Jump to content

Recommended Posts

rispondo a tutti: non capisco cosa ci sia da aprire e chiudere, è fisso. Si mette e si leva con 4 bulloni a inizio e fine inverno. Esistono diversi tipi di materiale, alcuni non piegabili e molto rigabili. Il migliore è il Lexan, è calpestabile. Ovviamente non è vetro, a lavarlo ci vuole un minimo di attenzione, come ci si metterebbe per il parabrezza di uno scooter. Avevo usato lo stesso materiale per il tettuccio del john deere, dopo 11 anni era ancora in ordine. da Considerare che non prende sole, usandolo solo di inverno. Da considerare  che quando anche si rigasse e avessi problemi di visuale (tra 15 o 20 anni?) il costo della lastra è stato di 70 euro!

In termini di sicurezza, ovviamente non è omologato, ma resta ben sotto di almeno 40 cm. al rollbar omologato (che ho visto  come ti protegge , schiacciandosi sul sedile del john deere).

Non intendevo comunque una commercializzazione  ufficiale, ovvio, ma ne sto già facendo altri 2 per amici.

Io vedo in giro un molti trattori con tettoie e ripari posticci, forse pratici ma brutti da vedere, e comunque pesanti e lunghi da smontare, tanto che vengono poi lasciati montati, nessuno gli ha mai detto niente.  Se voi avete già uno o più trattori cabinati, capisco che questo oggetto vi faccia anche ridere, bati voi.  Provate a farlo vedere a chi fa legna o toglie neve, e che l'unico trattore che ha è un trattore aperto, magari anche per motivi economici,  il giudizio forse sarà diverso.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.7k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Buongiorno a tutti, il mio  Carraro ha quasi 100 ore, i piccoli problemi di gioventù sono stati subito risolti e devo dire che sono veramente soddisfatto del mezzo, ovviamente in rapporto al mio utili

Questo è il mio nuovo giocattolo

Le gomme Se non a libretto, ti scatta il sequestro del mezzo da parte delle forze dell'ordine. Inoltre in caso di incidente l'assicurazione può fare rivalsa e chiederti i danni . Se loro hanno sb

Posted Images

Io ti capisco bene... finche avevo due gommati li usavo sotto i frutti non potevo montare niente, adesso che ho preso il secondo Trx nel goldoni ho messo la cabina e i due trx li uso sotto i frutti , trattamenti invernali, trinciare potature, e se mi servono da un appezzamento all altro li trasporto col rimorchio e non prendo più aria...

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Dati alla mano (prendendo nota delle ore tra un pieno e l'altro e dei litri), durante l'anno il consumo del mio trx 7800 è rimasto sempre tra i 2,5 e i 3 litri/ora. (trinciatura, raccolta nocciole, atomizzatore e circa 15 km su strada in tutto) Qualcuno ha dei riscontri? Era una curiosità a titolo personale per capire se è un consumo giusto...

Link to post
Share on other sites

ieri mi è arrivata la Carta di Circolazione  del Carraro, con relativo certificato tecnico allegato. C'è un problema: nell'elenco con tutte le gommature omologate e relative misure di larghezza della carreggiata, le mie gomme 425/55-17 non ci sono. la misura massima menzionata arriva alla 400, con una carreggiata ben inferiore a quella del mio trattore.

Eppure persino sui depliant erano illustrate sia le foto con tali pneumatici, sia la tabella con tutte le gommature in opzione, addirittura  fino alla 440, ovvero ancora un pelo più larghe delle mie.

Ora mi chiedo: se circolando su strada subissi un controllo delle forze dell'ordine (il mio trattore, per effetto della carreggiata elevata, potrebbe indurli a controllare i documenti) o peggio ancora, avessi un incidente grave, cosa succederebbe ad esempio con l'assicurazione?

Secondo voi, è possibile che la casa abbia le omologazioni in corso, o trattasi di dimenticanza grave?

Certamente contatterò il concessionario, chiedendo l'aggiornamento della carta di circolazione e , se ciò non fosse possibile, il montaggio di cerchio e gomme di misura il più possibile vicine alle mie ma identificate sul certificato tecnico, il tutto ovviamente a loro spese.

Voi cosa ne pensate?

Mi sembra che sul forum c'è qualche altro utente con un mezzo configurato da fienagione come il mio, ha provato a guardare sui propri documenti se sono riportate?

Edited by Furio
aggiunta frase
Link to post
Share on other sites

Le gomme Se non a libretto, ti scatta il sequestro del mezzo da parte delle forze dell'ordine. Inoltre in caso di incidente l'assicurazione può fare rivalsa e chiederti i danni .

