Jump to content

Recommended Posts

Il consiglio dei ministri UE il 26.06.03 varò il reg.1782/2003 che dal 2005 per la garanzia prevede:

Pagamento unico disaccoppiato per cereali, colture proteo-oleaginose, e leguminose da granella (successivamente anche per carne e latte).

Modulazione pagamenti a Ha a seminativo e a capo per carni bovine e ovicaprine, olio d’oliva, tabacco, ecc., spostando gli interventi dalla politica dei prezzi (1° pilastro PAC) alla politica di sviluppo rurale (2° pilastro): 3% 2005; 4% nel 2006; 5% dal 2007 in poi.

Ecocondizionalità e norme di buona pratica agricola.

 

Che cosa è la BUONA PRATICA AGRICOLA?

 

ARGOMENTI

 

  • Erosione del suolo
     
  • Sostanza organica
     
  • Struttura del suolo
     
  • Mantenimento habitat

 

NORME

 

  • massima copertura del suolo
  • minima gestione suolo in certi casi
  • mantenimento terreni terrazzati
  • osservanza della rotazione
  • gestione delle stoppie
  • uso adeguato delle macchine
  • massimali di densità del bestiame
  • protezione pascoli permanenti
  • cura caratteristiche dei paesaggi
  • evitare cespugli nei terreni agrari

 

Oggi siamo in piena riforma di medio termine che scadrà nel 2013, quindi se tutto va bene fino al 2013 abbiamo il nostro ormai piccolo "contributo ad ettaro" e dopo? Con l'allargamento a 27 degli stati membri di sicuro ci sarà un'ulteriore riduzione del contributo ad ettaro, penso che dopo il 2013 per chi come me ha un'azienda a indirizzo cerealicolo industriale, dagli attuali 250-300 €/ha passeremo a circa 150 €/ha praticamente con questo contributo non paghi neanche la pulizia annuale di fossi e capofossi....

 

Per il futuro non saranno certo rose e fiori, e penso che la superficie media delle aziende crescerà ancora dato che l'Italia è ancora oggi uno dei paesi con la superficie media per azienda più bassa. Voi che ne pensate?

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites
  • Replies 147
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

NO COMMENT, oggi ho fatto quattro calcoli e ne sono uscito con indivinate cosa come attivo......LA PAC!!!!!!

 

in sostanza la granella prodotta quest'anno è servita per pagare le spese...stop ci si è salvati con la vendita di fieno paglia e con il contributo comunitario....blehhhhh

 

io vorrei sapere se anche a voi capita una cosa del genere?

Link to post
Share on other sites

effettivamante la scelta di francia e germania di posticipare 2 anni la nuova pac a suo tempo fu mooolto azzeccata... ovviamente in italia le solite ssociazioni di categoria dissero che la scelta italiana era la migore.... risultato minor contributo diretto e niente contributo per le misure ambientali e mmodernamenti vari.... con regole fantascientifiche ...però loro hanno incassato milioni di euro a son di domande di finaniamenti a fondo perduto che non arriveranno mai...

Link to post
Share on other sites

Oltre il danno anche la beffa, visto che l'italia vuol presentare una proposta di modifica della pac (fonta se non mi ricordo male l'informatore agrario) in cui chi fa mocultura non riceverà più i contributi il tutto per favorire l'avvicendamento colturale.

I punti chiave:

retroattiva per i 5 anni precedenti (ci dovrebbero essere deroghe reggionali)

la successione tra mais e loietto viene considerato monocoltura

lo stesso vale per orzo frumento tenero e duro

 

Adesso datemi chi a pensato queto obrobrio che gli stacco la testa a morsi, visto che molte azziende devono fare la monosuccesione e usavano gli aiuti per tirare su il reddito.

Link to post
Share on other sites

Kroto quello che scrivi non è proprio esatto, la successione oietto-mais non è considerata monocoltura.

