Jump to content

Recommended Posts

non è che le cose non si sanno, si sanno benissimo, è come cambiare il problema. prendi me, ho più di 50 anni, in vita mia in pratica ho votato quasi tutti tranne le estreme

e berlu. e a cosa è servito ? ogni volta peggio ed hanno sempre fatto il contrario di quanto promesso. poi ci sono le dittature che sono pure peggio, in un paese come l' italia

poi, tutto chiacchere e distintivo, inframmezzato da quaracquaquà e ominicchi di ogni sorta ordine e grado.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.6k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Scusami ma non sono assolutamente d'accordo con te. Un mese fa anche un mese e mezzo Zaia e Fontana ma anche Bonacini era d'accordo avevano chiesto di sigillare le frontiere e controllare chi ent

Vero Alan...proteggila la tua nonna...ieri mio nonno se n'è andato...nel suo letto nella casa che ha costruito..il rammarico è non avergli detto niente perché lo vedevo solo attraverso la finestra e n

Tutto questo casino è, pantografato ben più in grande, la stessa cosa della cimice asiatica, cioè l'eccesso di libera circolazione delle merci (e persone), ovvero della capacita della finanza vorace d

Posted Images

6 ore fa, siesa ha scritto:

non è che le cose non si sanno, si sanno benissimo, è come cambiare il problema. prendi me, ho più di 50 anni, in vita mia in pratica ho votato quasi tutti tranne le estreme

e berlu. e a cosa è servito ? ogni volta peggio ed hanno sempre fatto il contrario di quanto promesso. poi ci sono le dittature che sono pure peggio, in un paese come l' italia

poi, tutto chiacchere e distintivo, inframmezzato da quaracquaquà e ominicchi di ogni sorta ordine e grado.

Stasera al tg ho sentito dire che il 50%  delle aziende se non riaprono rischiano il fallimento, sono svegli, l'hanno capito quasi subito, questo vuol dire che i nostri cervelli qualche volta ragionano meglio di quelli di questi presunti scienziati che come quantità forse ne hanno come noi, sulla qualità ho dei dubbi. Sono settimane che lo diciamo. Intanto le multe viaggiano che è una meraviglia, un mio amico gliel'hanno fatta  oggi non vi dico il motivo, ma redatta con il sorriso come se provassero grossa soddisfazione, del resto così è invidiabile.....piacerebbe a tutti....

Link to post
Share on other sites

quella delle multe date accazzo è uno schifo di prima categoria, con tutto quello che hanno combinato negli ospedali e nelle case di riposo, senza ancora uno straccio

di programmazione certa su come e quando riaprire e sulla organizzazione dei turni e del trasporto pubblico, con uno scaricabarile immondo e continuo tra i politici

di vari livelli sia locali che nazionali. il vomito.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

ah, e peggio ancora il continuo pararsi il culo di quelli che i problemi li dovrebbero risolvere ed invece sistemano tutto con un bel state a casa ( e arrangiatevi ).

tipo il comparto sanitario che dice sempre bisogna stare chiusi ma poi è la politica che deve decidere. e i politici noi riapriremo anche, ma sono i medici che

ci devono dare l' ok. fate solo schifo.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Se aspettano il si dei medici c'è da  spararsi, spero che  nella prossima settimana un allentamento ci sia, almeno per alcune categorie meno a rischio, lo spero, lo devono fare altrimenti sono dolori.

Il problema è che uno dice una cosa uno un altra c'è una confusione pazzesca, non c'è una  programmazione seria una totale disorganizzazione. Basta per favore!!!!! 

A loro lo stipendio arriva in ogni modo, e che stipendio.  A NOI NO!!!  Ma a loro non gli frega nulla.

Edited by mareziano
Link to post
Share on other sites

Qua o si riparte o si muore. Punto. Lo dicevo ancora all'inizio del rischio che si correva, lo ridico con ancora più convinzione adesso. Rispetto per tutti, ma così ci stiamo uccidendo con le nostre mani, virus o non virus.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Intanto i sindacati remano contro e sono contrari ad una riapertura delle attività.

