Jump to content

Recommended Posts

Intanto puoi iniziare a leggere le 5 pagine di questo argomento, poi magari dire la zona dove ti trovi, che tipo di terreni hai, che tecniche utilizzi attualmente, che rotazioni fai, e in base a tutti questi parametri vediamo se e in che modo si può ottimizzare la tecnica di produzione.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 13.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Terminata trebbiatura  Allora: la media totale è di 69 q/ha che vista la siccità, l'allettamento in alcuni punti drammatico avuto, la septoria sulla varietà principale e le medie della zona, poss

Grano duro Zetae, è una risemina dei primi di marzo su terreno che il grano seminato a novembre era completamente marcito a causa delle grandi piogge post semina, e impossibilitati di fare altre coltu

Comunque oltre alla data di semina torno a ripetere che in molte zone d'Italia ci sono ancora gravi lacune agronomiche, come diserbi e concimazioni... Vedi Gianni tu per fare grano ari, e vieni d

Posted Images

Intanto puoi iniziare a leggere le 5 pagine di questo argomento, poi magari dire la zona dove ti trovi, che tipo di terreni hai, che tecniche utilizzi attualmente, che rotazioni fai, e in base a tutti questi parametri vediamo se e in che modo si può ottimizzare la tecnica di produzione.

 

ma io volevo iniziare un discorso teorico.. avevo proposto una trama.,

una sorta di ricerca che poco ha a che fare con il reale..

cercare di escogitare delle formule analitiche e non numeriche..........

 

mi rendo conto di non essere stato capito

Link to post
Share on other sites
vorrei discutere della produzione di grano duro

 

vi chiedo quali sono le massime rese al mondo documentate che si sono avute in un ettaro.

 

quali sono le condizione e le caratteristiche dell'ettaro d'oro.

 

quali fantaaccorgimenti e fantarealizzazioni si dovrebbero fare su un ettaro x (che produce il minimo) per farlo produrre come l'ettaro d'oro..

 

insomma proponiamo cosa fare per migliorare l'ettaro x per farlo avvicinare in resa il piu possibile a quello d'oro

 

attenzione avete a disposizione i fantamilioni

 

Il motivo di tutto questo qual'è ?

E cosa intendiamo per produttività massima ?

 

Intendiamo quella maggiormente ottenibile in campo ? Ma quale campo ? In che parte del mondo ?

Oppure vogliamo spremere al massimo una pianta mettendola sotto serra in un ambiente totalmente controllato e vedere quanto produce ?

 

E i costi ? E la convenienza ?

 

Per quanto riguarda il frumento duro non ho i dati sotto mano, ma non sono di difficile reperimento quelli inerenti il tenero.

Sono state registrate produzioni, in ambito sperimentale, di 15 t/ha = 150q/ha. E' lecito pensare che per il duro i record si possano assestare sulle 10, 12 t/ha, ma ripeto non ho riscontro. Ben lieto di essere smentito.

 

Riferimenti:

 

Breaking the 15 t/ha wheat yield barrier

World record wheat yield exposes UK growing constraints - Over the Hedge - Arable Barometer farmers' diary - FWispace

http://www.back-to-basics.net/fertilityfacts/pdf_files/high_yield_wheat.pdf

G4020 Tables for Weights and Measurements: Crops | University of Missouri Extension

Link to post
Share on other sites

on esiste produzioni di duro registrate sopra i 120 q ha e mi sembra ma non ne sono sicuro nemmeno sui 100 q ha , in veneto la basf l'anno passato ha fatto rpove con una concimazione di azoto sprorpositata ed è arrivata a circa 80 q sul duro..considera che si deve fare due trattamenti sempre minimo e usavo unprodotto anti-alletttamento non prorpio economico..infatti a conti fatti la pratica non era convenientissima.....sommando anche le entrate in campo... che erano molte...

nei paesi del nord europa si fa tranquillamente sui 80 100 q del tenero ma con una buona pratica agricola...diciamo che la media è sugli 80 ..stesso per l'orzo... ma usano molto meno concime visto i terreni ricchi di azoto e molto più fertili..sommata al fatto della facilità di lavorazione si capisce il reddito nettamente più elevato dei paesi nordici...

