Jump to content
Fast

Goldoni/Arbos R.I.P

Recommended Posts

Sembra inevitabile il fallimento, a quanto pare non c'è altro da fare. Anche Lovol tira i remi in barca. Possibile che non piacciono più a nessuno sti trattori????

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Fast ha scritto:

Sembra inevitabile il fallimento, a quanto pare non c'è altro da fare. Anche Lovol tira i remi in barca. Possibile che non piacciono più a nessuno sti trattori????

Ma perché son mai piaciuti?!?! Qualcuno in giro lavora ok....ma nulla di che....non hanno adottato una politica simil Kubota hanno fatto scelte diverse....forse cera solo da investire in Goldoni ed il resto prendersi più tempo per tutto....cmq secondo me c'è chi se la ricompra Goldoni....

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
37 minuti fa, thedavidesame ha scritto:

Ma perché son mai piaciuti?!?! Qualcuno in giro lavora ok....ma nulla di che....non hanno adottato una politica simil Kubota hanno fatto scelte diverse....forse cera solo da investire in Goldoni ed il resto prendersi più tempo per tutto....cmq secondo me c'è chi se la ricompra Goldoni....

Beh comprarla vuol dire cominciare da capo, ormai hanno perso importanti quote di mercato, comunque nel settore specializzati dalle mie parti ce ne sono un mare e anche io ne ho uno dal 1990. Però oggi non lo comprerei più un Goldoni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qua sul forum c’è un ragazzo che ha un arbos 130 se nn sbaglio, adesso è una bella fregatura, peccato perché si trova bene con la macchina


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
18 ore fa, Calle 89 ha scritto:

Qua sul forum c’è un ragazzo che ha un arbos 130 se nn sbaglio, adesso è una bella fregatura, peccato perché si trova bene con la macchina


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Quello lascialo perdere San cia provato in tutte le lingue

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quello lascialo perdere San cia provato in tutte le lingue
 

Un po’ tutti direi però poi è lui che doveva scegliere e ha scelto quello, ma faranno assistenza o zero proprio?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

C' è sempre Lovol dietro ma a chi affiderà l' assistenza ?

Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

La parola fine verrà probabilmente pronunciata al Mise di Roma il 18 settembre, e sembra ormai inevitabile vista la lapidaria ammissione della dirigenza cinese circa la mancanza dei fondi per coprire anche solo la liquidazione.

Per quello che riguarda la gamma Lovol non piacciono a nessuno perché obbiettivamente fanno pietà, inutile girarci attorno. Se li sono filati in pochi, li hanno acquistati in pochissimi (e non poteva che essere così visto i contenuti che offrono rispetto ai marchi noti, e data la situazione poco chiara riguardante la salute dell'azienda). Perciò dico, con il massimo rispetto verso chi ha deciso di comprarsi un Arbos nonostante tutto, ma chissenefrega di Arbos! Se ne hanno venduti 100 in tutta Italia sono stati fortunati..

Chi esce veramente a pezzi da tutta questa faccenda (ASSIEME AI LAVORATORI, AI QUALI VA IL MIO PENSIERO..) è il marchio Goldoni, il quale aveva la propria fetta di mercato e clienti in Europa a differenza di Arbos. Non voglio dire che sia tutta colpa della dirigenza cinese, perché come giustamente già detto da qualcuno nella discussione "trattori Goldoni", se si sono fatti acquistare da Lovol è perché evidente l'azienda navigava già in cattive acque da prima, quando cioè al timone c'erano i nostri.
Certo che dal canto loro però in Lovol hanno fatto di tutto per mandare tutto in vacca.. a partire dal riverniciare i Goldoni di verde arbos. Sembra una cazzata, e probabilmente è l'ultimo dei problemi che ci sono, ma eliminare il colore che da sempre ha contraddistinto il marchio è un taglio troppo netto col passato, quasi a voler eliminare le radici del gruppo. Scommetto che se fossero andati avanti avrebbero fatto scomparire anche il nome/logo.