Sarò impopolare ma queste associazioni che fanno politica, senza essere sottoposte al voto come i partiti, sono uno dei cancri del paese .

 

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

 

 

 

 

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
9 ore fa, miro filippucci ha scritto:

Intanto i sindacati remano contro e sono contrari ad una riapertura delle attività.

Sarò impopolare ma queste associazioni che fanno politica, senza essere sottoposte al voto come i partiti, sono uno dei cancri del paese .

 

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

I sindacati fanno le loro politiche e quelli li paghiamo direttamente noi.

9 ore fa, BIANCO86VE ha scritto:

Qua o si riparte o si muore. Punto. Lo dicevo ancora all'inizio del rischio che si correva, lo ridico con ancora più convinzione adesso. Rispetto per tutti, ma così ci stiamo uccidendo con le nostre mani, virus o non virus.

Perchè quello che poteva rimanere aperto sarebbe potuto rimanere aperto ma secondo te nella stessa zona due aziende dello stesso ramo ma con dimensioni diverse per cui una garantiva le distanze  sociali ma una no come facevi a tenerne una aperta e una no ? Chiudere tutto allora si ma ora ?

9 ore fa, mareziano ha scritto:

Se aspettano il si dei medici c'è da  spararsi, spero che  nella prossima settimana un allentamento ci sia, almeno per alcune categorie meno a rischio, lo spero, lo devono fare altrimenti sono dolori.

Il problema è che uno dice una cosa uno un altra c'è una confusione pazzesca, non c'è una  programmazione seria una totale disorganizzazione. Basta per favore!!!!! 

A loro lo stipendio arriva in ogni modo, e che stipendio.  A NOI NO!!!  Ma a loro non gli frega nulla.

Non capiscono che si devono fare delle valutazioni per ogni singolo tipo di attività. Troppo comodo mettere un decreto con un codice ateco e poi lavarsene le mani. Le aziende sono tutte diverse. Se iniziassero a fare serimamente un programma sulle riaperture per zone cercando di capire quanta gente si muove qualcosa si potrebbe fare. Tamponi e screening ematico per gli anticorpi e poi inizi a dare permessi per aperture almeno alle industrie e piccole e medie aziende. Molla bar ristoranti cinema e sport, ma il resto lo metti in moto. Chi vende anche all'estero o riparte o è sepolto. Secondo te i cinesi stanno con le mani in mano ?

Link to post
Share on other sites

Mi adeguo alla nuova tempistica bisettimanale del comitato nazionale. Mi manchera' l'appuntamento giornaliero in cui si dava conto dei numeri di corona

L' aggiornamento dall'ottimista sfuggente e dalla family banker.

E' pasato un mese (32 giorni) dal floor, collocato su un range di 8400/8700  di Dax. 

Nel frattempo il Dax ha raggiunto i 10700 ovvero un + 23%.

Floor ☝️ e moderata avidita' in tempi di onde.

20200418_111846.jpg

L'aggiornamento vero. Ma che ve lo dico a fare. Ormai e' certo che anche quest'anno avremmo la nostra buona dose di ciapet al vento, magari piu' locali e meno sode ma ad una certa eta' bisogna accettare quello che passa il convento.

Non si possono avere pretese da ventenni. 

Non tutto e' perduto pero'. Le capezzagne dei primi 2 lotti del Montello non han bisogno di sfalcio. Manzi e manze stan facendo tabula rasa. 

Qualcuno/qualcuna si avventura addirittura lungo i filari. Arrivano in bici e via su e giu' a piedi. Ma non lo sanno che i vigneti sono avvelenati?

Devo dire all'erede maggiore di togliere i cartelli con le apine Sqnpi. Non vorrei che fosse stato equivocato il messaggio.

Spero che il/la glera non si distragga troppo.

Non tutti escono, pero'. E questo conferma che non siamo tutti uguali. C'e' chi vive in qualche mq e chi ha a sua completa disposizione un ampio coperto con tanto di percorso fatto di saliscendi.

Invidia 🤣

A meta' anni 90 un uomo si frappose tra tra la societa' e un manipolo di ometti che delle buone consuetudini nostrane volle farsi giudice.

