Jump to content

Piccolo produttore cerca consiglio


Recommended Posts

Salve a tutti,

 

Sono Alessandro  un piccolo agricoltore calabrese. Ho una produzione di circa 30 quintali di uva in parte vinificate  ed imbottigliate. Storicamente il vino è stato venduto direttamente al dettaglio a privati. 
 
Ho due domande per lei:
- che requisiti dobbiamo sono necessari per scrivere sull'etichetta IGT o doc ed a chi devo rivolgermi? 
- Cosa cambia se l'uva vinificata fosse comprata da agricoltori terzi sempre della zona con vigneti registrati, potrei comunque vinificata cn la mia etichetta e venderla?
- Di cosa abbiamo bisogno per vendere il vino in bottiglia direttamente a ristoranti e bar? 
 
In attesa di un suo riscontro.
Cordiali saluti,
Alessandro Zito
 
 
 
Link to post
Share on other sites

Bisogna che tu abbia i requisiti per iscrivere il tuoi prodotto come tale devi rivolgerti al consorzio che tutela quel prodotto per sapere se hai i titoli.

Se hai una partita iva agricola puoi comperare e vinificare uva in proporzione alla tua superficie quindi in base ai mq che possiedi puoi anche comperare da altri produttori e trasformare per dire se hai un ha e produci 30 ettolitri di vino puoi arrivare a 60.

Devi avere una partita iva agricola, fare la scia per i locali dove tieni il vino e dopo puoi vendere a chi vuoi.

P.s. ho risposto in sequenza

Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Johndin ha scritto:

Bisogna che tu abbia i requisiti per iscrivere il tuoi prodotto come tale devi rivolgerti al consorzio che tutela quel prodotto per sapere se hai i titoli.

Se hai una partita iva agricola puoi comperare e vinificare uva in proporzione alla tua superficie quindi in base ai mq che possiedi puoi anche comperare da altri produttori e trasformare per dire se hai un ha e produci 30 ettolitri di vino puoi arrivare a 60.

Devi avere una partita iva agricola, fare la scia per i locali dove tieni il vino e dopo puoi vendere a chi vuoi.

P.s. ho risposto in sequenza

Metti un forte accento sui locali e sulla loro messa a norma.

Solitamente e' lo scoglio contro cui sbatte chi ha buone intenzioni.

Se regolarmente iscritte a B1 le uve sono in automatico igt e come tali rivenducabili in bottiglia. 

La dicitura doc dipende sempre dal B1. Se iscritte vale quanto sopra previa valutazione dei vini da parte di apposita commissione. Se non iscritte bisogna verificare se il consorzio accetta nuove rivendicazioni.

Insomma la dicitura dipende sempre dal B1 aziendale.

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...
5 minuti fa, CBO ha scritto:

Sono in dubbio e cerco consiglio

20210104_184244.jpg

Io ho regalato.alla.mia.compagna il portafoglio di Gucci, sublime, ti consiglio l.orologio di Gucci , o di virare verso Emilio Pucci , autentica chicca❤️

Link to post
Share on other sites
16 ore fa, ALAN.F ha scritto:

Io ho regalato.alla.mia.compagna il portafoglio di Gucci, sublime, ti consiglio l.orologio di Gucci , o di virare verso Emilio Pucci , autentica chicca❤️

Sei avaro in fito e sperperi in cose futili.

Ho fatto un solo regalo di valore alla mia nipotina. Un annellino comprato a Venezia ma si poteva comprare anche anche a Conegliano a meta' prezzo. 

Un momento di debolezza.

Dici che Pucci faccia per me? Il babbo qualche volta mi riprende per le mie punte di esuberanza nel vestire. 

20210105_083729.jpg

  • Haha 1
Link to post
Share on other sites

Qui la scelta si fa gia' meno difficile. Maglione semplicemente favoloso.

Ma vedo se trovo una fotina. 

20210105_115459.jpg

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • 3 weeks later...

