Jump to content

Recommended Posts

Probabilmente avete utilizzato per il convolvolo lo Starane 21. Comunque l'Afalon è base di linouron, mentre lo Stomp è a base di pendimetalin se non erro. Tra l'altro da quel che ne so il principio Linouron è stato ritirato dal mercato, quindi apparte qualche rimanenza in magazzino, in futuro sarà dura reperirlo.

Per il concime a me piacerebbe sarchiarlo e quindi interrare il concime in modo che anche se non piove, il concime non si volatilizza.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 722
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Entrano, entrano...a me sono entrati nei campi, li hanno attraversati, calpestati e distrutti. Altro che 2 giri di seminatrice. Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

ma vi siete posti la domanda che l'anno successivo visto che ci torna  di sicuro il grano, se avete una rinascita tardiva, non vi ritirano il grano?.....cose successe di già.....qua 10 anni fà se ne e

no... tomagan 200g/ha e una volta 0,8 di afalon. sul coriandolo bisogna fare il pre assolutamente col Bismarck a 2lt/ha, non ascoltare cosa dicono le ditte sementiere

Posted Images

Oggi pomeriggio dovrei vedermi con il tecnico...vediamo se mi convince a metter meno girasoli :)

 

Se avete domande che posso fare a lui volentieri gliele giro...sicuramente dovra' convincermi sul diserbo.

Link to post
Share on other sites

Per il concime a me piacerebbe sarchiarlo e quindi interrare il concime in modo che anche se non piove, il concime non si volatilizza.

 

Se posso permettermi, per queste colture è più indicata la fresa al posto del sarchio: quest'ultimo per fare un bel lavoro necessita di una certa velocità di lavoro, velocità alla quale la terra attorno alle fragili piantine di coriandolo tende a sollevarsi e provocare il loro distacco dal terreno.

Link to post
Share on other sites
Comunque l'Afalon è base di linouron, mentre lo Stomp è a base di pendimetalin se non erro. Tra l'altro da quel che ne so il principio Linouron è stato ritirato dal mercato, quindi apparte qualche rimanenza in magazzino, in futuro sarà dura reperirlo..

 

fortuna c'è il buon Simone... hai ragione, oggi ho controllato ed è come hai detto. Riguardo al ritiro del Linuron hai ragione, infatti noi abbiamo preso un fondo di magazzino.

Link to post
Share on other sites

Oggi ho parlato con il tecnico...abbiam deciso di riprovare su un paio di particelle,12 ettari...gli ho chiesto dei diserbi,mi mandera' la lista di alcuni prodotti in pre e post emergenza.

 

Il prezzo e' di 60 euro al quintale quest'anno,in quanto mi ha confermato che c'e' un alta richiesta di questa particolare spezia.

 

Mi ha confermato che molti agricoltori giu' in puglia han anticipato le semine anche a dicembre/gennaio e si e' dimostrata una pianta resistente....certamente l'inverno li' puo' essere piu' ''caldo''.

 

Quindi Stomp in pre emergenza e' andato bene?

Edited by Renz
Link to post
Share on other sites

da noi stomp in pre-emergenza è andato bene, ci è sfuggito un po di convolvolo, ma quello presumo sia da imputare alla riduzione della dose in etichetta. adesso mi è venuto il dubbio se fosse stato o meno abbinato al most micro, ma devo chiedere ai capi che non sono io il diserbatore.

La storia delle semine invernali ce l'hanno detta anche a noi, tant'è che volevamo provare che succedeva, magari scegliendo un appezzamento assolato e non in fondovalle. Dicono, ed è anche logico, che se riesce a superare indenne l'inverno poi abbia più tempo per fiorire e legare, con buoni risultati produttivi... Cmq secondo noi è una pianta molto rustica a come abbiam visto.

 

Il prezzo dovrebbe essere quello anche da noi, rimane solo da decidere la produzione...

Link to post
Share on other sites
Se posso permettermi, per queste colture è più indicata la fresa al posto del sarchio: quest'ultimo per fare un bel lavoro necessita di una certa velocità di lavoro, velocità alla quale la terra attorno alle fragili piantine di coriandolo tende a sollevarsi e provocare il loro distacco dal terreno.

