Jump to content

Recommended Posts

Apro quest'argomento per discutere sulla effettiva importanza della concimazione (per quel pò che ne so sui cereali autunno-vernini tipo il grano duro) .

 

 

Pur riconoscendo i prodotti del grosso produttore oggi col nome di Yara(vecchia norks hydro) al mondo ci son molti altri che vendono "concimi chimici".

 

Pur non essendo un esperto di concimazioni sul grano duro per quel pò di contributo che posso dare , sul grano duro,per esempio, la concimazione azotata ha un ruolo fondamentale.

 

Il grano duro fino al inizio accestimento(3-4 foglia) dovrebbe avere disponibile circa 20-30 unità di azoto .

Purtroppo per evitare le concimazioni in presemina almeno questi valori li dovremmo trovare in opportune analisi o per come dire ricompensarli dopo.

Ci son pareri contrastanti da chi dice di usarlo in presemina, chi no ed usare il fosforo assimilabile che vi è sul quel terreno destinato alla semina del grano duro , prevalentemente distribuito l 'anno prima ,per esempio, sulla semina di una leguminosa.

 

Dato che di solito con il potassio non si dovrebbero avere mancanze di disponibilità elevate , si potrebbe in terreni con un pò di azoto disponibile evitare , per l appunto, la concimazione del 18-46 in presemina, che moltissimi hanno sempre usato.

 

Quando il grano pian piano arriva al grado di accestimento-levata il suo fabbisogno fisiologico aumenta quindi bisogna distribuire , l 'azoto.

 

Esistono varie forme di azoto, nitrico , ammoniacale, ureico, personalmente uso sempre i due prontamente piu disponibili per il grano, l 'ammoniacale ed il nitrico.

 

La concimazione secondo me dovrebbe essere studiata in funzione di diversi fattori:

clima, quindi andamento stagionale(pioggie,sole e cosi via)

stato della pianta(sofferenza, ottimo stato, colore delle foglie, poco accestimento....)

 

Quindi dovremmo fare in modo di non "dare" azoto al terreno ma di darlo alla pianta quando ne ha reale bisogno in modo da non far evdidenziare una "carenza" alla lunga per non ritrovarsi in situazioni problematiche.

 

Si dovrebbe a mio avviso calcolare le dosi, i tempi , il tipo di concime da somministrare secondo cosa c'era l'anno precedente, evitando gli sprechi , uniformando la distribuzione(gps per esempio) ma di solito io vedo che nei solchi di chiusura dove per sicurezza si ci passa due volte , vedere in quella zona li , il colore delle piante per rendersi conto del azoto che è disponibile nel terreno.

 

Di solito uso l'urea46%(prilled) o il nitrato ammonico 34,5.

Sembra semplice l 'uso e il titolo del concime , ma molte volte al inizio la scelta ricade sul costo delle unità di Azoto .

Sembra anche facile quale e in che periodo distribuire il concime, ma alla fine, vuoi per il tempo(eccessive pioggie o siccità) vuoi per costi eccessivi con attesa di ribassi vuoi per altri mille motivi , la facilità a dar azoto al grano quando ne ha reale necessità è d'avvero un "dolore di testa".

 

Cosa preferisco?

Beh , il nitrato molte volte da un rigoglio vegetativo veloce, però ha pure i suoi contro:

rinascita della pianta (quindi sfila troppo e diventa piu "tenero" lo stelo) , quindi problema con le gelate primaverili(causa di guai seri) , dilavamento(perchè i nitrati sono facilmente dilavabili) costo per unità del concime (dato che ha parità di unità c'e' anche piu manodopera )....

L'urea prilled 46% , secondo me ha un rilascio piu graduato ed ,anche se l azoto ammoniacale non si trasforma in pochissimo tempo al contrario del azoto nitrico, quindi viene trattenuto dai colloidi del terreno e non reso disponibile per la pianta in un momento per esempio che ne avrebbe bisogno .

 

Data questa piccola premessa, con certamente mille errori , dato che non sono un tecnico ne tantomeno un laureato in agraria, ho visto come può influire la produzione , i valori proteici del grano , il suo colorito , quindi alla fine il reddito su questa coltura dalle diverse concimazioni che si possono fare.

 

per esempio la concimazione "tardiva" botticella, spigatura, varia il contenuto proteico della granella, ma difficilmente variano le rese in modo significativo.

Anche oltre una certa quantità di concime dato non ho notato particolari aumenti di rese significative.