Fast, anche qui in Trentino ce ne sono Goldoni, e anch'io ne posseggo uno che uso con soddisfazione, ma come te non ne acquisterei uno nuovo adesso. Come fai ad acquistare una macchina se non sai nemmeno se da qui a qualche anno trovi chi ti fornisce i ricambi?
In verità il conce di zona ne ha venduti di nuovi, ma vista la situazione lo ritengo più un rischio che altro.. se falliscono, ti ritrovi con in mano una macchina che per buona che possa essere sul mercato vale poco.

Comunque aspettiamo e vediamo come va a finire, magari si farà avanti un altro compratore, ma è una situazione molto complicata.
Se si arriverà al fallimento rimarrà l'amarezza per aver perso un'altra azienda Italiana che, per anni, ha fornito mezzi per noi agricoltori.





Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Same Rubin 200 ha scritto:

La parola fine verrà probabilmente pronunciata al Mise di Roma il 18 settembre, e sembra ormai inevitabile vista la lapidaria ammissione della dirigenza cinese circa la mancanza dei fondi per coprire anche solo la liquidazione.

Per quello che riguarda la gamma Lovol non piacciono a nessuno perché obbiettivamente fanno pietà, inutile girarci attorno. Se li sono filati in pochi, li hanno acquistati in pochissimi (e non poteva che essere così visto i contenuti che offrono rispetto ai marchi noti, e data la situazione poco chiara riguardante la salute dell'azienda). Perciò dico, con il massimo rispetto verso chi ha deciso di comprarsi un Arbos nonostante tutto, ma chissenefrega di Arbos! Se ne hanno venduti 100 in tutta Italia sono stati fortunati..

Chi esce veramente a pezzi da tutta questa faccenda (ASSIEME AI LAVORATORI, AI QUALI VA IL MIO PENSIERO..) è il marchio Goldoni, il quale aveva la propria fetta di mercato e clienti in Europa a differenza di Arbos. Non voglio dire che sia tutta colpa della dirigenza cinese, perché come giustamente già detto da qualcuno nella discussione "trattori Goldoni", se si sono fatti acquistare da Lovol è perché evidente l'azienda navigava già in cattive acque da prima, quando cioè al timone c'erano i nostri.
Certo che dal canto loro però in Lovol hanno fatto di tutto per mandare tutto in vacca.. a partire dal riverniciare i Goldoni di verde arbos. Sembra una cazzata, e probabilmente è l'ultimo dei problemi che ci sono, ma eliminare il colore che da sempre ha contraddistinto il marchio è un taglio troppo netto col passato, quasi a voler eliminare le radici del gruppo. Scommetto che se fossero andati avanti avrebbero fatto scomparire anche il nome/logo.

Fast, anche qui in Trentino ce ne sono Goldoni, e anch'io ne posseggo uno che uso con soddisfazione, ma come te non ne acquisterei uno nuovo adesso. Come fai ad acquistare una macchina se non sai nemmeno se da qui a qualche anno trovi chi ti fornisce i ricambi?
In verità il conce di zona ne ha venduti di nuovi, ma vista la situazione lo ritengo più un rischio che altro.. se falliscono, ti ritrovi con in mano una macchina che per buona che possa essere sul mercato vale poco.

Comunque aspettiamo e vediamo come va a finire, magari si farà avanti un altro compratore, ma è una situazione molto complicata.
Se si arriverà al fallimento rimarrà l'amarezza per aver perso un'altra azienda Italiana che, per anni, ha fornito mezzi per noi agricoltori.
 

 

 

 


Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
 

 

 

 

D'accordissimo con te, io già non riesco a trovare il filo contagiri del mio. Qualcuno mi aveva proposto di prenderne uno nuovo a buon prezzo ma io non ci penso proprio, è troppo rischioso sia per quanto riguarda il trovare ricambi sia perché se fallisce e non trova acquirenti a breve termine subiranno una svalutazione spaventosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Same Rubin 200 ha scritto:

La parola fine verrà probabilmente pronunciata al Mise di Roma il 18 settembre, e sembra ormai inevitabile vista la lapidaria ammissione della dirigenza cinese circa la mancanza dei fondi per coprire anche solo la liquidazione.

