Jump to content

Recommended Posts

  • Replies 585
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Nascita T45 (e giavone) su cover di orzo terminata inn botticella con Roundup; terra molto argillosa, soia a 75 cm con monosem nx circa 38 p/mq

Senape bianca seminata  il 30 settembre a 15kgha su mais trinciato direttamente con dischiera. Non ho la più pallida idea di come sia ma mi sembra venuta su abbastanza bene nonostante la semina piutto

Tabella interessante by Arvalis. Confermo pure io che negli anni, una buona cover di favino in purezza fornisce circa 50 unità di azoto mediamente.

Posted Images

Ecco la nostra veccia villosa, appena si potrà entrare 2,5 litri/ha di gliphosate, e semina su sodo di girasoli con crimper roller.

 

20130409136553110829474.jpg20130409136553111185266.jpg20130409136553112984261.jpg20130409136553113133788.jpg

 

Quando è stata seminata e con che tecnica?, le graminacee che si intravedono sono nascite spontanee?, grazie

Link to post
Share on other sites

Dopo grano, subsoiler a luglio, a settembre erpice rotante e semina con accord da 4,5 metri a 50 kg/ha, le graminacee presenti è grano perso dalla trebbia rinato.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites
Giornata dimostrativa di gestione delle Cover Crop presso il CIRAA (Azienda dell'Università di Pisa), se il tempo sarà clemente, ci sarà il confronto tra semina su sodo con crimper roller su cover crop di veccia, oppure interramento veccia con interratrice e semina con seminatrice tradizionale.

 

Ecco il programma della giornata: http://dl.dropbox.com/u/55359462/Invito%20Evento%20TILMAN%2017%20apr.pdf

 

quasi quasi ci vengo...tanto qui siamo ancora a mollo...e la veccia è alta 10 cm....

Link to post
Share on other sites
  • 1 year later...

Penso che se levano il gliphosate, le prove su sodo di cover crop siano l'ultimo dei problemi....

 

Inoltre in quel video si parla di tutto meno che di Gliphosate, in quanto il progetto TillMan riguarda prove di riduzione delle lavorazioni su biologico e non su convenzionale.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

sapete se cìè qualche distributore in italia?a me interessano,ho un paio di appezzamenti che necessitano di cure simili.mi piacerebbe anche capire bene in italiano le caratteristiche specifiche dei vari miscugli.prezzi e durata ciclo.

Link to post
Share on other sites
sapete se cìè qualche distributore in italia?a me interessano,ho un paio di appezzamenti che necessitano di cure simili.mi piacerebbe anche capire bene in italiano le caratteristiche specifiche dei vari miscugli.prezzi e durata ciclo.

Guarda che c'è tantissimi roba e pardossalmente del 1992, molti specie in EM erano già pronti a farlo come Germania solo che gli italiani aspettavano gli incentivi. Stiamo palando di modifiche di macchine che altrove ci sono da 30 anni e di prove che in Italia non si sono diffuse pur se sempre fatte.

I prezzi del seme sono l'unico discrimine, prezzo e qualità del seme perché spesso si prendono cantonate per seme sotto gli standard.

Se trovo i titoli te li mando sono comuni ma molto dettagliati e ti dice come altrove ci tengano all'agricoltura non come spauracchio per l'expo.

Link to post
Share on other sites
  • 3 months later...

 

1) riduzione dell’erosione del suolo, che anche in pianura è notevole, tant’è che quando piove i fiumi portano via miliardi di particelle di suolo fertile; 2) creazione di una struttura stabile del suolo grazie all’azione disgregante delle radici delle cover; 3) diminuzione dei fenomeni di compattamento con la formazione di uno strato di terreno soffice ideale per l’espansione radicale della coltura principale; 4) miglioramento della capacità di infiltrazione e di tesaurizzazione dell’acqua; 5) riduzione del dilavamento dell’azoto in falda; 6) fissazione della CO2 ; 7) incremento della attività biologica del suolo con il ritorno della microfauna utile tra cui i lombrichi; 8) riduzione della presenza di erbe infestanti»

 

Be a parte il punto 5 io sono diversi anni che ottengo gli stessi risultati scritti sopra senza dover intermezzare le culture con il rafano.... come? semplice ho mandato in pensione l'aratro....trincio,ripuntatura ogni 6-7 metri con sfera di profondità, estirpatura combinata dischi e lance,concimazione,erpice rotante e semina...per il grano mentre vibrocultore invernale al posto del rotante per le semine primaverili... lasciando sempre le stoppie in superficie e rimescolando solo 20-25 cm di terreno dopo 3-4 anni ho ottenuto un terreno molto arrieggiato,soffice e che sente molto meno il compattamento... e da quando uso questa tecnica non ho più problemi di formazione di crosta in caso di piogge primaverili, il seme va sempre nel fresco e nasce perfettamente... unico neo sono le infestanti sicuramente più presenti che facendo l'aratura, ma con una buona dose di glifosate subito dopo o durante la semina il problema è pressoche risolto... naturalmente per usare la tecnica colturale sopra descritta dovete usare seminatrici a dischi sia per il grano che per la semina di precisione... il classico falcione è da mandare in pensione insieme all'aratro...