Uno dei momenti piu' bui della nostra storia recente che tutti pero' ricordano per il precedente furto operato in notturna da un topolino.

Comunque il nome dell' uomo che salvo' il paese dai suoi carnefi era ed e' Silvio, il grande Silvio. Lui gia' era cavaliere ma nel tempo smise il cavallierato per farsi umile e caritatevole pastore di pecorelle smarrite.

Inutile dire che anche in questa veste emerse il suo quid plus rispetto alla massa generando cosi' l'invidia dei soliti ometti che sindacarano il come di questo gregge di altissima infinita qualita' 

Bene. A distanza di 1/4 di secolo nel bel mezzo dell'inizio della fine chi poteva correrci in auto se non gli eredi di Silvio.

Il Dna non mente mai o quasi. Tale padre tale figli. Il bene del paese prima di tutto.

Pure loro in nomination per diventare "eroe dell'anno" e pure loro prossimo bersaglio degli ometti.

https://www.google.com/amp/s/www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/22176656/berlusconi_barbara_eleonora_luigi_app_immuni_coronavirus_indiscrezione_fatto_bending_spoons.amp

I migliori anni andati 😎

 

Edited by CBO
  • Haha 3
Link to post
Share on other sites

L' appuntamento quotidiano con quello che abbiamo semplicemente battezzato Floor ci mancherà , gli aggiornamenti del ragioniere messo a capo di un' ente che richiederebbe almeno un' ingegnere no.
Se i tuoi eredi sono minorenni a detta degli stregoni usciti dai reparti di virologia dovranno restare castigati come gli ultrasettantenni ancora per molto.
Il mio sta sfogando tutto in brufoli.

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Sui mercati incominciano a mancare gli alimenti, soprattutto frutta e verdura,  qui ci sono ettari di asparagi ormai sfioriti perchè non trovano persone per raccoglierli,  fragole idem,  baccelli, carciofi, diciamo un bel casino.Ogni giorno che passa un giorno di vita un meno per le aziende e intanto loro parlano, ad ascoltarli sembra che tutti abbiano la soluzione, invece  non fanno altro che sputare cavolate, facendo una continua campagna elettorale per cercare solo consenso, nient'altro. Questo è un dramma per il paese e di fronte a questo ci vorrebbe che la politica per una volta si sedesse tutta insieme ad un tavolo, presidente della repubblica compreso per cercare di trovare un accordo che sia utile a questo paese, la lotta uno contro l'altro serve a niente, solo a dare incertezza e preoccupazione.

Avete visto, le aggressioni familiari di quanto sono aumentate, non pensate che le persone siano molto provate soprattutto mentalmente, c'è in ballo il futuro.

 

Questo è il mio pensiero salvo errori.

 

Edited by mareziano
Link to post
Share on other sites

tratto da repubblica, il nostro grande stato sempre forte con i deboli e debole con i forti:

"C’è chi fa il collezionista di multe, come l’ingegnere di Riccione che si è fatto beccare già nove volte in giro per strada, e c’è chi teorizza la legittimità della sua disobbedienza pagando quel che c’è da pagare pur di non rinunciare alla sua ora di sole sulla spiaggia di Mondello. C’è chi prova ad inventarsi le scuse più improbabili come se il permesso di portare fuori quotidianamente l’animale domestico fosse estendibile a conigli, tartarughe al guinzaglio e criceti in gabbia.

Colti in flagrante e sanzionati senza pietà. Ma in quel 5 per cento di italiani che si sono visti affibbiare multe salatissime c’è anche chi ha avuto la sfortuna di incappare in qualche esponente delle forze dell’ordine più realista del re, che ha dato sfogo al suo eccesso di zelo talvolta semplicemente male interpretando, o addirittura ignorando, le disposizioni con una spietatezza decisamente fuori luogo. A farne le spese decine di cittadini allibiti, da un capo all’altro della penisola, che hanno sfogato la loro incredulità rendendo note le proprie disavventure sui social, inviando ai giornali le inoppugnabili prove della loro “innocenza” e i più fantasiosi verbali di contestazione. Solo i più attrezzati hanno già fatto ricorso ai prefetti rifiutandosi di pagare le multe. E, in qualche caso, riconoscendo l’illegittimità della sanzione, i vertici delle forze dell’ordine hanno chiesto pubblicamente scusa e cancellato la sanzione.

