Jump to content

Recommended Posts

questa e la situazione aggiornata ad oggi nei giorni scorsi e nelle settimane scorse ha piovuto tanto da inizio maggio circa 100mm di pioggia il grano sembra non avere probblemi speriamo nelle produzioni e nel prezzo il grano ha gia preso il suo colore ed e gia abbastanza duro verso giorno 7 giugno penso inizieremo la mietitura. questo sara il primo anno che con la mieti andremo sul morbido e senza crepacci larghi 10 cm e profondi 50cm

Share this post


Link to post
Share on other sites

per djrudy ho uno zio nel senese che ha una grossa azienda a grano duro e propio oggi mi diceva che circa un terzo dell azienda non riuscira a trebbiarla causa siccita il grano si e seccato e per la rimanenza si aspetta scarsissime produzioni

Share this post


Link to post
Share on other sites
per djrudy ho uno zio nel senese che ha una grossa azienda a grano duro e propio oggi mi diceva che circa un terzo dell azienda non riuscira a trebbiarla causa siccita il grano si e seccato e per la rimanenza si aspetta scarsissime produzioni

 

In Toscana quest'anno la situazione è drammatica, praticamente non ha fatto più piogge significative dalla fine di marzo, 2 mesi di totale siccità, il grano è tutto secco, la colza si trebbia 15 giorni prima del solito, i girasoli alti 20-30 cm iniziano già a formare il bottone fiorale perchè hanno deciso di chiudere il ciclo, insomma un dramma....

 

Ecco cosa dice la mia stazione metereologica nell'ultimo mese....

 

t94876_stazione.jpg

 

Con un clima così grano non se ne fa c'è poco da fare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve, ho letto ora questa discussione e vorrei parlarvi della tecnica che si usa da me!!!!

Prima i terreni li ariamo, verso agosto, poi li passiamo due o tre volte prima della semina in m odo da rompere le zolle; prima della semina se si tratta di un ringrano mettiamo l'"azoto" (non so in che quantità perche non l'ho mai usato!!!:ave:), mentre se si tratta di semina dopo 2 anni di leguminose seminiamo direttamente con una quantità di 350kg\ha circa.....verso gennaio mettiano circa 200kg\ha di nitrato o poco meno se urea 46.....Verso marzo poi facciamo il diserbo per i dicotiledoni, e se il caso anche per le graminacee!!!!....Con produzioni con punte massime di 30-35 Q.li\ha.....Leggendo l'inizio di questa discussione quest'anno vorrei provare con i consigli dati da dj rudy al conte, per quanto riguarda la concimazione fatta piu volte e l'uso del fungicida!!!!!Quidi per fare una sintesi più schematica come sarebbe????O0

Edited by ntriuzzu

Share this post


Link to post
Share on other sites

che varieta usi di grano?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul forum c'è scritto già tutto, comunque:

 

1) Invece di usare solo il Simeto, inizia a provare altre varietà più nuove e più produttive come: Iride, Saragolla e Tirex

 

2) Ridurre il più possibile il ringrano, e dove si fa ringrano arare per ridurre l'influenza delle malattie.

 

3) Arriviamo a ottobre-novembre, e quando inizi a seminare inizia a scrivere qui e su su in base alle condizioni in cui si troverà il grano, agiremo di conseguenza, in agricoltura ogni anno è diverso dall'altro, non esiste una ricetta standard.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io uso iride saragolla anco marzio e in minima parte simeto e considera che dalle prove fatte mediamente circa un 20% di differenza si vede per il fungicida io dal qualche anno uso amistarxtra unito al diserbo foglia larga e foglia stretta e mi sono trovato abbastanza bene per le concimazioni si decide di anno in anno il periodo migliore comunque sempre diviso in tre volte normalmente se ringrano 150kg 18-46 e poi 250kg di urea frazionata in due volte se leguminose 280 kg di urea frazionata in due volte dimenticavo 250kg di seme vanno gia bene conciato con celest o altri prodotti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sul forum c'è scritto già tutto, comunque:

 

1) Invece di usare solo il Simeto, inizia a provare altre varietà più nuove e più produttive come: Iride, Saragolla e Tirex

 

2) Ridurre il più possibile il ringrano, e dove si fa ringrano arare per ridurre l'influenza delle malattie.

 

3) Arriviamo a ottobre-novembre, e quando inizi a seminare inizia a scrivere qui e su su in base alle condizioni in cui si troverà il grano, agiremo di conseguenza, in agricoltura ogni anno è diverso dall'altro, non esiste una ricetta standard.

