverile. ...sto segandò teste di vigna con oltre 40 anni senza sosta, mi sembra di fare un bel lavoro, magari questo  anno faccio un po di qli i meno, ma dopo è  impostata e rinnovata per un po.

Per fortuna a che ho la motosega?

IMG-20190226-WA0003.jpg

IMG-20190226-WA0002.jpg

IMG-20190226-WA0001.jpg

IMG-20190226-WA0000.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, carvigna dice:

Da me le trinciamo quasi  tutti....... ma dice che  i vari problemi che abbiamo  nei vigneti  gran parte son dovuti  dal fatto  che  trinciamo i saramenti......

Io li trincio dal 2008, prima li bruciavo. ....sinceramente notato nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, ALAN.F dice:

Io li trincio dal 2008, prima li bruciavo. ....sinceramente notato nulla

Eh ma hai mai avuto la vigna completamente infestata di peronospora? Il problema vero ( o presunto perchè non è un'equzione matematica ) è quando interri legna infetta. Per curiosità come è un ceppo dopo il taglio ? Lo chiedo perchè ho vigna totalmente diversa e dalla foto postata prima non è che ci abbia capito molto

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, superbilly1973 dice:

Eh ma hai mai avuto la vigna completamente infestata di peronospora? Il problema vero ( o presunto perchè non è un'equzione matematica ) è quando interri legna infetta. Per curiosità come è un ceppo dopo il taglio ? Lo chiedo perchè ho vigna totalmente diversa e dalla foto postata prima non è che ci abbia capito molto

Domani metto foto,  praticamente le viti che hanno dei cavi sotto la testa le taglio 5/10cm su , in modo da lasciare legno, e cerco di tirar fuori cavi nuovi qda sotto.  Domani metto prima e dopo taglio. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trinciate in campo se potete. 

Io trinciavo fino al 2009. Vigneti del 1998/2002. Poi ho iniziato ad asportare. Anche cosi' dal 2016 guerreggio contro l'mde. Eravamo un isola felice nel circondario. Ora siamo solo tra i meno colpiti ma solo perche' (secondo me) l'mde si e' svegliata tardi.

In vigneti realizzati per terzi 6/7 anni fa in cui asportiamo da sempre si vedono gia' le prime spie. 

 Quest'anno, causa anche problemi di smaltimento, trincero' in campo i vigneti piu' recenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

CBO comunicazione di servizio hai la cartella messaggi privati piena.................

 

E io che pensavo di cippare  e portare fuori per fare pellet..................

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io asporto per il cippato e perche' con la Berti viaggio piu' veloce. 

Io rispondevo a chi si poneva dubbi se trinciare poteva essere veicolo di patologie. Trinciare bene con un buon sminuzzamento del materiale e' da un punto di vista agronomico il top. Non c'e' prova scientifica di una correlazione tra questa pratica e la diffusione di patologie.

Grazie della comunicazione. 

  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, CBO dice:

Anch'io asporto per il cippato e perche' con la Berti viaggio piu' veloce. 

Io rispondevo a chi si poneva dubbi se trinciare poteva essere veicolo di patologie. Trinciare bene con un buon sminuzzamento del materiale e' da un punto di vista agronomico il top. Non c'e' prova scientifica di una correlazione tra questa pratica e la diffusione di patologie.

Grazie della comunicazione. 

Stesso discorso per la fresatura? O comunque sempre meglio trinciare e poi lavorare l'interfila? Io Per ora la legna la porto via ma perchè mi serve ( Con una fascina arrostisci tranquillamente 4-5 bistecche o orate ed in estate è veramente comoda ) però da un mio amico le dovrei trinciare e/o fresare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anch'io asporto per il cippato e perche' con la Berti viaggio piu' veloce. 
Io rispondevo a chi si poneva dubbi se trinciare poteva essere veicolo di patologie. Trinciare bene con un buon sminuzzamento del materiale e' da un punto di vista agronomico il top. Non c'e' prova scientifica di una correlazione tra questa pratica e la diffusione di patologie.
Grazie della comunicazione. 
Avendo anche frutteto soggetto a colpo di fuoco, sono costretto a bruciare tutto. In linea di massima cmq credo sia così anche x il vigneto

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco qua...sono paonazzo....oggi 20 gradi e vento insopportabile 

Allego alcune foto prima e dopo....potatura con forbici e motosega?

 

IMG-20190227-WA0007.jpg

IMG-20190227-WA0008.jpg

IMG-20190227-WA0001.jpg

IMG-20190227-WA0003.jpg

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 27/2/2019 at 21:38, ALAN.F dice:

Ecco qua...sono paonazzo....oggi 20 gradi e vento insopportabile 

Allego alcune foto prima e dopo....potatura con forbici e motosega?