Per quello che riguarda la gamma Lovol non piacciono a nessuno perché obbiettivamente fanno pietà, inutile girarci attorno. Se li sono filati in pochi, li hanno acquistati in pochissimi (e non poteva che essere così visto i contenuti che offrono rispetto ai marchi noti, e data la situazione poco chiara riguardante la salute dell'azienda). Perciò dico, con il massimo rispetto verso chi ha deciso di comprarsi un Arbos nonostante tutto, ma chissenefrega di Arbos! Se ne hanno venduti 100 in tutta Italia sono stati fortunati..

Chi esce veramente a pezzi da tutta questa faccenda (ASSIEME AI LAVORATORI, AI QUALI VA IL MIO PENSIERO..) è il marchio Goldoni, il quale aveva la propria fetta di mercato e clienti in Europa a differenza di Arbos. Non voglio dire che sia tutta colpa della dirigenza cinese, perché come giustamente già detto da qualcuno nella discussione "trattori Goldoni", se si sono fatti acquistare da Lovol è perché evidente l'azienda navigava già in cattive acque da prima, quando cioè al timone c'erano i nostri.
Certo che dal canto loro però in Lovol hanno fatto di tutto per mandare tutto in vacca.. a partire dal riverniciare i Goldoni di verde arbos. Sembra una cazzata, e probabilmente è l'ultimo dei problemi che ci sono, ma eliminare il colore che da sempre ha contraddistinto il marchio è un taglio troppo netto col passato, quasi a voler eliminare le radici del gruppo. Scommetto che se fossero andati avanti avrebbero fatto scomparire anche il nome/logo.

Fast, anche qui in Trentino ce ne sono Goldoni, e anch'io ne posseggo uno che uso con soddisfazione, ma come te non ne acquisterei uno nuovo adesso. Come fai ad acquistare una macchina se non sai nemmeno se da qui a qualche anno trovi chi ti fornisce i ricambi?
In verità il conce di zona ne ha venduti di nuovi, ma vista la situazione lo ritengo più un rischio che altro.. se falliscono, ti ritrovi con in mano una macchina che per buona che possa essere sul mercato vale poco.

Comunque aspettiamo e vediamo come va a finire, magari si farà avanti un altro compratore, ma è una situazione molto complicata.
Se si arriverà al fallimento rimarrà l'amarezza per aver perso un'altra azienda Italiana che, per anni, ha fornito mezzi per noi agricoltori.
 

 

 

 


Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
 

 

 

 

Ho collaborato con Goldoni appena dopo la riapertura, 5 anni fa ormai. E sono scappato di corsa non appena vista l antifona: nessun investimento sulla fabbrica, nessun investimento sui lavoratori. Tante belle parole e promesse di un futuro radioso, in realtà si sono mangiati TUTTO, faccio presente che per chi era ed è nel settore, il triste epilogo era prevedibile già 3/4 anni fa. Non posso ovviamente scendere nei dettagli ma vi posso assicurare che la situazione era già ampiamente compromessa. Quello che facevano vedere alle istituzioni e ai potenziali clienti non corrispondeva alla realtà, e quando fai così duri poco.

