Jump to content
Johndin

Effetto corona virus Vendemmia Verde????

Recommended Posts

4 minuti fa, martinaz ha scritto:

100 euri, mo indò al purtat, da Callegherie a Imola ?

 

A voi magne' neca me' con i cent euro! Poi Callegherie non mi piace! Comunque, il pranzo/cena scommessa, e' aperto a tutti, (io pago solo per Gianni) meglio avere testimoni quando ci sono di mezzo dei ferraresi o roba di lì! Tra l'altro, non è ancora sicuro che perda io! La sentenza è ad ottobre!

  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
A voi magne' neca me' con i cent euro! Poi Callegherie non mi piace! Comunque, il pranzo/cena scommessa, e' aperto a tutti, (io pago solo per Gianni) meglio avere testimoni quando ci sono di mezzo dei ferraresi o roba di lì! Tra l'altro, non è ancora sicuro che perda io! La sentenza è ad ottobre!
Ieri arrivato primo acconto cantina...e siamo bassi, ma bassi bassi!

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

  • Sad 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottima discussione johndin.

Allora,io partirei proprio dal "vino da maturazione "come lo ha definito CBO,perche è proprio quello il problema in quanto le cantine che fanno vino da pronta beva dovrebbero riuscire a superare questo momento difficile

Detto cio io faccio i lavori ad una piccolissima azienda di un signore californiano,doveva imbottigliare questo anno con consegne in america (ristoranti e enoteche) ma chiaramente saltato tutto,non vuole comprare serbatoi nuovi,quindi vende una parte alla distilleria con prezzi di 0.30 centesimi/litro con una perdita assurda di soldi

La vendemmia verde se pagano poco,io nella vigna dove faccio uva per vendere ai  privati non credo di farla,ho comunque chiesto in associazione per info ma ancora non si sono espressi

Share this post


Link to post
Share on other sites

I bandi vendemmia verde sarebbero dovuti già uscire, non se ne farà nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/6/2020 Alle 06:38, Toso ha scritto:

Ottima discussione johndin.

Allora,io partirei proprio dal "vino da maturazione "come lo ha definito CBO,perche è proprio quello il problema in quanto le cantine che fanno vino da pronta beva dovrebbero riuscire a superare questo momento difficile

Detto cio io faccio i lavori ad una piccolissima azienda di un signore californiano,doveva imbottigliare questo anno con consegne in america (ristoranti e enoteche) ma chiaramente saltato tutto,non vuole comprare serbatoi nuovi,quindi vende una parte alla distilleria con prezzi di 0.30 centesimi/litro con una perdita assurda di soldi

La vendemmia verde se pagano poco,io nella vigna dove faccio uva per vendere ai  privati non credo di farla,ho comunque chiesto in associazione per info ma ancora non si sono espressi

Se hai un problema di vendita non sta meglio chi ha un vino che migliora invecchiando rispetto a chi deve vendere?

Non ti seguo. Io e mio fratello stiamo acquistando qualche bottiglia di valore scontate sottobanco a titolo di investimento. Gli eredi avranno tra le mani bottiglie legate ad un evento che rimarra' nella storia.

Vendemmia verde

https://www.siciliaverdemagazine.it/2020/06/05/crisi-del-vino-bandiera-al-ministro-bellanova-liquidita-ai-viticoltori/

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

CBO tutti hanno problemi di spazio,sia che fai vino da invecchiamento che vino da pronta beva  perche a giro hai ogni anno vino da vendere,infatti mi sono spiegato male.

interessante che acquisti vino da ricordo di questo periodo di M...

  • Like 1
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, siesa ha scritto:

il famoso coronavino.

Io solo corona-milk-bar

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, Toso ha scritto:

CBO tutti hanno problemi di spazio,sia che fai vino da invecchiamento che vino da pronta beva  perche a giro hai ogni anno vino da vendere,infatti mi sono spiegato male.

interessante che acquisti vino da ricordo di questo periodo di M...

santo Zaia farà il miracolo come solito

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, CBO ha scritto:

Vedremo , ora dal.prossimo anno con la riduzione a 300qli x ha, con deroga a 400 ne vedremo delle belle, io credo di no, arriverà mosto rumeno che.diventera'miracolosamente come olio e pelati italiano.....vero .mosto italiano.....

