Jump to content

Recommended Posts

Olio ce ne, non è pulitissimo devo sostituirlo, quando viaggio dopo un po sale, ma sputa olio dallo sfiato, comunque il sollevatore non è la classica sac same ma dopo ricerche credo che sia una safer applicata. A breve allego foto

 

 

[ATTACH]31622[/ATTACH][ATTACH]31623[/ATTACH][ATTACH]31624[/ATTACH]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembrerebbe il sollevatore di un Landini o di un Fiat

Edited by Lodi 300

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, è identico ai Fiat piccoli tipo Diamante o Nastro oro tipo 450-600

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho fatto un paio di prove ma nulla, il sollevatore rimane molle. Quando sale rimane elastico e butta fuori l olio emulsionato dal tappo. Qualcuno ha avuto problemi simili su questi tipi di sollevatori?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho fatto un paio di prove ma nulla, il sollevatore rimane molle. Quando sale rimane elastico e butta fuori l olio emulsionato dal tappo. Qualcuno ha avuto problemi simili su questi tipi di sollevatori?

 

Dai sintomi sembrerebbe una perdita dalle tenute o dal distributore. In ogni caso è da smontare e verificare....

Share this post


Link to post
Share on other sites

PUBBLICITA'

Buongiorno sono Enzo dalla provincia di Reggio Emilia sono nuovo del forum anche se ho già seguito qualche vostra discussione in quanto possessore di un puledro same 35 cavalli doppia trazione del 61.

Proprio riguardo a questo trattore ho trovato delle informazioni grazie a voi per pulire il filtro della Sac e la sostituzione dell'olio in seguito ho smontato il martinetto verificando le fasce di tenuta del pistone che mi sembrano in buono stato, quest'ultimo lavoro ho deciso di eseguirlo per verificare la causa di un problema riguardante il sollevatore in quanto schiacciando la frizione a sollevatore alzato l'attrezzo abbassa.

Sono dunque qui a chiedervi nuovamente aiuto per capire se il problema è generato da un normale limite di progettazione in quanto dopo essermi informato mi sembra di aver intuito che se è presente una sola frizione l'albero della PTO che trasmette il moto alla pompa si ferma all'azione amento della frizione generando dunque ha un normale abbassamento dell'attenzione, o se il problema è causato da qualche perdita di tenuta ringrazio nuovamente per il servizio che offrite

Share this post


Link to post
Share on other sites
schiacciando la frizione a sollevatore alzato l'attrezzo abbassa.

Sono dunque qui a chiedervi nuovamente aiuto per capire se il problema è generato da un normale limite di progettazione in quanto dopo essermi informato mi sembra di aver intuito che se è presente una sola frizione l'albero della PTO che trasmette il moto alla pompa si ferma all'azione amento della frizione generando dunque ha un normale abbassamento

Il puledro ha il cambio monoalbero per così dire, la frizione è unica quindi con attrezzi pesanti è un loro limite che scenda giù a pedale abbassato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

non avendo mai avuto same chiedo a voi, ho in officina un same centauro credo (non ci sono le scritte) ha il motore a V

in pratica ha la frizione della pto rotta e non funziona il sollevatore, quindi deduco che è normale dato che non gira l'asse, giusto ???

ma aprendolo ho trovato la campana piena di olio del cambio difatti quella del motore slittava, ora il paraolio grande nel manicotto l'ho tolto, ma quello piccolo tra i due assi come faccio a toglierlo ? sapete da dove operare ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Porta un paraolio nella flangia che fa da supporto al reggispinta.L'altro più piccolo monta sull'albero Pdf, lo sfili e sulla parte posteriore viene il paraolio piccolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti!

In seguito alla rottura della pompa della SAC verticale modello 9000 del mio Centauro ( matricola della pompa 4409) per causa del consumo del perno del rullino sulla forchetta di rilevamento della posizione ( in 49 anni ne ha fatte di ore e ore e sali e scendi), ne ho comprato una “nuova” da uno sfascio e mi sono cimentato nella completa revisione. ( Questo tipo di SAC monta su Centauro, Leone, Corsaro, Saturno, variano però su alcuni modelli da una certa matricola in poi, i leveraggi esterni ed interni del distributore, roba non da molto sostanzialmente).

Non è un organo molto complesso, ma bisogna avere buone basi di meccanica per fare un buon lavoro.

