Jump to content
Mapomac

Raccoglitrici pisello da industria - colture industriali

Recommended Posts

E ci risiamo...vi chiederete voi, ma a chi interessano le raccoglitrici per pisello ? :cheazz:

 

Quindi ecco i miei motivi:

 

- In Italia abbiamo zone molto vocate per la produzione di questa coltura industriale. Mi riferisco alle provincie di Ferrara, Ravenna, Piacenza, Mantova, Verona, Lodi, Milano ed in misura minore alcune zone delle marche e dell'abruzzo. Oltre al pisello vengono coltivati anche fagioli borlotti. Per la raccolta si utilizzano le stesse macchine.

- Ultimamente vedo nel nord Italia, un'incremento delle colture industriali, dovuto forse anche alla scomparsa della bietola.

- Sono macchine particolari, che mi sono sempre piaciute. Vuoi per le dimensioni, vuoi perchè ce ne sono poche in giro, vuoi perchè tutto il cantiere di raccolta è una cosa a mio avviso "affascinante". Sarà anche che quando si passa in strada con il convoglio (furgone officina + 2 trebbie) tutti si voltano a guardare...:asd:

- Dopo le raccoglitrici per pomodoro da industria sono forse le macchine che conosco meglio...:leggi:

 

Indicazioni generali sulla coltura

 

t1541_peamintpesto.jpg

 

La pianta nei climi italiani ha un ciclo di circa 4-5 mesi che si conclude con la raccolta nel periodo di maggio-giugno. Senza dilungarci nella tecnica colturale, possiamo però dire quali siano le principali caratteristiche:

 

- pianta C3, pertanto molto importante l'acqua e il LAI (leaf area index)

- importante nella scelta varietale, così come nella pratica agronomica, l'uniformità di fioritura, importantissima per poter effettuare la raccolta meccanica con la miglior resa possibile.

- al nord rendono sempre meglio le varietà precoci (compatibilmente con il rischio gelate) in quanto i facili incrementi di T in primavera portano ad un'indurimento del seme troppo rapido.

- può crescere in asciutta se le precipitazioni nel ciclo raggiungono gli 800 mm

- ricordiamo come sia una leguminosa, pertanto l'attività di azoto fissazione è senz'altro gradita. L'attività del rizobio è molto ridotta nel primo mese del ciclo.

- le rese per il prodotto fresco sono di 3-6 t/ha (per il secco 2,5-3 t/ha)

 

Breve storia delle raccoglitrici

 

Credo che questa serie di immagini possa essere abbastanza esplicativa.

Come potete vedere in un primo momento in campo avveniva solo la raccolta della pianta, per la sgranatura ci si affidava a macchine fisse in stabilimento.

A mio avviso quello che ha rallentato il progresso tecnologico, è stata la solo "recente" applicazione dell'idraulica in agricoltura, tale da permettere alle raccoglitrici di raggiungere le attuali produzioni e rese. Le componenti e i vari meccanismi richiesti per ottenere una COMPLETA meccanizzazione della raccolta e delle sgranatura, sono talmente tanti che senza l'attuale conoscenza dell'oleodinamica, ha portato ad avere le prime macchine considerate moderne solo circa 15 anni fa.

Aggiungo che tutte le macchine per effettuare una sgranatura efficiente, devono essere autolivellanti, cosa di certo non possibile 30 anni fa.

 

t1522_litrkj7.jpg t1534_Pic9.jpg t1531_litrkjopkl13.jpgt1525_litrkj10.jpg t1527_litrkj94.jpg t1523_litrkj8.jpg t1532_litrkklj1.jpg t1530_litrkjjs17.jpg t1529_litrkj98.jpg

 

Come funziona indicativamente una raccoglitrice per pisello da industria ?

 

Possiamo riassumere brevemente il funzionamento così:

 

- il pickup molto simile a quello di una rotoimballatrice effettua il distacco dei baccelli dalla pianta. A seconda della cultivar e delle condizioni di raccolta, spesso anche buona parte della pianta viene strappata e di conseguenza immessa nel canale di alimentazione.

- il prodotto viene portato nel cestello posteriore (quel lungo cilindro che è molto facile individuare). All'interno di questo vi sono a seconda del modello e della casa costruttrice 5 battitori. Questi non sono altro che cilindri sprangati lunghi quanto il cestello. Di questi uno è detto battitore principale, gli altri satelliti.