In Francia c'è la costa azzurra che fa dei vini modesti, in Portogallo il tinto verde è imbevibile....

Mediamente i vini italiani sono molto buoni.....dovremmo ricordarcelo

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ero nel dubbio ieri. Se postarli entrambi o separatamente. 

Poi mi son detto "vediamo cosa ne pensano i colleghi".

Mai una gioia da questo fol. 

E comunque sapevatelo puo' essere destinato a distillazione anche lo champagnino se necessario.

Sapevatelo, ditelo all'articolista.

In un libero mercato la denominazione deve garantire il livello qualitativo del prodotto. Le dinamiche di prezzo sono invece determinate dagli attori. C'e' chi puo' grattarsi la pancia se a settembre ha i vasi pieni. Lui e' un imbottigliatore. Piu' materiale c'e' piu' puo' stressare la base. Idem per chi vinifica e imbottiglia. Tra 40/50 giorni invece di aprire ai conferitori gira 2 volte la chiave e la porta rimane chiusa. Perche' acquistare materia prima quando ha i vasi pieni di materiale 2019 pagato caro. Il costo di frigoria sicuramente e' inferiore, molto inferiore, al costo di acquisto/vinificazione.

Chi invece ha dovuto gioco forza scendere a compromessi mettendo in gioco il lavoro di posizionamento fatto negli ultimi 11 anni e' chi e' presente su tutti gli scalini della filiera: dalla produzione alla vendita. Chi ha 

Io i miei denari non li investo solo in vasi e linee di imbottigliamento che possono anche restare o vuoti o spenti. Io investo in qualcosa che e' vivo come me, che respira e si nutre come me.

Qualcosa che non spengo con un semplice click e se per una volta (spero) devo calare le braghe le calo cercando di non arrivare a un 90* perfetto anche perche' ho un bel culetto sodo (sic dixit la mia regina) e non vorrei ci prendessero gusto.

https://www.winemag.it/francia-distillazione-per-200-milioni-di-litri-di-vino-champagne-compreso/

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono un agricoltore della peggior specie, solo braccia e badile, e molto spesso fare uno più uno non mi risulta facile.

Fine premessa

Una cosa non esclude l'altra, o sbaglio?

Impedire di andare sotto ad un certo prezzo può essere fatto rientrare nella logica di "fidelizzare il prodotto"? (Certamente non per tutte le doc)

Dopodiché si può sempre fare gel per mani.

Le mie sono considerazioni da ignorante, e sono qui proprio per cercare di capirne di più.

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 10/6/2020 Alle 20:27, ALAN.F ha scritto:

Vedremo , ora dal.prossimo anno con la riduzione a 300qli x ha, con deroga a 400 ne vedremo delle belle, io credo di no, arriverà mosto rumeno che.diventera'miracolosamente come olio e pelati italiano.....vero .mosto italiano.....

In Francia c'è la costa azzurra che fa dei vini modesti, in Portogallo il tinto verde è imbevibile....

Mediamente i vini italiani sono molto buoni.....dovremmo ricordarcelo

Allora oltre a togliere l'etichetta al prodotto andrebbe ripristinato seriamente il reato di frode alimentare con galera anche per i vari consorzi di difesa . Qualcosina la ho vista con il latte qua da me e se cerchi di mettere delle limitazioni come quelle dell'articolo devi contemporaneamente avere un ferreo servizio di vigilanza con accesso a dati di ogni attore , produttore, cantina o anche solo imbottigliatore, come fatture etc etc e cpoi devi avere lo strumento ( legge ) che ti permette di mettergli la palla al piede

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 12/6/2020 Alle 09:07, EnricoTr ha scritto:

Io sono un agricoltore della peggior specie, solo braccia e badile, e molto spesso fare uno più uno non mi risulta facile.

Fine premessa

Una cosa non esclude l'altra, o sbaglio?

Impedire di andare sotto ad un certo prezzo può essere fatto rientrare nella logica di "fidelizzare il prodotto"? (Certamente non per tutte le doc)

Dopodiché si può sempre fare gel per mani.

Le mie sono considerazioni da ignorante, e sono qui proprio per cercare di capirne di più.

