Jump to content

Recommended Posts

ARTICOLO A CURA DI DJ RUDY

 

20151018144515133209672.jpg

20151018144515133211531.jpg

 

BOTANICA E CURIOSITA'

 

Il coriandolo (Coriandrum sativum, L. 1753), prezzemolo cinese conosciuto anche con il nome spagnolo cilantro, è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Apiaceae (o Umbelliferae). Appartiene alla stessa famiglia del cumino, dell'aneto, del finocchio e naturalmente del prezzemolo.

 

Benché originaria dei paesi del Mar Mediterraneo, le foglie fresche ed i semi essiccati sono utilizzati prevalentemente nella cucina indiana e latino americana. In Europa è oggi tornato in auge al seguito di quelle culture culinarie.

 

Viene coltivato nei nostri climi, in quanto in molte zone dove viene utilizzato come spezia, la coltura a causa del clima non va a seme, di conseguenza riproduciamo qui il seme per mandarlo poi nei paesi dove viene seminato e raccolto verde come spezia.

 

POSIZIONAMENTO NELLA ROTAZIONE

 

Possiamo considerarla una coltura da rinnovo, possibilmente da seminare in successione a cereali autunno vernini, mai seminare in successione al girasole, in quanto il girasole selvatico o le rinascite dei girasoli non sono controllabili con i diserbi (i pre-emergenza utilizzati nel coriandolo sono gli stessi del girasole): il girasole selvatico al momento della trebbiatura (fine luglio) è verde ma ha già fatto il chicco, questo comporta 2 problemi:

 

1) Aumenta molto l'umidità del coriandolo che anche se pronto da trebbiare può aumentare la sua umidità dal 9 % commerciale addirittura sopra il 15 % (con relativi cali e scarti).

 

2) I girasole da problemi di separazione alle varie ditte che lavorano il seme, per tutti questi motivi il coriandolo va fatto dopo cereali autunno vernini, e in campi dove storicamente non sono infestati da girasole selvatico.

 

EPOCA E MODALITA' DI SEMINA

 

20151018144515133150346.jpg

 

Nel centro nord si semina da fine febbraio fino a tutto marzo, mentre al sud si può seminare a semina autunnale (metà novembre in poi).

 

- Semina con seminatrice a file: 10 kg/ha di seme.

 

- Semina di precisione a 45 cm, dischi da sorgo, distanza sulla fila 2.,5-3 cm: 8 kg/ha di seme.

 

Personalmente preferisco la semina a 45, soprattutto se uno è attrezzato, permette di avere un'emergenza migliore e più uniforme, oltre a poter sarchiare prima della levata della coltura.

 

Profondità di semina: 2-3 cm (terreno ben affinato vista la dimensione del seme).

 

Il seme normalmente viene fornito gratis dalle ditte con cui si fa il contratto.

 

LAVORAZIONI

 

La coltura si adatta bene alle tecniche di minima lavorazione, essendo un seme piccolo (dimensione simile a quella del sorgo), necessita della preparazione anticipata del letto di semina.

 

Semina primaverile: lavorazione a 20-25 cm delle stoppie del grano verso fine agosto, a fine agosto preparazione anticipata del letto di semina con erpice rotante, e pulizia del letto di semina fino al momento della semina demandato solo al gliphosate, poi prima di seminare passaggio con minivibro o anche erpice howard e semina.

 

Semina autunnale: lavorazione anticipata delle stoppie (possibilmente appena raccolto il cereale), in modo da far prendere il sole al terreno tutta l'estate, è sufficiente anche un passaggio di erpice a dischi o un combinato da 15-20 cm di profondità, l'importante è non fare zolle, assolutamente da evitare i ripuntatori, dopo le prima piogge di fine estate, parziale affinamento del terreno con vibro, a novembre prima della semina gliphosate per pulire il letto di semina e successiva semina.

 

CONCIMAZIONE

 

Semina primaverile: 100 kg/ha di urea in presemina, oppure 80 kg/ha in levata (maggio) con eventuale sarchiatura se seminato a 45.

Semina autunnale: 100 kg/ha di urea o 150 kg/ha nitrato ammonico a marzo.