Si può iniziare aprendo il coperchio, tenuto da viti del 17 e infilando una canna lungo l’albero del pistone al centro, bene in fondo e si aspira l’olio. Personalmente, preferisco aspirarlo e non farlo fuoriuscire dal tappo in quanto cola lungo la parete del cambio.

A questo punto si presenteranno distributore e pompa pieni di morchie solitamente.

 

 

20170606149678198427136.JPG

Smontare ora i bulloni che tengono fissati i bracci del sollevamento sono 2dx e 2 sx del 22.

 

Ora si hanno due opzioni : o si smonta l’ attacco del terzo punto e tira via l’intero sollevatore, oppure si lascia attaccato al cambio e si toglie un parafango per sfilare l’albero dei bracci e continuare lo “svuotamento” dei componenti. Se decidete di tirarlo via intero occhio ai due dadi dietro al sedile infilati proprio sotto il rigonfiamento della SAC, dove alloggia la pompa, sono un po’ scomodi. E tirarlo su in modo che non urti il cilindro maestro in modo violento o cose del genere.

Ora iniziamo togliendo la spina che tiene la biella di spinta alla flangia centrale dell’ albero, battere per sfilare l’albero col millerighe ed annessi ( meglio verso sinistra), mentre batterete usciranno le boccole dove alloggiano gli OR uno corto e uno lungo per parte. Mentre sfilate fate attenzioni che la flangia centrale non urti distributore ed annessi e si sfili dalla forchetta di rilevamento posizione.

 

 

20170606149678219203766.jpg

Nella parte posteriore della carcassa si trova un bullone del 27, svitatelo al suo interno c’è l’alloggio della cannuccia che si vede internamente e va nella valvola di sicurezza, tirate la cannuccia fuori dall’esterno, può fare una leggera forza nel divincolarsi, dato che ha 4 OR.

 

20170606149678227189899.jpg

Ora ci troveremo bello libero il filtro, allentare il bullone 11 che o tiene e sfilarlo.

A destra della carcassa dove vanno a finire le leve che vengono da sotto il volante c’è un lamierino di protezione si svitano i 4 bulloni del 14 e via. Smontare sotto di esse l’organo sensibile, tenuto da due viti del 19.

 

 

Ci si presenteranno tre leve che entrano nella carcassa. Staccare per la gialla e la verde ( la più avanti in alto e la dietro in basso) gli anelli elastici che provengono dalle leve, e per quella centrale smontare quell’organo sotto cilindrico con la cuffia, è tenuto da due viti del 19.

A questo punto dall’interno, con la chiave del 10 svitare le viti col grano che tengono le leve attaccate al distributore ( muovete le leve dall’esterno con una mano per individuarle, non è molto difficile) e sfilate le leve della gialla e quella che viene dal rilievo dello sforzo, quella del controllo dello sforzo ( verde) per ora NO.

Togliere l’anello elastico che tiene la leva di compensazione le rondelle e la forchetta( attenzione all’ordine di tali componenti).

A questo punto, svitare le quattro viti del 17 che tengono il corpo pompa attaccato alla carcassa ( i due dentro sono scomodi usate una chiave corta)a questo punto, facendo attenzione a non urtare, si tira via pompa e distributore, bisogna far alzare la parte posteriore verso l’alto e tirarlo verticalmente, attenzione al puntalino di fine corsa che c’è sotto. Tali componenti pesano un bel po’, quindi fare in modo di operare in sicurezza onde evitare danni o peggio dita e mani schiacciate.

Una volta fuori, con la chiave del 17 togliere i bulloni che tengono il distributore ( attenzione a leveraggi ed al puntalino con le molle sotto).

Rimarrà il corpo pompa smontato, togliere i seeger dei quadrelli e gli stessi, con la chiave del 17 svitare le viti che tengono uniti glifo, valvola di pressione e di sicurezza da un lato, e soltanto il glifo e cilindretti dall’altro: ora battere dalla parte posteriore sull’albero ed usciranno albero, boccola con paraoli al suo interno e un OR esterno20170606149678315110428.jpg

, cuscinetti ( uno da dx e uno da sx) da sotto la ruota dentata e i suoi due rasamenti20170606149678302623423.jpg

Altri due paraoli rimarranno sulla carcassa della pompa.