 

Infatti il ringrano diciamo che non lo faccio quasi mai...al massimo grano dopo orzo:clapclap:Oppure direttamente un anno grano con trasemina di sulla in modo da avere l'alternanza grano-sulla.....

 

Cmq per quanto riguarda la varietà quest'anno vedrò di cambiare, anche se dai vecchi commercianti il simeto è l'unica scelta!!!!Magari da qualche commerciante più giovane di varità ce ne diverse!!!!

Edited by ntriuzzu

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche da me la situazione era quella solo simeto o creso allora ho contattato la psb sementi e mi sono fatto indirizzare da loro su dove potevo reperire le varieta che cercavo ho fatto 300km con il camion ma ho trovato cio che volevo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui nell'azienda dove lavoro, la situazione grano pare andare bene,(ringraziando il Signore) l'unico problema potrebbe essere se ha preso qualche malattia, visto che ho incominciato ha trattarlo venerdì scorso,dato che sono l'unico operaio e c'è anche la vigna,i girasoli,( più di una cosa per volta non faccio).Trattamento fungicida con Folicur SE.Sono molto, molto dispiaciuto per chi ha le colture siccitose.Sinceramente non non sono molto tranquillo manco io, visto che con sto caldo anomalo la grandine è in agguato:ave: speriamo bene!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di che zona sei dell'umbria Agropowero? perche qua da me a Todi,anche il tenero è malato!

poi sono 4/5 mattine che ce la nebbia!Io non l'ho trattato vediamo che esce fuori!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La scorsa settimana sono stato presso il centro sperimentale Horta Az. Agricola Cà Bosco (RA), in visita alle prove sperimentali 2011 della CGS Sementi fatte in collaborazione appunto con Horta che è lo spin off dell'Università di Piacenza.

 

Dato che la nostra azienda partecipa al progetto, granoduro.net : Caratteristiche di GranoDuro ho voluto partecipare per incrementare le conoscenze su come le varie tecniche vanno ad influire sulla produttività di questa importante coltura.

 

Ecco un bel colpo d'occhio di cosa significano le prove parcellari....

 

t96270_imag0825.jpg

 

Gli amici Gigi Meriggi (responsabile progetto Horta) e Oriana Porfiri (responsabile prove CGS):

 

t96271_imag0824.jpg t96272_imag0822.jpg

 

In questa sede ho potuto vedere varie prove interessanti:

 

1) Prova di confronto tra rotazione high input (con elevate concimazioni, aratura, difesa fitosanitaria ecc), e rotazione low input (semina su sodo, concimazioni più equilibrate ecc).

 

Questa prova che ormai va avanti da 3 anni, ha evidenziato che il grano su sodo almeno nella zona del Ravennate da produzioni del tutto comparabili a quelle fatte sul tradizionale, basta evitare di non seminare con troppo bagnato, nell'azienda specifica hanno utilizzato una JD da sodo, che per le caratteristiche della macchina è impossibile lavorare quando il terreno non è in tempera per cui i risultati si sono visti: ottimo grano su sodo.

 

2) Svariate varietà, gestite in maniera tradizionale, in confronto con le stesse varietà gestite seguendo i dettami di granoduro.net.

 

3) Prova di resistenza delle varietà alle malattie fungine e relativa efficacia dei vari fungicidi:

 

Ecco una parcella di grano duro iride, molto concimato e irrigato 1 volta alla settimana per incrementare l'incidenza delle malattie e capire quali varietà e quali fungicidi hanno maggiore efficacia.

 

t96267_imag0821.jpg

 

4) Confronto varietale di grano duro e tenero, confrontate con vari livelli di investimento (da 100 a 500 piante a metro quadro), e concimazione (da 0 a 250 unità/ha di azoto).

 

t96268_imag0828.jpg t96269_imag0829.jpg

 

ecco qualche foto:

 

t96281_imag0830.jpg t96282_imag0837.jpgt96288_imag0843.jpg t96289_imag0846.jpg

 

Molto interessante vedere come a parità di investimento e condizioni ci siano varietà che accestiscono di più e altri di meno, con differenze significative, ad esempio varietà Saragolla che se va bene fa 3-4 culmi ogni seme, fino alla varietà odisseo che arriva anche a 15-18 culmi da ogni seme, e quindi può essere seminato con dosi di seme minori grazie alla sua maggiore capacità di accrescimento.

 

5) confronto tra concimi tradizionali, e a lento rilascio

 

6) confronto tra 24 varietà di tenero e 24 varietà di duro anche di altre ditte

 

7) confronto tra epoche di semina diverse: 20 ottobre, 15 novembre, 15 dicembre, 20 gennaio per vedere i diversi comportamenti delle varie varietà, alternatività ecc, adattamento alle semine tardive ecc.