Non necessita di concimazioni di fosforo e potassio.

 

CONTROLLO INFESTANTI

 

I diserbi in pre-emergenza da poter utilizzare sono la seguente miscela:

 

1 litro/ha di Linuron + 1,5 litri/ha di Stomp Acqua o simili.

 

Oppure

 

1 litro/ha di Linuron + 1,5 litri/ha di Bismark (quest'ultimo unico diserbo registrato su Coriandolo).

 

Diserbo di pre-emergenza va fatto sempre, in quanto non ci sono diserbi di post-emergenza in grado di contenere infestanti a foglia larga.

 

Eventuali infestazioni tardive di infestanti a foglia stretta (loietto, giavone ecc), sono facilmente controllabili con i vari graminicidi: Agil, Stratos ecc.

 

Indispensabile anche il gliphosate in pre-semina, con anticipo di preparazione del letto di semina, in modo da effettuare la falsa semina.

 

RACCOLTA

 

La raccolta avviene tra fine luglio e agosto, si effettua con barra da grano, seme facile da sgranare.

 

Umidità commerciale 8-9 %.

 

PRODUZIONI

 

La produttività del coriandolo va da 10 a 30 q.li/ha di prodotto lordo, che poi subisce un calo al netto mediamente di circa il 15-20 %, e il pagamento viene fatto sul netto.

 

PREZZI E COMMERCIALIZZAZIONE

 

In Italia sono principalmente 2 le ditte che ritirano il coriandolo:

 

SUBASEED

 

ANSEME

 

Il prezzo oscilla tra 60 e 70 €/q.le, del prodotto al netto delle impurità, franco arrivo allo stabilimento.

 

Considerate che il peso specifico del coriandolo è circa 1/3 del grano, quindi un autotreno riesce a caricare circa 150 q.li di seme, di conseguenza anche se fate una coltivazione di 10 ettari di prova, è sufficiente per poterlo conferire direttamente in fabbrica anche se siete a molti chilometri di distanza.

 

NOTE

 

- In fioritura il coriandolo emana un odore tipico simile a quello della cimice, quindi evitate di seminarlo vicino ad agriturismi ecc, onde evitare lamentele.

 

- Altra cosa importante non viene attaccato dalla fauna selvatica: cinghiali, daini, piccioni ecc.

 

- L'anno successivo al coriandolo, se si semina grano, ricordarsi di utilizzare un diserbo a foglia larga che lo controlla bene (Granstar Power, Ormonici ecc), in quanto non è desiderabile l'infestazione di coriandolo nel grano proprio per l'odore che emana e che potrebbe contaminare la granella.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites
  • Replies 722
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Entrano, entrano...a me sono entrati nei campi, li hanno attraversati, calpestati e distrutti. Altro che 2 giri di seminatrice. Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

ma vi siete posti la domanda che l'anno successivo visto che ci torna  di sicuro il grano, se avete una rinascita tardiva, non vi ritirano il grano?.....cose successe di già.....qua 10 anni fà se ne e

no... tomagan 200g/ha e una volta 0,8 di afalon. sul coriandolo bisogna fare il pre assolutamente col Bismarck a 2lt/ha, non ascoltare cosa dicono le ditte sementiere

Posted Images

si con l'anseme...questo è la prima annata che li ho messi. Fin'ora si è dimostrata una ditta abbastanza seria, sono passati 3volte alcuni suoi rappresentanti per controllare la crescita e stabilire la data in cui doveva essere raccolto...

Link to post
Share on other sites

qui da noi molti agricoltori sono indecisi se coltivare questa coltura perchè non sanno se alla fine pagano il prezzo che sta scritto sul contratto a te ti hanno pagato il coriandolo ma il prezzo lo stabiliscono prima o a fine campagna?