 

Verificare lo stato dell’albero eccentrico: 20170606149678341759975.jpg

se usurato rettificare-sostituire. Verificare cilindretti e glifi, nel caso sostituire ( costano un bel poco i componenti appena citati).Nel caso del modello che porta i pistoncini dei glifi con le fasce elastiche procedere con la loro sostituzione.

 

Per quanto riguarda il distributore e pompa portano molti OR : 8 sui cilindretti ( cod. originale 2.1530.026.0)20170606149678323166940.jpg

, 4 sulle valvole ( 2.1530.038.0), sul distributore 2 (2.1530.026.0) 2 ( 2.1530.037.0) uno sulla boccola dell’albero ( 2.1530.134.0), due cuscinetti a rullini senza anello interno( 2.2999.005.0 misura 38,2-52-18), quattro paraoli(2.1510.119.0 misura 38-52-7[ oppure8]) , due nella boccola due sul corpo pompa, 3 OR per le tre leve nei fori della carcassa (2.1530.034.0), sulle boccole dell’albero dell’ albero con millerighe 6 ( o 8 se con modifica) 2 (2.1530.123.0) e 4 ( 2.1530.131.0) ( con modifica ulteriori due 2.1530.123.0). 20170606149678331892417.jpg

 

Prendere anche le guarnizioni tra pompa e base ( 001.3654.0), se si trova, anche quella del coperchio(900.115.0).

Passiamo al cilindro maestro, ancora attaccato alla carcassa. Smontare anche questo naturalmente, e tirare via il pistone con le fasce ed OR, verificarne lo stato e quindi procedere con sostituzione ( il cilindro non lo forniscono più) lucidatura rettifica o semplice sostituzione di fasce ed OR.

Pulire tutto per bene e rimontare tutto il distributore facendo le operazioni inversamente, attenzione ai cuscinetti, sono delicati se salta un rullino pure si vi casca dalle mani addio… Anche se Same fornisce i nuovi cuscinetti con rullini molto più grossi degli originali dell’epoca.

Torniamo un attimo all’ultima leva rimasta sulla carcassa ( proveniente della leva con pomello verde): svitante il bullone 11 che la tiene, sfilate il leveraggio, girate sottosopra dall’interno, e troverete su esso una chiavetta ( mezza una) sfilare anche questa e togliere dall’interno il componente, nei tre fori delle leve andremo a togliere i vecchi OR e sostituirli. Rimontare i componenti appena citati prima di procedere.

 

20170606149678291214280.jpg

Pulita anche la scatola , assicuratisi che ci sia il puntalino di fine corsa al posto ed il componente della leva verde ( quest’ultimo si deve montare prima dato ce monta dall’interno verso l’esterno ) facendo attenzione a non urtarli riassemblare pistone e cilindro ( lubrificare bene per evitare frizioni) , a questo punto fissare la scatola del sollevatore alla scatola del cambio e attaccare con ermetico la guarnizione interna tra carcassa e corpo pompa e aspettare che sia ben incollata, altrimenti quando andremo a rimettere dentro tutto sarà una guerra farla stare ferma o peggio centrarla… Non ci sarà verso.

 

20170606149678247982953.jpg

Rimettere tutto dentro, calare le viti ( le lunghe dietro corte avanti) dando una controllata alla guarnizione affinché non si sia mossa infilare la cannuccia con gli OR nuovi già sopra ( fate questa operazione prima di stringere le viti, altrimenti il centraggio della cannuccia sarà difficoltoso, se non impossibile) fissare la pompa al suo posto e chiudere il tappo della cannuccia.

Di seguito a pompa e distributore andranno rimessi al posto la biella, l’albero millerighe con gli annessi ( boccole , leva interna dove va fissata la biella e forchetta di lettura posizione( per evitare la caduta di anelli elastici magari giù nel foro del pistone meglio metterci una pezza), oliate bene tutto prima di montarli, possono creare frizioni), l’organo sensibile , il filtro se non montato prima ( consiglio il montaggio prima di calare il tutto dentro) bracci del sollevatore ed altre piccolezze rimanenti quindi, saremo pronti a mettere l’olio ( per ora poco sopra il filtro).

Per un buon funzionamento, consiglio di eliminare se c’è gioco sull’albero inferiore dei bracci, controllare che non vi siamo consumi sulla battuta del rullino che legge lo sforzo dall’organo sensibile e che comunque lo stesso non presenti le molle al suo interno rotte.