Per le colpe: non è vero che è tutta colpa dei cinesi. I dirigenti Italiani hanno enormi responsabilità, forse più dei cinesi, non erano assolutamente pedine nelle loro mani come vogliono spacciarsi adesso ma anzi, godevano di ampia autonomia e se ne sono fregati alla grande guadagnandoci un botto di soldi a spese dei lavoratori. Come detto non posso scendere nei dettagli, anche se sono andato via ormai 3 anni fa, ma vi assicuro che la speculazione che è stata fatta in quella fabbrica è qualcosa senza precedenti. E tante persone , anche parecchio importanti e con un peso a livello politico/decisionale lo sapevano. 
Rimane il rammarico per i miei ex colleghi, chi poteva andare via e ha trovato di meglio se n’è andato, tipo me, chi non poteva adesso si trova nei guai, poi c è stato chi non voleva e si è “accontentato” , ma li è un’altra storia,   e ognuno decide cosa fare della propria carriera giustamente. Io me ne sono andato quasi subito.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho collaborato con Goldoni appena dopo la riapertura, 5 anni fa ormai. E sono scappato di corsa non appena vista l antifona: nessun investimento sulla fabbrica, nessun investimento sui lavoratori. Tante belle parole e promesse di un futuro radioso, in realtà si sono mangiati TUTTO, faccio presente che per chi era ed è nel settore, il triste epilogo era prevedibile già 3/4 anni fa. Non posso ovviamente scendere nei dettagli ma vi posso assicurare che la situazione era già ampiamente compromessa. Quello che facevano vedere alle istituzioni e ai potenziali clienti non corrispondeva alla realtà, e quando fai così duri poco.
Per le colpe: non è vero che è tutta colpa dei cinesi. I dirigenti Italiani hanno enormi responsabilità, forse più dei cinesi, non erano assolutamente pedine nelle loro mani come vogliono spacciarsi adesso ma anzi, godevano di ampia autonomia e se ne sono fregati alla grande guadagnandoci un botto di soldi a spese dei lavoratori. Come detto non posso scendere nei dettagli, anche se sono andato via ormai 3 anni fa, ma vi assicuro che la speculazione che è stata fatta in quella fabbrica è qualcosa senza precedenti. E tante persone , anche parecchio importanti e con un peso a livello politico/decisionale lo sapevano. 
Rimane il rammarico per i miei ex colleghi, chi poteva andare via e ha trovato di meglio se n’è andato, tipo me, chi non poteva adesso si trova nei guai, poi c è stato chi non voleva e si è “accontentato” , ma li è un’altra storia,   e ognuno decide cosa fare della propria carriera giustamente. Io me ne sono andato quasi subito.
 

San ha sempre detto che non si prospettava nulla di buono.
Anche per matermacc hanno fatto cambio livrea, e sulle seminatrici aveva un ottimo nome

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedi....non volevo e non voglio fare l'uccello del mal augurio.......a casa mia si dice che " quando tuona da qualche parte piove"......poi difronte a certi miei attegiamenti anche forse un pò pesanti ( ma era solo per spaventare chi stava facendo a mio avviso una cazzata) in diversi hanno preso le difese e qualcuno ha anche attaccato dicendo " chi ha sempre la soluzione pronta ad ogni cosa non è affidabile " o roba del genere.....io ci ho sorriso perche come dice cristo "perdonali perche non sanno quello che fanno/dicono"......mi dispiace che sia andata così solo per una cosa che ESISTEVA ...andava molto bene.....ed era l'unica fabbrica che non aveva problemi....LA MATERMACC....per il resto era come resumare un cadavere putrefatto da anni e stava bene nei libri di storia .....ma difronte a promesse miracolose un pò tutti ci sono cascati, compresi CRAVATTARI che prendevano già ottimi stipendi lavorando in note ditte ma difronte ad offerte miracolose non hanno fatto altro che accettare...che dire....questo è il mondo di Dio Guadrino

  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, SAN64 ha scritto:

