Jump to content
Fabio

colture proteiche a fine zootecnico

Recommended Posts

ciao a tutti,

ho voluto creare questa nuova discussione per parlare e confrontarci sulle colture proteiche ma soprattutto fornire esperienze e consigli inerenti a colture alternative alla soia che, in questi ultimi anni, ho letto che non sta dando grandi soddisfazioni per via anche del fatto che noi in Italia non usiamo ogm ma soprattutto avere informazioni per quelle aziende zootecniche seminano pisello proteico o soia da inserire in razione diminuendo il fabbisogno esterno delle proteine e favorire le autoprodotte.

Sto leggendo che quest'anno per la soia è un disastro, raccolti compromessi su una coltura abbastanza costosa......

A voi la parola

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le proteine vegetali sono tutte ma poi nella razione è la quantità e la concentrazione, chiaro che il nucleo è tale perché estratto il rsto restano le proteine ma sono all'80% nel seme è circa 40-55% ma nel seme c'è anche 18-20% di olio e il resto.... 1 Kg di nucleo sono più proteine e pochi grassi, 1 Kg di soia sono una bomba energetica per chiunque.... attenzione proteine sono per tutti!

Nessuno ha avuto il coraggio di mettere le altre piante e ce ne sono parecchie molto interessanti proteiche anche al 65% tali e quali o essiccate meglio delle erbacee. La questione proteine vegetali è più ampia ma certamente sono piante che non fanno miracoli di loro non possono andare contro natura ne contro le leggi della fisica nessuno al mondo fa rese di legumi pari a quelle del mais. La medica è comunque la regina ma non è l'unica ma il problema è che si è perso tutto un sapere foraggero che ci stava da millenni, perso a causa della modernità. Un sapere millenario

è diventato a

l pari di una comica antica perché si vede solo la quantità, non tutta la qualità in senso largo che certe colture e prati danno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Le proteine vegetali sono tutte ma poi nella razione è la quantità e la concentrazione, chiaro che il nucleo è tale perché estratto il rsto restano le proteine ma sono all'80% nel seme è circa 40-55% ma nel seme c'è anche 18-20% di olio e il resto.... 1 Kg di nucleo sono più proteine e pochi grassi, 1 Kg di soia sono una bomba energetica per chiunque.... attenzione proteine sono per tutti!

Nessuno ha avuto il coraggio di mettere le altre piante e ce ne sono parecchie molto interessanti proteiche anche al 65% tali e quali o essiccate meglio delle erbacee. La questione proteine vegetali è più ampia ma certamente sono piante che non fanno miracoli di loro non possono andare contro natura ne contro le leggi della fisica nessuno al mondo fa rese di legumi pari a quelle del mais. La medica è comunque la regina ma non è l'unica ma il problema è che si è perso tutto un sapere foraggero che ci stava da millenni, perso a causa della modernità. Un sapere millenario

è diventato a

l pari di una comica antica perché si vede solo la quantità, non tutta la qualità in senso largo che certe colture e prati danno.

 

ciao Cultivarse

bella risposta! ma la famosa domanda: Possiamo fare a meno della soia può esistere oppure è un pensiero alieno?

Come potrebbe e cosa dovrebbe fare un'azienda se vuole sostituire la soia e rendersi autosufficiente proteicamente parlando?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao Cultivarse

bella risposta! ma la famosa domanda: Possiamo fare a meno della soia può esistere oppure è un pensiero alieno?

Come potrebbe e cosa dovrebbe fare un'azienda se vuole sostituire la soia e rendersi autosufficiente proteicamente parlando?

Non mi è chiaro perchè vorresti sostituire la soia...ti potrei dire di seminare il pisello proteico se non vuoi la soia...ma credo che il motivo sia un altro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La questione soia è sopra il concetto di proteine vegetali, se uno si chiede quanta roba esce e può uscire da un singolo carico di semi di soia.... si da la risposta da solo. La soia è estremamente duttile tanto e quanto il mais ma ha proteine, olio, lecitina, gomme e fitormoni che altre piante non hanno. Da soia e derivati ci fai letteralmente tutto, la pianta verde la puoi trinciare, la usi da sovescio, la raccogli cerosa e anche come Endammane, insomma va aldilà della mera proteina vegetale per vacche.

Il pisello proteico ha usi ridotti.

Il vero problema di soia e pisello proteico è il sapore, il gusto. Nella soia è uno dei peggiori fra i legumi e poi il contenuto di olio che si fa sentire.

Nessuno più parla dell'altro legume portato da Colombo, l'Arachide che era un classico anche solo in zona di Alessandria.

Ripeto, si è persa tantissima conoscenza e sapere, piante sparite. Recentemente è tornato il lupino bianco che è giallo ma non so chi e dove lo usino.

Proteine per le vacche o ad uso zootecnico dipende molto anche dal razionamento globale, da 20 anni siamo tornati agli erbai è un continuo flusso e riflusso su questi temi e non esiste la ricetta globale, dipende anche dal resto e come uno è messo in azienda compresi i tempi operativi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...