Livorno, Diretta all’ospedale famiglia sanzionata

Le scuse e l’azzeramento della multa da 530 euro sono arrivati in meno di 24 ore. Cosa ci può essere di più di motivi di salute e stato di necessità per una famiglia che esce da casa per portare una bimba di 8 anni ad un controllo dopo un trapianto di midollo osseo? Eppure venerdì la polizia stradale di Livorno li ha multati: marito, moglie e due bambini, partiti da Grosseto e diretti all’ospedale di Pisa.

Genova, Verbale a fine turno per l’infermiera

Deve essere dura multare un’infermiera che lavora in un ospedale Covid 19, che non ha la patente e ha chiesto al marito di andarla a prendere a fine turno, per evitare di prendere mezzi pubblici ed esporsi ancor di più al contagio. È successo a Genova ma per fortuna il questore Vincenzo Ciarambino ha riconosciuto subito l’errore in cui erano incappati i suoi uomini e ha annullato il verbale.
 

Roma, anziana in fila si siede il militare la fa alzare

Una lunga fila in attesa fuori dal supermercato, un’edicola a venti metri e una panchina. Aspettare il proprio turno, seduta, da sola, guanti e mascherina sfogliando il giornale che aveva appena comprato è costato 280 euro a Ilaria, sessantenne di Testaccio. «“Che fa, sta seduta?”, mi ha detto un carabiniere. Io soffro pure di osteoporosi e il medico mi ha detto di prendere sole. Ma voleva il certificato».

 

Pozzuoli, paga a caro prezzo la preghiera in chiesa

«Stavo andando in chiesa, vicino casa. È consentito andare a pregare da soli». Una preghiera da 400 euro per una donna di Pozzuoli. Ad essere vietate in effetti sono solo le celebrazioni religiose alla presenza di fedeli e qualcuna c’è stata ed è stata subito sanzionata. Ma a beccarsi la multa è stato anche un prete in provincia di Cosenza che portava da solo in processione il Cristo in croce.
 

Toscana, la spesa con la tuta ai vigili non piace

Si può andare a fare la spesa in tenuta da jogging? Magari approfittando della strada fino al supermercato per camminare a passo veloce? Sembrerebbe di no stando a quanto capitato in Toscana a Federica Torti, presentatrice tv, che non è stata creduta e si è beccata la multa.«Adesso non si è liberi neanche di indossare le sneakers. Stavo andando al supermercato più vicino e avevo lo zaino per la spesa».


Roma, corre vicino a casa le contestano i metri

Via del Corso è “in prossimità” di Fontana Trevi? Evidentemente no per i poliziotti che hanno fermato e multato per ben 400 euro una dottoressa che abita lì e che er scesa da casa per l’attività motoria consentita « Ero a poche centinaia di metri, mi hanno contestato che erano più di 200, ma il decreto dice “in prossimità”. L’avevo con me, gliel’ho mostrato, mi hanno detto: faccia ricorso»

Reggio Emilia, punito mentre va a comprare i giornali

I giornali sono un bene di prima necessità, ma non tutte le forze dell’ordine lo hanno chiaro. Come quelle di Villa Minozzo, Reggio Emilia, che hanno multato Giuseppe Sciaboni, 70 anni, ortopedico in pensione tra i medici richiamati al lavoro per l’emergenza Covid. «Ero uscito da casa per andare a comprare il giornale e le mascherine. Ho detto che lo facevo tutti i giorni. Multa da 373 euro».

Nuoro, Fermata coppia al market, lei disabile

Novecento euro, una multa record per due anziani pensionati (marito e moglie, lei disabile) usciti insieme per andare a fare la spesa a Nuoro. Davanti agli impietosii vigili, lui ha avuto un malore. E non è andata meglio a Sassari per una coppia scesa a gettare i rifiuti: strattonati con forza da tre pattuglie della polizia municipale. Ma qualcuno dal balcone ha girato un video e ha chiamato il 112. "

Link to post
Share on other sites

ps: poi da parti di napoli funerale in 200 con le forze di ps che non fanno niente.

e sto sempre aspettando di sapere cosa è successo a quel gruppo sempre da quelle parti che ha sfasciato un ospedale.