Vedi....non volevo e non voglio fare l'uccello del mal augurio.......a casa mia si dice che " quando tuona da qualche parte piove"......poi difronte a certi miei attegiamenti anche forse un pò pesanti ( ma era solo per spaventare chi stava facendo a mio avviso una cazzata) in diversi hanno preso le difese e qualcuno ha anche attaccato dicendo " chi ha sempre la soluzione pronta ad ogni cosa non è affidabile " o roba del genere.....io ci ho sorriso perche come dice cristo "perdonali perche non sanno quello che fanno/dicono"......mi dispiace che sia andata così solo per una cosa che ESISTEVA ...andava molto bene.....ed era l'unica fabbrica che non aveva problemi....LA MATERMACC....per il resto era come resumare un cadavere putrefatto da anni e stava bene nei libri di storia .....ma difronte a promesse miracolose un pò tutti ci sono cascati, compresi CRAVATTARI che prendevano già ottimi stipendi lavorando in note ditte ma difronte ad offerte miracolose non hanno fatto altro che accettare...che dire....questo è il mondo di Dio Guadrino

Secondo me una buona parte di colpa è comunque dei cinesi, hanno preso in mano sistema che aveva dei problemi ma aveva anche un suo potenziale, bisognava rinnovare il parco macchine e aggiornarlo, bisognava fare un buon marketing e portare muletti nelle zone consone ai loro clienti e farli provare, così ci si fa un nome o lo si consolida, invece da un giorno all'altro è sparito Goldoni ed è arrivata Arbos, ma chi cavolo la conosce???? Dalle mie parti Goldoni è un nome molto forte nel settore ma Arbos non la conosce nessuno. In zona chi vendeva Goldoni ha cambiato casacca da un giorno all'altro in favore di valpadana e affiancando Landini. Hanno cannato di brutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non posso entrare nei dettagli come già detto sopra, la colpa..... direi 40 dei cinesi e 60 dei dirigenti italiani, che non lo dicono, ma hanno sguazzato eccome nel pantano che hanno creato loro stessi e ne usciranno puliti. Per come l ho vissuta io oramai qualche anno fa. I cinesi..... beh ci sono vari motivi per cui l azienda e andata male, perché ci sono varie possibilità, una attività può andare male.... oppure si può decidere di farla andare male, per vari motivi ma non posso dire di più su un forum ovvio. Sono stato lì giusto il tempo di capire che l attività non avrebbe avuto nessun futuro, poi sono andato via. Mi dispiace innanzitutto per gli operai e anche per il marchio Goldoni per il quale non hanno avuto alcun rispetto.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
24 minuti fa, MK11 ha scritto:

Non posso entrare nei dettagli come già detto sopra, la colpa..... direi 40 dei cinesi e 60 dei dirigenti italiani, che non lo dicono, ma hanno sguazzato eccome nel pantano che hanno creato loro stessi e ne usciranno puliti. Per come l ho vissuta io oramai qualche anno fa. I cinesi..... beh ci sono vari motivi per cui l azienda e andata male, perché ci sono varie possibilità, una attività può andare male.... oppure si può decidere di farla andare male, per vari motivi ma non posso dire di più su un forum ovvio. Sono stato lì giusto il tempo di capire che l attività non avrebbe avuto nessun futuro, poi sono andato via. Mi dispiace innanzitutto per gli operai e anche per il marchio Goldoni per il quale non hanno avuto alcun rispetto.

L'ennesimo italian Job, peccato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi hanno depositato il piano concordatario, il polipo è cotto

Share this post


Link to post
Share on other sites

In questo caso, ai concessionari cosa rimane? Oltre al brucior di c*lo? 

Qui da me in zona c'e concessionario arbos, e aveva fuori in piazzale qualche trattore/seminatrice e altro 

Share this post


Link to post
Share on other sites
In questo caso, ai concessionari cosa rimane? Oltre al brucior di c*lo? 
Qui da me in zona c'e concessionario arbos, e aveva fuori in piazzale qualche trattore/seminatrice e altro 
Chiamano il camion del ferro vecchio, come quelli che lo hanno acquistato

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

O

Il 11/9/2020 Alle 18:38, Fast ha scritto:

Sembra inevitabile il fallimento, a quanto pare non c'è altro da fare. Anche Lovol tira i remi in barca. Possibile che non piacciono più a nessuno sti trattori????

Con il concordato, faranno più  facilmente lo spezzatino.

