Jump to content

Recommended Posts

7 minuti fa, DjRudy ha scritto:

Hai terra davvero buona caro mio... qui non si fanno manco 50 di media passando tranquillamente le 220 unità.

 

 

Con 3 concimazioni non si passano i 50 massimo 55 quintali x ettaro. 

Quest'anno, se va bene si riesce a fare solo una concimazione di copertura, è matematico che sarà un'annata fallimentare.

Io ho ridotto a 150 kg x ettaro la concimazione di fondo (Entec 25-15) e a Febbraio almeno un 150 kg di Urea 46 bisogna darli obbligatoriamente. 

Sarà un'annata sperimentale. Vediamo con 300 kg ad ettaro di concime cosa si produrrà. 

Edited by FabioFG
Link to post
Share on other sites
  • Replies 13.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Terminata trebbiatura  Allora: la media totale è di 69 q/ha che vista la siccità, l'allettamento in alcuni punti drammatico avuto, la septoria sulla varietà principale e le medie della zona, poss

Grano duro Zetae, è una risemina dei primi di marzo su terreno che il grano seminato a novembre era completamente marcito a causa delle grandi piogge post semina, e impossibilitati di fare altre coltu

Comunque oltre alla data di semina torno a ripetere che in molte zone d'Italia ci sono ancora gravi lacune agronomiche, come diserbi e concimazioni... Vedi Gianni tu per fare grano ari, e vieni d

Posted Images

Io semino su aratura trivomere su minima non si arriva a quelle produzioni uso il fungicida che in zona il 99 %non fa nessuno negli ultimi anni aprile è stato generoso 30-50 mm di acqua li ha sempre fatti 

Link to post
Share on other sites
39 minuti fa, FA150 ha scritto:

Ma infatti ho scritto che punto a fare i 60 ql poi magari come quest' anno mi fermo a 54 di media o come l anno scorso a 51 

e allora hai la panica piena puoi investire in azoto. Per me l'annata scorsa è stata disastrosa: semina tardiva causa pioggia, gelata aprile, siccità primaverile e nebbia fine aprile inizio maggio. Risultato 17 q.li/ha di media. mi ha salvato solo il prezzo. Ho venduto a 51

 

Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, FA150 ha scritto:

Un ultima cosa non per fare pubblicità ma l antalis nelle mie zone si esalta

Anno prossimo prova un po' di Bering.

Link to post
Share on other sites

Oggi seminato un paio di terreni. Fatti con idraulica di un mio collega. A parte che hanno messo poco seme ( 230 kg invece dei 240-250 dato che io non c'ero a controllare ) sotto il terreno è fango. Ho fatto seminare perchè da qui ad andare in tempera per poter lavorare ci passavano altri 3-4 giorni solo per poterli passarecon il vibro. Venerdì passiamo al gibraltar. Quelli che ho seminato a dicembre li vorrei rullare ma se sotto il terreno è molto umido è meglio aspettare ancora?

Link to post
Share on other sites

Qualcuno ha qualche esperienza con i prodotti biostimolanti/azotofissatori? Il tecnico della Piooner mi ha proposto BlueN, un prodotto che dovrebbe riuscire a fissare l'azoto atmosferico fornendo dalle 35 alle 70 unità di azoto. Sul sito del Consorzio Agrario del Nord Est, da alcuni anni viene pubblicizzato Nutribio N, anch'esso un azotofissatore aventi caratteristiche simili. Dicono che possono essere usati anche su frumento.

Forse in un'annata come questa, con i prezzi dell' azoto alle stelle, l'utilizzo di questi biostimolanti può farci risparmiare sulla concimazione.

Avete qualche esperienza? Cosa ne pensate? Secondo voi può essere una cosa utile o sono solo soldi buttati?

Edited by Marco 1983
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Pare sia ammesso anche in agricoltura biologica, visto quanto costano i fertilizzanti bio e la quasi impossibilità di reperirli qui da me, lo proverò sicuro, facendo delle fasce in mezzo al campo non trattate per vedere la differenza.

Prima però mi voglio sincerare con l'organo certificatore che sia realmente ammesso.

 

Il commerciante che me l'ha proposto mi ha detto che se uno da 150/180 unità d'azoto, questo prodotto non ha senso di essere dato a detta del rappresentante

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, DjRudy ha scritto:

Terre con 2-3 % di sostanza organica funzionano un po', se hai terra balorda lascia perdere.

Grazie, allora nel mio caso è meglio lasciar perdere.

Mi puoi dare un consiglio di concimazione?