Quindi molte volte non vuol dire spendere di piu , uguale a guadagnar di piu,perchè in caso di errati calcoli chi ci rimette è proprio il produttore di grano.

 

Ho sentito ,provato anche l'Entec il concime con inibitore della nitrificazione , ma anche l' Umostar cereali ove in un sito ho trovato pure uno spunto da riportare qui:

 

Nel caso di seminatrici meccaniche i microgranuli Umostart possono essere applicati con il metodo della stratificazione, predisponendo cioè alternativamente uno strato di cariossidi (un sacco da 50 kg di frumento) con uno di concime Umostart da 10 kg direttamente in tramoggia; il rimescolamento e l'adesione dei microgranuli alla cariosside viene favorito dai movimenti della seminatrice e quindi la caduta nel solco del seme e del concime avviene contemporaneamente con una ottima uniformità.(AQ - NEWS - Prodotti del momento).

 

sinceramente questo metodo mi lascia perplesso ma a tutto una spiegazione ci sarà.

 

 

Fermandomi un attimo con i miei metodi o concetti che ho in testa, voi come vi regolate con quale concime usare , usate seminatrici con doppia tramoggia(fitotossicità????), come razionate le dosi?

 

il mio parere è che i pronti effetti vanno bene, ma per non rincorrere a vari problemi le dosi vanno piu divise, gli ammoniacali vanno bene a patto che si deve stare attenti a usi non corretti(rigiuda mattiniera, siccità nel terreno e grosse dosi...).

Son anche del parere che piu si da concime e piu si deve usare per esempio la strobilurina per evitare che l 'eccesso di azoto fa sviluppare i patogeni che distruggono il lavoro di un anno molto velocemente(già visto sulla mia pelle).

 

avanti con i pareri !!!:fiufiu:

 

 

Link to post
Share on other sites
  • 6 months later...
  • Replies 13.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Nuovo kit 4.0 (economico)... Inviato dal mio M2007J17G utilizzando Tapatalk

Frumento varietà Bandera, seminato 28 Ottobre, 250 kg/Ha, concime localizzato con 12/52 di Eurochen trasformato in microgranulo 40 kg/Ha.

Grano Bandera, media sopra i 90 quintali.    Oggi 7 ettari media 97 q.li ed addirittura era ristoppiato con aratura. Gli altri campi sono simili. In collina sono a 55 q.li Grano se

Posted Images

domanda: in annate come questa dove il mal del piede ha colpito duramente si ha una presenza del fungo nei primi strati del terreno e sulle stoppie. se l'anno prossimo vienne seminato girasole o colza su minima lavorazione o dopo ripuntatura, non invertendo gli strati del terreno e noon eliminando tutte le stoppie dagli strati superficiali le spore non muoino giousto?

seminando l'anno successivo grano su sodo non c'è il rischio che la malattia sia ancora presente e che la coltura ne risenta?

Link to post
Share on other sites

Dato che l'argomento fusarium e mal del piede, mi sembra particolarmente sentito ed importante, magari ci spostiamo in altra discussione già creata dal Conte, oppure in una ex novo.

 

Intanto, dato che mica posso leggere tutto io e poi darvi il riassunto bello che pronto :nutkick: andate un po' a farvi una cu(o)ltura...Altrimenti d'ora in poi si paga un tanto al rigo...:perfido:

 

http://www.syngenta.it/NR/rdonlyres/BD54AA8B-B80D-448C-BE19-18F20FF660EC/0/EstrattoFusarium.pdf

http://www.micotossine.it/public/pag_952.pdf

http://www.ermesagricoltura.it/wcm/ermesagricoltura/rivista/2008/0708/ra080708081s.pdf

http://www.edagricole.it/terraevita/archivio/2009/14/Bozza-Terra_e_Vita-2009-14-000008.pdf

Link to post
Share on other sites

Ma infatti io sono fresco di agraria :asd:, sono diventato perito solo l'anno scorso :briai:però tutti i miei vicini hanno frumento, medica sorgo ecc ecc, io ho solo vigneto, ma avveo intanzione di prendere del terreno a seminativo, di solito da me si fanno 4 anni a medica, uno a sorgo, 2 a grano e uno a orzo, poi si ricomincia con la medica, secondo voi è una buona rotazione questa?

Saluti O0

Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...
Agrifaster la profondità di lavoro del rotante dipende anche dalla tessitura del terreno, in un terreno sabbioso come quello della foto con il 5 metri è inutile andare a 25 cm, quando già a 15 cm riesci ad ottenere un buon affinamento.