 

E comunque per 5 anni di fila puoi fare mais, poi fai un anno di un'altra coltura (esempio soia o oietto) e poi puoi fare altri 5 anni di mais, quindi non è che cambia poi molto rispetto ad ora.

 

Qui troverai le informazioni sulle nuove norme di condizionalità:

 

http://www.tractorum.it/forum/news-f2/fine-della-monosuccessione-dei-cereali-nuove-regole-di-condizionalita-266/

Link to post
Share on other sites

tra pochi giorni qui in provincia di Milano usciranno i controlli Pac nelle aziende agricole.......a mio modesto parere non vedo bene la situazione:AAAAH::AAAAH::AAAAH::AAAAH:...da voi altri come sono le acque?

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...
  • 7 months later...

Ma..in previsone del 2013,quando dovrebbe terminare il contributo pac,si sa come si potra continuare a coltivare?

 

e poi sara possibile che la tolgono?

Link to post
Share on other sites

ma io non credo che eliminino la PAC dopo il2013, il più sarà vedere cosa combinano. mi sembra che il mondo agricolo più che avanzare è proprio d'avanzo, nel senso che diamo fastidio a tutti e allora ci fanno andare indietro.

per quanto riguarda l'indennità compensativa(rispondo a nna88 un pò in ritardo:ave:) io sono in zona montana, ma chi ha allevamenti deve stare tra 0,5 e 3 UBA/ha. in pratica tutte le aziende professionali sono fuori da quei parametri,nella mia zona, io compreso. invece l'hobbista che ha 10 capre o 2 vitelli è in caso di prenderla. è vero che prenderanno ben poco, ma se uno lo fa per hobby che bisogno c'è di dargli i contributi?

Link to post
Share on other sites

non la tolgono la pac.. azi voci insistenti a livello europeo dicono che la dovrebbero alzare anche se di poco... visto che la politica attuale era quella di favorire i paesi dell'est diminuendo la pac a quelli storici dell'europa dei 13... ovviamente si è rilevata un foop clamoroso calo delle rese e di terreni coltivati in romania polonia ecc .. ovviamente con il contributo di un ha di terra era come dagli quasi lo stipendio medio mensile ... considetrando che non sono paesi eccessivamente lavoratori .. fate voi le conclusioni..

Link to post
Share on other sites

se non sbaglio per il dopo 2013 non si parlava di una sorta di regionalizzazione della pac?nel senso che ci saranno dei contributi uguali per tutti ma che varieranno da regione a regione?

Link to post
Share on other sites

Tramite questa diccussione,mi piacerebbe sentire il parere di tutti..visto che è un argomento importante!

 

e soprattutto avere qualche segreto da chi ne sa di piu!!!!

 

un mio amico,mi diceva che secondo lui,dovrebbero fare la media degli ultimi 3 anni,a seconda delle colture seminate,per poi nel 2013 riformulare il prezzo ad ettaro

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

ragazzi nessuno risponde al "vitale"(per molti)post 13 di Toso?!

il mio agronomo mi ha detto che non sanno come e cosa accadrà dopo il 2013,dico io ma possibile?:cheazz::cheazz:

Link to post
Share on other sites

Dopo il 2013? Circa 150 € ad ettaro e te li fai bastare (qualcosa di più al nord) se ti bastano bene altrimenti lasci la terra incolta e ti serviranno per trinciarla un paio di volte all'anno.

Link to post
Share on other sites

non penso vadano sui 150 euro .... penso che si stabilizzi sulle attuali cifre con più diversificazione regionale...

altrimenti tutti facciamo fieno!!!!

anche perchè a livello europeo non sono diminuti i macrofondi per l'agricoltura sono stabili... ovviamente paesi inteligentemente più accorti come Francia e Germania ritardarono di 2 anni l'entrata della nuova pac a tutto sostegno dei loro agricoltori .. da noi invece i geni di coldirettti e cia adottatorno subito la nuova con conseguente indebolimento e diminuzione del reddito degli agricoltori.. ovviamente a loro vantaggio piu pratiche per la politica rurale piu soldi per loro e meno per chi lavora veramente!!