Per San Valentino si stappa. Facciamolo con nuova eleganza e con un pensiero rivolto alle piccole realta' locali dove l'agricolo e' ancora vignaiolo.

Due esempi tra i tanti. 

https://www.horecanews.it/debutta-il-nuovo-prosecco-rose-doc-di-mionetto/

https://www.google.com/amp/s/amp.trevisotoday.it/aziende/bottega-prosecco-rose.html

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Per San Valentino si stappa. Facciamolo con nuova eleganza e con un pensiero rivolto alle piccole realta' locali dove l'agricolo e' ancora vignaiolo.

Due esempi tra i tanti. 

https://www.horecanews.it/debutta-il-nuovo-prosecco-rose-doc-di-mionetto/

https://www.google.com/amp/s/amp.trevisotoday.it/aziende/bottega-prosecco-rose.html

Non ne posso già più di sto rosè. La fame di soldi vi rende disgustosi...

Siete diventati uno stress.

 

Inviato dal mio M2007J17G utilizzando Tapatalk

 

 

 

Link to post
Share on other sites
19 ore fa, Gianni il Folle ha scritto:

Non ne posso già più di sto rosè. La fame di soldi vi rende disgustosi...

Siete diventati uno stress.

 

Inviato dal mio M2007J17G utilizzando Tapatalk

 

 

 

Ti capisco. 

Io li odio. O per una cosa o per l' altra sono sempre sui giornali. 

https://www.google.com/amp/s/www.winemag.it/glera-resistente-prosecco-sostenibile-progetto-gleres-17-cantine/%3famp

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
9 ore fa, CBO ha scritto:

Perchè? A parte la poesia della definizione del tappo, la sostanza comunque quella è. Cioè il tappo ( e la bottiglia ) è quello che separa il vino dal resto dell'universo. Per quel che serve a me un tappo è sempre e solo un tappo ma io non imbottiglio per cui uso solo tappi a vitatura. Porto dalla damigiana alla mia tavola, solo andata. Presumo che chi deve fargli fare km al vino al tappo ci debba stare attento. Personalmente e non perchè sono sardo, i tappi di sughero non sono tutti uguali. Non so se si fanno solo dal sughero sardo ma quelli di materiale sintetico  mi danno fastidio solo a vederli.

Link to post
Share on other sites
13 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Perchè? A parte la poesia della definizione del tappo, la sostanza comunque quella è. Cioè il tappo ( e la bottiglia ) è quello che separa il vino dal resto dell'universo. Per quel che serve a me un tappo è sempre e solo un tappo ma io non imbottiglio per cui uso solo tappi a vitatura. Porto dalla damigiana alla mia tavola, solo andata. Presumo che chi deve fargli fare km al vino al tappo ci debba stare attento. Personalmente e non perchè sono sardo, i tappi di sughero non sono tutti uguali. Non so se si fanno solo dal sughero sardo ma quelli di materiale sintetico  mi danno fastidio solo a vederli.

Tutto quello che viene a contatto con un alimento deve essere discusso ed e' discutibile.

Il tappo non e' cosi' scontato come credi considerato che nella piramide dei costi di una bottiglia puo' essere un fattore determinante sui margini. 

Se poi oltre al costo puo' incidere sulla qualita' dell'alimento conviene ragionarci prima di passare per cornuti e mazziati. 

Chi stappa spesso non si rende conto di quello che butta. 

Il mio fornitore di fiducia 

https://www.wineblogroll.com/2019/10/tappi-sughero-senza-tca-amorim-sentore-tappo-vino.html?m=1

Il primo vino analcolico 🥳 e rose' per grandi e piccini

https://www.altroquotidiano.it/una-novita-sul-mercato-vinicolo-le-bollicine-analcoliche/

Edited by CBO
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
7 ore fa, CBO ha scritto:

Tutto quello che viene a contatto con un alimento deve essere discusso ed e' discutibile.