Link to post
Share on other sites

ciao polixfra anchio sono delle marche e per il prossimo anno penso di coltivarlo anche io volevo chiederti un po di informazioni con quale seminatrice lo hai seminato ? e quanti kg ad ettaro ? anche a me anno scorso mi è arrivata la lettera dell' anseme e gli avevo telefonato per sapere il prezzo mi sembra intorno ai 60 € a q. Per il conferimento del seme come hai fatto? ciao

Link to post
Share on other sites
ciao polixfra anchio sono delle marche e per il prossimo anno penso di coltivarlo anche io volevo chiederti un po di informazioni con quale seminatrice lo hai seminato ? e quanti kg ad ettaro ? anche a me anno scorso mi è arrivata la lettera dell' anseme e gli avevo telefonato per sapere il prezzo mi sembra intorno ai 60 € a q. Per il conferimento del seme come hai fatto? ciao

 

semina: normale seminatrice meccanica portata per cereali con alcune file chiuse

qtà seme: non mi ricordo..ti trovo le fatture qst giorni e te lo dico

prezzo: intorno ai 55€

fornitura seme: mio consorzio agrario provinciale di zona

 

spero di averti aiutato ;)

Link to post
Share on other sites
ascoltate potete fare una breve descrizione del CORIANDOLO?...no perchè qui penso che sia sconosciuta o almeno io conosco solo quello di carnevale...

Sai anche se l'hai buttata sullo scherzo col carnevale...non ci sei andato molto lontano......

Il coriandolo è una pianta erbacea annuale originaria dei paesi del Mar Mediterraneo, che appartiene alla famiglia delle Ombrellifere; è conosciuto anche come prezzemolo cinese, ed appartiene infatti alla sua stessa famiglia. Ha radice sottile e poco ramificata, il fusto eretto, alto circa 30-50 cm, con la parte superiore ramificata; le foglie alterne, nella parte inferiore sono appena incise e provviste di gambo, mentre in quella superiore sono frastagliate e senza gambo. I fiori, di colore bianco o rosa, sono riuniti in ombrelle a raggi e i frutti aromatici si presentano sotto forma di globo dal colore giallo paglierino.

I frutti del coriandolo vengono utilizzati come spezia: sono dolci con un lieve sapore di limone e sono meno piccanti delle foglie, che non sono gradite al palato di tutti, poiché mentre alcuni ne adorano l’aroma e il sapore speziato e amaro, altri le trovano sgradevoli.

I frutti del coriandolo sono uno degli ingredienti principali del garam masala, una miscela di spezie molto usata nella cucina indiana, sud americana e orientale in genere, e attualmente un po’ meno in quella Europea.

 

Curiosita'

Il coriandolo è uno degli aromi più antichi della nostra tradizione; nel Rinascimento per Carnevale i suoi frutti venivano glassati con lo zucchero, e da li iniziò la tradizione dei coriandoli a Carnevale, in un secondo momento formati da pallottoline di gesso, attualmente dischetti di carta multicolori.

 

...spero di averti aiutato!! wink.gif

 

semicoriandolo.jpg

 

...insomma da qui è nata la tradizione dei coriandoli che utilizziamo oggi a carnevale...!! ..tutto ruota intorno all'agricoltura..... ciao a tutti!! biggrin.gif

Link to post
Share on other sites
semina: normale seminatrice meccanica portata per cereali con alcune file chiuse

qtà seme: non mi ricordo..ti trovo le fatture qst giorni e te lo dico

prezzo: intorno ai 55€

fornitura seme: mio consorzio agrario provinciale di zona

 

spero di averti aiutato ;)

 

Allora rispondo a quello che ho tralasciato...

 

kg x ettaro: circa 11/12 kg (l'anseme dice 10Kg però è molto variabile...li ho seminati per un altro contadino e mi ha fatto lavorare con 6kg per ettaro..scarso raccolto però:fiufiu:)

 

fammi sapere se vuoi altre info..ciaoooo

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

http://www.xtremeshack.com/scheda/34018_1002319.jpg

 

 

Allora rispondo a quello che ho tralasciato...