Link to post
Share on other sites

La regione Emilia Romagna ha condotto con Barilla un progetto di ricerca sperimentale sul grano duro di alta Qualità, ed è arrivata a conclusioni a riguardo della densità di semina e concimazione con 4 tipologia di grano che meritano essere lette. Un anticipatina per incuriosirvi. Sono state effettuate semine con densità peri a 100 grani/mq., 200,300,400,500,600 con concimazioni differenziate per verificare l'accrescimeno, la capacità di fotosintesi, il peso specifico, le proteine ecc.. Sorpresa con 200 grani mq. si sono avute rese di 82 q.li con ps 0.83. Qui di seguito allego il link affinchè ognuno di noi possa scaricarsi il periodico, quello che riporta i dati accennati è il n°12 di Ottobre.

http://www.prosementi.com/index.php/ita/archivio_filiera_grano_duro_news/

Qui dalle mie parti vi sono agricoltori che praticano semine di 400/500 grani mq., ma altri che arrivano a 700. La vostra esperienza personale a quali densità di semina vi ha portato?

Link to post
Share on other sites
La regione Emilia Romagna ha condotto con Barilla un progetto di ricerca sperimentale sul grano duro di alta Qualità, ed è arrivata a conclusioni a riguardo della densità di semina e concimazione con 4 tipologia di grano che meritano essere lette. Un anticipatina per incuriosirvi. Sono state effettuate semine con densità peri a 100 grani/mq., 200,300,400,500,600 con concimazioni differenziate per verificare l'accrescimeno, la capacità di fotosintesi, il peso specifico, le proteine ecc.. Sorpresa con 200 grani mq. si sono avute rese di 82 q.li con ps 0.83. Qui di seguito allego il link affinchè ognuno di noi possa scaricarsi il periodico, quello che riporta i dati accennati è il n°12 di Ottobre.

http://www.prosementi.com/index.php/ita/archivio_filiera_grano_duro_news/

Qui dalle mie parti vi sono agricoltori che praticano semine di 400/500 grani mq., ma altri che arrivano a 700. La vostra esperienza personale a quali densità di semina vi ha portato?

Ma come si calcolano i grani nel metro quadro?

dalle mie parti si semina tra 230 e 250 Kg/HA di frumento

Link to post
Share on other sites

da me si semina 200 kg a ettaro di solito .......alcuni esagerano , io piu di 230 mai son arrivato.

 

comunque anni fa in un terreno dove c'erano ortaggi abbiamo usato un concime per ortaggi sul grano, in 9 ettari abbiamo fatto 800 quintali di grano duro, con peso specifico 85-86. Quindi non vedo nulla di miracoloso nei dati barilla.

Specie per le tossine col nostro freschino a giugno......anche 45°gradi ......non credo che c'e' ne possano essere in quantità dato che il grano ha un umidità del 8%.

Noi quando scarichiamo facciamo sempre le analisi e col maestrale il peso specifico era anche 87.

Se ci son solo le proteine è il peso specifico è basso 75 o giu di li, vuol dir che è "sgranato".....

quindi bisogna considerare tutti i valori.

poi specie per noi che dobbiamo fare pane, un grano con contenuto alto di ceneri, con poco peso specifico o poche proteine non ha nessun senso, perchè dobbiamo abbassare le rese della semola con costi superiori.

 

400 per metro quadrato dovrebbero essere 200 kg a ettaro circa.

Edited by IlCoNtE
Link to post
Share on other sites

qui da me si seminano dai 300 ai 360 kg ad ettaro e le rese se tutto va bene sono di 30 quintali ad ettaro, ora la mia magari non sarà una zona particolarmente vocata ma siamo proprio sfigati qui a quanto pare:buck2:

Edited by nna88
Link to post
Share on other sites

ma non sono troppi?