Il tappo non e' cosi' scontato come credi considerato che nella piramide dei costi di una bottiglia puo' essere un fattore determinante sui margini. 

Se poi oltre al costo puo' incidere sulla qualita' dell'alimento conviene ragionarci prima di passare per cornuti e mazziati. 

Chi stappa spesso non si rende conto di quello che butta. 

Il mio fornitore di fiducia 

https://www.wineblogroll.com/2019/10/tappi-sughero-senza-tca-amorim-sentore-tappo-vino.html?m=1

Il primo vino analcolico 🥳 e rose' per grandi e piccini

https://www.altroquotidiano.it/una-novita-sul-mercato-vinicolo-le-bollicine-analcoliche/

Forse per il tappo in sughero si può usare la locuzione di processo sostenibile sia per la materia prima che per l'energia necessaria alla produzione del pezzo. Certo che 12 miliardi di tappi all'anno solo di sughero.... Le bollicine analcoliche non vedo perchè debbano essere associate al vino. Io direi più alle bibite zuccherate con x % di succo di uva non fermentato. Una curiosità. Nei costi di packaging ( bottiglia, etichetta, scatola e tappo ) quanto incide il costo del tappo ?

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, superbilly1973 ha scritto:

Forse per il tappo in sughero si può usare la locuzione di processo sostenibile sia per la materia prima che per l'energia necessaria alla produzione del pezzo. Certo che 12 miliardi di tappi all'anno solo di sughero.... Le bollicine analcoliche non vedo perchè debbano essere associate al vino. Io direi più alle bibite zuccherate con x % di succo di uva non fermentato. Una curiosità. Nei costi di packaging ( bottiglia, etichetta, scatola e tappo ) quanto incide il costo del tappo ?

Non so. Come ho scritto "puo' essere un fattore determinante ...".

Se non mi dici a che tappo ti riferisci non posso risponderti. 

Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, CBO ha scritto:

Non so. Come ho scritto "puo' essere un fattore determinante ...".

Se non mi dici a che tappo ti riferisci non posso risponderti. 

No dicevo in genere. Tappo di sughero standard ? O anche tra i tappi di sughero amorim ci sono diverse fasce di prezzo ?

Link to post
Share on other sites
13 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

No dicevo in genere. Tappo di sughero standard ? O anche tra i tappi di sughero amorim ci sono diverse fasce di prezzo ?

I tappi in sughero si dividono in 2 grandi famiglie: sughero o monopezzo e composto ovvero sughero + polimero. 

E gia' qui parliamo di prezzi molto molto differenti a tutto favore del sughero mono.

All'interno di queste 2 famiglie ci sono come per le piastrelle varie dimensioni e soprattutto selezioni di "scelta".

Un mono anche di bassa qualita' viaggia sui di 13/14 centesimi i.e. ovvero poco meno di un composto di buona fattura.

I tappi di sughero monoblocco di alta gamma di pezzatura media possono avvicinarsi e anche superare l'eurino i.e.

Il trend degli ultimi 15 anni e' stato tutto a favore delle sugherie. Il sughero e' diventato come il maiale. Non si butta niente. I resti di un monoblocco sono molto utili per un composto di bassa fattura. 

Chi legge si mettera' a ridere viste le dimensioni in centesimi. Fate le dovute proporzioni tra un 15 centesimi di un sughero di bassa qualita' e un 35 di media qualita' *600milioni di solo prosecco senza considerare il trend in atto a tutto favore degli spumanti e i conti son presto fatti: ogni 100mila bottiglie  possono ballare 20mila eurini di media in piu' o in meno. 

Tanti pochi e' relativo ma nella piramide dei costi e' un elemente inversamente rilevante al valore della bottiglia. Su un champagnino da 30 euro 1 eurino di tappo pesa il 3,..% su una bottiglia da 15 il 6,..% ma mentre lo champagnino a 30 euro franco cantina e' uno champagnino medio, un prosecco piazzato a 10 eurini e' un premium.