Link to post
Share on other sites
13 ore fa, mareziano ha scritto:

Sui mercati incominciano a mancare gli alimenti, soprattutto frutta e verdura,  qui ci sono ettari di asparagi ormai sfioriti perchè non trovano persone per raccoglierli,  fragole idem,  baccelli, carciofi, diciamo un bel casino.Ogni giorno che passa un giorno di vita un meno per le aziende e intanto loro parlano, ad ascoltarli sembra che tutti abbiano la soluzione, invece  non fanno altro che sputare cavolate, facendo una continua campagna elettorale per cercare solo consenso, nient'altro. Questo è un dramma per il paese e di fronte a questo ci vorrebbe che la politica per una volta si sedesse tutta insieme ad un tavolo, presidente della repubblica compreso per cercare di trovare un accordo che sia utile a questo paese, la lotta uno contro l'altro serve a niente, solo a dare incertezza e preoccupazione.

Avete visto, le aggressioni familiari di quanto sono aumentate, non pensate che le persone siano molto provate soprattutto mentalmente, c'è in ballo il futuro.

 

Questo è il mio pensiero salvo errori.

 

Questa è una cosa che ho fatto presente anche a queli della coldiretti. Lavorano solo quelli collegati alla grande distribuzione e a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca quasi sempre... O si ridà la facoltà alle piccole aziende di poter vendere oppure si obbliga per legge alla grande distribuzione di rifornirsi in loco e senza trattativa privata.

11 ore fa, gallogeorge ha scritto:

eh Mareziano mi sà che ha ragione....ieri  dal verduraio mi son preso delle tropea IGP a 10 euro kilo.....

sarei curioso di sapere se in campagna gliene han dati almeno 4.

 

Macchè. Paghi il fatto che non ci sia merce in giro. Per me è una follia solo dirlo, ma siamo al punto che ci converrebbe assumere personale e andare a vendere a porta aporta anche fuori provincia solo per rompere le uova nel paniere alla grande distribuzione

Link to post
Share on other sites
3 ore fa, siesa ha scritto:

tratto da repubblica, il nostro grande stato sempre forte con i deboli e debole con i forti:

"C’è chi fa il collezionista di multe, come l’ingegnere di Riccione che si è fatto beccare già nove volte in giro per strada, e c’è chi teorizza la legittimità della sua disobbedienza pagando quel che c’è da pagare pur di non rinunciare alla sua ora di sole sulla spiaggia di Mondello. C’è chi prova ad inventarsi le scuse più improbabili come se il permesso di portare fuori quotidianamente l’animale domestico fosse estendibile a conigli, tartarughe al guinzaglio e criceti in gabbia.

Colti in flagrante e sanzionati senza pietà. Ma in quel 5 per cento di italiani che si sono visti affibbiare multe salatissime c’è anche chi ha avuto la sfortuna di incappare in qualche esponente delle forze dell’ordine più realista del re, che ha dato sfogo al suo eccesso di zelo talvolta semplicemente male interpretando, o addirittura ignorando, le disposizioni con una spietatezza decisamente fuori luogo. A farne le spese decine di cittadini allibiti, da un capo all’altro della penisola, che hanno sfogato la loro incredulità rendendo note le proprie disavventure sui social, inviando ai giornali le inoppugnabili prove della loro “innocenza” e i più fantasiosi verbali di contestazione. Solo i più attrezzati hanno già fatto ricorso ai prefetti rifiutandosi di pagare le multe. E, in qualche caso, riconoscendo l’illegittimità della sanzione, i vertici delle forze dell’ordine hanno chiesto pubblicamente scusa e cancellato la sanzione.