 

kg x ettaro: circa 11/12 kg (l'anseme dice 10Kg però è molto variabile...li ho seminati per un altro contadino e mi ha fatto lavorare con 6kg per ettaro..scarso raccolto però:fiufiu:)

 

fammi sapere se vuoi altre info..ciaoooo

Edited by Filippo B
sistemata foto che non si vedeva
Link to post
Share on other sites
  • 8 months later...

ank'io sto seminando il coriandolo per la prima volta,ma nn mi cresce nnt mi potete dare un consiglio?....ho un amiko bengalese ke me li ha dati ..ma lui nn capire italiano e nn mi da buone spiegazioni

 

bhe a me i coriandoli me li hanno dati gratis ....ma volevo sapere qanto tempo ci impegano per crescereeeeeee

Edited by Filippo B
uniti consecutivi
Link to post
Share on other sites

Salve Linda, benvenuta tra noi :)

 

Mi pare di capire che il Tuo problema sia una crescita ridotta rispetto le Tue aspettative, se così è dovresti mettere qualche foto in modo che gli Esperti in materia possano vedere e consigliarTi.

 

P.S. per favore evita le abbreviazioni stile sms, altrimenti i vecchietti come me devono corrompere qualche teenager consenziente per farsi tradurre il tutto :asd:

Link to post
Share on other sites
  • 5 months later...

Quest'anno anche nella mia zona (Lugo) in tanti l'hanno seminato.

In fioritura attira un sacco di api.

 

Non penso che abbia esigenze particolari di terreno (vista piantata sia in terreni sabbiosi che argillosi), in più non è da innaffiare quindi può essere un'ottima alternativa al grano (anche se quest'anno hanno fatto una media del 30% e anche superiori di tare).

 

Ho letto su internet che è un'ombrellifera ma non ho trovato se può dare problemi per i nematodi o altre malattie sopratutto se impiegata in rotazione per esempio a bietola, ravanello, cipolla.

Nemmeno sul fabbisogno nutritivo e rilascio di sostanze sul terreno ho trovato nulla... se qualcuno ha qualche informazione al riguardo :ave:

 

Per LINDA90 alla fine è cresciuto il tuo coriandolo?

Link to post
Share on other sites

Ciao.

 

Provo a ricordare le parole di mio nonno.

Per raccogliere le foglie(si possono anche congelare) si puo seminare in tutte le stagioni,per ottenere i semi,si semina a primavera con temperatura minima di 15 gradi,ad una profondita' minima di 2 cm,massima di 5-6,lasciando 50cm di distanza interfilare se messo con la seminatrice.

Possibilmente scegliere zone soleggiate,terreno sciolto e con poca umidita' media,comunque si puo' innaffiare ma piuttosto di rado,la germinazione avviene dopo circa 10 giorni,importante e' anche la sarchiatura,l' eliminazione delle foglie alla base dello stelo e il mantenimento dei 20cm tra pianta e pianta.

I semi si raccolgono prima che maturino,con le foglie si puo' cominciare anche da un mese dalla semina.

Riguardo la quantita' di seme per ettaro,so che si rilasciano anche 80 kg.

 

Se mi sbaglio mi corrigerete.....

Link to post
Share on other sites
  • 10 months later...

Io ho fatto per due anni il coriandolo...non e' un'alternativa al grano...ma dei girasoli per esempio...

 

il primo anno provai su 3 ettari,selezionati per le ottime rese con le alte coltura,quindi un terreno affidabile...seminati e davvero rimasi stupito,senza disserbi o concimi,mi diedero una resa intorno ai 55quintali...su tre ettari e con spese minime al prezzo di 50 euro il quintale.

 

provai l'anno successivo su 10...ma a causa di scarse piogge,sicuramente forse qualche mio errore nella lavorazione...sta di fatto che risulto' un prodotto a macchia di leopardo,dove verde e dove secco....nel momento della trebbiatura fu un disastro...tanto e' vero che avevo anche pensato di metter seccatutto e via...

 

mi ha ripagato pero' sul grano...dove,con un lavoro ben fatto ottenemmo un'ottima resa...55/58 quintali ettaro.

 

quest'anno vorrei riprovare un ettaro solo per capire se davvero puo' essere eseguita in modo corretto e su un terreno normale,come ce ne sono tanti da noi e non magari sui migliori.

 

problemi da me incontrati:

 

semina tardiva quindi l'ideale e' che prenda un bel po' di acqua' all'inizio...se stenta a crescere son problemi.

 

selezionare bene il disserbo.

 

un minimo di urea in ''levata'' sarebbe una buona cosa.