Ps. non considero la vendita diretta che non ha costi di intermezzo.

Il trend

http://www.inumeridelvino.it/2021/02/veneto-produzione-di-vino-e-superfici-vitate-2020-dati-istat.html#more-54861

http://www.inumeridelvino.it/2021/02/prosecco-doc-dati-di-produzione-e-vendita-2019-20.html

 

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Piccoli medi e grandi. 20210223_074408.jpg

L'importante e' che ci sia una guera con una r per avere un valido motivo per uscire dal lettone. 

Stamattina sole a catinelle. Sembra di essere a primavera inoltrata. 

Spero anche da voi.

Link to post
Share on other sites

La guera con una r: siamo alle battute finali. 

L'associazione dei pro, Coldiretti, perdera' il monopolio a favore dell'associazione degli hobbisti, Confagricoltura? 

Si tornera' finalmente alla vendemmia manuale? O si potra' ancora andare in campo con la cravatta?

Soprattutto la scelta di passare al bio, con certificazione nel 2021, sara' stata la vision corretta per parare le ciapet agli eredi?

Ci sara' una pacifica convivenza tra pro e hobbisti? E tra questi e la doc che a guida pro potrebbe decidere di serrare i ranghi e far calare la scure sul governo in nuce degli hobbisti?

Insomma tanta interrogativi tipici di un disordine non programmato

La docg si pone come unicum nell'ambito della scienza sociale piu' che economica.

Stay tunned

20210225_073630.jpg

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

a coldiretti sta bene una delusione: meglio che escano dalla mafia prima possibile...inutile che polegato continui a invocare il ministro (...nel frattempo è cambiato...bellanova non para più il culo a coldiretti...)

dispiace solo per Piccolin..

Edited by Francesco F.
Link to post
Share on other sites
Il 5/1/2021 Alle 11:41, CBO ha scritto:

Sei avaro in fito e sperperi in cose futili.

Ho fatto un solo regalo di valore alla mia nipotina. Un annellino comprato a Venezia ma si poteva comprare anche anche a Conegliano a meta' prezzo. 

Un momento di debolezza.

Dici che Pucci faccia per me? Il babbo qualche volta mi riprende per le mie punte di esuberanza nel vestire. 

20210105_083729.jpg

Chiaro il babbo avrà avuto da ridire per la calzatura non adeguata alla serata.................

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

L'associazione dei piccolin non molla. 

Fra un tempo indefinito pure io avro' qualcosa di divertente da raccontare agli eredi degli eredi. 

Stay tunned. 

20210304_073917.jpg

Colpire un mezzadro per educare il resto.

La storia si ripete in secula seculorum. 

Stay tunned. 

 

Link to post
Share on other sites

Guera con una r. Il momento e' topico

20210305_071911.jpg

Cercasi un nome di unita', una figura nuova e fresca, al passo con l'internazionalita' e i tempi ... e aggiungo io qualcuno che abbia un cuore grande.

Se vi riconoscete in questa descrizione fatevi avanti se avete coraggio. 

20210305_072520.jpg

Perche' sprecare tempo con Dante e gli altri fregnoni come lui (ieri sui giornali dominava la notizia che Roma come universita' e' il top del top dell'insegnamento universitario in quello che di piu' inutile c'e': le arti classiche e gli effetti si vedono, un paese di filosofi incapaci di razionalizzare la realta') quando in poco piu' di 120 minuti di visione e ascolto si possono passare ore e ore a rifletterci.

La scelta razionalizzata che non da certezza di successo ma che non affidandosi al caso e' piu' convinta. 

Con il seno con un n di poi siamo tutti giganti ma solo chi ha il fondato coraggio di anticipare ha i risultati migliori. 

In una maratona i top run partono sempre e solo per primi. Nella massa c'e' una fase in cui sono gli altri ad importi il loro passo. E fatichi piu' del necessario mettendo a rischio il tuo tempo di riferimento.

 

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Create New...