Una volta messo l’olio e messo in moto, far salire e scendere un paio di volte il sollevatore così spurgherà l’aria. Registrare la leva gialla in modo che coincidano Flottante con la discesa rapida dei bracci. La posizione tutta su del sollevatore si deve definire così : il centro della spina che fissa la biella alla leva deve coincidere con il piano della scatola dove monta il coperchio. Se sale più su o rimane più giù , bisogna agire sul fine corsa, ha un registro proprio sul puntalino.

Passiamo al controllo dello sforzo( meglio avere un paio di q,li attaccati ai bracci): portare la leva verde in basso, di seguito la gialla su “Contr” arrivati a 6-5 della scala verde l’attrezzo deve iniziare a salire, se non succede registrare le leve con gli appositi registri, arrivando a “0” l’attrezzo dovrà stare sollevato 7-10 cm da terra.

Se non coincidono bene le tacche con l’azionamento del distributore sulle tre posizioni ( leva gialla) intervenire sulla bielletta interna 20170606149678349160270.jpg

Mettere il coperchio e l’olio fino al livello, logicamente. Se si ha la possibilità verificare che la calvola di sicurezza scarichi bene, purtroppo ora non ricordo i bar di pressione.

20170606149678357313785.jpg

Mi scuso se non ho postato tuti i codici dei ricambi, ho cercato di essere più esaustivo possibile anche se il discorso magari è carente di altre particolarità che al momento mi sfuggono, l’argomento è molto “variegato” .

Allego qualche foto indicativa di alcuni dei componenti , con qualche descrizione, in ogni caso se servisse a qualcuno ho gli esplosi Same dei ricambi ed altre foto che non riesco a caricare.

 

Spero che sia di gradimento e che serva a qualcuno.

Edited by Centauro55
Errore codici xtremeshack

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve , non riesco a vedere le foto siccome dovrei revisionare il sollevatore e quindi anche le guarnizioni della pompa vorrei se possibile qualche spiegazione data la tua esperienza .. grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buonasera a tutti e spero che qualcuno mi risponda (dopo così tanti anni). Ho trovato questo forum cercando su internet in quanto sono interessato esattamente a quanto descritto in questa tua risposta Filippo B ma non riesco a vedere le foto di cui parli nella stessa. Come faccio? Ti sarei molto grato se potessi avere quelle foto perché non ho proprio idea di dove si trovino sia il filtro che gli altri elementi da controllare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
PREMESSA: in questo argomento ci occuperemo delle normali e ordinarie manutenzioni inerenti le Stazioni Automatiche di Controllo (SAC) SAME, relative alle macchine anni 60 e 70.

 

La SAC è un dispositivo che, soprattutto con attrezzi al "traino" (aratri, estirpatori etc), puo' dare molte soddisfazioni, ma che va comunque manutenuta con cura, soprattutto considerando che ci stiamo riferendo a trattori che hanno parecchi lustri sulle spalle. Dei semplici controlli, che nella peggiore delle ipotesi possono generare manutenzioni risolvibili in poco tempo, possono garantire il buon funzionamento del sistema idraulico del Vostro trattore SAME.

 

Possiamo, a titolo di esempio, elencare alcune macchine alle quali le prossime spiegazioni e foto possono abbinarsi:

Same 240, 250, 360 secondo tipo, Puledro primo e secondo tipo, Sametto Automazione, 450V, Atlanta primo e secondo tipo, Italia primo e secondo tipo. Queste alcune macchine con SAC orizzontale.

Macchine con SAC verticale: Centauro, Leone, Minitauro eccetera eccetera; per queste macchine valgono piu o meno gli stessi principi delle macchine sopra, anche se la disposizione dei componenti è leggermente diversa.

 

 

Partiamo anzitutto con la PULIZIA DEL FILTRO INTERNO E SOSTITUZIONE OLIO; è preferibile effettuare questa operazione, soprattutto se si è entrati in possesso di una macchina usata e non se ne conosce la manutezione.

Il sintomo principale riscontrabile qualora ci sia il filtro interno intasato è la lentezza di risalita dei bracci quando si da il comando di alzata. In caso di filtro particolarmente intasato, le parallele possono impiegare alcuni minuti per salire fino al punto max di escursione.

 

L'operazione è relativamente semplice, e puo' essere eseguita da chiunque abbia un minimo di cognizione e, soprattutto, capacità di interpretare correttamente le operazioni da svolgere.