 

IMG-20190227-WA0007.jpg

IMG-20190227-WA0008.jpg

 

La fai proprio ripartire da zero. Grazie delle foto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finito oggi di potare e legare le viti. Iniziata la trinciatura dei sarmenti sotto la nebbia... 961aeb65234c395de31c37b8efe82a19.jpg

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
I primi acconti delle Coop e gia' iniziano i primi confronti con il 2017.
Roba da mattI. 
https://winenews.it/it/il-commercio-enoico-italiano-e-lincognita-della-brexit-tremano-prosecco-e-vini-fermi_387194/
Facci una panoramica dall'altro delle tue conoscenze x indirizzare gli andamenti futuri del comparto vino italiano (x capirci, non solo il vostro orticello ma anche il nostro ) please

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il trend ha gia' tolto un bel po' di gas dall'acceleratore se guardiamo il 2018 perche' il terminale finalmente puo' fare il suo lavoro vista la produzione 2018. Ma questo non perche' i consumi complessivi siano calati. Semplicemente il terminale non ha la pressa degli anni scorsi. Ergo schiaccia per marginare di piu'

L'articolo pero' ci conferma che lo spazio di crescita c'e'. Fino adesso abbiamo sfruttato il consumatore cd. di impatto (ovvero il soggetto predisposto a sperimentare e per curiosita' e per tendenza). Nei prossimi anni dovremmo impegnarci molto di piu' sia in termini di produzione (quest'anno inizieremo il nostro secondo tentativo per raggiungere la certificazione bio di tutto il nostro Superiore di Conegliano e del Montello. In cantina il procedimento e' gia' pronto. Manca la parte di campo) sia in termini di comunicazione (e' nostra intenzione eliminare il termine"prosecco" dalla nostra etichetta e usare solo "Superiore di Conegliano" e/o "Superiore del Montello. La riuscita della candidatura Unesco sara' fondamentale.

Voi non avete problemi. Siete gia' abituati a certi plv. E' da noi che se il plv diminuisce di 5/6mila euro la gente iniziera' a buttarsi dai tetti quando basterebbe alzare gli occhi e guardare a 150 km per capire che si puo' dare viticoltura anche con plv tra gli 8 e i 10mila eurini/ha. 

Edited by CBO

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il trend ha gia' tolto un bel po' di gas dall'acceleratore se guardiamo il 2018 perche' il terminale finalmente puo' fare il suo lavoro vista la produzione 2018. Ma questo non perche' i consumi complessivi siano calati. Semplicemente il terminale non ha la pressa degli anni scorsi. Ergo schiaccia per marginare di piu'
L'articolo pero' ci conferma che lo spazio di crescita c'e'. Fino adesso abbiamo sfruttato il consumatore cd. di impatto (ovvero il soggetto predisposto a sperimentare e per curiosita' e per tendenza). Nei prossimi anni dovremmo impegnarci molto di piu' sia in termini di produzione (quest'anno inizieremo il nostro secondo tentativo per raggiungere la certificazione bio di tutto il nostro Superiore di Conegliano e del Montello. In cantina il procedimento e' gia' pronto. Manca la parte di campo) sia in termini di comunicazione (e' nostra intenzione eliminare il termine"prosecco" dalla nostra etichetta e usare solo "Superiore di Conegliano" e/o "Superiore del Montello. La riuscita della candidatura Unesco sara' fondamentale.
Voi non avete problemi. Siete gia' abituati a certi plv. E' da noi che se il plv diminuisce di 5/6mila euro la gente iniziera' a buttarsi dai tetti quando basterebbe alzare gli occhi e guardare a 150 km per capire che si puo' dare viticoltura anche con plv tra gli 8 e i 10mila eurini/ha. 
Con produzioni nella norma quest'anno che prezzi si potrebbero spuntare quindi? Come l'anno scorso qualcosina in più?

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Gianni il Folle ha scritto:

Con produzioni nella norma quest'anno che prezzi si potrebbero spuntare quindi? Come l'anno scorso qualcosina in più?

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

Voi ormai avete una media storicizzata. 

Togli gli estremi e hai una buona proiezione di prezzo per il materiale 2019. 

E qui da noi che dobbiama far calmierare verso il basso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Voi ormai avete una media storicizzata. 

Togli gli estremi e hai una buona proiezione di prezzo per il materiale 2019. 

E qui da noi che dobbiama far calmierare verso il basso. 

Il mio timore è che, calmierando verso il basso voi, non si inneschi un effetto domino anche da noi. In fondo tutte le scuse sono buone per abbassare i prezzi, lo sappiamo.

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, Gianni il Folle ha scritto:

Il mio timore è che, calmierando verso il basso voi, non si inneschi un effetto domino anche da noi. In fondo tutte le scuse sono buone per abbassare i prezzi, lo sappiamo.

 

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

 

 

 

Perche'? Il terminale non ha nessun vantaggio a fare morire la vacca in questo settore. Semmai il contrario. In certe annate e' stato pagato piu' del reale valore proprio per sostenere certe aree del paese. In altri settori del primario (vedi cereali latte ....) si ma nei mosti no anche perche' in questo settore ci sono 2 bariere: una normativa e una cooperativistica (che da noi e' un problema) che fanno da argine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, CBO ha scritto:

Voi ormai avete una media storicizzata. 

Togli gli estremi e hai una buona proiezione di prezzo per il materiale 2019. 

E qui da noi che dobbiama far calmierare verso il basso. 

Quindi sulle 25€ al quintale, parlo della mia zona, firmerei da ora.. .. Io ogni anno faccio i conti con l'uva ai minimi storici cioè 15€ così non rimango mai deluso

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...