Link to post
Share on other sites

Io mantengo la tecnica tradizionale, siepi, filari, prati e fossi sempre fresati o falciati, rotazione, bulatura con riso ma ripunto e aro. Minima e sodo solo con alcune cover crop in zone particolari. Il diserbo totale solo sul fondo o nelle zone inaccessibili dei fossi e in vicinanza di ponti e incastri. Con letame, calce e rotazione mantengo una buona struttura specie se si evita di lasciare scoperto le campagne che vanno a trinciato integrale di mais.

Link to post
Share on other sites

scusate la mia ignoranza ma si puo eliminare l'aratro su tutti i tipi di terreno ... nel mio caso ho terreno molto pesante sul grano quest'anno volevo provare una trasemina a febbraio di trifoglio per provare una tecnica di conservazione ma mi devo ancora convincere dell'idea che mi dite grazie

Link to post
Share on other sites

Forse granatiere per parlare del tuo problema,non è questa la discussione,magari si potrebbe discutere,come sostituire l'araura usando altri attrezzi,allora si puo discutere qua http://www.tractorum.it/forum/showthread.php?t=1448&page=58&p=412687#post412687

 

La coover crop ha tanti benefici,ma è una tecnica che trova la sua maggiore efficenza seguita dalla semina su sodo oppure da una minima lavorazione.

Secondo me,granatiere se non entri nel meccanismo di questa tecnica,è difficile abbandonare l'aratura.

Pero potresti evitarla facendo lavorazioni alternative!

Edited by Toso
Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...

Seminare loietto annuale, quindi affienare 1* taglio e portare a seme il 2* poi seminarci su sodo frumento? E il seme raccolto di loietto riseminarlo in rotazione? Non conosco loietto e fare impianto erba medica mi diventa sconodo x durata ecc...

Se trincio 1*taglio con trinciastocchi e lascio li, riesco a fare la seconda gase o mi crea problemi?il mio obiettivo è di appoftare sostanza organica e mantenefe copertura in inverno e primavera

Link to post
Share on other sites

Per fare loietto da seme (ne fanno molto in zona Ferrara) occorre seminarlo verso fine ottobre, spingerlo quasi per niente di azoto e trebbiarlo in pianta, senza fare il fieno prima.

 

Se fai il fieno a maggio, il ricaccio di seme ne fa ben poco anche in terreni fertili a meno di non avere un'estate come la scorsa.

 

Oppure lo semini a settembre, lo trinci a gennaio e poi lo trebbi, ma non ha molto senso questa ultima pratica.

 

Occhio che il seme di loietto lo pagano bene, e se fai 7-8 q.li/ha guadagni più del grano.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

Lo perdi anche tanto e lo risemini. In zone dove è presente naturalmente si incrocia facilmente con quelli resistenti.

Il secondo taglio lo si fa nei terreni fertili e da seme lo si fa per ridurre la biomassa e gli steli che ingolferebbero la trebbia che sul loietto lavora ai limiti.

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Se piove non mancherò qui

 

Mercoledì 25 marzo presso l’Az. Cascina San Carlo di Paolo Marconi "- Torre Pallavicina (BG) –si terrà una “Giornata Dimostrativa in campo sulle cover crops” del progetto HelpSoil organizzata da ERSAF. In allegato trovate il volantino relativo alla giornata e le indicazioni per raggiungere l’azienda.

Da programma è previsto alle ore 10.00 una presentazione e a seguire visita alle parcelle e dimostrazione di terminazione meccanica di cover crops.

La visita terminerà intorno alle ore 12.30.

 

 

Volantino

Link to post
Share on other sites
  • 8 months later...

Lancio un idea, forse folle, in tal caso perdonatemi. Si puo fare una cover crop (favino o veccia), poi trattata con gliphosate e trinciata, e poi seminare direttamente girasole senza lavorazioni, ma con una seminatrice meccanica tipo gaspardo santa maria?

Purtroppo questo sarebbe l unico modo che mi viene in mente per provare le cover crop, visto che come gia detto non conosco terzisti qui che abbiano la seminatrice da sodo. Mi rendo conto che non e l ideale, ma fare prove mi affascina, per cui chiedo a voi la fattibilita tecnica. Grazie

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...