 

Prima operazione da effettuare: svuotare la SAC completamente dal suo olio. In genere lo scarico è sul lato sinistro della stessa, piu o meno sopra le pedane nel caso di SAC orizzontali, mentre di norma è sulla destra nelle SAC verticali. Comunque il manuale di uso e manutenzione del mezzo riporta esattamente il punto in cui si trova.

Per praticità, sarebbe preferibile sistemare il trattore con la ruota posteriore opposta al tappo di scarico sopra una zeppa di legno (sufficiente anche un altezza di circa 10cm) in modo da favorire lo svuotamento e la successiva pulizia.

 

Una volta svuotata la SAC, si puo' procedere togliendo il coperchio superiore: nelle SAC orizzontali in genere si rende necessaria l'asportazione del sedile, ma si puo' operare anche lasciandolo flangiato sul coperchio SAC, a patto di riuscire a togliere le viti di serraggio coperchio sotto il suo fulcro.

Le SAC verticali invece in genere non interferiscono con il sedile.

 

Una volta tolto il coperchio superiore, la visione che appare piu o meno è questa:

 

t1348_IMGA1959.JPG

 

 

Il filtro in oggetto si trova nella posizione indicata in foto sotto nel caso di SAC orizzontali:

t1349_IMGA19603.JPG

 

Oppure come indicato nella scansione sotto in caso di SAC verticali:

 

t1354_sac150DPI.jpg

 

Il filtro comunque è facilmente identificabile, va tolto agendo sulla fascetta che lo fissa all'aspirazione della pompa a pistoni.

 

IL MANUTENTORE DEVE AVERE LA MASSIMA CURA SVOLGENDO QUESTE OPERAZIONI, IN QUANTO I COMPONENTI IN OGGETTO SONO MOLTO DELICATI. VA INOLTRE OSSERVATA UNA SCRUPOLOSA PULIZIA PRIMA DI INIZIARE LE OPERAZIONI. IL FILTRO VA RIMOSSO E MANEGGIATO CON MOLTA DELICATEZZA IN QUANTO PARTICOLARMENTE DELICATO E FACILMENTE ROVINABILE.

 

Una volta rimosso il filtro, va ripulito con un po' di gasolio e soffiato con aria compressa, avendo cura a non soffiare troppo vicino alla reticella, in quanto potrebbe perforarsi.

 

Sarebbe preferibile ripulire anche l'interno della scatola SAC, soprattutto se prima dell'operazione il sollevatore manifestava i sintomi gia spiegati; è infatti possibile che vi siano dei depositi di morchie, che finirebbero nuovamente ad intasare il filtro.

Tappare con uno straccio o un turacciolo di sughero l'aspirazione da dove è stato precedentemente rimosso il filtro; con un pennello, spennellare le parti interessate e, se necessario, sversare al suo interno un po' di gasolio. Lo scarico naturalmente sarà stato lasciato aperto, e l'inclinazione data al mezzo con la zeppa sotto la ruota agevolerà la fuoriuscita totale di morchie e depositi vari formati se l'operazione non era mai stata svolta finora.

 

 

Una volta terminata la pulizia, rimontare il filtro, e chiudere il coperchio prestando particolare attenzione alla sua guarnizione, che se risulta rotta sarebbe preferibile la sua sostituzione o riparazione per evitare le fastidiose "trasudazioni" di olio.

 

L'olio potrebbe essere immesso prima di chiudere il coperchio: questo per facilità.

 

Comunque, di norma va rabboccato e controllato da apposito tappo con astina, nelle SAC orizzontali di norma è a dx (vedi foto sotto):

t1350_IMG2768.JPG

 

Nelle SAC verticali invece è sulla parte sinistra del coperchio, con forma a pomello svitabile a mano.

 

La quantità di olio necessario è riportato nel manuale uso e manutenzione del mezzo.

A titolo di esempio, riportiamo le quantità prescritte per alcune macchine:

  • same centauro 11 litri circa;
  • same atlanta 8 litri circa;
  • same 360C 13 chilogrammi circa
  • same Puledro B 8 litri circa.

 

Comunque se l'utilizzatore è sprovvisto del manuale uso del mezzo, puo' basarsi sull'astina di controllo, normalmente dotata di tacca di min e max.

 

TIPO DI OLIO DA UTILIZZARE

 

SAme ha prescritto nel tempo due Fornitori per i lubrificanti delle macchine in oggetto: ESSO e AGIP. Comunque basta utilizzare un olio di medesime caratteristiche.