 

Magari sul sabbioso non hai neanche su la livella .............. dipende da quanta incidenza dai alla livella e da quanto il terreno è tenace allo sbriciolamento.

 

Giustamente come dici tu dipende dalla tessitura. Se il terreno è ostico non lo si sbriciola facilmente e la livella inizia ad ammucchiarlo davanti al rotante .............. se vai sul sabbioso , giustamente non hai la necessità dei 25 cm di profondità

 

Per IlConte: L'importante è che il grano faccia una buona resa per ettaro , poi quando li si venderà si vedrà. Qua se semino sul sodo , se uso ripper , scraper ecc ecc ........... se non preparo un buon letto di semina con il terreno sminuzzato come si deve , la percentuale di germinazione è ridicola e quindi la resa per ettaro sarà cattiva .......... se ho una resa di 30 ql per ettaro allora anche se il grano lo vendo a 20 euro al ql ci ho rimesso lo stesso , ma siccome la mia resa è di 60 ql/ettaro le cose cambiano.

Edited by AgriFaster
Link to post
Share on other sites
se ho una resa di 30 ql per ettaro allora anche se il grano lo vendo a 20 euro al ql ci ho rimesso lo stesso , ma siccome la mia resa è di 60 ql/ettaro le cose cambiano.

 

Ciccio ascolta dai....:asd::asd::asd::asd:...vola basso, in collina quelle rese mi sembrano fantascienza, manco da mè pianura totale in rotazione col Mais si riesce a fare i 60 di media....chiuso OT

Link to post
Share on other sites

Qui da noi quest'anno di media abbiamo raccolto meno del 30 a ettaro, però ci sono state rese con punte anche di 50 q/ha, e da me la terra è scomoda e poco fertile, però se si fa rotazione e si coltiva bene, si può arrivare anche a 50. Dopo qui da noi si dice che A CALA' SE FA SEMPRE IN TEMPO, perciò se magari Agrifaster ha la terra più fertile della nostra, e coltiva bene, posso anche credere che si avvicini ai 60 q/ha

Link to post
Share on other sites

Qui da me si arriva circa al massimo a 40 quintali ettaro dei più buoni dandoci da mangiare ... mio amico che ci ha dato solo concime prima della semina e a marzo....25 quintali....

Anche i cinghiali fanno dei bei danni!

Parlo in generale di orzo , grano tenereo e duro..

Edited by nh72-85
Link to post
Share on other sites
Intanto ho visto già seminare...E' quanto mai necessaria una licenza per l'attività agricola...

Penso che sia un pò troppo caldo per seminare, almeno qui dalle mie parti. Con queste temperature ( dell'terreno e dell'aria) ti trovi tra un mese ad avere un grano decisamente troppo alto per affrontare l'inverno.....

Link to post
Share on other sites
Qui da noi quest'anno di media abbiamo raccolto meno del 30 a ettaro, però ci sono state rese con punte anche di 50 q/ha, e da me la terra è scomoda e poco fertile, però se si fa rotazione e si coltiva bene, si può arrivare anche a 50. Dopo qui da noi si dice che A CALA' SE FA SEMPRE IN TEMPO, perciò se magari Agrifaster ha la terra più fertile della nostra, e coltiva bene, posso anche credere che si avvicini ai 60 q/ha

Prima che venisse spostata qui la discussione, io sinceramente pensavo si parlasse di duro

Edited by Simone 83
Link to post
Share on other sites

Sembra che quest'anno il frumento tenero sia venuto bene solo in alcuni paesi localizzati dove lo sanno coltivare......gli altri è bene che comincino a organizzare dei pulman per andare a vedere come si fa.....................

Link to post
Share on other sites

sarà che io non sarò capace di coltivarlo e per questo da quest anno basta grano....ma se il prezzo aumenta sono pronto a seminarlo.......per me conviene lasciarli a sodo i campi, piuttosto che sementarci il grano....questo è il mio punto di vista......

altro motivo è che se riesco a trebbiare le favette (sperando nella clemenza dei cinghiali) le riprendo come seme per farci il sovescio.....

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

da un 30 35 circa dello scorso anno.

qui 1846 , circa 32 euro compreso iva fino ai 35.......ma ormai quasi completati i lavori.

 

Ora vediamo se posso riportare i prezzi di urea 46% e nitrato34%.

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...