Secondo me, può darsi mi sbagli, le piante cercano la luce al inizio dei loro stadi .......se c'e' troppa folla , fanno una competizione che poi si traduce in uno scarso accestimento...con conseguenti produzioni non ottime.

Oppure da voi in inverno non fa proprio il freddo dove accade uno "stadio biologico" che dal basso dei culmi fa "generare" nuove "piantine"(accestimento).

 

Che varietà seminate?

Son collinari?

C'e' troppo sole e poca pioggia annualmente?

Quanto e quale concime usate?

Rotazioni? se si con cosa?

 

Anche qui ci son zone che fanno pure di meno di 30 quintali, noi di solito in terreni "scarsi" per loro natura seminiamo favetta o veccia e facciamo il sovescio, solo cosi ho notato un aumento proporzionale delle rese del grano anche in annate non troppo buone(in generale).

Poi ognuno di noi nella sua zona è sicuramente pratico , le mie possono essere idee da prendere con le pinze.

Link to post
Share on other sites

dovrò provare a seminarne di meno in un campo l'anno prossimo perchè giustamente può essere che si fanno la lotta tra loro le piantine(anche se la prova di seminarne 250 kg/ha l'ho fatta ma di meno no), qui la zona è tra i 700 ed i 900 metri sul livello del mare, d'inverno piove e nevica anche e le temperature scendono sotto zero a volte, le varietà usate sono simeto, claudio, colosseo ,grazia...concime 18-46 e parecchi utilizzano il 12-12 (1,5 q.li/ha) e come nitrato urea 46 (ho provato a buttarne di più ma il risultato è sempre quello aumentano solo le spese) e diserbo totale...

Edited by nna88
Link to post
Share on other sites

utilizziamo anche il nitrato ammonico 27,e la rotazione è fatta ad anni alteri grano-foraggio o favino oppure grano-2anni foraggio..sovescio non se ne pratica,di quanto può incidere sulla produzione

Link to post
Share on other sites

Comunque non ci trovo nulla di sbagliato in ciò che dici , dato che questa "tua" tecnica è usata da molti.

Inanzitutto seminerei sui 230 kg , tranne in semine tardive.

Poi il concime lo distribuirei in due volte e secondo le pioggie. Se fa freddo meglio il nitrato 150 kg in due volte , dopodichè un bel diserbo atlantis e mcpa o 2,4d.

 

Se semini con una seminatrice a righe, la terra è ben spianata e raffinata e dai anche un pò di 18,46 per come dici, non credo che fare grano dopo una leguminosa farai 30 quintali a ettaro.

 

I concimi troppo a lenta cessione, per il grano .......preso di freddo......di troppe piogge, di stress , non credo servono a molto......

Stessa cosa l 'urea, anche se la sua trasformazione non è roba da centenari, però quando ci son temperature sotto i 10 15° , non è che viene assorbita, quindi il nitrato andrebbe meglio secondo me.

 

Anche noi di solito seminiamo il simeto e non avendo colture e tecniche "eccellenti" riusciamo a fare 60 quintali a ettaro nei terreni migliori senza troppi problemi.

 

a che punto sei con le semine?

Link to post
Share on other sites

qui invece i tecnici a padova dicono semina dopo meta ottobre a 170 kg ha qualita levante PR22D66una concimazione unica con 400 kg ha di concime scacco a lenta cessione

diserbo con assocciato trattamento con amistar e zolfo in spigatura viene fatto concime fogliare con amistar e tiptor excel e zolfo che ne pensate voi

Link to post
Share on other sites

con le semine ho finito a metà novembre praticamente..lo so che magari sembra strano o impossibile dopo una leguminosa fare 30 q.li/ha ma la zona questo porta e non succede solo a me(ovviamente escluso i soliti che fanno sempre e comunque più degli altri:perfido:), in particolari annate favorevoli si sono avute produzioni di 35-40 q.li/ha ma non di più..

