Jump to content
Nicco

Trattamenti L/ha o L/hl ... chi devo ascoltare?

Recommended Posts

Salve a tutti, scrivo perché nell’ultimo anno sono cambiate molte etichette di agrofarmaci:

 

fino allo scorso anno quasi tutte le etichette riportavano la quantità del prodotto da utilizzare ad ettaro oggi invece trovo quasi tutte le etichette con la quantità del prodotto ad ettolitro di acqua utilizzato.

 

Nello specifico ho acquistato un prodotto e il rivenditore mi dice di utilizzarne 5 litri ad ettaro, nell’etichetta invece c’è scritto 0,5 litri per hl di acqua utilizzata...

 

ora io ho un’atomizzatore a basso volume e utilizzo 2 hl di acqua per ettaro.. che significa che devo utilizzarne 1 litro ad ettaro? Non 5 litri come mi ha detto il rivenditore?

 

Qualche suggerimento?

Grazie a tutti

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il volume normale di solito è 1000 litri di acqua ad ettaro quindi 0.5 ogni 100 litri sono i 5 litri che ti ha indicato il rivenditore; nel tuo caso, visto che lavori con un atomizzatore a basso volume, devi seguire le dosi ad ettaro, che sono sempre i 5 litri 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La quantità di acqua che usi per ettaro non incide sulla quantità del prodotto, per esempio se hai un appezzamento di 5 ha e usi un prodotto che va a 3 l/ha ne dovrai usare 15 litri indipendentemente se usi 200/300/500/1000/1500 litri di acqua per ettaro.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
La quantità di acqua che usi per ettaro non incide sulla quantità del prodotto, per esempio se hai un appezzamento di 5 ha e usi un prodotto che va a 3 l/ha ne dovrai usare 15 litri indipendentemente se usi 200/300/500/1000/1500 litri di acqua per ettaro.
Nnnn non é proprio così, cambiano le caratteristiche del ph e solubilitá oltre che il comportamento di copertura sulle foglie. Con alcuni diserbanti va bene, col vecchio iprodione funzionava ma il resto non é cisí, dipende dalla formulazione dei prodotti, non é cosí facile.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

 Se un prodotto va 3 l/ha da etichetta, poi se uno utilizza atomizzatori particolari tipo a recupero il discorso cambia. Anche perché chi dosa il prodotto in laboratorio non può sapere tutte le variabili che ogni singolo agricoltore deve apportare o casi particolari come pH dell'acqua ecc.

Edited by Agripower
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
 Se un prodotto va 3 l/ha da etichetta, poi se uno utilizza atomizzatori particolari tipo a recupero il discorso cambia. Anche perché chi dosa il prodotto in laboratorio non può sapere tutte le variabili che ogni singolo agricoltore deve apportare o casi particolari come pH dell'acqua ecc.
Il problema sono le formulazioni, i conformulanti. Il P.a. per forza é dosato in laboratorio ma sotto certi volumi non si puó andare per tutti i prodotti e i formulati poi la dowe solitamente si riduce max del 30% al ridurre dell'acqua sui funghicidi e insetticidi, alcuni. Il basso volume deve seguire la forma delle piante, l'allevamento. Il recupero quando inizia la crescita é un casino.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il volume normale di solito è 1000 litri di acqua ad ettaro quindi 0.5 ogni 100 litri sono i 5 litri che ti ha indicato il rivenditore; nel tuo caso, visto che lavori con un atomizzatore a basso volume, devi seguire le dosi ad ettaro, che sono sempre i 5 litri 


Grazie per le risposte soprattutto per i 1.000 L/ha di acqua utilizzata. Comunque devo dire che l’etichetta è fuorviante: su internet ho trovato la vecchia etichetta che riporta sia i L/ha che i L/hl ed infatti le quantità sono rapportate 10 ad 1. Sulle nuove etichette trovo solo i L/hl e quindi uno potrebbe tranquillamente utilizzare un decimo della dose.

Si concordo anche sulla tipologia di acqua utilizzata: io utilizzo acqua del pozzo che ha ph decisamente alto e quindi utilizzo il cifovir 1 oppure acido citrico per abbassare il ph

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti sono nuovo del forum e mi sono iscritto proprio per un problema analogo. Anche io ho una irroratrice a basso volume della VMA e vorrei sapere da chi la usa da tempo come cambiano i volumi d'acqua durante i vari stadi vegetativi, io per ora parto con 2hl/ha e arrivo a 3 quando la vegetazione si infittisce (generalmente in post fioritura).
Vorrei sapere voi come fate per confrontarmi!


Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho un vma ma non cambio mai il volume di acqua ha e vado a 250 litri ettaro, quando sarà in produzione tutto allora scenderò di 50 litri per non continuare a riempire la botte.

Vado a 300 litri solo quando dò antibotritico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io con un normale atomizzatore tratto a 200 lt ettaro in piena vegetazione. La variante è potenza disponibile, impianto e vigoria piante. Esempio a enovitis in campo con 200 lt ettaro e un 60 cv a neghi la pianta da noi su gdc con lambrusci ci vogliono 80/90cv

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 12/7/2019 Alle 15:12, alfieri ha scritto:
Anch'io con un normale atomizzatore tratto a 200 lt ettaro in piena vegetazione. La variante è potenza disponibile, impianto e vigoria piante. Esempio a enovitis in campo con 200 lt ettaro e un 60 cv a neghi la pianta da noi su gdc con lambrusci ci vogliono 80/90cv

Sì per spingere all'interno della vegetazione, é il solito problema delle forme di allevamento, dentro la massa non va e non si possono co tinuare a moncare e denudare le piante anche perché Mde é ovunque. Più danni più carie non ci sono santi. Ci vorrebbero le gallerie drl vento viaggianti, non i tunnel e potenze alte, sa noi si va coi 100cv poi in estrema collina si fa quel che si puó ma c'é differenza fra guyllor e cordoni anche se col guyllot uva o cuoce o brucia.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 

 

Il 12/7/2019 Alle 15:50, CultivarSé ha scritto:
Sì per spingere all'interno della vegetazione, é il solito problema delle forme di allevamento, dentro la massa non va e non si possono co tinuare a moncare e denudare le piante anche perché Mde é ovunque. Più danni più carie non ci sono santi. Ci vorrebbero le gallerie drl vento viaggianti, non i tunnel e potenze alte, sa noi si va coi 100cv poi in estrema collina si fa quel che si puó ma c'é differenza fra guyllor e cordoni anche se col guyllot uva o cuoce o brucia.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 

Non c'é verso la vegetazione va seguota non si possono fare i volumi standard, le dosi sono ad ettaro c'é un riduzione di dose coi bassi volumi ma non esagerata. Collanti, goccie e diametri, ugelli tutto fa ma la forma é tutto. Le legature fanno oltremodo.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...