- il cestello è in continua rotazione, stesso dicasi per i battitori. Grazie alla rotazione di tutto il sistema trebbiante il prodotto viene fatto muovere secondo il flusso che vedete in figura, passando, sempre in rotazione, per spessori sempre inferiori. Questo provoca l'apertura del baccello e la fuoriuscita dei semi.

- il cestello funge da griglia rotante, i semi escono da esso e vengono intercettati dai nastri laterali inclinati che potete vedere. Questi allontanano la vegetazione residua. I semi, in quanto tondi più pesanti, rotolano in fondo fino ad essere raccoltri dal nastro inferiore in posizione centrale.

- il prodotto viene spinto nella parte frontale della macchina, dove una facchiniera lo solleva per portarlo nel cassone. Durante il salto tra questa ed il contenitore, una serie di ventole provvede alla pulitura della granella.

 

Importante al fine di una raccolta ottimale è la regolazione dell'inclinazione longitudinale del cestello.

Questo infatti in linea di massima ha sempre una leggere pendenza posteriore, per facilitare la fuoriuscita della massa trebbiata. Tale regolazione è di fondamentale importanza in quanto un'inclinazione troppo blanda porta ad una permanenza del prodotto nel sistema trebbiante, troppo prolungata, con conseguente perdita di granella per rottura o schiacciamento. Altresì un'inclinazione troppo elevata porta ad una azione trebbiante meno aggressiva, pertanto le perdite sono da ricondursi a baccelli non sgranati.

 

t1535_979.gif t1536_Immagine1.png t1537_Immagine2.png

 

Alcune macchine moderne

 

t1540_Immagine5.png t1539_Immagine4.png t1538_Immagine3.png

 

Queste le principali case costruttrici:

 

PMC PMC Harvesters Diffusa in Italia

Ploeger PLOEGER Diffusa in Italia

Oxbo Oxbo International Corporation Sono presenti solo alcune raccoglitrici per mais dolce.

 

Alcuni video "carini"

 

Potete vedere qualche situazione un po' a rischio, qualche ribaltamento, non dico che sia all'ordine del giorno, ma credetemi capita spesso...ed è anche per questo che mi piacciono queste macchine. :perfido:

 

[TABLE]YouTube - new pmc979ct | YouTube - FMC Peaharvester by Rijko BV Helmond |

YouTube - Pea Harvester rollover | YouTube - fmc979at vs pmc979ct |

YouTube - Pea harvester rollover | YouTube - PMC Pea Harvester Stuck |

YouTube - PMC Pea Harvester Stuck going up hill| YouTube - new ploeger epd538 italy |

YouTube - ploeger EPD 530 | YouTube - ploeger EPD530[/TABLE]

 

Sperando di aver fatto cosa gradita, lascio a voi la parola.

Edited by Mapomac

Share this post


Link to post
Share on other sites

a che percentuale di umidità si raccoglie la coltura?

che percentuale di impurità e di spezzato fanno e da quali condizioni derivano?

Edited by puntoluce

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come indice di raccolta non si utilizza l'umidità. Questa è comunque in misura di circa 75 % in fase di raccolta.

Ci si avvale invece del grado tenderometrico, ovvero la pressione necessaria per schiacciare un dm3 di granella ( per il prodotto inscatolato si aggira sui 115-125 mentre per il prodotto surgelato 90-110).

Da notare come il prezzo sia fortemente in proporzionalità inversa in relazione del grado tenderometro.

 

Per quanto riguarda le perdite, a mio avviso sono distinguibili in 2 tipi

 

- perdite "tecniche", assimilabili a qualsiasi macchina raccoglitrice, come ad esempio le trebbie allestite a soia. Direi che un 3-5 % sia da attribuire alla mancata raccolta da parte dell'aspo, sgranatura al momento del distacco dei baccelli (problematica che si aggrava più si raccoglie prodotto maturo), errata sovrapposizione delle passate ecc

 

- perdite dovute ad una errata regolazione della macchina. Soprattutto con prodotto molto tenero, è letteralmente molto facile schiacciarlo e distruggerlo durante i passaggi nella macchina. La questione diventa sempre un compromesso nel momento in cui si abbia in campo la presenza di baccelli maturi e giovani, richiedendo pertanto una, ovviamente impossibile, regolazione doppia.