Ho un terreno argilloso, pianura ferrarese. Seminato Odisseo a 250 kg/ha il 12 novembre. Nato in ritardo per la mancanza di pioggia ( è come se lo avessi seminato ai primi di dicembre). L'emergenza sembra essere comunque buona. In presemina ho dato 3 q/ha di 11-25 di Unimer. Dicono che Odisseo abbia un buon grado di accestimento. ( è il primo anno che lo semino). Volevo però dare ugualmente una prima concimazione in fase di accestimento.

Ho letto qui sul forum che l' urea è meglio del nitrato. Puoi spiegarmi il motivo? ( economico o anche agronomico)? Che dosaggio mi consigli?

Grazie

 

Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Simone 83 ha scritto:

Il commerciante che me l'ha proposto mi ha detto che se uno da 150/180 unità d'azoto, questo prodotto non ha senso di essere dato a detta del rappresentante

in che senso? che devi dare di meno o di più delle 150/180 unità?

Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Marco 1983 ha scritto:

Grazie, allora nel mio caso è meglio lasciar perdere.

Mi puoi dare un consiglio di concimazione?

Ho un terreno argilloso, pianura ferrarese. Seminato Odisseo a 250 kg/ha il 12 novembre. Nato in ritardo per la mancanza di pioggia ( è come se lo avessi seminato ai primi di dicembre). L'emergenza sembra essere comunque buona. In presemina ho dato 3 q/ha di 11-25 di Unimer. Dicono che Odisseo abbia un buon grado di accestimento. ( è il primo anno che lo semino). Volevo però dare ugualmente una prima concimazione in fase di accestimento.

Ho letto qui sul forum che l' urea è meglio del nitrato. Puoi spiegarmi il motivo? ( economico o anche agronomico)? Che dosaggio mi consigli?

Grazie

 

Prove fatte e rifatte il grano viene meglio se anche a gennaio dai urea invece del nitrato, perchè l'urea con il freddo è un lenta cessione naturale, e grano accestisce di più.

direi che se punti a fare quintali di dare 200 kg/ha i primi di febbraio, e poi 150 kg/ha entro fine marzo.

Fungicida a fine levata, e fungicida in spigatura.

 

 

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
Grazie, allora nel mio caso è meglio lasciar perdere.
Mi puoi dare un consiglio di concimazione?
Ho un terreno argilloso, pianura ferrarese. Seminato Odisseo a 250 kg/ha il 12 novembre. Nato in ritardo per la mancanza di pioggia ( è come se lo avessi seminato ai primi di dicembre). L'emergenza sembra essere comunque buona. In presemina ho dato 3 q/ha di 11-25 di Unimer. Dicono che Odisseo abbia un buon grado di accestimento. ( è il primo anno che lo semino). Volevo però dare ugualmente una prima concimazione in fase di accestimento.
Ho letto qui sul forum che l' urea è meglio del nitrato. Puoi spiegarmi il motivo? ( economico o anche agronomico)? Che dosaggio mi consigli?
Grazie
 
Se il grano ha fame e accestisce poco dai subito nitrato, non aspettare. Al centro sid si può tentare dopo di dare un pò di urea ma l'effetto è molto più lento ma siciramente col freddo è meglio che i lenta cessione che sono troppo lenti.
Il clima attuale è poù ideale al nitrato che è a pronto effetto.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, green deer ha scritto:

in che senso? che devi dare di meno o di più delle 150/180 unità?

No, il tecnico della Corteva gli ha detto che nei campi dove si concima con quelle unità di azoto li, non si vede molta differenza dove si applica tale prodotto

Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, DjRudy ha scritto:

Prove fatte e rifatte il grano viene meglio se anche a gennaio dai urea invece del nitrato, perchè l'urea con il freddo è un lenta cessione naturale, e grano accestisce di più.

direi che se punti a fare quintali di dare 200 kg/ha i primi di febbraio, e poi 150 kg/ha entro fine marzo.

Fungicida a fine levata, e fungicida in spigatura.

Concordo pienamente, e aggiungendo anche un 150 kg di concime in presemina, è l'unico piano culturale per coltivare frumento duro.

Da noi si dice, "quello che metti, quello ci trovi". 

Edited by FabioFG
  • Like 2
Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Simone 83 ha scritto:

No, il tecnico della Corteva gli ha detto che nei campi dove si concima con quelle unità di azoto li, non si vede molta differenza dove si applica tale prodotto

quanto ti chiedono ad ettaro indicativamente?

Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, DjRudy ha scritto:

Ah boh non lo so, ma se lo fai su terraccia di risultati ne vedrai ben pochi.

io ho notato che i pgpr lavorano meglio dove la SO è alta, sarà per lo stesso fatto. Consigliano di usarli nella terraccia per vedere i maggiori benefici però non si vedono grandi differenze poi. Forse i suoli con elevata SO sono meno ostili per la colonizzazione o per la vita stessa visto la maggior facilità di mantenere l'ambiente acido dei MO.

Comunque in bio volevo provarlo penso sarà l'anno buono questo

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, ortodib ha scritto:

Ma perché il livello di SO nel terreno dovrebbe influire sulla sua efficacia? a quanto ho capito BlueN lavora per via fogliare, non interagisce col terreno...

https://symborg.com/en/biofertilizers/bluen/how-it-works/

anche da quello che hanno spiegato a me sono batteri che entrano negli stomi della pianta e lavorano nei cloroplasti fissando l'azoto atmosferico, non a livello radicale, però di non pensare di usare solo quello, che fornisce massimo 40/50 unità, io penso di provarlo nel grano di forza ed evitare di dare l'ultima passata di urea in spigatura

costo mi hanno detto circa 30/40€/ha, costo che se dovesse essere confermato va bene solo quest'anno o per chi fa biologico, con l'urea a prezzi normali non ha molto senso

1 ora fa, DjRudy ha scritto:

Prove fatte e rifatte il grano viene meglio se anche a gennaio dai urea invece del nitrato, perchè l'urea con il freddo è un lenta cessione naturale, e grano accestisce di più.

direi che se punti a fare quintali di dare 200 kg/ha i primi di febbraio, e poi 150 kg/ha entro fine marzo.

Fungicida a fine levata, e fungicida in spigatura.

 

 

questa cosa che dici vale su qualsiasi clima o da noi al nord l'urea a fine gennaio inizio febbraio col terreno ghiacciato è troppo freddo?

io negli ultimi anni mi trovo bene con l'n-goo 30 della kappa che è mezzo ammoniacale mezzo ureico

  • Like 3
Link to post
Share on other sites
3 ore fa, stikkio ha scritto:

anche da quello che hanno spiegato a me sono batteri che entrano negli stomi della pianta e lavorano nei cloroplasti fissando l'azoto atmosferico, non a livello radicale, però di non pensare di usare solo quello, che fornisce massimo 40/50 unità, io penso di provarlo nel grano di forza ed evitare di dare l'ultima passata di urea in spigatura

costo mi hanno detto circa 30/40€/ha, costo che se dovesse essere confermato va bene solo quest'anno o per chi fa biologico, con l'urea a prezzi normali non ha molto senso

questa cosa che dici vale su qualsiasi clima o da noi al nord l'urea a fine gennaio inizio febbraio col terreno ghiacciato è troppo freddo?

io negli ultimi anni mi trovo bene con l'n-goo 30 della kappa che è mezzo ammoniacale mezzo ureico

ci sono anche Micorizze dentro e quelle funzionano solo al terreno, invece gli azotofissatori sia su foglia che al terreno.

 

urea per diventare ammonio impiega circa 5 giorni con 5 gradi di temperatura, sotto i 5 gradi l'ureasi è bloccata. Considera che l'urea fin quando non si è trasformata in ammonio è dilavabile tanto quanto il nitrato. Io per orientarmi guarderei le temperature medie giornaliere e deciderei

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, PGS 35 ha scritto:

ci sono anche Micorizze dentro e quelle funzionano solo al terreno, invece gli azotofissatori sia su foglia che al terreno.

 

urea per diventare ammonio impiega circa 5 giorni con 5 gradi di temperatura, sotto i 5 gradi l'ureasi è bloccata. Considera che l'urea fin quando non si è trasformata in ammonio è dilavabile tanto quanto il nitrato. Io per orientarmi guarderei le temperature medie giornaliere e deciderei

Io quest'anno per il duro non ho trovato prodotti tipo lo stimulus. Quindi andrò con urea e urea con zolfo. Io credo che si debba guardare anche la quantità di insolazione . Ora da me sta facendo freddo ( sotto i 5 gradi ) per circa 8 ore a notte ma poi massime intorno ai 12-13 gradi con un sole che è veramente caldo. Per me data a fine gennaio con una pioggia l'urea è ideale però ovviamente ci deve essere una pioggia. E se non piove? Io la ho già presa però per spanderla voglio acqua. Il nitrato viene circa 3 euro ad unità e mi pare troppo. Riguardo al  discorso del fogliare azotofissatore può essere dato in qualsiasi momento ( purchè abbia superficie fogliare adeguata ovviamente ) o va dato entro un certo stadio dellla coltura?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...