 

 

https://www.italiaatavola.net/vino/tendenze-e-mercato/2020/6/13/vino-l-export-evita-tracollo-7-fa-molto-meglio-della-francia/68057/

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

A quanto pare all'est piace di più francese mentre ad ovest più italiano

Edited by superbilly1973

Share this post


Link to post
Share on other sites

mah, la vendemmia verde non mi convince a prescindere.

io sono contro tutto ciò che è "produrre" e, poi, buttare via.

oppure produrre, solo perchè danno contributi.

per me è contro l'etica e il buon senso. se una cosa non va, non la si produce e basta.

se c'è, (ci sarà) troppa produzione, sta al buon senso dei produttori limitarla.

invece di buttare giù l'uva, tutta, e prendere un contributo, bisognerebbe toglierne un pò e vinificare il resto. meno prodotto, mercato più equilibrato.

io lavoro per fare il vino, non per buttare via il raccolto.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

e se il vino non lo vendi per il covid dove pensi di mettere l'uva 2020?....e se nessuno la compra o la compra a 4 soldi che produzione vuoi limitare....non è il rubinetto dell'acqua che lo chiudi quando è troppo pieno

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

SAN, non è che bisogna azzerare tutto. un consumo, limitato o meno, ci dovrà pur essere.

se la gente non beve più, allora togliamo tutte le vigne. se beve meno, o beve uguale ma ci sono gli avanzi, allora una riduzione ha un senso. buttare giù tutto, non mi piace come idea....piuttosto faccio il vino e poi lo distillo se necessario.

PS, io non conosco le realtà venete, friulane o emiliane, però so, per esperienza personale, e di azienda, che qui in zona di vino non se ne è mai avanzato. anche negli anni più cupi. per cui, buttare l'uva per terra  (a cifre sicuramente risibili) è una cosa che non riesco a concepire.

Edited by alexbrown
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

e che pensi di prendere con il distillato....e dove pensi di metterlo per farlo se in cantina non hai spazio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Posted (edited)

beh, se non hai venduto il vino di quest'anno, la capienza è un problema.

io parlo per la mia realtà dove, fortunatamente, son riuscito a vuotare la cantina (anzi, non so se arriverò al prox. anno col vino che mi è rimasto per i clienti privati).

certamente sarà un anno di passione il prossimo ma per chi produce vini di pronta beva o comunque, annuali,  dovrebbe essere  più logico disfarsi delle giacenze, a poco o distillandole, che non produrre nulla quest'anno.

Edited by alexbrown

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io spero non sia un'annata da 15€/q  per i nostri trebbiani altrimenti sarà davvero una catastrofe, sia per chi ha 1000 quintali e sia per chi ne ha 10000 di quintali 

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me se trovi chi la prende già e tanto...appunto che è meglio valutare la vendemmia verde

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi associo ad @EnricoTr sulla base di partenza e sul fatto che sono qui per capirne qualcosa in più. Pergiunta sono praticamente hobbista.

La mia sensazione che la peggio l'avranno gli agricoltori. In assenza di manovre significative dall'alto, la parte industriale manderà in sofferenza quella agricola. Tra incentivi alla vendemmia verde e quelli alla distillazione penso sia meglio la seconda. Per varie ragioni. 

Anni 90 si faceva. Poco tempo fa ho trovato una vecchia bottiglia di brandy costigliolese, mica male...

Ormai è tardi per la prima. E credo pure per la seconda. Non personalmente ma qua si parla di aziende che han ricevuto comunicazione per raccomandata, da chi gli ha sempre ritirato il prodotto, di trovare altro acquirente alla loro uva (Moscato d'Asti). Hai voglia di farne mostarda con 25 ha..

La butto li, ma se ci fossero i soldi statali per garantire in un qualche modo la metà della plv media degli ultimi anni sarebbe già qualcosa. E lo dico anche se qua siamo già a meno della metà (quando va bene) di quanto sia la plv nel prosecco.

Anche se a volte mi piacerebbe si bloccasse tutto per davvero. Giusto per far anche crepare le zecche. (Tutto quell'indotto non produttivo da cui non ci si può emancipare e che vive di normative, finti sussidi ecc ecc)

@alexbrown: sei zona timorasso? Dai che per qualche anno state ancora tranquilli. Gli speculatori sono arrivati anche lì. Ma ci va un po' di tempo a rovinare un mercato...

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...