Jump to content
cj7

da bosco a seminativo

Recommended Posts

ciao a tutti.

domanda: sarei in procinto di comperare un appezzamento a me confinante di circa 8000 m2 che al catasto è seminativo,ma di fatto ormai da 40-50 anni è bosco,non di particolare pregio(dentro ci saranno una ventina di roveri ,il resto va bene da bruciare ).

dopo acquistato posso tagliare tutto e riportarlo a seminativo?ho provato a telefonare alla forestale ma mi hanno detto che assolutamente no,e che devo informarmi in regione se posso riportarlo come in origine...al che mi stanno già cadendo le braccia. voi come vi regolate in casi del genere?specifico che sono in pianura e che lìappezzamento è vicino a strade di normale passaggio e quindi il tagliare e fare finta di nulla forse è improponibile.

grazie a chi possa darmi consigli competenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

stai fermo assolutamente!!

la violazione delle norme in materia ambientale, porta ad una denuncia penale

 

per quel che riguarda la trasformazione in seminativo, devi fare domanda di cambio di coltura alla forestale e solo successivamente puoi agire

 

per il momento puoi tagliare un certo quantitativo (che ora non ricordo) per fare legna o legname, senza chiedere il permesso ... oltre il quale devi chiedere

 

indipendentemente dal catasto e da come sono nate e cresciute le piante, quello adesso è un bosco e come tale va trattato

Edited by martiz

Share this post


Link to post
Share on other sites
stai fermo assolutamente!!

la violazione delle norme in materia ambientale, porta ad una denuncia penale

 

per quel che riguarda la trasformazione in seminativo, devi fare domanda di cambio di coltura alla forestale e solo successivamente puoi agire

 

per il momento puoi tagliare un certo quantitativo (che ora non ricordo) per fare legna o legname, senza chiedere il permesso ... oltre il quale devi chiedere

 

indipendentemente dal catasto e da come sono nate e cresciute le piante, quello adesso è un bosco e come tale va trattato

Un terreno incolto, in qui crescono piante spontanee dopo quanto tempo diventa bosco? Più di 20 anni è corretto?

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

bella fregatura...è che qui intorno vedo che tagliano ,bonificano e seminano come se nulla fosse...la cosa che mi preoccupa è che la forestale al telefono mi dice che devo andare a chiedere in regione il cambio di destinazione d'uso; la sola idea di impastoiarmi con la burocrazia regionale mi fa passare tutte le voglie!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Un terreno incolto, in qui crescono piante spontanee dopo quanto tempo diventa bosco? Più di 20 anni è corretto?

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

 

mi pare che venga classificato bosco dopo solo pochi anni, forse 4 o 5, anche se magari sono cresciuti solo cespugli e qualche robinia sparsa.

 

dopo 20 anni è senz'altro un bosco vero.

Share this post


Link to post
Share on other sites
mi pare che venga classificato bosco dopo solo pochi anni, forse 4 o 5, anche se magari sono cresciuti solo cespugli e qualche robinia sparsa.

 

dopo 20 anni è senz'altro un bosco vero.

No no, anni fa si mettevano piante tipo noci o ciliegie per prendere i contributi e le dovevi tenere 20 anni, se entro il 21 esimo anno però non venivano tagliate c'era il rischio che venissero classificate come bosco

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende prima di tutto come è classificato al catasto se seminativo o bosco...poi il bosco non è tanto in base agli anni ma alla concentrazione delle piante e alla loro superficie...assolutamente non intervenire a sradicare se non vuoi finire dentro x omicidio plurimo

 

Inviato dal mio SM-J320FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

è stato scritto nel primo messaggio che al catasto è classificato seminativo :leggi:

ed è stato scritto che non ha importanza

 

per gli altri dubbi basta leggersi il testo unico in materia di foreste, al quale fanno riferimento le regioni per emanare le proprie leggi di competenza

https://www.altalex.com/documents/leggi/2018/04/23/testo-unico-in-materia-di-foreste-e-filiere-forestali

 

stralcio 1:

Per le materie di competenza esclusiva dello Stato, sono definite bosco le superfici coperte da vegetazione forestale arborea, associata o meno a quella arbustiva, di origine naturale o artificiale in qualsiasi stadio di sviluppo ed evoluzione, con estensione non inferiore ai 2.000 metri quadri, larghezza media non inferiore a 20 metri e con copertura arborea forestale maggiore del 20 per cento.