Se loro hanno sbagliato devo fare due cose, o aggiornare libretto oppure sostituire le gomme a loro spese, comunque vada Non andare assolutamente per strada Finché il tutto non è a posto, facci sapere

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Grazie, molto gentile, Ho visto che il tuo è del 2012, il mio essendo nuovo come modello probabilmente avranno fatto qualche casino in sede di omologazione. Lunedi sentirò il conce cosa mi dice.

Link to post
Share on other sites
Il 12/1/2021 Alle 11:01, Baxxi 640 ha scritto:

Dati alla mano (prendendo nota delle ore tra un pieno e l'altro e dei litri), durante l'anno il consumo del mio trx 7800 è rimasto sempre tra i 2,5 e i 3 litri/ora. (trinciatura, raccolta nocciole, atomizzatore e circa 15 km su strada in tutto) Qualcuno ha dei riscontri? Era una curiosità a titolo personale per capire se è un consumo giusto...

ciao , per i consumi non si fa la media annuale,  si verifica per ogni attrezzo.   Fai il pieno,   fai per esempio 6 ore continuative senza trasferimenti, rifai il pieno e dividi per 6

Link to post
Share on other sites
Il 12/1/2021 Alle 11:01, Baxxi 640 ha scritto:

Dati alla mano (prendendo nota delle ore tra un pieno e l'altro e dei litri), durante l'anno il consumo del mio trx 7800 è rimasto sempre tra i 2,5 e i 3 litri/ora. (trinciatura, raccolta nocciole, atomizzatore e circa 15 km su strada in tutto) Qualcuno ha dei riscontri? Era una curiosità a titolo personale per capire se è un consumo giusto...

I miei corrispondono ai tuoi, ma è chiaro che è una media. Con la trincia siamo sui 5/6 litri/h,   a tagliar della legna fermo a 1300 giri meno della metà.

Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, valeriol25 ha scritto:

ciao , per i consumi non si fa la media annuale,  si verifica per ogni attrezzo.   Fai il pieno,   fai per esempio 6 ore continuative senza trasferimenti, rifai il pieno e dividi per 6

La realtà corilicola piemontese è molto frammentata, il metodo che tu proponi, che è corretto, è difficile da applicare se non impossibile.

Siamo in collina, gli appezzamenti vanno da mezzo ettaro a 5-6, i trasferimenti sono obbligatori.

A trinciare in ettaro in collina e uno in pianura,  a seconda delle pendenze, ci metti il doppio.

Comunque, per quanto posso dire in prima persona,  lo Yanmar aspirato consuma poco e va molto bene, il kubota turbo è più assetato, e ci mancherebbe altro...

Per Furio, io a segare con la circolare uso la eco e faccio girare a circa 1100 giri, con la sega (Collino con vidiam da 700) che gira a 400rpm come raccomandato da manuale.

Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, Furio ha scritto:

I miei corrispondono ai tuoi, ma è chiaro che è una media. Con la trincia siamo sui 5/6 litri/h,   a tagliar della legna fermo a 1300 giri meno della metà.

Anche qui dipende, io ho una trincia da 150 e una da 200, con il Carraro le faccio girare la prima con la eco e l'altra a pieno regime.

Ma io trincio quando l'erba supera il cofano del Carraro di mezzo metro, prima per me è solo gasolio sprecato.

Link to post
Share on other sites

Ma infatti parliamo di consumo medio, non stiamo facendo dei confronti.  

Io però il confronto lo faccio, con la macchina che avevo prima che faceva le stesse lavorazioni nello stesso posto, ovvero il  il John Deere da 56 cv e motore JD 2200 turbo: il Carraro, con lo Yanmar 3300cc.  aspirato da 70cv, consuma leggermente meno, ma anche qui entrano in gioco le trasmissioni, le gommature ecc. e comunque le differenze sono irrisorie, quantificabili tra i 100 e i 200 euro/anno in meno, con le ore che faccio. (100-150)-

Link to post
Share on other sites

Io ho posto la domanda in maniera innocente, solo per vedere se qualcuno aveva riscontri... la media la faccio da pieno a pieno, ed è sempre rimasta lì in mezzo, io trincio con una 165 meritano in eco e la media non va oltre i 4 (non mi basta un pieno, quindi il consumo é giusto per quella lavorazione), devo vedere con l'atomizzatore perché non ne ho avuto occasione di calcolare la media, ma per tutte le altre operazioni, quindi raccolta rami, trinciatura, concime e raccolta la media è sempre stata sui 3

Edited by Baxxi 640
Link to post
Share on other sites

Qualcuno di voi ha mai fatto in proprio un cambio olio della trasmissione? Se sì, che olio usate? Quello consigliato (Mobil) o avete alternative compatibili? Accetto consigli particolari per uno alle prime armi...