Va precisato subito che per la SAC non si raccomanda un solo tipo di olio; Same indica la possibilità di utilizzare sia olio motore, sia olio da trasmissione, sia olio idraulico.

 

Ecco alcune tipologie:

  • Olio motore non additivato, viscosità SAE 40;
  • olio viscosità SAE 80 (olio da trasmissione);
  • olio idraulico "a base paraffinica"

questo sul Centauro e omologhi modelli con SAC verticale;

 

  • olio motore viscosità SAE 50;
  • olio da trasmissione viscosità SAE 90;

questo sui trattori con SAC orizzontale.

 

In linea di massima si puo' utilizzare un olio idraulico OSO, se ve n'è la disponibilità, altrimenti va bene l'olio da trasmissioni. Personalmente non ho mai utilizzato olio motore nella Stazione Automatica di Controllo.

 

PRECISAZIONE FONDAMENTALE: UNA VOLTA SVUOTATO L'OLIO NON E' ASSOLUTAMENTE POSSIBILE ACCENDERE IL TRATTORE IN QUANTO LA POMPA GIREREBBE A "VUOTO", RIPORTANDO SERI DANNI. QUINDI ABBIATE LA CURA DI PORRE IL MEZZO GIA' IN POSIZIONE CONSONA PRIMA DI SVUOTARE LA SAC.

 

Buongiorno, era un pezzo che non tornavo qui sul forum. In questi giorni stavo facendo manutenzione al mio same Minotauro 60 C, cogliendo l’occasione di uno stop forzato causa rifacimento frizione di sterzo destra. Ho smontato e fatto pulire e tarare gli iniettori nella speranza di riottenere un po’ dello sprint ormai perso e tanto c’ero ho deciso di mettere le mani anche al comparto idraulico. Devo dire che il sollevatore è stato sicuramente finora la parte che meglio lavora del trattore, ma non posso dire altrettanto del distributore ausiliario che monta (quello sotto sedile a doppio effetto spesso montato sul 605 e altri, prodotto da più ditte in vari cloni). L’utilizzo che faccioal momento delle prese idrauliche è limitato all’azionento di un pistone per l’apertura del morgano, ma non posso dire di essere soddisfatto, in quanto occorre forzare la leva del distributore per far fluire l’olio tanto in un senso quanto nell’altro e, oltre ad avere il pistone un movimento decisamente lento questo va anche a scatti. Di per sé, considerato l’uso limitato al morgano, non sarebbe un problema trascendentale ma visto che prevedo di montare un pistone anche per il ribaltamento di un rimorchio, voglio essere più che certo di non avere sorprese. In primis, ho posto il trattore in pendenza adeguata coi cric e poi ho svuotato completamente il serbatoio della sac, pulito con gasolio e aria compressa il filtro è inserito olio idraulico nuovo (sì, è vero che di serie vorrebbe l’olio da trasmissioni ma ho preferito l’olio idraulico per via del distributore. L’olio presente era un pochettino emulsionato per via dello sfiato del tappo guasto che aveva fatto entrare acqua (sistemato). Il braccio del sollevatore sinistro inoltre trafila olio, per cui vorrei delle dritte per sostituire le guarnizioni ad entrambi i bracci. inoltre, avrei bisogno di consigli anche per sistemare la questione distributore saltellante e duro da azionare per favore. Purtroppo le foto presenti in questa guida non mi risultano visualizzabili né dal telefono né in modalità desktop dal pc, anche provando da browser diversi, per cui se gli amministratori potessero ripristinarne la visualizziabilità lo gradirei tantissimo! Grazie in anticipo e buona domenica a tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buona sera a tutti, sono un possessore di un same falcon e ho applicato la modifica del distributore idraulico come suggerito nel forum, mi trovo un problema nonostante che il meccanico abbia sostituito tutte le guarnizioni gommini e ritenute varie, il sollevatore se lo uso con i leveraggi originali quando stacco la presa di forza e quando spengo il trattore scende subito, se uso il distributore idraulico per alzare il sollevatore, il sollevatore scende in qualsiasi caso, premesso che secondo il meccanico tutti i componenti interni sono sani e con usura regolare dovuta dall' uso, possibile debba sostituire tutte le valvole e le molle? avete qualche suggerimento da darmi? Grazie a tutti