Livorno, Diretta all’ospedale famiglia sanzionata

Le scuse e l’azzeramento della multa da 530 euro sono arrivati in meno di 24 ore. Cosa ci può essere di più di motivi di salute e stato di necessità per una famiglia che esce da casa per portare una bimba di 8 anni ad un controllo dopo un trapianto di midollo osseo? Eppure venerdì la polizia stradale di Livorno li ha multati: marito, moglie e due bambini, partiti da Grosseto e diretti all’ospedale di Pisa.

Genova, Verbale a fine turno per l’infermiera

Deve essere dura multare un’infermiera che lavora in un ospedale Covid 19, che non ha la patente e ha chiesto al marito di andarla a prendere a fine turno, per evitare di prendere mezzi pubblici ed esporsi ancor di più al contagio. È successo a Genova ma per fortuna il questore Vincenzo Ciarambino ha riconosciuto subito l’errore in cui erano incappati i suoi uomini e ha annullato il verbale.
 

Roma, anziana in fila si siede il militare la fa alzare

Una lunga fila in attesa fuori dal supermercato, un’edicola a venti metri e una panchina. Aspettare il proprio turno, seduta, da sola, guanti e mascherina sfogliando il giornale che aveva appena comprato è costato 280 euro a Ilaria, sessantenne di Testaccio. «“Che fa, sta seduta?”, mi ha detto un carabiniere. Io soffro pure di osteoporosi e il medico mi ha detto di prendere sole. Ma voleva il certificato».

 

Pozzuoli, paga a caro prezzo la preghiera in chiesa

«Stavo andando in chiesa, vicino casa. È consentito andare a pregare da soli». Una preghiera da 400 euro per una donna di Pozzuoli. Ad essere vietate in effetti sono solo le celebrazioni religiose alla presenza di fedeli e qualcuna c’è stata ed è stata subito sanzionata. Ma a beccarsi la multa è stato anche un prete in provincia di Cosenza che portava da solo in processione il Cristo in croce.
 

Toscana, la spesa con la tuta ai vigili non piace

Si può andare a fare la spesa in tenuta da jogging? Magari approfittando della strada fino al supermercato per camminare a passo veloce? Sembrerebbe di no stando a quanto capitato in Toscana a Federica Torti, presentatrice tv, che non è stata creduta e si è beccata la multa.«Adesso non si è liberi neanche di indossare le sneakers. Stavo andando al supermercato più vicino e avevo lo zaino per la spesa».


Roma, corre vicino a casa le contestano i metri

Via del Corso è “in prossimità” di Fontana Trevi? Evidentemente no per i poliziotti che hanno fermato e multato per ben 400 euro una dottoressa che abita lì e che er scesa da casa per l’attività motoria consentita « Ero a poche centinaia di metri, mi hanno contestato che erano più di 200, ma il decreto dice “in prossimità”. L’avevo con me, gliel’ho mostrato, mi hanno detto: faccia ricorso»

Reggio Emilia, punito mentre va a comprare i giornali

I giornali sono un bene di prima necessità, ma non tutte le forze dell’ordine lo hanno chiaro. Come quelle di Villa Minozzo, Reggio Emilia, che hanno multato Giuseppe Sciaboni, 70 anni, ortopedico in pensione tra i medici richiamati al lavoro per l’emergenza Covid. «Ero uscito da casa per andare a comprare il giornale e le mascherine. Ho detto che lo facevo tutti i giorni. Multa da 373 euro».

Nuoro, Fermata coppia al market, lei disabile

Novecento euro, una multa record per due anziani pensionati (marito e moglie, lei disabile) usciti insieme per andare a fare la spesa a Nuoro. Davanti agli impietosii vigili, lui ha avuto un malore. E non è andata meglio a Sassari per una coppia scesa a gettare i rifiuti: strattonati con forza da tre pattuglie della polizia municipale. Ma qualcuno dal balcone ha girato un video e ha chiamato il 112. "

Mi sembra di averlo detto che la divisa è un abito che non non  tutti sta bene, allora ho centrato il problema. Si dovrebbero vergognare, ma credo che per loro questa parola è stata tolta dal vocabolario. Forse con più sono zelanti e più fanno carriera, oppure qualcosa anche di peggiore....Roma, anziana in fila si siede il militare la fa alzare

 

 

Credo che sia la cosa più abominevole mai sentita. Non vorrei leggerle queste cose, mi rovinano la giornata.