 

8) Prove varietali tra 420 (si avete capito bene 420) materiali genetici diversi che se daranno i risultati sperati un 5-10 % di questi 420 diventeranno delle varietà commerciali.

 

Una giornata davvero interessante, anche se talmente erano le cose da vedere che ci sarebbero voluti alcuni giorni per analizzare tutto!

 

Detto questo si capisce anche perchè quando si compra della semente certificata si spende qualcosa in più, ma dietro (almeno per la CGS Sementi) c'è l'attività di sperimentazione che sicuramente aiuta nel lungo periodo a migliorare la produttività del frumento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

infatti conteeeeeeee a che siamo??????Ho sentito dire che già nel catanese trebbiano....da me non manca molto, il tempo di finire col fieno e si parte!!!!:2funny::2funny::2funny:

Share this post


Link to post
Share on other sites

oggi ho fatto una prova circa 1,5 ha in una partita di 60ha varieta 0,70 saragolla produzione circa 35q umidita 12,2 proteine 12,7 glutine 11,6 colore 15,8 peso specifico 83,5 e 0,90 iride produzione circa 45 q umidita 12 proteine 12,5 glutine 10,5 colore 15 peso specifico 84,5 comunque e ancora umido penso che aspettero qualche altro giorno cosa ne pensate dei valori?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per fa150 non hai ricevuto il mio messaggio in privato? Qualche gg fa ti ho lasciato un messaggio ciao da jd6810

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusami ma non lo avevo visto comunque per me va bene ci mettiamo daccordo che te ne pare dei valori che ho riportato? come sono da voi

Share this post


Link to post
Share on other sites
scusami ma non lo avevo visto comunque per me va bene ci mettiamo daccordo che te ne pare dei valori che ho riportato? come sono da voi

come dici tu è ancora presto da noi forse fine prossima settimana, comunque non male i valori ma aspettiamo il parere degli esperti, forse domani qualcuno risponderà oggi erano impegnati nelle prove con i MF :fiufiu::fiufiu:

ciao a prsto :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao vi allego le foto del mio ettaro di grano IRIDE.

La trebbiatura è prevista tra circa un mese.

Che ve ne pare??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembrano rese interessanti considerando che si parla della provincia Trapanese.

Hai qualche foto da postare del grano iride che devi ancora trebbiare?

 

 

oggi ho fatto una prova circa 1,5 ha in una partita di 60ha varieta 0,70 saragolla produzione circa 35q umidita 12,2 proteine 12,7 glutine 11,6 colore 15,8 peso specifico 83,5 e 0,90 iride produzione circa 45 q umidita 12 proteine 12,5 glutine 10,5 colore 15 peso specifico 84,5 comunque e ancora umido penso che aspettero qualche altro giorno cosa ne pensate dei valori?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Di che zona sei dell'umbria Agropowero? perche qua da me a Todi,anche il tenero è malato!

poi sono 4/5 mattine che ce la nebbia!Io non l'ho trattato vediamo che esce fuori!

 

Sono nelle vicinanze di Perugia.Al momento sembrerebbe che malattia non ne avrebbe, ed ha anche una bella spiga, se Dio lo salva dalla grandine può darsi che vengano quintali dopo le acque che ha preso, ma da qui in avanti ci vuole il sole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

12,5 proteine ,84 di peso specifico nel iride siculo?

 

con questo si fa il miglior pane ! bravo fa150!

 

12 non è altissimo come umidità si può trebbiare!

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate se mi faccio sentire solo ora ma il mio computer e andato fuori uso e non ho potuto comunicare con nessuno neanche con jd6810 che mi aveva chiesto un favore comunque ho tutti i campioni con i valori saragolla trebbiati 40ha produzione 2050q proteine medie 12,5 specifico medio 84 glutine medio 10,5 anco marzio trebbiati 20 ha produzione 990q proteine medie 13 specifico medio 85,5 glutine 10 trebbiati 10 ha simeto produzione 420 q specifico medio 84 proteine 13 glutine 9,5 praticamente un anno memorabile

Share this post


Link to post
Share on other sites

avete mai provato a contare quanti chicchi contengono le vostre spighe di grano e raffrontare tale numero a una produzione ottima, buona, o pessima??

 

quale è secondo voi il numero giusto?? io ancora devo iniziare a raccogliere asp. almeno una settimana.. le mie spighe variano da 35 a 55, le vostre?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...