Edited by 311

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buonasera a tutti, sono un possessore di un seme sarturno 80 sincro , avrei bisogno di una foto della targa apposta sotto lo sterzo che indica la posizione delle marca la mia è sbiadita ed ho difficoltà nel individuare le marce giusta se nn facendo prove

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sono in possesso di un SAME minitauro-falcon-corsaro-saturno e volevo chiedere a qualche esperto se sa dirmi quanti o-ring vanno sul braccio superiore del sollevatore per eliminare una perdita di olio, Grazie 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, sono interessato a questa guida in quanto ho perdita olio dal braccio destro del sollevatore. Va bene per il Centauro 55? Come si può rimediare a questo difetto, bisogna aprire completamente la SAC? Altra cortesia: perche non visualizzo le foto? Grazie per il Vs. aiuto che vorrete  darmi. Un saluto

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/10/2008 Alle 19:51, Filippo B ha scritto:

PREMESSA: in questo argomento ci occuperemo delle normali e ordinarie manutenzioni inerenti le Stazioni Automatiche di Controllo (SAC) SAME, relative alle macchine anni 60 e 70.

 

La SAC è un dispositivo che, soprattutto con attrezzi al "traino" (aratri, estirpatori etc), puo' dare molte soddisfazioni, ma che va comunque manutenuta con cura, soprattutto considerando che ci stiamo riferendo a trattori che hanno parecchi lustri sulle spalle. Dei semplici controlli, che nella peggiore delle ipotesi possono generare manutenzioni risolvibili in poco tempo, possono garantire il buon funzionamento del sistema idraulico del Vostro trattore SAME.

 

Possiamo, a titolo di esempio, elencare alcune macchine alle quali le prossime spiegazioni e foto possono abbinarsi:

Same 240, 250, 360 secondo tipo, Puledro primo e secondo tipo, Sametto Automazione, 450V, Atlanta primo e secondo tipo, Italia primo e secondo tipo. Queste alcune macchine con SAC orizzontale.

Macchine con SAC verticale: Centauro, Leone, Minitauro eccetera eccetera; per queste macchine valgono piu o meno gli stessi principi delle macchine sopra, anche se la disposizione dei componenti è leggermente diversa.

 

 

Partiamo anzitutto con la PULIZIA DEL FILTRO INTERNO E SOSTITUZIONE OLIO; è preferibile effettuare questa operazione, soprattutto se si è entrati in possesso di una macchina usata e non se ne conosce la manutezione.

Il sintomo principale riscontrabile qualora ci sia il filtro interno intasato è la lentezza di risalita dei bracci quando si da il comando di alzata. In caso di filtro particolarmente intasato, le parallele possono impiegare alcuni minuti per salire fino al punto max di escursione.

 

L'operazione è relativamente semplice, e puo' essere eseguita da chiunque abbia un minimo di cognizione e, soprattutto, capacità di interpretare correttamente le operazioni da svolgere.

 

Prima operazione da effettuare: svuotare la SAC completamente dal suo olio. In genere lo scarico è sul lato sinistro della stessa, piu o meno sopra le pedane nel caso di SAC orizzontali, mentre di norma è sulla destra nelle SAC verticali. Comunque il manuale di uso e manutenzione del mezzo riporta esattamente il punto in cui si trova.

Per praticità, sarebbe preferibile sistemare il trattore con la ruota posteriore opposta al tappo di scarico sopra una zeppa di legno (sufficiente anche un altezza di circa 10cm) in modo da favorire lo svuotamento e la successiva pulizia.

 

Una volta svuotata la SAC, si puo' procedere togliendo il coperchio superiore: nelle SAC orizzontali in genere si rende necessaria l'asportazione del sedile, ma si puo' operare anche lasciandolo flangiato sul coperchio SAC, a patto di riuscire a togliere le viti di serraggio coperchio sotto il suo fulcro.

Le SAC verticali invece in genere non interferiscono con il sedile.

 

Una volta tolto il coperchio superiore, la visione che appare piu o meno è questa:

 

t1348_IMGA1959.JPG

 

 

Il filtro in oggetto si trova nella posizione indicata in foto sotto nel caso di SAC orizzontali:

t1349_IMGA19603.JPG

 

Oppure come indicato nella scansione sotto in caso di SAC verticali:

 

t1354_sac150DPI.jpg

 

Il filtro comunque è facilmente identificabile, va tolto agendo sulla fascetta che lo fissa all'aspirazione della pompa a pistoni.