 

stralcio 2:

Aree escluse dalla definizione di bosco

1. Per le materie di competenza esclusiva dello Stato, fatto salvo quanto previsto dai piani paesaggistici di cui agli articoli 143 e 156 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, non rientrano nella definizione di bosco:

 

a) le formazioni di origine artificiale realizzate su terreni agricoli anche a seguito dell'adesione a misure agro-ambientali o nell'ambito degli interventi previsti dalla politica agricola comune dell'Unione europea;

 

b) l'arboricoltura da legno, di cui all'articolo 3, comma 2, lettera n), le tartufaie coltivate di origine artificiale, i noccioleti e i castagneti da frutto in attualita' di coltura o oggetto di ripristino colturale, nonche' il bosco ceduo a rotazione rapida di cui all'articolo 4, paragrafo 1, lettera k), del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013;

 

c) gli spazi verdi urbani quali i giardini pubblici e privati, le alberature stradali, i vivai, compresi quelli siti in aree non forestali, gli arboreti da seme non costituiti ai sensi del decreto legislativo 10 novembre 2003, n. 386, e siti in aree non forestali, le coltivazioni per la produzione di alberi di Natale, gli impianti di frutticoltura e le altre produzioni arboree agricole, le siepi, i filari e i gruppi di piante arboree;

 

quindi: non centrano le colture a scopo coltivazione agricola e/o piante da frutto e nemmeno i cedui a rapida crescita (es. pioppeti) e non vengono menzionati periodi di tempo definiti

Per il resto basta leggersi il link

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa hai ragione....Io avevo il noceto ma poi puoi toglierlo...Il resto ti conviene sentire la forestale

 

Inviato dal mio SM-J320FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
No no, anni fa si mettevano piante tipo noci o ciliegie per prendere i contributi e le dovevi tenere 20 anni, se entro il 21 esimo anno però non venivano tagliate c'era il rischio che venissero classificate come bosco

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

 

Un pioppeto non è un bosco, vero?

Se i pioppi hanno 40 anni e sotto sono cresciuti degli alberi spontanei, come si classifica?

Diciamo che il pioppeto ha pioppi enormi, mentre le piancìte che ci sono sotto sonoil 5 per cento in peso, ovviamente in numero sono molto più numerose le piante spontanee cresciute sotto.

Quando i pioppi vengono venduti, mi sembra normale rasare tutto a 0 senza chiedere nulla.

 

Anche da noi un furbacchione ha piantato alberi nel prato prendendo i contributi, poi il terreno è diventato edificabile nel 50% della superficie, hanno tagliato e piantato un condominio.

Edited by Alberto64

Share this post


Link to post
Share on other sites
Un pioppeto non è un bosco, vero?

Se i pioppi hanno 40 anni e sotto sono cresciuti degli alberi spontanei, come si classifica?

Diciamo che il pioppeto ha pioppi enormi, mentre le piancìte che ci sono sotto sonoil 5 per cento in peso, ovviamente in numero sono molto più numerose le piante spontanee cresciute sotto.

Quando i pioppi vengono venduti, mi sembra normale rasare tutto a 0 senza chiedere nulla.

 

Anche da noi un furbacchione ha piantato alberi nel prato prendendo i contributi, poi il terreno è diventato edificabile nel 50% della superficie, hanno tagliato e piantato un condominio.

Ma alla fine i pioppi sono inseriti come seminativo a lungo termine, e il pioppo difficilmente è considerato come pianta da salvaguardare, poi cambia anche in base alle leggi comunali ma io non credo che ci siano problemi

 

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...