Jump to content

Recommended Posts

invece in zona hanon seminato un grano "omeopatico" che dicono che anche che lo si vede morire non gli si deve dar concime che si fa una buona produzione ugualmente.

 

Vedremo dopo che cosa spunterà....

Link to post
Share on other sites
  • Replies 13.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Terminata trebbiatura  Allora: la media totale è di 69 q/ha che vista la siccità, l'allettamento in alcuni punti drammatico avuto, la septoria sulla varietà principale e le medie della zona, poss

Grano duro Zetae, è una risemina dei primi di marzo su terreno che il grano seminato a novembre era completamente marcito a causa delle grandi piogge post semina, e impossibilitati di fare altre coltu

Comunque oltre alla data di semina torno a ripetere che in molte zone d'Italia ci sono ancora gravi lacune agronomiche, come diserbi e concimazioni... Vedi Gianni tu per fare grano ari, e vieni d

Posted Images

Ovvero l'agricoltura biodinamica dove alla agricoltura si lega la stregoneria....

Se fosse così chi sarebbe quello scemo che non lo coltiverebbe!

Anche in agricoltura occorre avere un approccio scientifico anche se le variabili in gioco sono maggiori di quelle presenti in laboratorio.

Detto questo il grano potrebbe rendere se in quel campo in precedenza c'era un pascolo poliennale e in più il bestiame risiedeva lì in modo stabile allora si il grano rende parecchio ma anche un ottimo prodotto.

Link to post
Share on other sites
Quest'anno abbiamo seminato,su circa due ettari,una varieta di grano duro,dove il proprieatario non vuole ne concimarlo ne diserbarlo....

non è una tecnica biololgica...è una prova!

:cheazz::cheazz:boooo

 

E' poi si lamentano.... il duro non produce, queste zone non sono adatte ecc... se facessero le prove come dio comanda invece che queste prove alla c....

 

Scusate ma quando leggo ste cose mi infervoro....

 

O uno è bio e allora è un conto, o altrimenti se uno è in convenzionale che senso ha non distribuire concime o fare difesa fitosanitaria?

Link to post
Share on other sites

Anche dalle mie parti c'e' chi semina solo grano .....e basta. Senza conciato, ne concime, ne nitrati e senza diserbo, Perche' secondo loro risparmiare sui prodotti e lavorazioni successive rende conveniente la semina.

 

Con risultati pessimi pero'.

Produzioni inferiori anche del 50% rispetto a chi fa' i trattamenti.

Link to post
Share on other sites

Lo scorso anno il clima disgraziato ci ha portato a seminare solo a fine febbraio (il 28 in realtà) e visto che ogni tanto pioveva pure ho finito il 15 di marzo.

Ebbene su ristoppio, considerando i caldi di maggio e il fatto di avere per problemi miei (o seminavo il girasole o diserbavo il grano....) solo il 7-8 di maggio con grano avantaggiato (10 giorni dopo era tutto spigato) ho diserbato, ho ottenuto 35 q.li/ha e dopo girasole i 40 q.li/ha.Questo concimando in modo adeguato e considerando che il diserbo tardivo con botte con barra da 8 metri mi avrà fatto perdere aleno 3- 4 q.li ettaro.

Dopo girasole semino grano aziendale ottenuto da grano trattato con real geta su terreno dopo girasole ed effettuo, a prescindere se lo richiede oppure no, il trattamento fungicida lo scorso anno con procloraz+ibs (adesso non mi ricordo quale).

Questo per dimostrare che sulla fertilizzazione e sui trattamenti colturali non bisogna lesinare poichè si ottengono solo svantaggi.

Link to post
Share on other sites

Illuminante la pagina d’apertura dell’Informatore Agrario n° 46/2009. Una lettera, la relativa risposta: un rapido scambio di vedute su argomenti comuni. Diverso il punto di vista, abissale la differenza tra gli interlocutori.