 

IL MANUTENTORE DEVE AVERE LA MASSIMA CURA SVOLGENDO QUESTE OPERAZIONI, IN QUANTO I COMPONENTI IN OGGETTO SONO MOLTO DELICATI. VA INOLTRE OSSERVATA UNA SCRUPOLOSA PULIZIA PRIMA DI INIZIARE LE OPERAZIONI. IL FILTRO VA RIMOSSO E MANEGGIATO CON MOLTA DELICATEZZA IN QUANTO PARTICOLARMENTE DELICATO E FACILMENTE ROVINABILE.

 

Una volta rimosso il filtro, va ripulito con un po' di gasolio e soffiato con aria compressa, avendo cura a non soffiare troppo vicino alla reticella, in quanto potrebbe perforarsi.

 

Sarebbe preferibile ripulire anche l'interno della scatola SAC, soprattutto se prima dell'operazione il sollevatore manifestava i sintomi gia spiegati; è infatti possibile che vi siano dei depositi di morchie, che finirebbero nuovamente ad intasare il filtro.

Tappare con uno straccio o un turacciolo di sughero l'aspirazione da dove è stato precedentemente rimosso il filtro; con un pennello, spennellare le parti interessate e, se necessario, sversare al suo interno un po' di gasolio. Lo scarico naturalmente sarà stato lasciato aperto, e l'inclinazione data al mezzo con la zeppa sotto la ruota agevolerà la fuoriuscita totale di morchie e depositi vari formati se l'operazione non era mai stata svolta finora.

 

 

Una volta terminata la pulizia, rimontare il filtro, e chiudere il coperchio prestando particolare attenzione alla sua guarnizione, che se risulta rotta sarebbe preferibile la sua sostituzione o riparazione per evitare le fastidiose "trasudazioni" di olio.

 

L'olio potrebbe essere immesso prima di chiudere il coperchio: questo per facilità.

 

Comunque, di norma va rabboccato e controllato da apposito tappo con astina, nelle SAC orizzontali di norma è a dx (vedi foto sotto):

t1350_IMG2768.JPG

 

Nelle SAC verticali invece è sulla parte sinistra del coperchio, con forma a pomello svitabile a mano.

 

La quantità di olio necessario è riportato nel manuale uso e manutenzione del mezzo.

A titolo di esempio, riportiamo le quantità prescritte per alcune macchine:

 

  • same centauro 11 litri circa;
  • same atlanta 8 litri circa;
  • same 360C 13 chilogrammi circa
  • same Puledro B 8 litri circa.

 

 

Comunque se l'utilizzatore è sprovvisto del manuale uso del mezzo, puo' basarsi sull'astina di controllo, normalmente dotata di tacca di min e max.

 

TIPO DI OLIO DA UTILIZZARE

 

SAme ha prescritto nel tempo due Fornitori per i lubrificanti delle macchine in oggetto: ESSO e AGIP. Comunque basta utilizzare un olio di medesime caratteristiche.

Va precisato subito che per la SAC non si raccomanda un solo tipo di olio; Same indica la possibilità di utilizzare sia olio motore, sia olio da trasmissione, sia olio idraulico.

 

Ecco alcune tipologie:

 

  • Olio motore non additivato, viscosità SAE 40;
  • olio viscosità SAE 80 (olio da trasmissione);
  • olio idraulico "a base paraffinica"

 

questo sul Centauro e omologhi modelli con SAC verticale;

 

 

  • olio motore viscosità SAE 50;
  • olio da trasmissione viscosità SAE 90;

 

questo sui trattori con SAC orizzontale.

 

In linea di massima si puo' utilizzare un olio idraulico OSO, se ve n'è la disponibilità, altrimenti va bene l'olio da trasmissioni. Personalmente non ho mai utilizzato olio motore nella Stazione Automatica di Controllo.

 

PRECISAZIONE FONDAMENTALE: UNA VOLTA SVUOTATO L'OLIO NON E' ASSOLUTAMENTE POSSIBILE ACCENDERE IL TRATTORE IN QUANTO LA POMPA GIREREBBE A "VUOTO", RIPORTANDO SERI DANNI. QUINDI ABBIATE LA CURA DI PORRE IL MEZZO GIA' IN POSIZIONE CONSONA PRIMA DI SVUOTARE LA SAC.

potresti cortesemente editare e rimettere le foto che si sono perse 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...