 

Credo molto dipenda dallo stato di sviluppo delle piantine, perchè quando iniziano ad essere uno pò sviluppate o accestite, mi sembrano belle ignoranti. Comunque sicuramente la fresa fa tutto un altro lavoro!

 

Oggi ho parlato con il tecnico...abbiam deciso di riprovare su un paio di particelle,12 ettari...gli ho chiesto dei diserbi,mi mandera' la lista di alcuni prodotti in pre e post emergenza.

 

Il prezzo e' di 60 euro al quintale quest'anno,in quanto mi ha confermato che c'e' un alta richiesta di questa particolare spezia.

 

Mi ha confermato che molti agricoltori giu' in puglia han anticipato le semine anche a dicembre/gennaio e si e' dimostrata una pianta resistente....certamente l'inverno li' puo' essere piu' ''caldo''.

 

Quindi Stomp in pre emergenza e' andato bene?

 

Renz, fatti dire per bene anche quali sono i prodotti registrati (sempre che ce ne siano), perchè oggi su questi argomenti chi sontrolla non scherza più....

Link to post
Share on other sites
Credo molto dipenda dallo stato di sviluppo delle piantine, perchè quando iniziano ad essere uno pò sviluppate o accestite, mi sembrano belle ignoranti. Comunque sicuramente la fresa fa tutto un altro lavoro!

 

avoglia se sono ignoranti, dovete vedere l'anno dopo quando c'è il grano che ignoranza!

riguardo alla fresa il lavoro è migliore, ma ha un costo maggiore ed una resa giornaliera molto minore al sarchiatore

Link to post
Share on other sites
avoglia se sono ignoranti, dovete vedere l'anno dopo quando c'è il grano che ignoranza!

riguardo alla fresa il lavoro è migliore, ma ha un costo maggiore ed una resa giornaliera molto minore al sarchiatore

 

Infatti, credo comunque visto il fatto che sono abbastanza competitivi, anche una buona sarchiata possa avere i suoi buoni frutti. Io avevo pensato a questa soluzione perchè avendo poco tempo, mi permetteva di impegnarmi meno.

 

scusate l'intromissione ma se volete sarchiarlo o fresarlo non credo sia possibile seminarlo con una seminatrice da cereali

 

Senz'altro, ma non sarebbe un problema. Comunque qui in zona chi li vuole piantare a 50cm senza usare quella di precisione, usa quella da cereali con interfila a 17 cm una bocchetta sì, e 2 no. Con quella da 13 bocchette incontra anche bene, viene come fosse una 5 file da 50 cm

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

pensavo di fare una prova dopo girasole su minima lavorazione passaggio diretto della combinata su campo non lavorato).

la coltura si adatta a questa tecnica o ha bisogno di una lavorazione più profonda?

la coltura ce la fa a chiudere in fretta impedendo l'emergenza delle infestanti?

meglio seminarla a 50 cm perchè ramifica di pi tipo la colza?

lo xantium ed il girasole selvatico danno problemi?

Link to post
Share on other sites

per quanto riguarda la profondità credo non ci siano problemi. Simone83 li ha seminati su sodo, poi saprà dirci meglio...

Noi la seminiamo con la seminatrice del grano, se ramifica meno c'è meno scalarità di maturazione. Dello xantium non so dirti perchè da noi ancora (non so per quanto ancora..) non è un problema, lo stesso del girasole eprchè noi, ritenendola una coltura povera, la mettiamo in successione al grano proprio al posto del girasole, soprattutto dove ci sono problemi con la selvaggina che devasta i raccolti.

Comunque è noto per essere lui stesso un infestante, c'è gente che ha smesso di piantarlo perchè poi non riusciva a combatterci sui campi gli anni successivi. Ma spesso con una falsa semina dopo il raccolto questi problemi si eliminano.

Link to post
Share on other sites

Confermo, la proforndità di semina è pressappoco quella del grano, ed è abbastanza rustica essendo un'infestante. Qui alcuni lo guardano di traverso perchè alcuni commercianti storcono il naso se in mezzo al grano ci sono i semini del coriandolo, ma poi ho visto che lo ritirano tutti e lo mischiano pure con quello pulito...