 

trebbiatura:va conservato in sacconi,aperti per farlo seccare il piu' possibile...quindi si necessita di un posto dove metterli e di attrezzi per scaricare/caricare.

 

nel momento in cui verranno a ritirarli da parte loro ci sara' un controllo presso l'anseme,dove verra' separato e il pagamento avverra' sul netto.....

 

se chiamate vi mandano dei sacchi per provare a seminarlo e dei sacconi dove riporlo.

 

si semina con una seminatrice per cereali,appositamente modificata per mettere il seme ad una certa distanza,basta chiuderla in alcuni punti.

 

La trebbiatura con barra da grano,l'aspo tutto alzato,in quanto una volta secco il prodotto tende a staccarsi facilmente...vento tutto chiuso.

 

lo stoccaggio diventa davvero il primo problema...perche' passa anche un bel po' di tempo finche' non vengono a ritirarlo...e poi se il prodotto risulta scadente,caldo,quindi sporco...allora,il guadagno e' minimo se non zero...e tocca fidarsi nel momento in cui loro lo faran cernere.

Edited by Renz
Link to post
Share on other sites

Questo è quello che ho trovato su internet...Ottima descrizione di tutta la coltura, fonte coldiretti macerata.

 

http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=semina%20coriandolo%20francia&source=web&cd=4&ved=0CDEQFjAD&url=http%3A%2F%2Fwww.legge37.marche.coldiretti.it%2FRenderImg.aspx%3FCI%3D12856050&ei=GdPLTszPC-6M4gS6_cUW&usg=AFQjCNGYqi_ZvEP0XoS-bCDZnTsxI-_Yng&cad=rja

 

 

Inoltre, ho fatto una ricerca veloce su you tube, e ho trovato solo questo video di marca francese...però non si vede un granche

 

 

 

Coltura interessante, perchè dal poco che ho letto resiste bene alla siccità, anzi se non è abbastanza caldo non produce i semi.

 

Qualcuno sa i prezzi e le rese medie aggiornate a quest'anno?

 

Renz, da quanto ho capito ti ha fatto 55 quintali in 3 ettari giusto?quindi più o meno 19q/ha x 50 euro/q = 950euro....non male per una coltura da rinnovo.

Link to post
Share on other sites

si,piu' o meno se non ricordo male sotto i 20 quintali comunque...infatti ne ero entusiasta...poi messo in un'altra zona...e fu un mezzo disastro...

 

ma non demordo,quest'anno lo riprovo un ettaro...voglio capire bene...anche se lo stoccaggio e' una scocciatura enorme...e se non e' tutto secco o ci sono infestanti come e' capitato a me...forse meglio andare di seccatutto che trebbiarlo,ve lo assicuro...gli scuotipaglia della 3550 sembravan un boschetto...che giornataccia fu...

Edited by Renz
Link to post
Share on other sites

Noi l'abbiamo fatto per due anni, prima su due poi su cinque ettari fino al 2010.

Un terzista aveva organizzato sia semina che trebbiatura e trasporto, ed i semi venivano caricati su camion e non su sacchi.

Come ricavi mi sembravano paragonabili o comunque di poco inferiori rispetto a quelli del grano nel 2009 tanto che l'abbiamo rifatto nel 2010 anche se con risultati meno soddisfacenti.

Ma il grano quotava meno rispetto a oggi.

Link to post
Share on other sites

quindi il coriandolo lo ammassava tutto su camion?

poi c'era un punto di raccolta?un consorzio dove poterlo ammassare?

 

che tipo di lavorazione e che tipo di prodotti hai usato?

 

che risultati hai ottenuto?

 

grazie.

Link to post
Share on other sites

Come han scritto negli altri post è una pianta che non richiede particolari impegni come lavorazione (e comunque era tutto seguito da un loro tecnico).

Per il conferimento sì, veniva messo tutto su camion (il terzista che aveva organizzato "l'esperimento" aveva organizzato anche quello).

Come redditività (almeno di quella di qualche anno fa poi il prezzo del grano è aumentato e non so se quello del coriandolo abbia fatto lo stesso perchè poi qui non ha preso piede) era più o meno paragonabile al grano.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...