Ma queste cose i loro capi o qualche politico non le legge?? o se ne frega basta incassare. Del resto queste entrate sono inserite nei bilanci, quindi credo che peggio di così.....

E' però vero che il pesce puzza dalla testa......... e con queste teste diventa epidemia....... 

Edited by mareziano
Link to post
Share on other sites

Direi che era una cosa che ci insegnavano, era quasi obbligatoria, ma questi il militare dei nostri tempi non l'hanno mica fatto, un vecchio maresciallo diceva sempre,   mai dare  la divisa  a un cr.... ino, farà solo danni,  sono passati diversi decenni ma non me lo scordo, era ed è la verità, anche perche le scelte non sono fatte in base ai meriti personali e professionali, ma spesso ad altro...... che non elenco, lo sanno anche i sassi.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

i tempi del militare di leva sono finiti da un pezzo, ma se adesso la nostra migliore gioventù comprese anche le donne si facesse un bel 3 mesi di servizio

civile obbligatorio per tutti e fatto come si deve e pure lontano da casa servirebbe come il pane in una mensa per poveri.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Ma come?, tempo fa ci dicevano che mancavano i mezzi e gli uomini alle forze dell'ordine, mentre ora li si usa per correre dietro ai vecchietti che escono dal perimetro di casa?, se li avessero usati con lo stesso zelo nei confronti di malviventi o extracomunitari nullafacenti spaccianti, sarebbe stato meglio.

Le file di auto nel giorno di Pasqua ci vennero spacciate per gitanti ribelli e impenitenti mentre erano colonne procurate dai posti di blocco per controllo, gradirei che i telegioneli avessero un migliore spirito di informazione e meno adagiata su linee manichee, Sennò tanto vale guardarsi Pornhub che è un filo più spensierato....

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Tiziano ha scritto:

tempo fa ci dicevano che mancavano i mezzi e gli uomini alle forze dell'ordine

credo che siamo di sicuro il paese europeo ( al mondo non lo so ma in testa di sicuro ) con più personale di ps in rapporto agli abitanti.

carabinieri, polizia, finanza, forestale ( ora accorpata ai primi in attesa dei ricorsi ), la penitenziaria, vigili locali vari. facciamo pure a meno di includere i pompieri

e le guardie venatorie ecologiche e assimilate. ecco, mai visto tanti di questi in giro come ora, sarebbe pure lecito chiedersi in altri tempi dove sono e cosa fanno.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
7 ore fa, siesa ha scritto:

i tempi del militare di leva sono finiti da un pezzo, ma se adesso la nostra migliore gioventù comprese anche le donne si facesse un bel 3 mesi di servizio

civile obbligatorio per tutti e fatto come si deve e pure lontano da casa servirebbe come il pane in una mensa per poveri.

Porca miseria mi trovi perfettamente d'accordo, un errore gravissimo, serviva eccome se serviva, solo che costava e allora eccoci qua, queste sono le famose riforme economiche a cazzo. Basta guardare in che condizioni sono caserme e aeroporti militari, quello dove ho fatto il militare, ai tempi era un giardino e il più dei servizi toccava a noi, ora c'è l'erba alta un metro, una cosa vergognosa, avevamo la carrozzeria, l'officina, mense spacci,  gli aerei li riparavano i militari, ora tutto sparito, ditte esterne e via, aggiungendo quello che ci insegnava, praticamente a vivere.

Non sono d'accordo sui tre mesi, troppo pochi.....

Mi raccontava un ufficiale che oggi non essendoci più la leva, devono far fare le cose ai graduati, il problema è che prima il militare di leva obbediva, ora  non tutti fanno quello che gli si chiede e quando hanno detto no c'è poco da fare.

Per quanto riguarda lo stato di polizia fatevi mente locale e pensate alle libertà che ci hanno  tolto, l'elenco sarebbe troppo lungo.

Edited by mareziano
  • Like 2
Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...