Non capisco il tuo scopo nel seminarlo dopo girasole

Link to post
Share on other sites
Confermo, la proforndità di semina è pressappoco quella del grano, ed è abbastanza rustica essendo un'infestante. Qui alcuni lo guardano di traverso perchè alcuni commercianti storcono il naso se in mezzo al grano ci sono i semini del coriandolo, ma poi ho visto che lo ritirano tutti e lo mischiano pure con quello pulito...

Non capisco il tuo scopo nel seminarlo dopo girasole

 

vista la probabile impossibilità di fare cereali, non posso ristoppiare un'oleaginosa e non c'è acqua per mais o sorgo.

 

il puzzo a che distanza da noia se in un appezzamento sui 10 ettari?

Link to post
Share on other sites

Ah, ora ho capito, avevo inteso che volevi proare a seminarli subito dopo tolti i girasoli.

Guarda, il massimo della "puzza", perchè solo per alcuni è un odore sgradevole in quanto sà quasi di limone, lo hai nel periodo di fioritura e in condizioni di umidità. Io penso che comunque già a 400-500mt sia difficile essere infastiditi dall'odore.

Link to post
Share on other sites

Dipende tanto anche da come prepari il letto di semina, se la coltura parte bene è abbastanza competitiva. Comunque c'è anche chi li diserba con microdosi di gliphosate. Il problema è che a sentire chi li ritira, se ci sono erbe come la loppa, convolvolo che hanno un seme molto simile al coriandolo, allora dopo scrtano tanto perchè dicono che per separare quei semi loro ne devono eliminarne tanto di coriandolo

Link to post
Share on other sites

L'anseme mi ha consegnato il coriandolo proprio ieri.

quest anno seminerò 13 ettari.

 

lavorazioni eseguite:

coltura precedente grano duro.

ripper 7 ancore alpego con doppio rullo.

frangizzollatura nardi 28 dischi( quindi abbastanza pesante).

Lasciato arieggiare e appena dopo le piogge estirpatore.

 

a distanza di due settimane non c'e' presenza di infestanti...tenerli il piu possibile puliti è fondamentale.

 

sicuramente dopo la semina pre emergenza ma sto ancora decidendo con cosa entrare.

 

spero di seminarli prima quest anno,penso febbraio/marzo entro la prima settimana nel caso di condizioni avverse.

 

puntoluce,lo scarto e le infestanti sono i problemi maggiori e vanno di pari passo,un anno ho preso una batosta...tanto è vero che l ispettore mi consigliò,prima della trebbiatura,di dargli il gliphosate...

 

un anno in cui le infestanti sono state nulle,abbiam avuto una bella produzione e pochissimo scarto.

 

del puzzo non ci faccio caso...:)

Edited by Renz
Link to post
Share on other sites

salve a tutti

ho seguito con interesse la discussione e pensavo di provare questa coltura che da noi è del tutto sconosciuta.

dato quindi che per me è una cosa nuova , avrei alcune domande:

ho un'azienda agricola a baranello (campobasso) e , dato che il clima è un pò rigido essendo ai piedi del matese ,volevo capire se il clima è favorevole per il coriandolo;

riguardo al fatto che è una pianta infestante e, dato che operiamo in piccole realtà , da noi ancora non è diffuso l'uso di pesticidi , avrò problemi negli anni futuri per le altre coltivazioni?

inoltre , come posso fare per avere dei contatti con le aziende che forniscono il seme?

se tutto ciò fosse possibile , avrei 3ha in cui poter fare questa prova

Link to post
Share on other sites

Ciao,qualche pagina dietro ho inserito un link dovem puoi trovare una buona documentazione sul coriandolo...anche se nn troppo aggiornata forse...guarda bene,on line puoi trovare altro o parlare direttamente con anseme,forse è meglio.

io ho sempre lavorato con anseme,li trovi su internet facilmente,penso basti un colpo di telefono.

Dopo il coriandolo rimetto grano e nessun problema.

Edited by Renz
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...