 

Chi scrive è un’agricoltore sardo, uno dei tanti, troppi, in continua sofferenza per la mancata redditività della propria azienda.

Esprime il suo dissenso in merito ad un’articolo dove si asseriva come l’assistenza tecnica sia fondamentale per conseguire obiettivi vantaggiosi.

Riporta produzione ad ettaro, riferendosi al grano duro, troppo basse: parla di 20 q/ha, ammette lui stesso come sia necessario almeno raggiungere 50 q/ha.

Scontate le conclusioni, la colpa di tutto, tanto per cambiare, è del clima e della zona. Si potrebbe fare di più ? Certo, afferma: basterebbe introdurre l’irrigazione nella pratica colturale. Ma l’irrigazione si sa, costa, ed al momento non è sostenibile affrontarla.

L’agricoltore prosegue, a differenza di tanti altri suoi colleghi, gliene si deve dare atto, presenta una soluzione: la qualità e la filiera corta. A dire il vero pone più fiducia verso quest’ultima più che sulla prima.

Conclude speranzoso, ma dell’assistenza tecnica come elemento fondamentale nella propria strategia, no, non se ne parla.

 

 

Chi risponde, forse non è agricoltore. Forse passa meno giorni in campagna di chi lo accusa di essere “non determinante”, ma dell’agricoltura ha fatto il suo lavoro.

La sua risposte è di una ovvietà spiazzante. L’ovvio si sa, non lo controlla nessuno, ed ultimamente pare difficile anche da accettare.

Come non potrebbe infatti citare di realtà produttive che raggiungono produzioni pressoché doppie rispetto alla situazione presentata ?

Come non potrebbe, richiede coraggio va detto, ammettere che compito dell’assistenza tecnica è anche far capire all’agricoltore come forse il grano duro non è una coltura adatta alla sua realtà ?

Come non potrebbe, e qui si rischia la pelle, affermare che a 20q/ha non si deve produrre ?

Prosegue, veramente coraggioso, sostenendo l’idea dell’agricoltore sardo in merito a filiera corta, ribadendo però come sia necessario anche in questo caso affidarsi a persone preparate e qualificate a svolgere un compito di certo non facile.

 

Incurante della propria incolumità, conclude: c’è bisogno di un cambio di mentalità e non tutti, riscontra, sono pronti a farlo. I prossimi anni saranno duri, la selezione sarà forte, qualcuno cadrà.


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti,

in Sardegna, queste motivazioni sono all'ordine del giorno, forse perchè in molte zone, tra cui la mia (vicino Cagliari) ci si ostina a seminare grano su grano, senza nessuna rotazione con lavorazioni molto particolari, come arature la cui profondità non importa a nessuno, che se se gratti con le unghie in terra riesci ad andare più sotto, concime il meno possibile, diserbo solo quando ci si ricorda, trattamenti funginei sconosciuti, prove di semina su sodo senza diserbare prima, analisi dei terreni quasi inesistenti, poi è logico che raccolto non se ne ottiene. solo su una cosa sono d'accordo con l'articolo: la siccità. purtroppo dovresti mettere irrigatori in ogni terreno, cosa che mi pare un pò difficile a livello economico, e sopratutto gestionale perchè gli appezzamenti sono molto frazionati, ed anche la poca presenza di acqua superfiale sfruttabile, forse per questo molti stanno lasciando i terreni incolti.

gianlu

Edited by gianlu81
Link to post
Share on other sites

allora diciamo che io mi posso ritenere mezzo imprenditore rispetto a tutto ciò che dite voi!

 

Ecco una foto , mi darete del matto...... no poi appena nasce vi inizio la super carrellata della foto del anno del Conte farming grano during!

aratura,coltivatore,vibro(la foto del claas che non sapeva lavorare la terra).

t40070_ecco-la-semina.jpg

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Quest'anno ho l'impressione che andrà peggio dell'anno scorso.