Link to post
Share on other sites

guarda che non sei l unico al mondo a fare 30 quintali a ettaro , qui molti farebbero carte false per farli.

Hai mai fatto le analisi alla tua terra?

nasce bene o rado?

ci son erbacce resistenti?

hai mai visto spighe bianche e vuote?

accestisce poco ?

 

spiegami un pò se ti va di parlarne.......però rispondi alle domande.

Link to post
Share on other sites

Si certo..allora le piantine nascono bene e il campo si presenta omogeneo,

erbacce resistenti non ce ne sono,

le analisi no mai fatte per il momento,

accestiscono abbastanza bene e però quando si miete si trovano le spighe semi vuote, annerite o bianche con conseguente pessimo stato dei chicchi anche se comunque c'è da dire che quest'annata trascorsa le pinte sono state in ammollo circa sei mesi per quanto ha piovuto si è scesi a produzioni di anche 20 q.li/ha

Link to post
Share on other sites

bè il tuo è un problema di macroelementi nel terreno urge un analisi ben fatta del terreno secondo gli ha io ne farei più di una...... scuramente una mancanza un elementopuò portare a questo ..io insieme al diserbo utilizzerei anche dello zolfo e del cncime fogliare ..vai su http://www.compo.com e li ci sono i fogliari molto buoni per lo zolfosenti il tuo rivenditore e poi magari posta le analisidel terreno.

Link to post
Share on other sites

ma il grano è di produzione propria o conciato?

Anche qui vede spighe nere, mi sembra sia il carbone "volante" , una malattia che credo che la concia "curi" . Alla Trebbiatura le spighe fanno una polverina nera che si vede pure sui vetri della Trebbia e i chicchi abortiti ce ne sono pochi e mal ridotti(se ci sono).

Per il problema spighe bianche , di solito quando piove tanto, qui si presenta in tutta la zona.

Ho visto che semine troppo anticipate, grano troppo "fitto" , creano ancora piu problemi.

Anche i ringrani assolutamente da evitare .

Di solito se ci son campi infetti non è mica facile liberarsene facilmente.

Li ci vado con l arato ed a profondità pure......

Link to post
Share on other sites

Per le spighe bianche anche qui si presentano quando ha piovuto molto..

Il seme faccio più o meno metà e metà senza mischiarli e il risultato quantitativo è uguale, solo il grazia conciato rende un pò di più ho notato..

il problema della semina anticipata nella mia zona è dettata dal fatto che se inizia a piovere non ci entri più nel campo coi mezzi perchè affondano e se non affondano si fa un pessimo lavoro...però proverò anche questa soluzione oltre a meno seme nei terreni che si prestano a essere lavorati anche se è un pò bagnato..lì da te quando si inizia a seminare più o meno?

Link to post
Share on other sites

ciao nna ma hai provato a utilizzare varietà di Frumento Duro veramente produttive tipo: iride, simeto, maestrale ecc tutti rigorosamente conciati? Hai mai fatto unito il fungicida al diserbo? hai mai fatto un fungicida in spigatura?

 

Nei ringrani fai l'aratura almeno a 30 cm? Anche da vuoi come in Sicilia c'è ancora quella vetusta e sbagliatissima mania di bruciare le stoppie?

Link to post
Share on other sites

ciao Dj..il simeto si, le altre due varietà no veramente; conciati si ,solo conciati e cartellinati.

Il fungicida unito al diserbo l'ho usato quest'anno (amistar extra) in spigatura no...

Le stoppie non si bruciano più da parecchi anni e l'aratura che si pratica qui va sempre sui 40-50 cm...

Link to post
Share on other sites

Quest'anno abbiamo seminato,su circa due ettari,una varieta di grano duro,dove il proprieatario non vuole ne concimarlo ne diserbarlo....

non è una tecnica biololgica...è una prova!

:cheazz::cheazz:boooo

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...