Link to post
Share on other sites

Si io me li faccio da solo i due filtroni a dx e dx , 20 litri nella scatola posteriore e un po piu di 10 in quella anteriore per i distributori e sollevatore, uso del arbor 20 30 se vuoi guardo meglio le specifiche 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Io lo ho fatto, anche se ne avrei fatto volentieri a meno: il trattore aveva si e no 30 ore, stavo trinciando in un bosco talmente pendente che facevo fatica a starci sopra, stava venendo buio e volevo finire il lavoro quando ad un tratto la cicalina si è messa a suonare, spie rosse di allarme accese e volante duro: un grosso ramo mi aveva strappato la tubazione del ritorno dell'olio dalla trasmissione posteriore a quella anteriore, quella che bypassa lo snodo centrale tipico del Carraro. Dopo la riparazione, eseguita sul pendio con l'aiuto di una torcia, ho ripristinato il livello come ho potuto per potermi togliere da quella posizione. Una volta a casa ho rifatto i livelli, ant. e post. con macchina perfettamente in piano. In pratica lo avevo perso quasi tutto. Ho usato, dopo aver controllato le specifiche e chiesto autorizzazione al conce, olio John Deere Hi Gard, perchè ne avevo ancora molto nuovo del precedente trattore. 

Edited by Furio
errore
Link to post
Share on other sites

Per immettere l'olio nuovo procurati un tubo che entri preciso nei fori di carico/controllo livello olio, dotato ad una estremità di un imbuto: il tappo della trasmissione posteriore è leggermente più piccolo, quindi cercane uno di quella misura. L'olio scende piano, ci vuole molta pazienza a versarlo, tra davanti e dietro almeno venti minuti. Cosi mi è stato consigliato dal meccanico del concessionario e cosi ho fatto.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
11 ore fa, nh72-85 ha scritto:

Si io me li faccio da solo i due filtroni a dx e dx , 20 litri nella scatola posteriore e un po piu di 10 in quella anteriore per i distributori e sollevatore, uso del arbor 20 30 se vuoi guardo meglio le specifiche

Per due filtri intendi motore e trasmissione o 2 per la trasmissione? Perchè se non sbaglio quello della trasmissione è in verticale davanti alla ruota anteriore sinistra, quello motore a destra sul blocco in posizione orizzontale

Link to post
Share on other sites

I vecchi avendo due pompe hanno un filtro dell'olio trasmissione per parte davanti all'assale anteriore in posizione verticale, i nuovi(come il mio) uno solo sul lato sinistro.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
19 ore fa, Baxxi 640 ha scritto:

Qualcuno di voi ha mai fatto in proprio un cambio olio della trasmissione? Se sì, che olio usate? Quello consigliato (Mobil) o avete alternative compatibili? Accetto consigli particolari per uno alle prime armi...

Anche io faccio da me, è facile e l'unica cosa un po' lunga è mettere olio nel posteriore, come ha detto Furio, ci vuole pazienza.

Uso il Mobil raccomandato perché ho un rivenditore non lontano, mi pare che l'ho pagato 5€/litro.

Filtri anche tutti ufficiali, l'ultima volta ho fatto aria( entrambi interno e esterno), olio motore, gasolio, 2 anteriori olio e anche quello in pressione posteriore. 

Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Furio ha scritto:

I vecchi avendo due pompe hanno un filtro dell'olio trasmissione per parte davanti all'assale anteriore in posizione verticale, i nuovi(come il mio) uno solo sul lato sinistro.

Non sempre innovazione vuol dire progresso, ogni tanto anche risparmio

,-)

Link to post
Share on other sites

Sicuro, io infatti lamento poca forza nel sollevatore posteriore, guarda caso. Ora mi faranno il primo tagliando (lo devo far fare per la garanzia), vedremo se si può fare qualcosa.

A proposito voi come forza del sollevatore siete soddisfatti? Il mio 500 kg di trincia li solleva senza problemi, ci mancherebbe, ma quando monto il muletto (tara sui 350 kg circa ) e carico 6 o 7 qli non ce la fa più, devo accelerare oppure poggiare le forche a terra e riprenderlo con il sollevatore. Diciamo che ha circa 1000 kg di forza, anziche i 2150 promessi.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...