Ho un pezzo di terra che già circa il 40% delle piantine sono molto vicine al decesso.

A gennaio oltre alle piogge continue, anche 4 notti sotto zero (2+2) e altrettante poco più dallo zero.

Alle quote più basse va meglio?

Link to post
Share on other sites

HP 90 hai dato concime di presemina? epoca di semina? Pure qui è stato più freddo del solito e anche in molti altri grandi areali cerealicoli d'Italia (a Ravenna grano duro ce ne molto ma non ho notizie di grossi problemi).

Link to post
Share on other sites

purtroppo non ho foto però posso dire che da me che siamo piu bassi il freddo lo fa abbastanza perchè ho vicino Enna , città piu alta d Italia credo e da noi le gelate son forti .

 

Il mio grano non ha nessun problema ne di colorito ne di piante morte, per adesso piu che soddisfatto a breve le foto .......... ma io ci parlo col grano!

Link to post
Share on other sites

Guardandolo a distanza sembra peggio, ma da vicino non c'è da rallegrarsi, anche perché per i primi di febbraio ci potrebbe essere neve.

1° errore: Quel terreno non andava seminato, in questo periodo di piogge non è riuscito a fare neanche foraggere,

è se a confine c'è un boschetto, un motivo ci sarà.

2°: Bisognava mettere un seme tardivo, tipo il simeto,

questo seme che c'è - di cui si è persa la traccia della specie - andava bene nei periodi con poca pioggia, e lo riseminavamo perché faceva una buona paglia, ma dato che paglia non ne usiamo, meglio il simeto, o simili.

3° un quantitativo maggiore di concime non avrebbe stravolto la situazione.

 

Qualcuno mi dice se ci sono sementi più tardive del simeto?

 

t43785_2010-01-frumentoallagato.jpg

 

Questa è la zona più allagata

Edited by HP90
Link to post
Share on other sites

Chiaramente quel grano non è seme selezionato ma preso dal tuo vecchio vero? Da quanti anni usi il tuo seme senza prenderne di selezionato?

 

Comunque esistono molte varietà più tardive del simeto ad esempio:

 

latinur

saragolla

levante

Link to post
Share on other sites

Vorrei farle una domanda, alla cooperativa in cui mi servo, ho chiesto se avevano lo yara bela 26 per la concimazione del grano, ma mi hanno detto che loro hanno sempre usato lo yara bela 33.5, e allora ho preso quello.Ho visto però che il 33.5 viene usato per la concimazione del girasole, del mais, ma non c'è menzione di utilizzo anche per il grano.

Lei cosa ne pensa??

Link to post
Share on other sites

Grazie per il chiarimento.Sono andato a prenderlo ieri l'altro perchè h incominciato a sentire in giro che ci sarà un aumento del concime e di urea a partire da febbraio.

Il 33.5 l'ho pago 24.66+iva, l'urea mi hanno detto che la venderanno per i soci a 29.50+iva.

Dalle tue parti i prezzi sono in linea con questi??

 

Mi consigli inoltre di dare un altra mandata di nitrato verso fine febbraio,primi di marzo, o di andare direttamente con l'urea a fine marzo??

Link to post
Share on other sites

Tardivo io intendo come sviluppo della pianta!

Perchè con annate piovose nella mia zona è meglio concludere la semina entro fine novembre.

Il seme precoce - penso - conviene seminarlo nei periodi siccitosi così a marzo la pianta è a buon punto e se non piove più non ha molta strada da fare per arrivare a maturazione.

Questa differenza la noto con il simeto, che in questo periodo sembra malconcio, ma alla fine al bilico è il migliore, al contrario di specie che in questo periodo passano avanti.

Ma per il prossimo anno proverò una piccola percentuale di qualcosa tardivo, questi li ho sentiti nominare, latinur, saragolla, e di più del levante. Mi informerò con il commerciante.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...