 

Aggiungo che spesso il cantiere di raccolta prevede oltre ai 2 operatori anche un meccanico sempre presente in campagna, che oltre ai normali compiti di manutenzione, prevede alla regolazione delle macchine, che sembrerà assurdo, ma hanno i principali comandi per la regolazione dell'apparato trebbiante, raggiungibili da terra e non in cabina.

Questo perchè la regolazione non è immediata e richiede di vedere il lavoro della macchina da diversi punti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi viene da pensare che prima di iniziare a produrre una macchina di questo tipo si passi un certo lasso di tempo che magari quantificherai ad aprire il campo e fare regolazioni fini????

 

Quanto tempo ci vuole a metterla operativa? è quantificabile o ci sono troppe variabili? oltre al prodotto maturo/no tenero o duro cos'altro?

Edited by puntoluce

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi viene da pensare che prima di iniziare a produrre una macchina di queto tipo si passi un certo lasso di tempo che magqari quantificherai ad aprire il campo e fare regolazioni fini????

 

Quanto tempo ci vuole a metterla operativa? è quantificabile o ci sono troppe variabili? oltre al prodotto maturo/no tenero o duro cos'altro?

 

Vediamo se ho capito.

 

Diciamo che le regolazioni si fanno anche mentre stai aprendo il campo. Per queste colture infatti, vengono quasi sempre scelti dai tecnici delle industrie conserviere, campi grandi, ben sistemati e con una buona superficie libera.

Pertanto anche già nella prima andata di apertura del campo è possibile effettuare le regolazioni.

Queste se il campo non differisce molto da quello precedente, non richiedono molto, se proprio dovessi indicare un tempo, direi 15-30 minuti.

 

Altre variabili extra grado tenderometrico, direi lunghezza della pianta, lunghezza di questa, presenza o meno di terreno bagnato, presenza come già indicato di di prodotto maturo a diversi stadi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso siamo praticamente a fine stagione, vero mapomac?

Ti ringrazio per le spiegazioni, son venuti due giorni fa da me a trebbiare il pisello e mi era proprio venuta la curiosità di come funzionano queste macchine! (visto che di persona mi son scordato di chiedertelo...:asd:)

Un'informazione, la velocità di avanzamento mi sembrava abbastanza spedita, tu sai quali sono in media? considera una vegetazione omogenea e abbastanza 'pulita' alta circa30-40cm, produzione media...

Tra l'altro dovrei mettere 3 ha a borlotto tra poco, la macchina è proprio la stessa con le regolazioni cambiate?cioè sempre in una passata si fa tutto?

Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Produttività indicativa di 1/ha ora. Velocità variabile da 1-5 km orari, direi 2-3 di media.

Per il borlotto la macchina è la stessa, cambia un po' la regolazione. Discorso diverso per la velocità, dove con le PMC si "vola" anche a 7-8 km/h...uno spettacolo !

Share this post


Link to post
Share on other sites

Difatti erano proprio PMC...:asd:

Grazie!

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate io ho notato in una foto un modello della Ploeger che raccoglieva anche le fave! ma è una macchina specifica per le fave oppure una qualunque raccoglitrice per piselli la si può adattare alla raccolta delle fave? grazie:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa mapomac ma vorrei capire un'attimo alcuni dubbi:

- queste macchine per la raccolta del pisello possono dare un prodotto fresco a boccelli e non sgranati oppure danno entrambi i risulatati? se è no quali sono le macchine che possono dare un prodotto non sgranato?

- Ci sono macchine che possono raccogliere sia il pisello che il fagiolino sempre non sgranati? se è sì quali sono?

- Ci sono macchine per la raccolta delle fave verdi? se è sì possono raccogliere anche piselli e fagiolini non sgranati?

 

grazie anticipate ! spero che mi aiuterete! :)

Edited by valerout

Share this post


Link to post
Share on other sites
Scusa mapomac ma vorrei capire un'attimo alcuni dubbi:

- queste macchine per la raccolta del pisello possono dare un prodotto fresco a boccelli e non sgranati oppure danno entrambi i risulatati? se è no quali sono le macchine che possono dare un prodotto non sgranato?

- Ci sono macchine che possono raccogliere sia il pisello che il fagiolino sempre non sgranati? se è sì quali sono?

- Ci sono macchine per la raccolta delle fave verdi? se è sì possono raccogliere anche piselli e fagiolini non sgranati?

 

grazie anticipate ! spero che mi aiuterete! :)

 

A mio avviso fai un po' di confusione. Vedo di andare per gradi. Sicuro che dimentico qualcosa...