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86

Il punto non è ritardare 2 anni, perchè la nostra è una lenta agonia, serve qualcosa di più altrimenti chiudiamo baracca e burattini e tutti a fare gli impiegati nel dissesto idrogeologico totale..

Link to post
Share on other sites
  • 5 weeks later...

Ieri mi stavo aggiornando un pò con le nuove normative che riguardano il centro-sud.

premi superiori , aggiunta del articolo 68, occorrono fatture, rotazioni non piu di due anni di grano a quanto sembra, aumento del valore delle quote, diminuizione del 3,8%per chi non fa un "buon uso" dei terreni e delle rotazioni.

fave, favetta, pisello proteico , colture oleaginose.......ma di altri non parla(tipo veccia etc etc)....

 

triennio di riferimento 2005-2008 , per chi ha fatto rotazioni complete per l aumento delle quote, oltre alla riduzione fino al 12% circa delle quote fino al 2013...

 

L ho scritta un pò in riassunto perchè mi colpisce il fatto che nessuno mai posta veramente qui dove serve....... su ciò che effettivamente oggi è un "reddito sicuro" .

 

Infatti vorrei capire , ci son altri che come me hanno letto queste 35 pagine e si son chiesti qualcosa?

 

Secondo me è meglio dar aiuti a chi coltiva apposto di darli a chi oggi ha lasciato i terreni incolti e si è incassato i soldini senza rischio ....... e sopratutto se gli fa riferimento il triennio son cavoli amari..

 

Avanti popolo , svegliatevi perchè qui il grano lo stanno pagando a 15 euro quintale!!!!!!

Link to post
Share on other sites

Che dire Conte, hai perfettamente ragione sul fatto che si posti poco questo argomento, comunque sembra sempre di brancolare nel buio con questi modi di assegnare i contributi...oggi ho un incontro con il mio agronomo in merito a qualche novità, se mi dirà qualcosa di utile la posterò più tardi....

Link to post
Share on other sites

infatti queste notizie dovrebbero essere aggiornatissime sopratutto qui, perchè mica a me le dice il tecnico(forse è il contrario)...... poi si dice che c'e' crisi, ma se dormono tutti!

oggi si deve dare un valore anche al centesimo se si vuole combattere !

sveglia giovani!

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

leggo un po in ritardo questo topic..ma posso dare la mia opinione (anche perchè il mio prossimo esame sarà su questo argomento)... la pac è destinata per forza e comunque a calare.. vi spiego: già con la Fischler dove si doveva fare una semplice revisione e poi con "il controllo di stato di salute" si han avuto importanti cambiamenti, ma questo perchè questa politica doveva essere già cambiata da molti anni!

Purtroppo (o per nostra fortuna) ciò nn avvenne e solo in questi ultimi 20 anni, si stanno avendo cabiamenti sostanziali per le forti pressioni internazionali sulla nostra pac (WTO in primis + tt hli altri settori che giustamente chiedono anche loro una politica e un sostegno).

tutti questi escamotage di "secondo pilastro" modulazione, condizionalità, e per ultimo psr, son tutti strumenti edottati per sostenere una politica agraria che nn poteva + essere basata sul sostegno dei prezzi!

Bisognava dare alla società una motivazione + valida di questa PAC...

Ora, sempre + in vista di globalizzazione, i fondi verranno sempre + svincolati dal fondo del primo pilastro verso il secondo pilastro riducendo anche il busget a disposizione della pac..

si tratta quindi di decidere come attuare questi strumenti..ed il fatto che nn abbiam delle forti rappresentanze politiche ci mette in secondo piano nelle decisioni (speriam in DE Castro)..

spero di esser stato esaustivo..

ciao!!

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...