Possono vendere tutto separatamente, quindi a costo zero presumo solo con la promessa della continuità  aziendale , mattermacc direi certamente.

Per Goldoni non so.

Inculata fotonica per i fornitori e  facilmente per i lavoratori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, ALAN.F ha scritto:

O

Con il concordato, faranno più  facilmente lo spezzatino.

Possono vendere tutto separatamente, quindi a costo zero presumo solo con la promessa della continuità  aziendale , mattermacc direi certamente.

Per Goldoni non so.

Inculata fotonica per i fornitori e  facilmente per i lavoratori.

Presumo che finirà così dopo l incontro che devono fare a Roma con il governo. Quello che non dicono mai è che non è vero che l azienda è all avanguardia, ma de che? 
C è da rifare tutto.... punto primo, licenziare tutti i dirigenti che si sono mostrati per ciò che erano: degli incapaci..... però gli stipendi (altissimi) e i benefit li hanno presi eccome.....

poi ci sono i prodotti: puoi anche rilevare le mura e la terra a costo zero ipotizziamo, ma poi? Devi modernizzare le macchine, investire sulle linee di montaggio ormai vecchie di 30/40 anni,riconquistare la fiducia dei clienti e poi riuscire a vendere, se no non stai in piedi e no, gli specializzati “Nuovi” tipo Q (progetto sbagliato completamente) ecc ecc non si vendono, erano molto meglio gli star e i quasar in proporzione ma non sono prodotti al passo con i tempi nel 2020, sia per emissioni, linee datate ecc ecc

la frittata l hanno fatta, adesso è dura andare a raccontare delle altre balle e a chi acquistava il tuo marchio di fidarsi, ma è così... poca lungimiranza, nessuna strategia, tanta supponenza li hanno portati a credere di avere una Ferrari.... e invece si è no sapevano guidare una panda 

Per i trattori da campo aperto è pure peggio....

Nel complesso, era una ditta semi-artigianale dove l 80 percento del trattore veniva assemblato a mano con una qualità che via via si è abbassata sempre di più 

mi dispiace solo per i lavoratori ed ex colleghi che erano con me in ufficio, io li ho sempre consigliati di andarsene, poi per un motivo e per l altro c’è chi è rimasto lì.... e adesso è dura

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il gruppo Lovol ha depositato al tribunale di Modena la richiesta di concordato liquidatorio, quindi stop, è finita.

Un referente dei sindacati interni all'azienda, intervistato, ha parlato di totale disinteresse da parte della dirigenza cinese alla produzione e alla vendita delle macchine stesse, tale che hanno progressivamente chiuso i punti vendita fino a portare allo stop della produzione.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il gruppo Lovol ha depositato al tribunale di Modena la richiesta di concordato liquidatorio, quindi stop, è finita.

Un referente dei sindacati interni all'azienda, intervistato, ha parlato di totale disinteresse da parte della dirigenza cinese alla produzione e alla vendita delle macchine stesse, tale che hanno progressivamente chiuso i punti vendita fino a portare allo stop della produzione.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk


E quindi perché hanno investito tanto?

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
E quindi perché hanno investito tanto?

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Bisognerebbe chiederlo a loro. Poi bisognerebbe capire se effettivamente hanno investito, oppure se si è trattato solo di una gigantesca operazione di marketing e i soldi li hanno messi solo a parole..

In definitiva solo chi ha vissuto la vicenda sulla propria pelle sa come sono andate veramente le cose, noi possiamo solo fare delle considerazioni e delle ipotesi.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Same Rubin 200 ha scritto:

Bisognerebbe chiederlo a loro. Poi bisognerebbe capire se effettivamente hanno investito, oppure se si è trattato solo di una gigantesca operazione di marketing e i soldi li hanno messi solo a parole..

In definitiva solo chi ha vissuto la vicenda sulla propria pelle sa come sono andate veramente le cose, noi possiamo solo fare delle considerazioni e delle ipotesi.

Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk
 

Insomma tutto morto....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...