 

Prima TUA domanda:

 

- Le macchine oggetto di questa discussione, "producono" un prodotto fresco, per trasformazione INDUSTRIALE, SEMPRE sgranato. NON è possibile "fermarsi" al baccello.

- Per la raccolta dei soli bacceli VERDI, pertanto prodotto non sgrananato e sempre per trasformazione INDUSTRIALE, vi l'altra discussione sulle macchine per fagiolino. (adattabili alle fave)

- In NESSUN caso si hanno entrambi i prodotti sulla stessa macchina per ovvi motivi.

 

Seconda TUA domanda:

 

- Come detto in precedenza, secondo me confondi il prodotto industriale, ambito di queste macchine, con prodotto per consumo fresco, riconducibile al settore orticolo.

- Le varietà in commercio per quanto riguardano il fagiolino, possono trovare il compromesso tra raccolta meccanica (indipendentemente dalla macchina, salvo punti precedenti) e la destinazione come prodotto fresco.

- Per quanto riguarda il pisello, le varietà utilizzate per le destinazioni INDUSTRIALI, MAL si adattano al consumo fresco, salvo raccolta manuale. In altre parole, con le Ploeger e le PMC NON raccogli prodotto da consumo fresco.

 

Terza TUA domanda:

 

- Vedi discussione macchine per fagiolino. NON possono raccogliere baccelli evidentemente molto più fragili di fagiolini e fave. Se non si è capito...li romperebbe.

 

Detto questo, magari ti ho fatto ancora più confusione, ma nemmeno io ho capito esattamente quello che vuoi.

 

- Prodotto fresco o secco ? Nel primo caso a che destinazione ? Consumo fresco (mercato) o trasformazione (industria)

- Cosa devi raccogliere sgranato e no ?

- Devi raccogliere piselli in baccelli ? Perchè ? Di certo, una PMC o Ploeger che sia, credo difficilmente si possa adattare alle tue esigenze, per un mero motivo di costi (diverse centinaia di migliaia di €)

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie mapomac :) ! innanzitutto per avermi aiutato a capire la situazione. In effetti ho fatto un bel pò di confusione, ma adesso mi è quasi tutto chiaro. Avevo chiesto della differenza di macchine tra pisello, fagiolino e fave..e ho ben capito che il pisello ha le sue macchine e il fagiolino le sue quest'ultime con la possibilità di poterle adattare alle fave.

Detto questo io ho bisogno (non urgente) di trovare una macchina che mi raccolga i piselli sia per consumo fresco di mercato "in poche parole raccogli e vendi" e sia per trasformazione aziendale ,cioè sgranati , sperando che esistano dei modelli.

Per quanto riguarda i costi di queste macchine lo che sono alti ma cmq esiste qualche modello usato si può cominciare da lì.

le domande che ti pongo sono:

- I modelli che hai citato prima sono capaci di darmi il prodotto "fresco e aziendale" di cui ho bisogno? se è no, conosci qualche modello che sappia farlo?

 

- le macchine per il fagiolino sono capaci, anche loro , di darmi un prodotto come il discorso dei piselli? stesso dicasi per le fave?

 

- Infine ti pongo una domanda altrettanto importante! conosci o sapresti consigliarmi come cercare su internet se ci sono siti di aziende industriali che ritirano diverse colture come pomodori, piselli direttamente dagli agricoltori "ovviamente in regola" per lavorazione industriale come ad esempio piselli in scatola , e se esistono delle aziende, invece, che ritirano dagli agricoltori colture per consumo fresco. Purtroppo non riesco a trovare nulla online, se davvero non c' è nulla online a chi potrei rivolgermi per conoscere questi tipi di aziende nella mia zona?

 

in attesa di risposta :) grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei sapere, se dalle mie parti (capitanata), è possibile la produzione di piselli e fagioli

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fantastica macchina..lo scorso hanno raccoglievano da noi anche sotto l'acqua...

era il modello rosso..ma non ricordo il nome...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Fantastica macchina..lo scorso hanno raccoglievano da noi anche sotto l'acqua...

era il modello rosso..ma non ricordo il nome...

 

Toso porca miseria mi potevi avvisare, c'ero io a raccogliere! eravamo in 3, 2 PMC 979-CT e 1 PMC 979-AT

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo,non sapevo che eri tu..il mondo è piccolo!

Queast'anno avverti se torni,in Umbria!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...